The Holy See
back up
Search
riga

PONTIFICIO CONSIGLIO PER LA PROMOZIONE DELL'UNITÀ DEI CRISTIANI

COMUNICATO FINALE DEL GRUPPO MISTO DI LAVORO
TRA LA CHIESA CATTOLICA E
IL CONSIGLIO ECUMENICO DELLE CHIESE

 

 

Dal 5 all’11 maggio 2003 si è tenuta, nei pressi di Bari, una Riunione Plenaria del Gruppo Misto di Lavoro (GML) tra la Chiesa cattolica e il Consiglio Ecumenico delle Chiese (CEC). Si tratta della IV Riunione Plenaria da quando, nel 1988, l’Assemblea generale del Consiglio Ecumenico delle Chiese illustrò il presente mandato del GML, sotto la presidenza dei due co-moderatori: l’Arcivescovo Mario Conti (Arcivescovo cattolico di Glasgow, Scozia) e il Vescovo Jonas Jonson (Vescovo luterano di Strängnäs, Svezia).

L’incontro si è svolto all’Oasi Santa Maria, un centro di spiritualità diretto da Monsignor Colucci, dell’Arcidiocesi di Bari-Bitonto, situato nei pressi di Cassano delle Murge. S.E. Mons. Francesco Cacucci (Arcivescovo di Bari-Bitonto) e l’intera chiesa locale hanno dato il benvenuto al GML nello spirito tipico della regione di Bari, rinomata per la sua storia di contatti tra cristiani di varie chiese, attirati dalla Basilica di Bari, che contiene la tomba di San Nicola.

Ogni giorno è stata celebrata la preghiera del mattino e della sera secondo le diverse tradizioni delle Chiese e Comunità ecclesiali rappresentate nel Gruppo di Lavoro.

Due nuovi Membri sono stati presentati al Gruppo: S.E. Mons. Brian Farrell LC, nuovo Segretario del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani, che ha preso il posto di S.E. Mons. Marc Ouellet, nominato Arcivescovo di Quebec, e Mons. Felix Machado, che sostituisce S.E. Mons. Michael Fitzgerald, divenuto Presidente del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso.

I rappresentanti del Consiglio Ecumenico delle Chiese e della Chiesa cattolica si sono riuniti separatamente per un breve incontro specifico di orientamento, e più tardi si sono spostati in Plenaria per condividere alcuni significativi sviluppi delle attività del Consiglio Ecumenico delle Chiese e della Chiesa cattolica dall’ultimo incontro. I rappresentanti del CEC hanno riferito sui risultati della Commissione Speciale sulle Relazioni con le Chiese Ortodosse (Special Commission on the Relations with the Orthodox Churches) e sulla celebrazione del 75° anniversario della Commissione Fede e Costituzione (Faith and Order Commission), tenutasi a Losanna nel 2002. Hanno anche riferito su progetti al momento riguardanti futuri eventi a livello mondiale, quali l’Assemblea plenaria della Commissione Fede e Costituzione (2004), la Conferenza sulla Missione mondiale e l’Evangelizzazione (Conference on World Mission and Evangelism) (2005) e la prossima Assemblea del CEC (2006). I rappresentanti della Chiesa cattolica hanno presentato un’ampia analisi sulle relazioni e i dialoghi bilaterali tra la Chiesa cattolica e Ortodossi, Anglicani, Luterani, Metodisti, Riformati, Mennoniti, Pentecostali, Discepoli di Cristo, così come le consultazioni con gli Avventisti del Settimo Giorno e gli Evangelici.

Gran parte dell’incontro è stato dedicato alla discussione e all’esame dettagliato delle bozze dei testi riguardanti le tre principali aree di studio nell’agenda del GML: "Le implicazioni ecclesiologiche del Battesimo"; "La natura e lo scopo del dialogo ecumenico"; "La partecipazione della Chiesa cattolica nei Consigli Nazionali e Regionali di Chiese". Gratitudine si deve ai sottogruppi che hanno preparato questi testi per la discussione. Si è registrato un notevole progresso in tali studi; una bozza più completa dei testi sarà presentata alla prossima riunione plenaria per miglioramenti, al fine di allegarli poi al Rapporto finale che il GML presenterà alla prossima Assemblea plenaria del CEC e al Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani.

È stato presentato inoltre un aggiornamento riguardante in modi in cui le Chiese e Comunità ecclesiali si stanno impegnando e collaborano nel Decennio per vincere la violenza (Decade to Overcome Violence). Il GML ha riaffermato il suo impegno nel sostenere questa importante iniziativa ecumenica. Parimenti in Plenaria si è avuto un aggiornamento sulla materia dei matrimoni misti e si è preso nota del prossimo incontro dell’Associazione internazionale di famiglie miste (International Association of Interchurch Families), che si svolgerà nei pressi di Roma in agosto.

Don Dorino Angelillo, della Caritas pugliese, ha fatto visita al Gruppo di Lavoro per offrire un dettagliato quadro della situazione relativa ai rifugiati e agli immigrati in Italia in generale e nella regione Puglia in particolare, evidenziando le sfide che si presentano ai governi e alle chiese di fronte a persone e popolazioni appartenenti a culture e religioni diverse, che si stabiliscono nel Paese.

È poi seguita una riflessione del Professor Franco Vaccari, Presidente di Rondine-Cittadella della Pace, che ha parlato dello sviluppo di iniziative di pace, coinvolgendo particolarmente giovani provenienti da aree di conflitto nel mondo.

Si è potuto sperimentare in numerose occasioni il ricco ambiente ecumenico di Bari. Un incontro ecumenico di preghiera, all’inizio dei lavori, si è svolto nella chiesa matrice di Santa Maria Assunta a Cassano delle Murge, presieduto dall’Arcivescovo, con la presentazione di testimonianze di rappresentanti locali ortodossi, valdesi, battisti e avventisti del settimo giorno.

L’intero evento è stato organizzato dal Gruppo Ecumenico di Bari, guidato da don Angelo Romita. Alla fine, il sindaco di Cassano delle Murge, Dott. Giuseppe Gentile, si è rivolto al GML e ha parlato dell’unità dei cristiani come un segno necessario e di incoraggiamento per la società civile nella ricerca di una maggiore armonia e servizio al bene comune.

Si è anche svolta una visita all’Istituto Patristico Domenicano di Bari, centro di dialogo ecumenico, di ricerca e di insegnamento che riunisce cristiani di provenienza soprattutto cattolica e ortodossa. Una visita al museo dell’arcidiocesi di Bari-Bitonto ha aiutato ad illustrare come Bari sia stata un importante crocevia tra i cristiani di tradizione bizantina, slava, latina e armena per più di 1000 anni.

I membri del GML hanno partecipato alla celebrazione per la traslazione delle reliquie di San Nicola al porto di Bari, presieduta dall’Arcivescovo Cacucci, il quale ha evidenziato la forza della devozione popolare a San Nicola, venerato dai cristiani dell’Oriente e dell’Occidente. Gli eventi della serata si sono conclusi con una cena in onore del GML, offerta dal Sindaco e dalle autorità comunali, con la partecipazione dell’Arcivescovo. La domenica, i membri del GML hanno pregato sulla tomba di San Nicola e hanno preso commiato dall’Arcivescovo nella sua residenza.

I co-moderatori hanno espresso alle suore e al personale dell’Oasi Santa Maria la gratitudine dei membri del GML per la loro calorosa ospitalità e il loro sostegno, che hanno contribuito al successo della Plenaria.

La prossima Sessione plenaria del GML si svolgerà dal 6 al 13 maggio 2004.

 

top