The Holy See
back up
Search
riga

DICHIARAZIONE UFFICIALE COMUNE
DELLA FEDERAZIONE LUTERANA MONDIALE
E DELLA CHIESA CATTOLICA 

 

 

1. Sulla base degli accordi raggiunti nella Dichiarazione congiunta a riguardo della Dottrina della Giustificazione, la Federazione Luterana Mondiale e la Chiesa cattolica dichiarano insieme: «la comprensione della dottrina della giustificazione esposta in questa Dichiarazione mostra l’esistenza di un consenso tra luterani e cattolici su verità fondamentali di tale dottrina della giustificazione» (DG 40). Sulla base di tale consenso la Federazione Luterana Mondiale e la Chiesa cattolica dichiarano insieme: «l’insegnamento delle Chiese Luterane presentato in questa Dichiarazione non è colpito dalle condanne del Concilio di Trento. Le condanne delle Confessioni Luterane non colpiscono l’insegnamento della Chiesa cattolica romana così come esso è presentato in questa Dichiarazione» (DG 41).

2. Con riferimento alla Risoluzione sulla Dichiarazione congiunta adottata dal Consiglio della Federazione Luterana Mondiale il 16 giugno 1998, e alla Risposta alla Dichiarazione congiunta della Chiesa cattolica il 25 giugno 1998, e alle questioni sollevate sia dalla Risoluzione che dalla Risposta, la Dichiarazione acclusa (intitolata «Allegato»), rafforza ulteriormente il consenso raggiunto nella Dichiarazione congiunta; pertanto risulta chiaro che le precedenti e reciproche condanne dottrinali non si applicano all’insegnamento delle due parti in dialogo così come esso è presentato nella Dichiarazione Congiunta.

3. Le due parti in dialogo sono impegnate a continuare ed approfondire lo studio dei fondamenti biblici della dottrina della giustificazione. Esse ricercano inoltre una ulteriore comprensione comune della dottrina della giustificazione, anche al di là di ciò che è trattato nella Dichiarazione congiunta e nella dichiarazione qui allegata che ne rafforza il contenuto. Il dialogo, sulla base del consenso raggiunto, deve continuare particolarmente su quegli argomenti che sono specificati nella Dichiarazione congiunta stessa (DG 43) come questioni che esigono ulteriore chiarimento, in vista di raggiungere la piena comunione ecclesiale, una unità nella diversità nella quale le differenze che permangono sarebbero «riconciliate» e non avrebbero più la forza di dividere. Luterani e cattolici continueranno ad adoperarsi in spirito ecumenico  nella loro testimonianza comune per interpretare il messaggio della giustificazione in un linguaggio che sia adatto agli uomini di oggi, e con riferimento a quelle preoccupazioni dei singoli e della società del nostro tempo.

Con la firma di questo atto
la CHIESA CATTOLICA e la FEDERAZIONE LUTERANA MONDIALE
confermano
la Dichiarazione congiunta sulla Dottrina della
Giustificazione
nella sua interezza

 

top