Una rilettura storica, filosofica e teologica

Il caso Galileo
quattrocento anni dopo


Il 26 maggio si apre a Firenze, presso la basilica di Santa Croce, il convegno internazionale "Galileo 2009" organizzato dall'Istituto Stensen. I lavori proseguiranno dal 27 al 29 maggio nel Palazzo dei Congressi e si concluderanno il giorno 30 nella villa Il Gioiello di Arcetri, l'ultima dimora di Galileo. Uno dei relatori ha sintetizzato per "L'Osservatore Romano" i temi e il significato del convegno.

di Ugo Baldini
Università di Padova
Pontificio Comitato di Scienze Storiche

Il convegno di Firenze si presenta come uno degli eventi salienti dell'International Year of Astronomy, indetto dall'Onu nel dicembre 2007 a seguito di una proposta dell'Unione astronomica internazionale, fatta propria dall'Unesco. Il 2009 è stato scelto perché segna il quarto centenario dell'introduzione del telescopio nelle osservazioni astronomiche, avvenuta a Padova da parte di Galileo Galilei. Così, mentre molte iniziative in corso in una pluralità di Paesi, inclusa l'Italia, stanno riguardando lo stato attuale e le prospettive della ricerca astronomica, alcune, doverosamente, sono dedicate all'esame specifico di quel fatto e alle sue ripercussioni nella storia scientifica e, nel senso più ampio, intellettuale.
Com'è ben noto, l'astronomia di Galileo e il contesto fisico-cosmologico innovativo nel quale egli tese a collocarla, facendone uno strumento di grande portata insieme scientifica e filosofica, fu l'oggetto di un intervento degli organi censori della Chiesa, le Congregazioni del sant'Ufficio dell'Inquisizione e dell'Indice.
In un primo momento (1615-1616) l'intervento ebbe un esito esclusivamente dottrinale, la proibizione della teoria eliocentrica copernicana come quadro della realtà fisica - non come schema di calcolo - e di alcune opere che la esponevano e sostenevano:  né Galileo né altri sostenitori dell'eliocentrismo furono oggetto di sentenza. In seguito (1632-1633) venne invece un processo contro di lui, con l'accusa di aver ottenuto l'imprimatur per il suo Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo dissimulandone il contenuto decisamente copernicano e aggirando quindi la proibizione, resagli nota già nel 1616.
In linea di pura cronologia e strettamente scientifica la ricorrenza centenaria riguarda un fatto estraneo alla successiva vicenda censoria, essendo eminentemente tecnico e in sé religiosamente neutro, in quanto connesso molto parzialmente e indirettamente alle valenze cosmologiche dirompenti dell'eliocentrismo.
La visione di maggior dettaglio di corpi o fenomeni già visibili e la visibilità di altri che prima non lo erano - i satelliti di Giove, le fasi di Venere, le "protuberanze" laterali di Saturno interpretate solo in seguito come un anello, e altro - misero in crisi diversi aspetti della cosmologia aristotelica e mostrarono la falsità del geocentrismo tradizionale ma non, su un piano puramente logico, quella del sistema intermedio - geo-eliocentrico - di Tycho Brahe, che era compatibile con la cosmogonia e l'astronomia della Bibbia:  perciò non comportarono intrinsecamente un contrasto con queste.
Di fatto, la Chiesa non pensò mai a interdire l'uso del telescopio in astronomia, che crebbe velocemente nei Paesi cattolici non meno che nei protestanti e trovò anzi nel clero molti dei suoi praticanti più assidui e qualificati. Tuttavia Galileo, che non ritenne plausibile il sistema di Brahe, considerò i nuovi oggetti e fenomeni come inquadrabili esclusivamente nel sistema eliocentrico e come evidenze a suo favore, e dopo aver pubblicato nel 1610, nel Sidereus nuncius, le sue prime osservazioni, potenziò il telescopio e ne focalizzò l'uso soprattutto in funzione della sua battaglia di idee. Così, se su un piano strettamente scientifico tra gli eventi del 1609 e quelli del 1615-1616 e 1632-1633 v'è una relativa estraneità, su quello di una storia intellettuale generale v'è una quasi continuità ed un nesso ineludibile.
Questo fatto spiega l'impianto del convegno fiorentino, che non intende proporre una riflessione sulla figura complessiva dello scienziato toscano né su aspetti tecnici molto specifici.
Se per il grande pubblico o per molti studiosi non specialisti Galileo è solo o soprattutto l'astronomo del processo e dello "eppur si muove", nella storia della scienza ha un titolo di gloria forse più grande:  la fondazione della cinematica, con la formulazione della legge del moto uniformemente accelerato e l'individuazione di un principio fondante per l'intera meccanica (detto talora "relatività galileiana"). Non solo gli organizzatori hanno limitato il convegno al tema astronomico, in conformità al ruolo conferito internazionalmente all'anno 2009, ma da esso hanno escluso l'aspetto tecnico, com'è esplicitato nel titolo:  "Il caso Galilei. Una rilettura storica, filosofica, teologica". L'oggetto è dunque la vexata quaestio, dibattuta quasi ininterrottamente dal 1633 alla storiografia attuale, attinente a genesi, fondamento, motivazioni, sviluppi e ripercussioni della vicenda dipanatasi tra 1615 e 1633. È su tale "caso" che verterà la quasi totalità delle ventisette relazioni previste nei giorni 27, 28 e 29 (il 26 sono previste due lectiones magistrales introduttive; il 30 si avrà una tavola rotonda conclusiva nella villa Il Gioiello, sui colli fiorentini, dove Galileo visse in stato di residenza coatta da poco dopo la condanna fino alla morte nel 1642).
Le valenze molteplici del caso - scientifiche, storiche, giuridiche, teologiche, ideologico-politiche - hanno portato a migliaia di trattazioni, il cui numero negli ultimi anni è piuttosto cresciuto che diminuito, con un correlativo incremento di documentazione, accuratezza, specificazione di aspetti.
Il convegno fiorentino, tuttavia, si ripromette di portare gli studi a un nuovo punto di avanzamento. Neppure esso potrà portare a risultati definitivi, perché certe lacune nella documentazione, la delicatezza delle implicazioni e le forti connotazioni ideali che hanno sempre segnato la riflessione sul tema probabilmente impediranno per sempre una ricostruzione non ipotetica in alcuna sua parte, condivisa e di valore permanente (nei limiti in cui questi attributi sono riferibili al lavoro storiografico). Tuttavia la vastità d'impianto, l'ambito internazionale di provenienza dei relatori e, ancor prima, il numero e livello degli enti promotori lo rendono senz'altro un evento che ha pochi analoghi nella pur ricca storia organizzativa degli studi galileiani degli ultimi decenni.
All'organizzazione hanno concorso, con ruoli che vanno da un intervento diretto al patrocinio, diciotto istituzioni italiane di alta cultura, dall'Accademia dei Lincei e da quella Pontificia delle Scienze alle università di Firenze, Padova e Pisa, le tre città e sedi accademiche legate alla vita e alle ricerche di Galileo. Proponente iniziale e perno logistico è però il fiorentino Istituto Stensen, riuscito non solo nel compito difficile di raccordare istituzioni disparate, sollecitare adesioni internazionali, creare una vasta aspettativa, ma in quello più arduo di costruire una cornice unica di dialogo - pur con la certezza di differenze di giudizio anche vivaci - tra gli specialisti circa uno dei temi che, da più tempo e più intrinsecamente, demarcano posizioni religiose, filosofiche e ideologiche profondamente alternative.
La premessa forse più decisiva per questa nuova atmosfera, il discorso del 31 ottobre 1992 ai membri della Pontificia Accademia delle Scienze nel quale Giovanni Paolo II qualificò la vicenda censoria come "tragica reciproca incomprensione", sarà anch'essa oggetto di analisi, perché il programma seguirà le fasi storiche della querelle fino al presente. Le relazioni del 27 maggio riguarderanno gli eventi del  1615-1616 e 1632-1633. Il 28 si passerà allo  sviluppo  dei  giudizi  e  dell'immagine  storica  del  "caso"  fino  al  1820-1822,  quando una  decisione  di  Pio vii  -  che  pose termine al  cosiddetto  "caso  Settele"  - autorizzò definitivamente  l'insegnamento  dell'eliocentrismo come verità fisica, anche nello Stato pontificio.
Il 29 saranno sondati sviluppi e valenze del tema dall'età del risorgimento e del positivismo, quando esso assunse valenze anche fortemente anticattoliche e antireligiose e fu usato come evidenza a supporto di elaborazioni filosofiche e ideologiche radicali, fino a un presente in cui esso appare come l'antecedente di questioni, di portata almeno pari, che oggi si pongono nel rapporto tra scienza e fede.



(©L'Osservatore Romano 25-26 maggio 2009)
[Index] [Top][Home]