The Holy See
back up
Search
riga

Stazione a San Lorenzo fuori le Mura 
 

Domenica III di Quaresima

 

Su questa basilica, che Costantino volle dedicare al diacono Lorenzo, Papa Pelagio II ne sovrappose un'altra dedicata alla Madre di Dio.

La basilica laurenziana sorge sul cimitero di Ciriaca a pochi passi da quello di Ippolito, cimiteri questi, che gelosamente custodiscono corpi di molti Santi e anche quello dello "Stauroforo" Lorenzo, che morý sulle fiamme.

Il campanile romanico, adorno di lecci che si leva alto sopra l'immenso cimitero romano del Verano, si unisce nella liturgia in un inno alla vita in una atmosfera, che vede anche gli affreschi scoloriti del Capparoni, nel tempo che assieme lodano Lorenzo.

La basilica, alla quale si accede dopo il portico del Vassalletto, evidenzia affreschi, mosaici, marmi, colonne e capitelli inneggianti a Lorenzo e Stefano e parlano del loro sepolcro accanto all'aureola dorata, che racchiude la lastra marmorea su cui fu adagiato il Diacono bruciato, dopo che fu tolto dalla graticola.

Nella stessa cripta Ŕ ricordato Stefano il primo martire ucciso dalle pietre. Qui giace anche il sarcofago dove riposa il Beato Pio IX, la cui salma fu anch'essa oggetto di fitta sassaiola, armata da facinorosi, che nella notte in cui il corpo del Papa venne traslato in questa chiesa, lungo le vie di Roma, si resero responsabili di tanta ignominia.

Questa cappella era stata restaurata per volere di quel Pontefice, con l'opera di Vespignani e Fracassino e da Giovan Battista De Rossi, cofondatore del Collegium Cultorum Martyrum.

 

 

top