The Holy See
back up
Search
riga

 PONTIFICIO CONSIGLIO PER LA PROMOZIONE DELL'UNITÀ DEI CRISTIANI

 

Testi per
La Settimana
di preghiera per l’unità dei cristiani

e per tutto l’anno 2016

 

Chiamati per annunziare a tutti
le opere meravigliose di Dio

(cfr 1 Pietro 2, 9)

Congiuntamente preparati e pubblicati da

Pontifício Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani
Commissione Fede e Costituzione del Consiglio ecumenico delle Chiese

 

 

Traduzione italiana dall’originale inglese

Centro Pro Unione in collaborazione
con altri Centri Ecumenici in Italia

 

  

SUGGERIMENTI PER L’ORGANIZZAZIONE
DELLA SETTIMANA DI PREGHIERA
PER L’UNITÀ DEI CRISTIANI

Cercare l’unità: un impegno per tutto l’anno

La data tradizionale per la celebrazione della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, nell’emisfero nord, va dal 18 al 25 gennaio, data proposta nel 1908 da padre Paul Wattson, perché compresa tra la festa della cattedra di san Pietro e quella della conversione di san Paolo; assume quindi un significato simbolico. Nell’emisfero sud, in cui gennaio è periodo di vacanza, le chiese celebrano la Settimana di preghiera in altre date, per esempio nel tempo di Pentecoste (come suggerito dal movimento Fede e Costituzione nel 1926), periodo altrettanto simbolico per l’unità della Chiesa.

Consapevoli di una tale flessibilità nella data della Settimana, incoraggiamo i fedeli a considerare il materiale presentato in questa sede come un invito a trovare opportunità in tutto l’arco dell’anno per esprimere il grado di comunione già raggiunto tra le chiese e per pregare insieme per il raggiungimento della piena unità che è il volere di Cristo stesso.

Adattamento del testo

Il testo viene proposto con l’avvertenza che, ove possibile, sia adattato agli usi locali, con particolare attenzione alle pratiche liturgiche nel loro contesto socio-culturale e alla dimensione ecumenica.

In alcune località già esistono strutture ecumeniche in grado di realizzare questa proposta, ma ove non esistessero se ne auspica l’attuazione.

Utilizzo del testo

  • Per le chiese e comunità cristiane che celebrano la Settimana di preghiera in una singola liturgia comune viene offerto un servizio di culto ecumenico.
  • Le chiese e comunità cristiane possono anche inserire il testo della Settimana di preghiera in un servizio liturgico proprio. Le preghiere della celebrazione ecumenica della parola di Dio, gli “otto giorni”, nonché le musiche e le preghiere aggiuntive possono essere utilizzate a proprio discernimento. 
  • Le comunità che celebrano la Settimana di preghiera in ogni giorno dell’ottavario, durante la loro preghiera, possono trarre spunti dai temi degli “otto giorni”.
  • Coloro che desiderano svolgere studi biblici sul tema della Settimana di preghiera possono usare come base i testi e le riflessioni proposte negli “otto giorni”. Ogni giorno l’incontro può offrire l’occasione per formulare preghiere di intercessione conclusive.
  • Chi desidera pregare privatamente per l’unità dei cristiani può trovare utile questo testo come guida per le proprie intenzioni di preghiera. Ricordiamo che ognuno di noi si trova in comunione con i credenti che pregano nelle altre parti del mondo per costruire una più grande e visibile unità della Chiesa di Cristo.

 

TESTO BIBLICO

(cfr 1 Pietro 2, 9-10)

Ma voi siete la gente che Dio si è scelta, un popolo regale di sacerdoti, una nazione santa, un popolo che Dio ha acquistato per sé, per annunziare a tutti le sue opere meravigliose. Egli vi ha chiamati fuori delle tenebre, per condurvi nella sua luce meravigliosa.

Un tempo voi non eravate il suo popolo, ora invece siete il popolo di Dio. Un tempo eravate esclusi dalla misericordia, ora invece avete ottenutola sua misericordia.

 

INTRODUZIONE
TEOLOGICO-PASTORALE

Chiamati per annunziare a tutti le opere meravigliose di Dio
(cfr 1 Pietro 2, 9)

Il fonte battesimale più antico che si trova in Lettonia risale al tempo di san Meinardo, il grande missionario evangelizzatore di questa nazione. Originariamente era situato nella cattedrale di Ikšķile, oggi si trova nella Cattedrale luterana di Riga, la capitale del Paese. La posizione del fonte battesimale, così vicina all’adornato pulpito della cattedrale, esprime chiaramente sia la relazione fra il Battesimo e l’annuncio, che la chiamata, comune a tutti i battezzati, di “annunziare le opere meravigliose” del Signore. Questo appello costituisce il tema della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani del 2016. Ispirati dal brano della Prima Lettera di Pietro, i membri delle varie chiese cristiane lettoni hanno preparato i testi per la Settimana.

L’evidenza archeologica suggerisce che il cristianesimo sia stato introdotto nella Lettonia orientale nel X secolo dai missionari bizantini. La maggior parte dei documenti, tuttavia, fa risalire  le origini cristiane della Lettonia al XII e XIII secolo, grazie all’opera missionaria di San Meinardo e, successivamente, di altri missionari germanici. La capitale, Riga, fu una delle prime città ad adottare le idee di Lutero nel XVI secolo. Nel XVIII secolo missionari Moravi (Herrnhut Brethern) diedero nuovo impulso e approfondirono la fede cristiana nei secoli. I loro discendenti avrebbero avuto un ruolo di primo piano nel porre le fondamenta dell’indipendenza nazionale nel 1918.

Il passato, con i suoi periodi di conflitto e di sofferenza, ha avuto conseguenze visibili nella vita della Lettonia di oggi. È una triste circostanza che l’uso della forza ad opera di alcuni dei primi missionari e dei crociati diedero una contro-testimonianza al messaggio del Vangelo. Nel corso dei secoli, la terra di Lettonia è stata teatro di scontri religiosi e politici ad opera di vari poteri nazionali e confessionali. L’avvicendarsi dei poteri politici in diverse parti del Paese ha spesso avuto la conseguenza di un cambiamento dell’appartenenza confessionale delle persone. Oggi, la Lettonia è un crocevia dove si intersecano regioni cattoliche, protestanti e ortodosse.

La Lettonia è esistita come stato dal 1918 fino al 1940 nella scia della Prima Guerra mondiale e della caduta degli impero russo e germanico. La Seconda Guerra mondiale e le decadi che si sono succedute, con le ideologie totalitarie atee – il Nazismo e il Comunismo – hanno portato devastazione alla terra e alla popolazione della Lettonia, fino alla caduta dell’Unione Sovietica nel 1991. In quegli anni i cristiani sono stati uniti in una comune testimonianza al Vangelo – anche fino al martirio.

Il Bishop Sloskans’ Museum in Lettonia raccoglie questa comune testimonianza custodendo un elenco di cristiani martirizzati, appartenenti alle Chiese ortodosse, luterane, battiste e cattoliche. I cristiani scoprirono la loro comune partecipazione al “popolo regale di sacerdoti” di cui parla l’apostolo Pietro, anche attraverso torture prolungate, esilio e morte a causa della loro fede in Gesù Cristo. Questo legame nella sofferenza ha creato una profonda comunione fra i cristiani di Lettonia, mediante la quale hanno riscoperto il loro sacerdozio battesimale, e in esso poterono offrire le loro sofferenze in unione con le sofferenze di Gesù, per il bene del prossimo.

L’esperienza di pregare e cantare insieme – incluso l’Inno nazionale Dio benedica la Lettonia –, ebbe un’importanza notevole nella riconquista dell’indipendenza della Lettonia nel 1991. Ferventi preghiere per la libertà furono elevate in molte chiese in tutta la città. Uniti nel canto e nella preghiera, cittadini indifesi costruirono barricate nelle strade della Lettonia e rimasero fianco a fianco in sprezzo dei carri armati sovietici.

L’oscurità dei totalitarismi del XX secolo, tuttavia, ha reso molte persone indifferenti alla verità su Dio Padre, sulla Sua rivelazione in Gesù Cristo e sulla potenza vivificatrice dello Spirito Santo. Ma il periodo post-sovietico è stato un periodo di rinnovamento per le chiese. Molti cristiani oggi si riuniscono per pregare in piccoli gruppi e durante celebrazioni ecumeniche. Consapevoli che la luce e la grazia di Cristo non hanno ancora pervaso e trasformato tutte le persone in Lettonia, i cristiani vogliono lavorare e pregare insieme affinché le ferite storiche, etniche, ideologiche che ancora deturpano la società possano essere guarite.

La chiamata ad essere “popolo di Dio”

L’apostolo Pietro si rivolge ai cristiani dicendo che, nella loro ricerca di senso prima del loro incontro con il Vangelo, essi non erano un popolo. Ma, attraverso la chiamata ad essere il “popolo che Dio ha acquistato per sé”, hanno ricevuto la potenza della salvezza di Dio in Cristo Gesù, sono diventati il “popolo di Dio”. Questa realtà è espressa nel Battesimo, comune a tutti i cristiani, nel quale siamo rinati dall’acqua e dallo Spirito (cfr. Gv 3, 5). Nel Battesimo moriamo al peccato per risorgere con Cristo ad una nuova vita di grazia in Dio. Rimanere in questa nuova identità in Cristo è una sfida permanente e quotidiana.

  • Come comprendiamo la nostra comune chiamata ad essere “popolo di Dio”?
  • Come esprimiamo la nostra identità battesimale come “popolo regale di sacerdoti”?

In ascolto delle “opere meravigliose” di Dio

Il Battesimo ci apre ad un nuovo emozionante cammino di fede che unisce ogni nuovo cristiano con il popolo di Dio attraverso tutte le epoche. La parola di Dio – le Scritture su cui cristiani di tutte le tradizioni pregano, studiano e riflettono – è il fondamento della reale, seppure incompleta comunione. Nei testi della Bibbia che abbiamo in comune, ascoltiamo gli atti salvifici di Dio nella storia della salvezza, come la liberazione dalla schiavitù d’Egitto, e la grande opera meravigliosa di Dio: la resurrezione di Gesù dai morti, che ha dato accesso a tutti noi alla nuova vita; oltre a ciò, la lettura della Bibbia, in atteggiamento di preghiera, porta i cristiani a riconoscere le opere meravigliose di Dio anche nella loro vita.

  • In quale modo ci accorgiamo e rispondiamo alle “opere meravigliose di Dio” nel culto e nella preghiera, nell’azione in favore della giustizia e della pace?
  • In quale modo valorizziamo la Scrittura quale Parola che dà vita, che ci chiama ad una maggiore unità e ad una più grande missione?

Responso e annuncio

Dio ci ha scelti non come un privilegio: ci ha resi santi non nel senso che i cristiani sono più virtuosi degli altri; ci ha scelti per raggiungere uno scopo. Siamo santi solo nella misura in cui siamo impegnati nel servizio a Dio, che è sempre quello di portare il suo amore a tutte le persone. Essere un popolo di sacerdotale significa essere al servizio del mondo. I cristiani vivono la loro chiamata battesimale e rendono testimonianza alle opere meravigliose di Dio in molti modi:

Sanando le ferite: le guerre, i conflitti e gli abusi hanno ferito la vita del popolo lettone, e di molti altri paesi, a livello emotivo e relazionale. La grazia di Dio ci aiuta a chiedere perdono per gli ostacoli che impediscono la riconciliazione e la guarigione, a ricevere misericordia, e a crescere nella santità.

Ricercando la verità e l’unità: la consapevolezza della nostra comune identità in Cristo ci chiama ad adoperarci per rispondere alle questioni che ancora dividono i cristiani. Siamo chiamati, come i discepoli sulla strada di Emmaus, a condividere le nostre esperienze e a scoprire così che, nel nostro comune pellegrinaggio, Gesù Cristo è in mezzo a noi.

Impegnandosi attivamente per promuovere la dignità umana: i cristiani, che sono stati condotti “fuori dalle tenebre” verso la “luce meravigliosa” del Regno, riconoscono la straordinaria dignità di ogni vita umana. Attraverso progetti comuni di servizio sociale e caritativo, siamo inviati a raggiungere i poveri, i bisognosi, le persone affette da dipendenze e gli emarginati.

  • Considerando il nostro impegno per l’unità dei cristiani, di che cosa dovremmo chiedere perdono?
  • Conoscendo la misericordia di Dio, come ci adoperiamo per progettI sociali e caritatevoli con altri cristiani?

Presentazione del materiale

La celebrazione ecumenica usa dei simboli: una Bibbia, una candela illuminata, e il sale per esprimere visivamente le “opere meravigliose” che, come cristiani battezzati, siamo chiamati ad annunciare al mondo. Sia la luce che il sale sono immagini che Gesù usa nel suo Discorso della Montagna (cfr. Mt 5, 13-16). Queste immagini descrivono la nostra identità cristiana: “Siete voi il sale… Siete voi la luce” e descrivono la nostra missione: “sale del mondo… luce del mondo”.

Il sale e la luce sono immagini di ciò che i cristiani devono dare agli uomini e alla donne nel nostro tempo: noi attingiamo ad una parola di Dio che dà sapore alla vita spesso senza significato e vuota; e noi attingiamo a una parola che guida e aiuta le persone a vedere e comprendere se stesse nel mondo.

È stato chiesto a rappresentanti di vari progetti ecumenici in Lettonia di riflettere su un tema specifico richiesto e di portare la loro esperienza di lavoro insieme. Le loro riflessioni costituiscono la base del materiale offerto per ciascuno degli Otto giorni della Settimana di preghiera.

 

PRESENTAZIONE DEGLI ORGANISMI
CHE HANNO PREPARATO IL MATERIALE
PER LA SETTIMANA DI PREGHIERA
PER L’UNITÀ DEI CRISTIANI 2016

Il materiale per la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani di quest’anno è stato preparato da un Gruppo ecumenico di rappresentanti delle varie parti della Lettonia, radunatisi su invito dell’Arcivescovo di Riga, S.E.R. Zbigņevs Stankevičs.

La nostra gratitudine va, in particolare, a:

Ms Anda Done (Lutheran Church)
Mr Levi Ivars Graudins (Latvia House of Prayer for All Peoples)
Ms Zanna Hermane (Vertikale Television, Sunday Morning Christian Programme)
Mr Nils Jansons (Chemin Neuf Community)
Sr Rita Refalo  (Religious of the Pro Sanctitate Movement)
Ms Velta Skolmeistere (Catholic Youth Centre of the Archdiocese of Riga)
Ms Gunta Ziemele  (Catholic Youth Centre of the Archdiocese of Riga).

I testi proposti in questo sussidio sono stati messi a punto dalla Commissione ecumenica internazionale nominata dalla Commissione Fede e Costituzione (Consiglio Ecumenico delle Chiese) e dal Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani (Chiesa cattolica). I membri della Commissione si sono incontrati con i rappresentanti del Gruppo locale delle Chiese lettoni nel settembre 2014 a Riga, presso il Metropolitan Roman Catholic Seminary.

I membri della Commissione esprimono la loro sincera gratitudine a Mons. Pauls Kļaviņš per aver generosamente ospitato l’incontro, allo Staff e agli studenti del Seminario per la loro cordiale accoglienza. Un ringraziamento particolare è rivolto a p. Aivars Līcis e a p. Kārlis Miķelsons per aver reso agevoli sia il lavoro che le visite. I partecipanti sono stati seguiti e guidati in una visita presso l’isola di San Meinardo sul fiume Daugava, vicino a Ikšķile, ove si trovano le rovine della prima cattedrale (consacrata nel 1186), la cattedrale luterana e quella cattolica di Riga, e la St Saviour`s Anglican Church situata nella Rīga antica. Queste visite sono state molto utili a favorire la redazione del testo.

 

CELEBRAZIONE ECUMENICA
DELLA PAROLA DI DIO

Chiamati per annunziare a tutti le opere meravigliose di Dio
(cfr 1 Pietro 2, 9)

 
Introduzione alla celebrazione ecumenica

Il gruppo ecumenico della Lettonia suggerisce che i vari rappresentanti delle chiese entrino portando una Bibbia, una candela accesa (che potrebbe essere il cero pasquale o una candela di Pasqua) e una manciata di sale; ciascuna chiesa potrebbe provvedere a portare uno di questi simboli.  La Bibbia dovrebbe essere posta sul leggio per la lettura, mentre il sale e la candela potrebbero essere collocati accanto al leggio, in quanto sono segni della parola di Dio, oppure presso il fonte, in quanto segno della chiamata battesimale.

Occorrerebbe porre un cesto di piccole candele all’interno della chiesa in modo che, dopo l’omelia, ciascun fedele possa accendere la propria candela dall’unica fiamma che è stata portata processionalmente all’inizio.

Sebbene non siano stati indicati inni particolari, il Gruppo lettone suggerisce di scegliere inni trinitari, e che i responsori Kyrie Eleyson e Christe Eleyson siano cantati.

Durante la Liturgia della parola viene indicato nel testo un responsorio dell’assemblea. L’introduzione alle letture utilizza l’espressione “esplosione d’amore”, che viene da Guglielmo Giaquinta, fondatore del movimento Pro Sanctitate, un movimento attivo in Lettonia, i cui membri hanno contribuito alla preparazione di questa celebrazione.

Un simbolo di ospitalità in Lettonia è il pane, soprattutto il pane scuro. Quando le persone si trasferiscono in una nuova casa, gli amici spesso portano in dono una pagnotta di pane scuro, sulla cui crosta è stato sparso del sale a forma di croce, come segno di benedizione. Il Gruppo ecumenico lettone invita i cristiani del mondo ad imitare questo gesto di ospitalità durante il momento di condivisione dopo la celebrazione.

Struttura della celebrazione

“Per annunziare a tutti le sue opere meravigliose”
(1 Pt 2, 9)

C.: Celebrante
L.:
Lettore
T.:
Tutti

I. Raduno

Inno processionale

Coloro che guidano la celebrazione entrano, e possono portare una Bibbia, una candela e del sale.

Indirizzo di benvenuto

C.: Cari amici in Cristo, radunati insieme in questa celebrazione di preghiera per l’unità, ringraziamo Dio per la nostra dignità e vocazione cristiana, descritte nelle parole dell’apostolo Pietro: “Ma voi siete la gente che Dio si è scelta, un popolo regale di sacerdoti, una nazione santa, un popolo che Dio ha acquistato per sé, per annunziare a tutti le sue opere meravigliose”.

Quest’anno preghiamo insieme ai cristiani della Lettonia, che hanno preparato questa celebrazione nella speranza che noi possiamo crescere nella comunione con il nostro Signore Gesù Cristo e con tutti i fratelli e le sorelle che aspirano all’unità (cfr. 1 Pt 2, 9).

II. Preghiera di invocazione allo Spirito Santo

C.: O Santo Spirito, Dono del Padre nel Figlio Gesù Cristo, dimora in noi tutti, apri i nostri cuori e aiutaci ad ascoltare la tua voce.
T.: O Santo Spirito, discendi su di noi.

C.: O Santo Spirito, Amore divino, fonte di unità e di santità, mostraci l’Amore del Padre.
T.: O Santo Spirito, discendi su di noi.

C.: O Santo Spirito, Fuoco di Amore, purificaci, rimuovi ogni divisione dai nostri cuori, nelle nostre comunità e nel mondo, e rendici uno nel nome di Gesù.
T.: O Santo Spirito, discendi su di noi.

C.: O Santo Spirito, rafforza la nostra fede in Gesù vero Dio e vero Uomo, che ha portato i nostri peccati di divisione sulla croce e ci ha condotto alla comunione nella sua resurrezione.
T.: O Santo Spirito, discendi su di noi.

C.: O Trinità, Padre, Figlio e Spirito Santo, dimora in noi cosicché possiamo diventare una comunione di amore e di santità. Rendici uno in te, che vivi e regni nei secoli dei secoli.
T.: Amen.

Canto di lode

III. Preghiere di riconciliazione

C.: Dio ci invita alla riconciliazione e alla santità. Disponiamoci con la nostra mente, con il nostro cuore e con il nostro corpo a ricevere la grazia della riconciliazione nel cammino verso la santità.

Pausa di silenzio

L.: O Signore, ci hai creati a tua immagine. Perdonaci quando non rispettiamo la nostra natura e il mondo che ci hai donato. Kyrie Eleison.
T.: Kyrie Eleison.

L.: O Gesù, ci inviti ad essere perfetti come il nostro Padre celeste è perfetto. Perdonaci quando manchiamo di essere santi, di essere persone integre e di rispettare i diritti e la dignità dell’essere umano. Christe Eleison.
T.: Christe Eleison.

L.: O Signore, Dio della vita, della pace e della giustizia, perdonaci quando trasmettiamo una cultura di morte, di guerra e di ingiustizia, e manchiamo di costruire una civiltà dell’amore. Kyrie Eleison.
T.: Kyrie Eleison.

L.: O Dio di misericordia, riempici della tua grazia e della tua santità. Rendici apostoli di amore ovunque andiamo. Ti preghiamo per Cristo, nostro Signore.
T.: Amen.

IV. Proclamazione della Parola di Dio

L.: La Parola di Dio che ascoltiamo è una “esplosione di amore” nella nostra vita.
T.: Rendiamo grazie a Dio

Isaia 55, 1-3

L.: Ascoltate e vivrete.
T.: Rendiamo grazie a Dio.

Salmo 145 [144] 8-9, 15-16; 17-18

T.: Ogni giorno ti voglio benedire!

L.: Il Signore è bontà e misericordia,
è paziente, costante nell’amore.
Il Signore è buono con tutti,
la sua misericordia è su ogni creatura.
T.: Ogni giorno ti voglio benedire!

L.: Gli occhi di tutti sono fissi su di te
e tu doni il cibo a tempo opportuno.
Apri la tua mano generosa
e sazi ogni vivente.
T.: Ogni giorno ti voglio benedire!

L.: Il Signore è giusto in tutto,
buono in ogni sua azione.
È vicino a chiunque lo invoca,
a chi lo cerca con cuore sincero.
T.: Ogni giorno ti voglio benedire!

1 Pietro 2, 9-10

L.: Ascoltate e vivrete.
T.: Rendiamo grazie a Dio.

Matteo 5, 1-16

L.: Ascoltate e vivrete.
T.: Rendiamo grazie a Dio.

Omelia

V. Rito di impegno ad essere sale e luce

Il celebrante rivolge all’assemblea questo invito:

C.: ascoltato le Scritture, che onoriamo e consideriamo una ricchezza
e siamo stati nutriti insieme alla mensa della Parola.
Porteremo questa santa parola con noi nel mondo,
perché siamo uniti in un’unica missione
quella di essere sale della terra e luce del mondo
e di proclamare le opere meravigliose del Signore.

Quale segno di questa missione che condividiamo, invitiamo coloro che lo desiderano ad avvicinarsi, gustare un pizzico di sale e accendere la propria candela dall’unica fiamma posta qui. Invitiamo quanti accendono la candela a tenerla accesa fino alla fine della celebrazione.

VI. Preghiere di speranza

C.: Come figli di Dio, consapevoli della nostra dignità e missione, eleviamo la nostra preghiera e proclamiamo il nostro desiderio di essere il popolo santo di Dio.

Pausa di silenzio

L.: O Padre amorevole, trasforma i nostri cuori, le nostre famiglie, le nostre comunità e la nostra società.
T.: Rendi tutto il tuo popolo santo e uno in Cristo.

L.: Acqua di vita, estingui la sete nelle nostre società: la sete di dignità, di amore, di comunione e di santità.
T.: Rendi tutto il tuo popolo santo e uno in Cristo.

L.: O Spirito Santo, Spirito di gioia e di pace, sana le divisioni causate dal nostro abuso del potere e del denaro, e riconcilia tutti noi di diverse culture e di diverse lingue. Rendici uniti come figli di Dio.
T.: Rendi tutto il tuo popolo santo e uno in Cristo.

L.: O Trinità di Amore, conduci i nostri passi fuori dall’oscurità, verso la tua meravigliosa luce.
T.: Rendi tutto il tuo popolo santo e uno in Cristo.

L.: O Signore Gesù Cristo, siamo resi uno in te con il Battesimo e perciò uniamo le nostre preghiere alla tua, con le parole che Tu ci hai insegnato.

T.: Padre nostro…

VII. Scambio della pace

C.: Gesù dice:
Siete voi il sale del mondo.
Siete voi la luce del mondo.
Lasciate risplendere la vostra luce davanti a tutti,
perché vedano il bene che voi fate e ringrazino il Padre vostro che è in cielo.
Siate il sale del mondo.
Siate la luce del mondo.

C.: La pace del Signore sia sempre con voi.
T.:
E con il tuo spirito.

C.: Scambiamoci un segno di pace.

VIII. Benedizione e congedo

C.: Beati quelli che sono poveri di fronte a Dio
Beati quelli che sono nella tristezza.
Beati quelli che non sono violenti.
Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia.
Beati quelli che hanno compassione degli altri.
Beati quelli che sono puri di cuore.
Beati quelli che diffondono la pace.
Beati quelli che sono perseguitati
Benedetti voi dal Padre, dal Figlio e dallo Spirito Santo
T.:
Amen.

C.: Andate nella pace di Cristo.
T.:
Amen.

LETTURE BIBLICHE E COMMENTO
PER OGNI GIORNO DELLA SETTIMANA

I GIORNO

Lasciamo rotolare via la pietra
Ezechiele 37, 12-14

Io sto per aprire le vostre tombe: vi farò uscire, popolo mio

Salmo 71 [70], 19-23

O Dio, hai compiuto opere giuste, tanto grandi che arrivano al cielo

Romani 8, 15-21

Se soffriamo con lui, parteciperemo anche con lui alla gloria

Matteo 28, 1-10

Non è qui, perché è risuscitato, proprio come aveva detto

Commento

Le riflessioni di oggi sono state preparate dal Catholic Youth Centre dell’Arcidiocesi di Riga e sono frutto della loro esperienza nell’organizzare La via ecumenica della Croce, un evento ecumenico annuale di grande rilievo per la Lettonia. Questa esperienza ispira una riflessione sul significato della passione e della resurrezione nel contesto lettone e su quali siano le “meravigliose opere” del Signore che i cristiani battezzati hanno il compito di proclamare.

  • La storia sovietica della Lettonia continua a gettare ombre sul popolo di questa nazione. Vi sono ancora rabbia e dolore, ferite inflitte che sono difficili da rimarginare e perdonare. Tutto questo è come la grossa pietra che copriva l’entrata della tomba di Gesù. Ferite come queste ci imprigionano in una tomba spirituale.
  • Ma, se nella nostra sofferenza, il nostro dolore è unito al suo dolore, allora la storia non termina qui, sigillata nella tomba. Il terremoto della resurrezione del Signore è l’evento che scuote la terra, apre le nostre tombe e ci libera dal dolore e dall’amarezza che ci tiene isolati l’uno dall’altro.
  • Questa è l’opera meravigliosa del Signore: il suo amore, che scuote la terra, che fa rotolare via le pietre, che ci libera e che ci dona l’alba di un nuovo giorno. Qui, in questa nuova aurora siamo ri-uniti con i nostri fratelli e le nostre sorelle che sono stati, come noi, anch’essi imprigionati e sofferenti. E come Maria Maddalena, noi dobbiamo “andare presto” a partire da questo grande momento di gioia, a dire agli altri che cosa ha compiuto il Signore.

Domande per la riflessione personale

  • Quali sono gli eventi e le situazioni della nostra vita, le circostanze che ci rendono prigionieri nella tomba – cioè nella tristezza, nel dolore, nelle preoccupazioni, nell’ansietà e nella disperazione? Che cosa ci trattiene dall’accettare la promessa e la gioia della resurrezione di Cristo?
  • Siamo disposti a condividere l’esperienza di Dio con quelli che incontriamo?

Preghiera

Signore Gesù, Tu ci hai sempre amato, fin dal principio, e hai mostrato la profondità del tuo amore morendo per noi sulla croce e condividendo, così, le nostre sofferenze e il nostro dolore. In questo istante noi deponiamo ai piedi della tua croce ogni ostacolo che ci separa dal tuo amore. Fai rotolare la pietra che ci tiene prigionieri. Risvegliaci all’alba di resurrezione, perché possiamo incontrare lì i fratelli e le sorelle da cui ci siamo separati. Amen.

 

II GIORNO

Chiamati ad essere messaggeri di speranza
Isaia 61, 1-4

Dio, il Signore, ha mandato il suo spirito su di me;
egli mi ha scelto per portare il lieto messaggio ai poveri

Salmo 133 [132], 1-4

Guarda come è bello e piacevole che i fratelli vivano insieme

Filippesi 2, 1-5

[…] rendete completa la mia gioia. Abbiate gli stessi sentimenti e un medesimo amore. Siate concordi e unanimi!

Giovanni 15, 9-12

Vi ho detto questo, perché la mia gioia sia anche la vostra, e la vostra gioia sia perfetta

Commento

Nell’era sovietica, una presenza cristiana nei media era impossibile in Lettonia. Dopo l’indipendenza, la radio di stato lettone ha cominciato a trasmettere programmi cristiani con accenti sull’unità e sulla missione, fornendo un forum per i leader delle varie chiese dove potessero incontrarsi l’uno con l’altro. Questa testimonianza pubblica di rispetto reciproco, di amore e di gioia ha contribuito a plasmare la fisionomia della vita ecumenica lettone. L’esperienza dei creatori di questi programmi cristiani alla radio di stato lettone ha ispirato la riflessione di oggi.

  • La gioia del Vangelo chiama i cristiani a vivere la profezia di Isaia: “Dio, il Signore, ha mandato il suo spirito su di me; egli mi ha scelto per portare il lieto messaggio ai poveri”. Noi attendiamo con trepidazione l’Evangelo che guarirà i nostri cuori spezzati e ci libererà da tutto ciò che ci lega e ci rende prigionieri.
  • Quando siamo tristi, colpiti dalle nostre sofferenze, può venirci meno il vigore necessario per proclamare la gioia che proviene da Gesù. Ciò nonostante, anche quando ci sentiamo incapaci di donare, dando testimonianza con quel poco che abbiamo, Gesù moltiplica quel poco per noi e per gli altri.
  • Nel Vangelo Gesù dice: “Come il Padre ha amato me, così io ho amato voi: rimanete nel mio amore!”. È in questo modo che scopriamo la sua gioia in noi così che la nostra gioia sia perfetta. Questa gioia e questo amore vicendevoli sono al cuore della nostra preghiera per l’unità. Come dice il salmista: “Guarda come è bello e piacevole che i fratelli vivano insieme!”.

Domande per la riflessione personale

  • Che cosa affievolisce la gioia nel mondo e nelle chiese?
  • Che cosa possiamo ricevere dagli altri cristiani, cosicché la gioia di Gesù sia in noi e ci renda testimoni dell’Evangelo?

Preghiera

O Dio di amore, guarda alla nostra volontà di servirti, nonostante la nostra povertà spirituale e le nostre limitate capacità. Colma il desiderio più profondo dei nostri cuori con la tua presenza. Colma i nostri cuori affranti con il tuo amore che sana perché possiamo amare come Tu hai amato. Concedici il dono dell’unità perché possiamo servirti con gioia e condividere il tuo amore con tutti. Ti chiediamo questo nel nome di tuo Figlio Gesù Cristo. Amen.


III GIORNO

La testimonianza della comunione
Geremia 31, 10-13 Essi verranno sul monte Sion e canteranno di gioia

Salmo 122 [121], 1-9

Pregate per la pace di Gerusalemme. Dite “Sicurezza per chi ti ama”

1 Giovanni 4, 16b-21 Se uno dice: “Io amo Dio” e poi odia suo fratello, è bugiardo
Giovanni 17, 20-23 Così potranno essere perfetti nell’unità, e il mondo potrà capire che tu mi hai mandato

Commento

Da oltre un decennio è presente in Lettonia Chemin Neuf, una comunità cattolica internazionale con una vocazione ecumenica, che annovera fra i suoi membri cattolici e luterani. Insieme sperimentano la gioia che nasce dalla comunione in Cristo, così come anche il dolore per la mancanza di unità. Quale segno di questa divisione, durante la preghiera serale, essi pongono sull’altare una patena e un calice vuoti. La loro esperienza ha ispirato la riflessione odierna.

  • La divisione fra i cristiani è un ostacolo all’evangelizzazione. Il mondo non può credere che siamo discepoli di Gesù se il nostro amore vicendevole è incompleto. Sentiamo il dolore di questa divisione quando non possiamo ricevere insieme il corpo e il sangue di Cristo nell’Eucaristia, il sacramento dell’unità.
  • La fonte della nostra gioia è la nostra comune vita in Cristo. Vivere la nostra vita di comunione ogni giorno significa accogliere, amare, servire, pregare e testimoniare con cristiani di diverse tradizioni. È la perla di grande valore donataci dallo Spirito Santo.

  • La notte prima della sua morte, Gesù ha pregato per l’unità e l’amore tra di noi. Oggi, leviamo le mani al cielo e preghiamo con Gesù per l’unità tra i cristiani. Preghiamo per i vescovi, i ministri e i membri di tutte le chiese. Preghiamo che lo Spirito Santo guidi tutti noi in questo cammino di unità.

Domande per la riflessione personale

  • Come consideriamo i cristiani di altre tradizioni? Siamo pronti a chiedere perdono per i nostri pregiudizi nei loro confronti?
  • Che cosa può fare, ciascuno di noi, per diminuire la divisione fra i cristiani?

Preghiera

Signore Gesù, che hai pregato perché tutti fossimo una cosa sola, apri i nostri cuori all’unità tra i cristiani secondo la tua volontà, “secondo i tuoi mezzi”. Possa il tuo Spirito renderci capaci di sperimentare la sofferenza causata dalla divisione, di vedere il nostro peccato, e di sperare oltre ogni speranza. Amen.

 

IV GIORNO

Un popolo sacerdotale chiamato a proclamare il Vangelo
Genesi 17, 1-8 Il tuo nome non sarà più Abram, ma Abramo, perché io ti stabilisco come padre di molti popoli
Salmo 145 [144], 8-12 Il Signore è bontà e misericordia, è paziente, costante nell’amore
Romani 10,14-15 E come potranno credere in lui, se non ne hanno sentito parlare?
Matteo 13, 3-9 Ma alcuni semi caddero in un terreno buono e diedero un frutto abbondante: cento o sessanta o trenta volte di più

Commento

Queste riflessioni sono suggerite dai produttori del programma cristiano Vertikale, in onda la domenica mattina. La sfida di mantenere questa voce cristiana nella televisione nazionale lettone, ha insegnato loro che è solo quando impariamo a riconoscere negli altri cristiani i nostri fratelli e le nostre sorelle, che possiamo osare portare nell’arena pubblica la Parola di Dio.

  • Nel mondo di oggi, più che mai, fiumi di parole inondano le nostre case: non più solo dalle nostre conversazioni, ma dalla televisione, dalla radio, e ora anche dai social media. Queste parole hanno il potere di innalzare o di demolire. Larga parte di questo oceano di parole sembra senza senso: distrazioni più che nutrimento.
  • Si potrebbe annegare in questo oceano dove non vi è nessun significato da cogliere. Ma noi abbiamo ascoltato una Parola salvifica che ci è stata lanciata come un salvagente. Ci chiama alla comunione e ci conduce all’unità con coloro che, come noi, l’hanno udita. Un tempo non eravamo popolo, ma ora siamo il popolo di Dio.
  • Siamo, inoltre, un popolo sacerdotale. Uniti con quanti hanno ricevuto la sua parola, le nostre parole non sono più solo gocce perse nell’oceano. Ora abbiamo una Parola potente da proclamare; uniti possiamo annunciarla più vigorosamente: Yeshua – Dio salva.

Domande per la riflessione personale

  • Che cosa oscura la nostra proclamazione del Vangelo? Forse ambizioni personali, spirito competitivo, falsi assunti sugli altri cristiani e risentimenti?
  • Chi ascolta da noi una parola che dà vita?

Preghiera

O Signore Gesù, Tu hai detto che tutti sapranno che siamo tuoi discepoli se ci sarà amore tra noi. Rafforzati dalla tua grazia, fa’ che possiamo lavorare senza posa per l’unità visibile, affinché l’Evangelo che siamo chiamati a proclamare possa rendersi visibile in tutte le nostre parole e le nostre opere. Amen.

 

V GIORNO

La comunione degli apostoli

Isaia 56, 6-8 La mia casa si chiamerà “Casa di preghiera per tutti i popoli”
Salmo 24 [23], 1-10 Chi è degno di salire al monte del Signore?
Atti 2, 37-42 Essi ascoltavano con assiduità l’insegnamento degli apostoli, vivevano insieme fraternamente, partecipavano alla Cena del Signore e pregavano insieme
Giovanni 13, 34-35 Io vi do un comandamento nuovo: amatevi gli uni gli altri

Commento

La comunione fra i responsabili delle chiese cristiane costituisce l’espressione visibile della vita ecumenica in Lettonia. Si riuniscono periodicamente a Gaizins, la collina più alta della Lettonia, o in altri luoghi, per un periodo di 40 ore di preghiera e di semplice e amichevole condivisione dei pasti. Per tutta la durata di questi incontri, sono sostenuti dalla preghiera continuativa e dalle celebrazioni dei fedeli. Questi incontri rinnovano nei responsabili la consapevolezza di lavorare nella comunione di Cristo. L’esperienza del fondatore della Latvia House of Prayer for All People ha ispirato la riflessione odierna.

  • Il comandamento di Gesù di amarci l’un l’altro non è teorico. La comunione di amore reciproco diviene concreta quando ci raduniamo insieme intenzionalmente quali discepoli di Cristo, per condividere la comunione e la preghiera nella potenza dello Spirito.
  • Quanto più i cristiani, soprattutto i responsabili delle comunità, incontrano Cristo insieme in umiltà e pazienza, tanto più diminuiscono i pregiudizi; quanto più scopriamo Cristo gli uni negli altri, tanto più diventiamo autentici testimoni del Regno di Dio.
  • A volte l’ecumenismo può sembrare molto complicato. Eppure, anche la comunione gioiosa, un pasto condiviso, una comune preghiera e un’azione di lode sono modi di vivere la semplicità apostolica. In questo obbediamo al comandamento di amarci gli uni gli altri, e di proclamare il nostro Amen alla preghiera di Cristo per l’unità.

Domande per la riflessione personale

  • Qual è la nostra esperienza nell’incontro vicendevole come fratelli e sorelle in Cristo, nella comunione cristiana, nella condivisione dei pasti e nella preghiera comune?
  • Quali sono le nostre aspettative nei confronti dei vescovi, e degli altri responsabili delle chiese nella strada verso la visibile unità della Chiesa? Come possiamo incoraggiarli e sostenerli?

Preghiera

O Dio del nostro Signore Gesù Cristo, Padre di gloria, dona a tutti i cristiani, e in modo particolare a quanti sono incaricati della guida nella tua Chiesa, lo spirito di saggezza e di rivelazione, cosicché, con gli occhi dei nostri cuori, possiamo vedere la speranza alla quale Tu ci hai chiamati: un solo corpo e un solo Spirito, un solo Signore, una sola fede, un solo Battesimo, un solo Dio e Padre di tutti, e che è sopra tutti e in tutti. Amen.

 

VI GIORNO Ascolta questo sogno
Genesi 37, 5-8 Ascoltate il sogno che ho fatto!
Salmo 126 [125], 1-7 Ci sembrava di sognare
Romani 12, 9-13 Amatevi gli uni gli altri, come fratelli. Siate premurosi nello stimarvi gli uni gli altri
Giovanni 21, 25 Io penso che neanche il mondo intero potrebbe contenerli

Commento

La divisione tra i cristiani ferisce. Le chiese soffrono per la loro incapacità di essere unite come un’unica famiglia attorno alla Mensa del Signore; esse soffrono per le rivalità e una storia piena di tensioni. Una risposta individuale alla divisione viene data nel 2005, sottoforma di un giornale ecumenico: Kas Mus Vieno? (Che cosa ci unisce?). L’esperienza realizzata da questo giornale ha ispirato la riflessione odierna.

  • Giuseppe fa un sogno, che è un messaggio da Dio. Tuttavia, quando Giuseppe racconta il sogno ai suoi fratelli, essi reagiscono con rabbia e violenza perché nel sogno loro devono sottomettersi a lui. Infine la fame porta i fratelli in Egitto e loro effettivamente si sottomettono a Giuseppe, ma invece dell’umiliazione e del disonore che temevano, trovano un momento di riconciliazione e di pace.
  • Gesù, come Giuseppe, ci rivela una visione, un messaggio sulla vita del Regno di suo Padre. È una visione di unità. Ma, come i fratelli di Giuseppe, anche noi siamo spesso infastiditi, arrabbiati e impauriti da ciò che la visione comporta. Essa ci chiede di accettare e di sottometterci alla volontà di Dio. Ci fa paura perché abbiamo paura di ciò che potremmo perdere. Ma la visione non implica perdita, è piuttosto un ritrovarsi con i fratelli e le sorelle che avevamo perso, è un riunire la famiglia.
  • Abbiamo scritto tanti testi ecumenici, ma la visione dell’unità della Chiesa non viene soltanto registrata nei testi di accordo, per quanto importanti essi siano. L’unità che Dio desidera per noi, la visione che ci pone davanti, supera di molto quanto può essere espresso in parole o contenuto in libri. La visione deve prendere corpo nella nostra vita, nella preghiera e nella missione che condividiamo con i nostri fratelli e le nostre sorelle. Più di ogni altra cosa, si esprime nell’amore che ci dimostriamo reciprocamente.

Domande per la riflessione personale

  • Che cosa significa porre i nostri sogni per l’unità dei cristiani ai piedi della croce di Cristo?
  • In quale modo la visione di unità del Signore chiama oggi le chiese al rinnovamento e al cambiamento?

Preghiera

O Padre celeste, donaci l’umiltà di ascoltare la tua voce, di accogliere la tua chiamata, e di condividere il tuo sogno di unità per la Chiesa. Aiutaci ad essere consapevoli del dolore della discordia. Laddove la divisione ci ha lasciato con un cuore di pietra, fa’ che il tuo Spirito Santo soffi nei nostri cuori e ci ispiri la visione di essere uno in Cristo, come lui è una cosa con te, perché il mondo creda che Tu lo hai mandato. Te lo chiediamo nel nome di Cristo nostro Signore. Amen.

 

VII GIORNO Ospitalità per la preghiera
Isaia 62, 6-7 Sulle tue mura, Gerusalemme, ho messo sentinelle; non devono mai tacere, né giorno né notte
Salmo 100 [99], 1-5 Acclamate al Signore, genti tutte della terra. Servite il Signore nella gioia
1 Pietro 4, 7b-10 Siate giudiziosi e sempre pronti alla preghiera
Giovanni 4, 4-14 L’acqua che io gli darò diventerà in lui una sorgente che dà la vita eterna

Commento

L’esperienza di pregare insieme ciascuno degli otto giorni della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani ha aiutato i cristiani della piccola città di Madona a crescere nella comunione. Un frutto particolare di questa esperienza è l’apertura di una cappella nel centro della città, corredata di elementi dalle tradizioni luterana, cattolica e ortodossa. Qui i cristiani di Madona si riuniscono in preghiera continuativa. Questa esperienza costituisce il sostrato delle riflessioni odierne.

  • Fino a quando il popolo di Dio sarà diviso e i cristiani saranno estranei gli uni agli altri, noi saremo come Gesù nella Samaria, stranieri in terra straniera, senza sicurezze, senza ristoro e senza un luogo dove riposare.
  • Il popolo di Dio desiderava un luogo sicuro dove potesse adorare il Signore. Isaia ci racconta della prodigiosa opera di Dio: Egli pone le sentinelle sul muro di Gerusalemme, affinché il suo popolo possa adorarlo in sicurezza giorno e notte.
  • Durante la Settimana di preghiera le nostre chiese e le nostre cappelle diventano luoghi sicuri, di riposo e di refrigerio per il popolo che si raduna in preghiera. La sfida che proviene da questa Settimana è di creare sempre più luoghi e tempi privilegiati di preghiera, perché mentre preghiamo insieme, diventiamo un solo popolo.

Domande per la riflessione personale

  • In quale modo possiamo promuovere la mutua ospitalità fra parrocchie e congregazioni nelle nostre località?
  • Vi è un luogo, nel nostro quartiere, dove i cristiani di diverse tradizioni possono radunarsi e pregare insieme? E se non c’è, come possiamo crearlo?

Preghiera

O Signore Gesù, Tu hai chiesto ai tuoi apostoli di rimanere svegli con te e pregare con te. Fa’ che possiamo offrire al mondo luoghi e tempi privilegiati in cui trovare serenità e pace, affinché, pregando insieme con altri cristiani possiamo arrivare a conoscerti più profondamente. Amen.

 

VIII GIORNO Cuori che ardono per l’unità
Isaia 52, 7-9 Quant’è bello vedere arrivare sui monti un messaggero di buone notizie, che annunzia la pace
Salmo 30 [29], 1-13 Hai cambiato il mio pianto in una danza
Colossesi 1, 27-29 […] questo progetto segreto, grande e magnifico, preparato per tutti gli uomini. E il segreto è questo: Cristo è presente in voi
Luca 24, 13-36 […] spiegò ai due discepoli i passi della Bibbia che lo riguardavano. Cominciò dai Libri di Mosè fino agli scritti di tutti i profeti

Commento

Diverse chiese, in Lettonia, sono state in grado di lavorare insieme nell’evangelizzazione mediante l’Alpha Course, sviluppato nella chiesa anglicana della Santa Trinità, a Brompton, Londra. I Lettoni che sono rinati alla fede attraverso questo programma, rimangono aperti ad imparare ed essere arricchiti dai doni di altre comunità cristiane. Questa esperienza ha suggerito le riflessioni odierne.

  • I discepoli delusi che lasciano Gerusalemme per Emmaus hanno perso la loro speranza che Gesù fosse il Messia e si incamminano fuori dalla comunità. È un viaggio di separazione e di isolamento.
  • Per contrasto, il loro ritorno a Gerusalemme è pieno di speranza, con un messaggio evangelico sulle loro labbra. Questo è un messaggio di resurrezione che li conduce nuovamente all’origine, al cuore della comunità e verso una comunione di amicizia.
  • Assai spesso i cristiani tentano di evangelizzare con uno spirito di competizione, sperando così di poter riempire le loro chiese. L’ambizione supera il desiderio che gli altri ascoltino il messaggio evangelico che dà vita. La vera evangelizzazione è come un viaggio da Emmaus a Gerusalemme, un viaggio dall’isolamento all’unità.

Domande per la riflessione personale

  • Quali sono i motivi di scontento che ci isolano dagli altri?
  • Quali sono i doni (iniziative, metodi e programmi) che possiamo ricevere dalle altre comunità cristiane?

Preghiera

O Signore Gesù, Tu hai fatto ardere il cuore dentro di noi, e ci hai inviato nuovamente sulla strada verso i nostri fratelli e le nostre sorelle, con il messaggio del Vangelo sulle nostre labbra. Aiutaci a capire che la speranza e l’obbedienza ai tuoi comandamenti conduce ad una maggiore unità del tuo popolo. Amen.

  

APPUNTI SULLA SITUAZIONE ECUMENICA
IN LETTONIA *

I. Le chiese cristiane

“Un ecumenismo vivo”: queste parole descrivono la situazione ecumenica in Lettonia oggi, ove cristiani di diverse tradizioni si incontrano sempre più frequentemente per pregare e per offrire una testimonianza comune, in più luoghi e occasioni.

Parte di questa dinamica proviene dal fatto che tre delle confessioni più numerose contano, approssimativamente, lo stesso numero di fedeli, mentre, al contempo, le piccole chiese sono molto attive. La Lettonia, infatti, è luogo di confluenza fra cattolici, protestanti e ortodossi.

Secondo i dati ufficiali, che risalgono al 2011, il 34,3% della popolazione è luterana, il 25,1% è cattolica, il 19,4% è ortodossa e vetero-cattolica, l’1,2% appartiene ad altre chiese cristiane (come i battisti, gli avventisti, i pentecostali e altre chiese libere), mentre il 20% si proclama appartenente ad altre religioni o non appartenente ad alcuna religione. La Lettonia, ufficialmente, accoglie sei tradizioni religiose: luterani, cattolici, battisti, ortodossi, vetero-cattolici e ebrei.

II. Ecumenismo vissuto

Sebbene le chiese in Lettonia non si siano riunite in un Consiglio nazionale delle chiese, la vita ecumenica fiorisce portando buoni frutti. La cooperazione fra i cristiani lettoni è vitale se il messaggio cristiano deve raggiungere la società post-moderna in tutta la sua diversità e molteplicità di opinioni. La cooperazione ecumenica e le relazioni tra le varie tradizioni in Lettonia sono basate, si potrebbe dire, sulla proclamazione delle opere meravigliose di Dio.

È prassi regolare in Lettonia che i vescovi delle chiese di tradizione cattolica, ortodossa, luterana e battista, indirizzino un messaggio congiunto alla società su questioni riguardanti temi etici, la protezione della vita o la giustizia sociale. A motivo della relazione fraterna fra i responsabili della Chiesa cattolica e della Chiesa luterana, la consacrazione dell’attuale Arcivescovo cattolico ha avuto luogo nella cattedrale luterana di Riga.

I responsabili delle varie chiese si radunano insieme in occasione della celebrazione delle più importanti commemorazioni e festività, quali il Giorno dell’Indipendenza il 18 novembre; in queste ricorrenze si proclama la parola di Dio, si ascoltano discorsi ufficiali, si celebra con musica di varie tradizioni cristiane. I responsabili delle chiese si riuniscono insieme annualmente per il Consiglio degli Affari Spirituali (Spiritual Affairs Council) che è presieduto dal Primo Ministro; per cooperare con lo Stato, le quattro principali tradizioni cristiane preparano congiuntamente il materiale da utilizzare nelle scuole statali, che viene approvato dal Ministero dell’Istruzione.

Le relazioni fra i vescovi e il clero delle chiese cristiane lettoni, tuttavia, vanno oltre la celebrazione ecumenica: esse sono radicate in una sincera amicizia, che abbatte i muri di divisione costruiti nei secoli precedenti, e permette di riconoscersi reciprocamente come compagni, ministri del Vangelo. I vescovi cattolici, luterani e battisti si incontrano regolarmente: pregano, lodano Dio insieme in una atmosfera fraterna, e discutono su questioni di rilievo per la Lettonia.

Ci sono anche molti esempi di cooperazione ecumenica a livello parrocchiale, quali i programmi di evangelizzazione, basati sull’Alpha Course, pianificati congiuntamente. Le parrocchie cattoliche di santa Teresa del Bambin Gesù e di santa Maria Maddalena, la chiesa luterana di Riga di Tornakalns e la comunità battista di Āgenskalns si riuniscono insieme per momenti di comunione, progetti sociali, e pubblicano un calendario comune. Dall’anno 2000, diverse comunità cristiane a Madona celebrano la Settimana di preghiera per l’unità ogni giorno in una comunità diversa; mediante questa esperienza riescono così a incontrare, per la prima volta, fratelli e sorelle di altre tradizioni cristiane. Un frutto privilegiato di questa esperienza è stato la creazione della prima cappella ecumenica della Lettonia, dove possono pregare fratelli e sorelle di diverse confessioni. Le porte della cappella sono aperte giorno e notte, e cattolici e luterani si alternano per assicurare una presenza permanente di preghiera.

Accanto alle attività organizzate dalle chiese o dalle parrocchie, ci sono varie iniziative ecumeniche portate avanti da cristiani molto impegnati. Ne è esempio eloquente l’apertura della prima cappella ecumenica dei santi Giovanni Battista e Maria Maddalena nel piccolo villaggio di Igate: la costruzione della cappella è stata una iniziativa privata. La cappella viene utilizzata da fedeli appartenenti alle quattro maggiori tradizioni cristiane in Lettonia: luterana, cattolica, ortodossa e battista. Il complesso è stato benedetto il 18 gennaio 2013 dai vescovi cattolico, luterano e battista; una delle intenzioni specifiche della popolazione di Igate è quella di pregare per i bambini, nati o non nati, per le loro mamme, e di aiutarli.

Un altro esempio di iniziativa individuale è stato il Gaizins Summit. Un fedele, laico, ha invitato i responsabili delle diverse chiese cristiane lettoni ad incontrarsi insieme per pregare e condividere momenti di amicizia, a Gaizins, sulla più alta collina della Lettonia, ed essi hanno accolto l’invito: per tutta la durata di questi incontri, sono stati sostenuti dalla preghiera e dalle liturgie continuative dei fedeli. Questo incontro è giunto al suo settimo appuntamento, e, col passare degli anni, si sono uniti molti altri responsabili di chiese.

Che cosa ci unisce? È questo il titolo di un giornale lanciato dieci anni fa da un laico, ispirato da un profondo desiderio di unità per la Chiesa. Il primo numero era centrato solo sulla preghiera per l’unità dei cristiani, ma nel tempo i vari numeri si sono occupati di specifici argomenti ecumenici. Il giornale è distribuito gratuitamente nelle comunità locali delle diverse chiese.

La cooperazione ecumenica si può trovare anche nei vari gruppi di preghiera e nelle comunità di Chemin Neuf, Blue Cross, Kalnskola, Effata come pure in progetti di azione sociale quali le cappellanie delle prigioni, il Centro di riabilitazione per persone affette da dipendenze da droga e alcool, la Bethlehem House of Mercy.

In tutti questi movimenti e organizzazioni, nella missione e nella preghiera quotidiane, cristiani di diverse chiese ogni giorno si tendono la mano e contribuiscono all’unità dei cristiani attraverso il loro servizio.

La ricchezza di tutte queste tradizioni religiose della Lettonia si rispecchia nella vita delle famiglie; ci sono molte coppie interconfessionali che affrontano ogni giorno questioni relative alle divisioni che permangono fra le chiese cristiane, quali la celebrazione del matrimonio, la catechesi dei figli, la partecipazione alle liturgie domenicali, e, più importante di tutti per i cristiani praticanti, la santa comunione.

Le famiglie cristiane affrontano, parimenti, anche i problemi presentati dalla moderna società secolarizzata. Particolarmente dedita al servizio alle famiglie, la Fraternità Cana è attiva in Lettonia dal 1994. Dal 2006, in cooperazione con il municipio di Riga, sono stati organizzati Festival ecumenici per famiglie, pensati per attirare l’attenzione su problematiche familiari e rafforzare le famiglie. Tali eventi sono sostenuti soprattutto dalle varie chiese libere presenti in Lettonia, in cooperazione con le tre tradizioni più numerose.

I media sono molto importanti per l’evangelizzazione. Un team ecumenico realizza programmi di stampo cristiano che sono trasmessi regolarmente dalla radio di Stato lettone per promuovere l’unità fra i cristiani. Un centro cattolico di informazioni video, Emanuels, produce un programma televisivo chiamato Vertikale sul Canale 1 della televisione, che mira a mostrare quanto unisce i cristiani, piuttosto che quanto li divide. I produttori del programma cercano testimonianze rese a Cristo fra gli ortodossi, i cattolici, i luterani, i battisti e le altre comunità cristiane. Vi è, inoltre, una stazione radio evangelicale chiamata Letvian Christian Radio che offre molti programmi di rilevanza ecumenica.

La Via Crucis è un appuntamento annuale, che si svolge ogni Venerdì santo nelle strade di molte città lettoni, tra cui: Kuldiga, Valmiera, Madona, Liepāja. A Riga la Via Crucis ecumenica è organizzata dal Catholic Youth Center dell’Arcidiocesi di Riga e raduna insieme migliaia di persone: luterani, battisti, pentecostali e altre chiese insieme a cattolici. La processione è aperta dai vescovi e dai ministri delle varie chiese che camminano fianco a fianco; lasciando intatta la sua tradizionale struttura, questa Via Crucis include anche brani recitati da attori professionisti provenienti dai vari teatri, che appartengono a diverse denominazioni. Questa preghiera unisce i fedeli non solo a livello religioso e spirituale, ma anche culturale. In questo momento di condivisa devozione e riflessione, tutti i cristiani sono uniti dalla preghiera della via della croce: “Ti adoriamo, o Cristo, e Ti benediciamo, perché con la tua santa croce hai redento il mondo”. /p>

III. Sfide al movimento ecumenico

Vi sono rapporti equilibrati e solidi per sviluppare l’ecumenismo in Lettonia, dal momento che nessuna chiesa è dominante e vi sono molte iniziative ecumeniche. Allo stesso tempo, bisogna ammettere che queste attività sono portate avanti da un gruppo abbastanza ristretto di persone, molto aperto alle relazioni ecumeniche, mentre molti cristiani, permangono indifferenti o persino ostili al movimento ecumenico.

Un’altra sfida è costituita dalla mancanza di commissioni di dialogo teologico ufficiale fra le chiese in Lettonia. Molte questioni necessitano di un dialogo ecumenico, e un accordo su questi temi certamente motiverebbe i laici ad essere più impegnati ecumenicamente.

È possibile affermare che lo sviluppo del dialogo ecumenico si basa molto sulle relazioni personali e sull’amicizia che assicura la riuscita di questi eventi ecumenici. In molti casi una chiesa prende l’iniziativa ma la responsabilità per quell’evento poi non è condivisa dalle chiese; solo un gruppo ristretto di entusiasti si assume la maggior parte della responsabilità. Compito delle chiese cristiane è quello di trovare un modo per assicurare una condivisione paritaria delle responsabilità per le iniziative ecumeniche.

Infine, una sfida molto seria per la crescita nella comunione, è costituita dalla situazione politica, che indebolisce i legami di amicizia con i fratelli e le sorelle che appartengono alla Chiesa ortodossa lettone (Patriarcato di Mosca), è perciò necessario individuare nuove prospettive che rendano più profonde le relazioni.

   

Temi della Settimana
di preghiera per l’unità
dei cristiani

elaborati congiuntamente dalla commissione Fede e Costituzione del Consiglio Ecumenico delle Chiese e dal Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani, dal 1968 al 2016

1968 A lode della Sua gloria (Efesini 1, 14)

1969 Chiamati alla libertà (Galati 5, 13)
(Commissione preparatoria riunitasi a Roma, Italia)

1970 Noi siamo i cooperatori di Dio (1 Corinzi 3, 9)
(Commissione preparatoria riunitasi presso il monastero di Niederaltaich, Repubblica Federale Tedesca)

1971 ...E la comunione dello Spirito Santo (2 Corinzi 13, 13)
(Commissione preparatoria riunitasi a Roma, Italia)

1972 Vi do un comandamento nuovo (Giovanni 13, 34)
(Commissione preparatoria riunitasi a Ginevra, Svizzera)

1973 Signore, insegnaci a pregare (Luca 11, 1)
(Commissione preparatoria riunitasi presso l’abbazia di Montserrat, Spagna)

1974 Tutti proclamino: Gesù è Cristo Signore (Filippesi 2, 1-13)
(Commissione preparatoria riunitasi a Ginevra, Svizzera)
Nell’aprile del 1974 viene inviata alle chiese membri e agli organi competenti, una lettera con l’invito ad istituire gruppi locali da coinvolgere nella preparazione del testo per la Settimana di preghiera. Un gruppo australiano è stato il primo ad inaugurare questo nuovo stile, preparando la bozza iniziale della Settimana di preghiera del 1975
.

1975 La volontà del Padre: ricapitolare in Cristo tutte le cose (Efesini 1, 3-10)
(Materiale raccolto da un gruppo dell’Australia — Commissione preparatoria riunitasi a Ginevra, Svizzera)

1976 Chiamati a divenire simili a Lui (1 Giovanni 3, 2)
(Materiale raccolto dalla Conferenza delle chiese dei Caraibi — Commissione preparatoria riunitasi a Roma, Italia)

1977 La speranza poi non delude (Romani 5, 1-5)
(Materiale raccolto da un gruppo del Libano durante la guerra — Commissione preparatoria riunitasi a Ginevra, Svizzera)

1978 Non siete più stranieri (Efesini 2, 13-22)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico di Manchester, Inghilterra)

1979 Al servizio gli uni degli altri, per la gloria di Dio (1 Pietro 4, 7-11)
(Materiale raccolto da un gruppo dell’Argentina — Commissione preparatoria riunitasi a Ginevra, Svizzera)

1979 Al servizio gli uni degli altri, per la gloria di Dio (1 Pietro 4, 7-11)
(Materiale raccolto da un gruppo dell’Argentina — Commissione preparatoria riunitasi a Ginevra, Svizzera)

1980 Venga il Tuo Regno (Matteo 6, 10)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico di Berlino, Repubblica Democratica Tedesca — Commissione preparatoria riunitasi a Milano, Italia)

1981 Un solo Spirito, diversità di doni, un solo Corpo (1 Corinzi 12, 3b-13)
(Materiale raccolto da un gruppo di frati di Graymoor, U.S.A. — Commissione preparatoria riunitasi a Ginevra, Svizzera)

1982 Che tutti trovino in te la loro dimora, Signore (Salmo 84)
(Materiale raccolto da un gruppo del Kenya — Commissione preparatoria riunitasi a Milano, Italia)

1983 Gesù Cristo, vita del mondo (1 Giovanni 1, 1-4)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico dell’Irlanda — Commissione preparatoria riunitasi a Céligny (Bossey), Svizzera)

1984 Chiamati ad essere uno mediante la Croce di Nostro Signore (1 Corinzi 2, 2; Colossesi 1, 20)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico — Commissione preparatoria riunitasi a Venezia, Italia)

1985 Dalla morte alla vita con Cristo (Efesini 2, 4-7)
(Materiale raccolto da un gruppo della Giamaica — Commissione preparatoria riunitasi a Grandchamp, Svizzera)

1986 Voi sarete miei testimoni (Atti 1, 6-8)
(Materiale raccolto da un gruppo della Slovenia — Commissione preparatoria riunitasi presso l’Abbazia cistercense di Stična, Slovenia)

1987 Uniti in Cristo, una nuova Creazione (2 Corinzi 5, 17 - 6, 4a)
(Materiale raccolto da un gruppo dell’Inghilterra — Commissione preparatoria riunitasi a Taizé, Francia)

1988 L’amore di Dio scaccia la paura (1 Giovanni 4, 18)
(Materiale raccolto da un gruppo dell’Italia — Commissione preparatoria riunitasi a Pinerolo, Italia)

1989 Costruire la Comunità: un solo corpo in Cristo”(Romani 12, 5-6a)
(Materiale raccolto da un gruppo del Canada — Commissione preparatoria riunitasi a Whaley Bridge, Inghilterra)

1990 Uniti nella preghiera di Cristo: ‘Che tutti siano uno....affinché il mondo creda’ (Giovanni 17)
(Materiale raccolto da un gruppo della Spagna — Commissione preparatoria riunitasi a Madrid, Spagna)

1991 Lodate il Signore, popoli tutti (Salmo 116(117); Romani 15, 5-13)
(Materiale raccolto da un gruppo della Germania — Commissione preparatoria riunitasi a Rotenburg an der Fulda, Repubblica Federale Tedesca)

1992 Io sono con voi...andate dunque (Matteo 28, 16-20)
(Materiale raccolto da un gruppo del Belgio — Commissione preparatoria riunitasi a Bruges, Belgio)

1993 Portare il frutto dello Spirito per l’Unità dei Cristiani (Galati 5, 22-23)
(Materiale raccolto da un gruppo dello Zaire — Commissione preparatoria riunitasi vicino a Zurigo, Svizzera)

1994 La Casa di Dio: chiamati ad avere un cuor solo ed un’anima sola (Atti 4, 23-37)
(Materiale raccolto da un gruppo dell’Irlanda — Commissione preparatoria riunitasi a Dublino, Repubblica d’Irlanda)

1995 Koinonia: comunione in Dio e tra noi (Giovanni 15, 1-17)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico internazionale di Fede e Costituzione — Commissione preparatoria riunitasi a Bristol, Inghilterra)

1996 Ascoltate, io sto alla porta e busso (Apocalisse 3, 14-22)
(Materiale raccolto da un gruppo del Portogallo — Commissione preparatoria riunitasi a Lisbona, Portogallo)

1997 Vi supplichiamo da parte di Cristo: lasciatevi riconciliare con Dio (2 Corinzi 5, 20)
(Materiale raccolto da un gruppo dei Paesi nordici — Commissione preparatoria riunitasi a Stoccolma, Svezia)

1998 Lo Spirito viene in aiuto della nostra debolezza (Romani 8, 14-27)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico della Francia — Commissione preparatoria riunitasi a Parigi, Francia)

1999 Essi saranno suo popolo ed egli sarà ‘Dio con loro (Apocalisse 21, 1-7)
(Materiale raccolto da un gruppo della Malesia — Commissione preparatoria riunitasi presso il monastero di Bose, Italia)

2000 Benedetto sia Dio che ci ha benedetti in Cristo (Efesini 1, 3-14)
(Materiale raccolto dal Consiglio di chiese del Medio Oriente — Commissione preparatoria riunitasi a La Verna, Italia)

2001 Io sono la Via, la Verità e la Vita (Giovanni 14, 1-6)
(Materiale raccolto da un gruppo della Romania — Commissione preparatoria riunitasi a Vulcan, Romania)

2002 In te è la sorgente della vita (Salmo 36, 6-10)
(Materiale raccolto dalla KEK e dal CCEE — Commissione preparatoria riunitasi ad Asburgo, Germania)

2003 Un tesoro come in vasi di terra (2 Corinzi 4, 5-18)
(Materiale raccolto da un gruppo dell’Argentina — Commissione preparatoria riunitasi a Los Rubios, Spagna)

2004 Io vi lascio la mia pace (Giovanni 14, 23-31)
(Materiale raccolto da un gruppo di Aleppo (Siria) — Commissione preparatoria riunitasi a Palermo, Italia)

2005 Cristo, unico fondamento della Chiesa (1 Corinzi 3, 1-23)
(Materiale raccolto dal Comitato teologico del Consiglio Ecumenico delle Chiese in Slovacchia (Repubblica Slovacca) — Commissione preparatoria riunitasi a Piestaňy, Slovacchia)

2006 Se due o tre si riuniscono per invocare il mio nome, io sono in mezzo
a loro
(Matteo 18, 18-20)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico dell’Irlanda — Commissione preparatoria riunitasi a Prosperous (County Kildare), Irlanda)

2007 Fa sentire i sordi e fa parlare i muti! (Marco 7, 31-37)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico del Sud Africa — Commissione preparatoria riunitasi a Château de Faverges (Haute-Savoie), Francia)

2008 Pregate continuamente! (1 Tessalonicesi 5, 17)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico degli Stati Uniti — Commissione preparatoria riunitasi a Graymoor, (Garrison)New York, USA)

2009 Essere riuniti nella tua mano (cfr. Ezechiele 37, 17)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico della Corea — Commissione preparatoria riunitasi a Marsiglia, Francia)

2010 Voi sarete testimoni di tutto ciò (Luca 24, 48)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico della Scozia — Commissione preparatoria riunitasi a Glasgow, Scozia)

2011 Uniti nell’insegnamento degli apostoli, nella comunione, nello spezzare il pane e nella preghiera (cfr. Atti 2, 42)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico di Gerusalemme — Commissione preparatoria riunitasi a Saydnaya, Siria)

2012 Tutti saremo trasformati dalla vittoria di Gesù Cristo, nostro Signore (cfr. 1 Cor 15, 51-58)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico della Polonia — Commissione preparatoria riunitasi a Varsavia, Polonia)

2013 Quel che il Signore esige da noi (cfr. Mic 6, 6-8)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico dell’India — Commissione preparatoria riunitasi a Bangalore, India)

2014 Cristo non può essere diviso! (1 Cor 1, 1-17)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico del Canada — Commissione preparatoria riunitasi a Montreal, Canada)

2015 Dammi un po’ d’acqua da bere (Gn 4, 7)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico del Brasile — Commissione preparatoria riunitasi a São Paulo, Brasile)

2016 Chiamati per annunziare a tutti le opere meravigliose di Dio (cfr 1 Pietro 2, 9)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico della Lettonia — Commissione preparatoria riunitasi a Riga, Lettonia)

 

Date importanti
nella storia della Preghiera
per l’unità dei cristiani

1740 ca. In Scozia, nascita di un movimento pentecostale con legami in Nord America, il cui nuovo messaggio per il rinnovamento della fede chiamava a pregare per e con tutte le chiese. Il predicatore evangelico Jonathan Edwards invita ad un giorno di preghiera e di digiuno per l’unità, affinché le chiese ritrovino il comune slancio missionario.

1820 Il rev. James Haldane Stewart pubblica “Suggerimenti per l’unione generale dei cristiani per l’effusione dello Spirito” (Hints for the General Union of Christians for the Outpouring of the Spirit).

1840 Il rev. Ignatius Spencer, anglicano entrato poi in piena comunione con la Chiesa Cattolica, propone di istituire “L’Unione di preghiera per l’unità”.

1867 Nel Preambolo alle sue risoluzioni, la prima assemblea dei vescovi anglicani a Lambeth sottolinea l’importanza della preghiera per l’unità, ribadita anche nelle successive assemblee.

1894 Papa Leone XIII, in vari documenti, incoraggia la pratica dell’“Ottavario di preghiere per l’unità” nel contesto della Pentecoste.

1902 Il Patriarca ecumenico di Costantinopoli Joachim III scrive l’Enciclica patriarcale e sinodale Lettera irenica, in cui invita a pregare per l’unione dei credenti in Cristo.

1908 Il rev. Paul Wattson istituisce, e celebra per la prima volta a Graymoor (New York), un “Ottavario di preghiera per l’unità” (Chair of Unity Octave), dal 18 al 25 gennaio, auspicando che divenga pratica comune.

1926 Il movimento Fede e Costituzione inizia la pub­blica­zione dei “Suggeri­menti per l’Ottavario di preghiera per l’unità dei cristiani” (Suggestions for an Octave of Prayer for Christian Unity).

1935 L’abate Paul Couturier, in Francia, promuove la “Settimana universale di preghiera per l’unità dei cristiani” basata sulla preghiera per “l’uni­tà voluta da Cristo, con i mezzi voluti da lui”.

1958 Il Centre Œcuménique Unité Chrétienne di Lione (Francia) inizia la preparazione del materiale per la Settimana di preghiera in colla­borazione con la commis­sione Fede e Costituzio­ne del Consiglio Ecumenico delle Chiese.

1964 A Gerusalemme, il papa Paolo VI e il patriarca Athenagoras I pregano insieme la preghiera di Gesù “che siano tutti una cosa sola” (Gv 17, 21).

1964 Il Decreto sull’ecumenismo del Concilio Vati­cano II, sottolinea che la preghiera è l’anima del Movimen­to ecumenico, ed incoraggia l’osser­van­za della Setti­mana di preghiera.

1966 La commissione Fede e Costituzione del Consiglio Ecumenico delle Chiese ed il Segretariato per la Promozione dell’Unità dei Cristiani (attuale Ponti­ficio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani) decidono di preparare congiunta­mente ogni anno il testo ufficiale della Settimana di preghiera.

1968 Per la prima volta la Preghiera per l’unità viene celebrata in base al testo elaborato in collabo­razione tra la commissione Fede e Costituzione e il Segretariato per la Promozione dell’Unità dei Cristiani (attuale Ponti­ficio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani).

1975 La Preghiera per l’unità si basa, per la prima volta, su un testo preparato da un gruppo ecumenico locale, australiano; il testo verrà in seguito sottoposto alla commissione Fede e Costituzione e al ­Segretariato per la Promozione dell’Unità dei Cristiani (attuale Ponti­ficio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani).

1988 Il materiale per la Settimana di preghiera per l’unità viene utilizzato in occasione della celebrazione inaugurale della fondazione della Federazione Cristiana in Malesia (The Christian Federation of Malaysia), organismo di collegamento fra le maggiori confessioni cristiane del paese.

1996 Il testo del 1996 viene redatto con la partecipazione di due organizzazioni ecumeniche laiche: l’Associazione cristiana della gioventù maschile (Young Men Christian Association, YMCA) e l’Associazione cristiana della gioventù femminile (Young Women Christian Association, YWCA).

2004 Viene stipulato un accordo che giova molto al rafforzamento della collaborazione: il materiale per la Settimana di preghiera per l’unità viene prodotto e pubblicato congiuntamente, con formato unico per le versioni inglese e francese, dalla commissione Fede e Costituzione (Consiglio Ecumenico delle Chiese) e dal Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani (Chiesa Cattolica).

2008 Viene celebrato solennemente, in tutto il mondo, con vari eventi, il primo centenario della Settimana di preghiera per l’unità, il cui tema “Pregate continuamente!” (1Ts 5, 17) manifesta la gioia per i cento anni di comune preghiera e per i risultati raggiunti.

2010 Viene celebrato solennemente, ad Edimburgo e in tutto il mondo, con vari eventi, il primo centenario della Conferenza missionaria di Edimburgo, data che segna anche l’inizio del Movimento ecumenico moderno.

     
* Il testo è pubblicato sotto la sola autorità e responsabilità del Gruppo ecumenico della Lettonia che si è riunito per stilare il testo della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani 2016.

 

top