Di fronte all'emergenza economica

Soluzioni strategiche per la ripresa


di ETTORE GOTTI TEDESCHI

Di fronte a questa emergenza Ŕ inutile cercare le responsabilitÓ degli errori commessi: Ŕ meglio utilizzare le risorse creative in modo produttivo. ╚ inutile, per esempio, enfatizzare la situazione statunitense come quella di una Nazione in declino o colpita al cuore. Gli Stati Uniti restano infatti il Paese tecnologicamente pi¨ avanzato al mondo e con il pil pi¨ alto, che supera di oltre una volta e mezzo quello dell'Europa, di quattro volte quello cinese, di dieci volte quello italiano. Il fatto che sia stato declassato non lo mette a terra, ma probabilmente lo indurrÓ a essere pi¨ umile e disponibile a collaborare con l'Europa.
Non Ŕ poi utile sottolineare oltre misura il ruolo economico della Cina. Il grande Paese asiatico ha infatti un pil non molto superiore a quello della sola Germania e deve affrontare una serie di problemi non facili: l'assorbimento delle esportazioni fortemente ridotte, la crescita interna dei consumi e il conseguente innalzamento dei costi di produzione, la minore competitivitÓ, i rischi di inflazione. La Cina ha avuto inoltre un ruolo non indifferente nella crescita a debito degli Stati Uniti, finanziando essa stessa gli acquisti americani delle sue esportazioni, fatto che le ha permesso di diventare una vera potenza.
Le grandi economie mondiali dovrebbero smettere di cercare soluzioni individuali contrastanti fra loro, come stanno invece facendo da quando Ŕ iniziata la crisi. Ci vorrebbe un vero vertice, con un'agenda precisa, dove discutere finalmente regole compatibili di risanamento. Soprattutto, sarebbe necessario giungere a un consenso comune sul fatto che solo un periodo di austeritÓ, gestito in modo integrato, pu˛ essere la vera chiave per tornare a crescere.
Non esistono pi¨ Paesi esenti dalla crisi o immuni dalla tentazione di accrescere il proprio debito pubblico per risolvere i problemi che li assillano. Ma tentativi di soluzione individuali possono aggravare la situazione comune e favorire la speculazione. Non sono quindi pi¨ opportune - anzi sarebbero nocive - bolle speculative, manovre inflazionistiche per sgonfiare i debiti e le incertezze nel salvataggio dal default di Nazioni vicine.
Esistono invece strategie di crescita, valide soprattutto per Paesi che possono contare su valori economici quali il risparmio delle famiglie, un sistema efficiente di medie imprese e banche forti sul territorio. Questi Paesi, invece di lasciarsi tentare da soluzioni in apparenza facili come quella di usare il denaro delle famiglie per ridurre il debito pubblico, dovrebbero individuare le strade per convogliare parte del risparmio liquido disponibile nel rafforzamento delle medie imprese, senza penalizzare il risparmio stesso.
╚ una soluzione questa che permetterebbe davvero di produrre crescita e occupazione. Convogliando, per esempio, circa il dieci per cento del risparmio delle famiglie di un Paese sulle medie imprese sane e trainanti - attraverso lo strumento di obbligazioni convertibili a dieci anni con un tasso che copra l'inflazione, collocate dalle banche e possibilmente in base a proposte fatte dalle locali associazioni degli industriali - si potrebbero mettere ingenti capitali a disposizione di alcune decine di migliaia di aziende. Questa strategia garantirebbe nuove risorse per gli investimenti oggi non ottenibili dalle banche e dai fondi, produrrebbe piani di crescita pi¨ aggressivi, rafforzerebbe l'occupazione e offrirebbe persino maggiori garanzie alle banche per i loro finanziamenti. Potrebbe inoltre diventare la base per attrarre e raccogliere altri capitali di rischio, anche internazionali.
Riguardo al debito pubblico, le partecipazioni di Stato, soprattutto quelle strategiche (come energia, difesa, infrastrutture), potrebbero, invece di essere cedute, essere poste a garanzia reale del debito stesso, per renderlo meno oneroso e pi¨ attraente per i sottoscrittori internazionali. Di fronte a emergenze gravi, una percentuale del debito pubblico - e non certo quello in mano alle famiglie - potrebbe inoltre venire congelata per un periodo accettabile a un tasso che preservi solo dalla inflazione. In molti Paesi non mancano competenze accademiche e industriali che potrebbero collaborare con i Governi. ╚ forse giunto il momento di istituire degli advisory board permanenti.



(©L'Osservatore Romano 8-9 agosto 2011)
[Index] [Top][Home]