Come prepararsi al 150° dell'unità passeggiando per la Galleria delle Carte Geografiche

Giro d'Italia senza uscire dal Vaticano


di Antonio Paolucci

Consiglio a tutti gli amici e colleghi che stanno lavorando alla preparazione delle celebrazioni del 2011 per i 150 anni dell'Unità d'Italia, di fare una visita alla Galleria delle Carte Geografiche nei Musei Vaticani. Capiranno molte cose. Capiranno, prima di tutto, che l'Italia era costituita in unità ben prima che Cavour e Garibaldi giocassero il grande azzardo. Univano il Paese non la politica ma la storia, la cultura, la bellezza, la religione. Per la prima volta nel catalogo delle arti figurative, nel cuore dei Palazzi Apostolici, questa idea di unità assume forma così consapevole da rimanere indimenticabile. Per la prima volta viene offerta allo stupore del mondo con gloriosa e allo stesso tempo didattica evidenza.
Siamo nel 1581 (è la data che compare nella epigrafe inaugurale) regnando Papa Gregorio xIIi Boncompagni, duro e colto campione della riforma cattolica. Il luogo dove il Pontefice "andava a passeggio per l'Italia senza uscire di Palazzo" (Antonio Pinelli, in La Galleria delle Carte Geografiche, 1994) fu costruito al terzo piano dell'ala di ponente dell'attuale Cortile del Belvedere, vera e propria via aerea che ha su un lato i Giardini Vaticani e sull'altro il Cortile stesso. Supponendo che l'architetto dei Sacri Palazzi Ottaviano Mascherino abbia concluso i lavori edilizi fra il 1578 e il 1580, alla fine del 1581 la decorazione pittorica e plastica del "corridore" doveva essere finita.
La "ditta" incaricata dell'impresa era formata da Girolamo Muziano, da Cesare Nebbia, dai due fratelli fiamminghi Mattia e Paolo Bril, "paesisti" di solida e meritata notorietà, da Giovanni Antonio Vanosino da Varese, specialista in restituzioni cartografiche, e da molti altri artisti e artigiani i cui nomi a oggi ci sono ignoti. Il responsabile del progetto e il vero regista dell'intera operazione era il celebre cosmografo, geografo e matematico perugino Egnazio Danti. Insegnava a Bologna dove anche il Papa aveva tenuto cattedra e non poteva dire di no alla richiesta del "collega" Ugo Boncompagni quando lo chiamò a Roma.
La Galleria delle Carte Geografiche è lunga centoventi metri, larga sei. Le pareti sono per intero ricoperte dalle rappresentazioni delle regioni d'Italia. La volta decorata a stucchi bianchi e dorati e ad affreschi policromi popolati di figure innumerevoli, di stemmi, di allegorie, di emblemi, è tutto un brulicante ininterrotto atlante di episodi sacri; antologia sterminata di agiografia cattolica, di erudizione ecclesiastica, di simbologia vetero e neo testamentarie. È la Chiesa di Roma che con i suoi miracoli e con i suoi santi copre come un salvifico provvidenziale mantello la patria italiana.
Quaranta tavole geografiche sono dislocate lungo le pareti lunghe e su quelle brevi corrispondenti all'ingresso e all'uscita. Rappresentano le regioni d'Italia con le isole maggiori (Sicilia, Sardegna, Corsica) e quelle minori (Tremiti, Elba ma anche Malta e Corfù). Sono tutte restituite in prospettiva aerea e in scala variabile da regione a regione. Le quattro maggiori città portuali (Genova e Venezia, Civitavecchia e Ancona) stanno nella parete d'ingresso (oggi di uscita) e all'inizio del "corridore", insieme alla riproduzione cartografica speculare delle due Italie:  quella antica e quella moderna.
Nella parete dove c'è la porta d'uscita (oggi di ingresso perché il percorso indirizzato alla Sistina è rovesciato rispetto all'andamento in origine previsto) il visitatore incontrerà la rappresentazione delle isole minori, ma anche la memoria figurata di due fatti militari recenti nel tempo e ancora vivi nella memoria:  il fallito assedio di Malta da parte dei Turchi (1565) e la Battaglia di Lepanto (1571).
La storia d'Italia entra nella geografia del Paese con la messa in figura di fatti più o meno celebri, più o meno antichi. Così nella carta geografica dell'Umbria, in prossimità del Trasimeno, vediamo schiere di cavalli, quadrati di lancieri, accampamenti e carriaggi. È la rappresentazione della battaglia che i manuali conoscono come "del Lago Trasimeno" e che vide l'esercito romano sconfitto da quello di Annibale. Un cartiglio latino correttamente ed esaurientemente spiega:  Hic Hannibal consule interfecto Romanos profligavit.
Ancora (e siamo nella carta che rappresenta il Ducato di Parma e Piacenza) vediamo Annibale con i suoi elefanti fare a pezzi l'esercito romano sul fiume Trebbia. Ma c'è anche, rappresentata nello stesso territorio, la battaglia di Fornovo del 1495 fra Carlo vIIi e i principi italiani.
Alle porte di Mantova, fra Quistello e Governolo, Papa Leone Magno, nell'anno di Cristo 452, con le sue parole ferma Attila in marcia verso Roma per saccheggiarla e distruggerla:  Urbis excidium anhelantem, spiega infatti il cartiglio. Nei pressi di Ferrara, fra il fiume Secchia e il Po, c'è la piazzaforte di Mirandola che Papa Giulio II della Rovere assediò e conquistò nel 1511. Anche questa gloria della Chiesa viene rappresentata, come la battaglia di Ravenna fra i Francesi e la Lega Santa (1512).
Chi si ferma di fronte alla parete breve in corrispondenza dell'uscita assisterà alla guerra "moderna" nel suo farsi, quasi in presa diretta:  a Lepanto con le galeazze veneziane che battono e scompaginano, in un inferno di fuoco e di fumo, la flotta turca, a Malta dove l'assedio è una cartografia a volo d'uccello che vede fronteggiarsi trinceramenti e fortificazioni ora sovrastati dalla croce ora dalla mezzaluna, in mezzo al tiro incrociato delle opposte artiglierie.
Non ci si annoia di certo quando si percorre la Galleria delle Carte Geografiche perché ogni valle, ogni montagna, ogni fiume, ogni torrente è riconoscibile. Ogni città maggiore vi è rappresentata in pianta nel suo vero "ritratto". Ogni villaggio, ogni frazione, quasi ogni parrocchia vi è indicata e nominata. Così che i visitatori italiani stupiscono e sono felici nel vedere il paese di origine della loro famiglia apparire con il nome immutato nella piega di una valle o sulla riva di un piccolo fiume.
E poi c'è il mare, il luminoso azzurrissimo mare italiano increspato di onde leggere, vivo e come rabbrividente al soffio di venti bizzarri che gonfiano le vele di navi dalle fogge più singolari.
L'Italia si dispiega da Nord a Sud, dalla Liguria alla Calabria ulterior, dal Ducato di Milano alla Puglia, con i suoi monti e le sue pianure, con i boschi, i promontori, i laghi, le coste frastagliate con le città, i porti, i villaggi, ma anche con la Storia che l'ha modellata, che le ha dato identità e gloria.
La maestà di Roma, la Chiesa materna e provvidenziale, la venerata religione, l'orgoglio delle memorie, la salubrità e la bellezza dei luoghi, tutte queste cose fanno l'Italia che Gregorio xIIi ama e che vuol percorrere senza uscire dal Palazzo, perché l'Italia è il giardino del Papa ed è regio totius orbis nobilissima, come sta scritto nella epigrafe inaugurale.
L'Italia è, fra tutti i Paesi del mondo, il "più nobile" intendendo nel termine tutto quello che è storia, memoria, cultura, varietà, bellezza. Così pensava Gregorio xIIi Boncompagni. Così sta scritto nei cartigli che sovrastano la carta dell'Italia antica (Commendatur Italia locorum salubritate, coeli temperie, soli ubertate) e quella dell'Italia moderna (Italia artium studiorumque plena semper est habita). Così, ancora oggi, alla vigilia del centocinquantesimo anniversario del fatale 1861, noi continuiamo a pensare.



(©L'Osservatore Romano 27-28 settembre 2010)
[Index] [Top][Home]