The Holy See
back up
Search
riga

 PONTIFICIO CONSIGLIO PER LA PROMOZIONE DELL'UNITÀ DEI CRISTIANI

 

Testi per
La Settimana
di preghiera per l’unità dei cristiani
e per tutto l’anno 2019

Cercate di essere veramente giusti

(Dt 16, 18-20) 

 

Congiuntamente preparati e pubblicati da

Pontifício Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani
Commissione Fede e Costituzione del Consiglio ecumenico delle Chiese



SUGGERIMENTI PER L’ORGANIZZAZIONE
DELLA SETTIMANA DI PREGHIERA PER L’UNITÀ DEI CRISTIANI

Cercare l’unità: un impegno per tutto l’anno

La data tradizionale per la celebrazione della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, nell’emisfero nord, va dal 18 al 25 gennaio, data proposta nel 1908 da padre Paul Wattson, perché compresa tra la festa della cattedra di san Pietro e quella della conversione di san Paolo; assume quindi un significato simbolico. Nell’emisfero sud, in cui gennaio è periodo di vacanza, le chiese celebrano la Settimana di preghiera in altre date, per esempio nel tempo di Pentecoste (come suggerito dal movimento Fede e Costituzione nel 1926), periodo altrettanto simbolico per l’unità della Chiesa.

Consapevoli di una tale flessibilità nella data della Settimana, incoraggiamo i fedeli a considerare il materiale presentato in questa sede come un invito a trovare opportunità in tutto l’arco dell’anno per esprimere il grado di comunione già raggiunto tra le chiese e per pregare insieme per il raggiungimento della piena unità che è il volere di Cristo stesso.

Adattamento del testo

Il testo viene proposto con l’avvertenza che, ove possibile, sia adattato agli usi locali, con particolare attenzione alle pratiche liturgiche nel loro contesto socio-culturale e alla dimensione ecumenica.

In alcune località già esistono strutture ecumeniche in grado di realizzare questa proposta, ma ove non esistessero se ne auspica l’attuazione.

Utilizzo del testo

§  Per le chiese e comunità cristiane che celebrano la Settimana di preghiera in una singola liturgia comune viene offerto un servizio di culto ecumenico.

§  Le chiese e comunità cristiane possono anche inserire il testo della Settimana di preghiera in un servizio liturgico proprio. Le preghiere della celebrazione ecumenica della parola di Dio, gli “otto giorni”, nonché le musiche e le preghiere aggiuntive possono essere utilizzate a proprio discernimento.

§  Le comunità che celebrano la Settimana di preghiera in ogni giorno dell’ottavario, durante la loro preghiera, possono trarre spunti dai temi degli “otto giorni”.

§  Coloro che desiderano svolgere studi biblici sul tema della Settimana di preghiera possono usare come base i testi e le riflessioni proposte negli “otto giorni”. Ogni giorno l’incontro può offrire l’occasione per formulare preghiere di intercessione conclusive.

§  Chi desidera pregare privatamente per l’unità dei cristiani può trovare utile questo testo come guida per le proprie intenzioni di preghiera. Ricordiamo che ognuno di noi si trova in comunione con i credenti che pregano nelle altre parti del mondo per costruire una più grande e visibile unità della Chiesa di Cristo.

Cercare l’unità: un impegno per tutto l’anno

La data tradizionale per la celebrazione della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, nell’emisfero nord, va dal 18 al 25 gennaio, data proposta nel 1908 da padre Paul Wattson, perché compresa tra la festa della cattedra di san Pietro e quella della conversione di san Paolo; assume quindi un significato simbolico. Nell’emisfero sud, in cui gennaio è periodo di vacanza, le chiese celebrano la Settimana di preghiera in altre date, per esempio nel tempo di Pentecoste (come suggerito dal movimento Fede e Costituzione nel 1926), periodo altrettanto simbolico per l’unità della Chiesa.

Consapevoli di una tale flessibilità nella data della Settimana, incoraggiamo i fedeli a considerare il materiale presentato in questa sede come un invito a trovare opportunità in tutto l’arco dell’anno per esprimere il grado di comunione già raggiunto tra le chiese e per pregare insieme per il raggiungimento della piena unità che è il volere di Cristo stesso.

Adattamento del testo

Il testo viene proposto con l’avvertenza che, ove possibile, sia adattato agli usi locali, con particolare attenzione alle pratiche liturgiche nel loro contesto socio-culturale e alla dimensione ecumenica.

In alcune località già esistono strutture ecumeniche in grado di realizzare questa proposta, ma ove non esistessero se ne auspica l’attuazione.

Utilizzo del testo

§  Per le chiese e comunità cristiane che celebrano la Settimana di preghiera in una singola liturgia comune viene offerto un servizio di culto ecumenico.

§  Le chiese e comunità cristiane possono anche inserire il testo della Settimana di preghiera in un servizio liturgico proprio. Le preghiere della celebrazione ecumenica della parola di Dio, gli “otto giorni”, nonché le musiche e le preghiere aggiuntive possono essere utilizzate a proprio discernimento.

§  Le comunità che celebrano la Settimana di preghiera in ogni giorno dell’ottavario, durante la loro preghiera, possono trarre spunti dai temi degli “otto giorni”.

§  Coloro che desiderano svolgere studi biblici sul tema della Settimana di preghiera possono usare come base i testi e le riflessioni proposte negli “otto giorni”. Ogni giorno l’incontro può offrire l’occasione per formulare preghiere di intercessione conclusive.

§  Chi desidera pregare privatamente per l’unità dei cristiani può trovare utile questo testo come guida per le proprie intenzioni di preghiera. Ricordiamo che ognuno di noi si trova in comunione con i credenti che pregano nelle altre parti del mondo per costruire una più grande e visibile unità della Chiesa di Cristo.

 

TESTO BIBLICO

(Deuteronomio 16, 11-20)

“Andrete nel luogo che il Signore avrà scelto come sede del suo culto, davanti a lui, farete festa voi, i vostri figli e le figlie, i vostri schiavi e le schiave, i leviti che abiteranno nelle vostre città, i forestieri, gli orfani e le vedove che saranno in mezzo a voi. Non dimenticate che siete stati schiavi in Egitto: osserverete e metterete in pratica queste leggi. Quando avrete finito di trebbiare il grano e di pigiare l’uva, celebrerete per sette giorni la festa delle Capanne. In quell’occasione farete festa voi, i vostri figli e le figlie, i vostri schiavi e le schiave, i leviti, i forestieri, gli orfani e le vedove che abiteranno nelle vostre città. Farete festa per sette giorni in onore del Signore, vostro Dio, nel luogo che egli avrà scelto. Sarete pieni di gioia, perché il Signore, vostro Dio, vi avrà benedetto con un raccolto abbondante e con il successo del vostro lavoro. Tre volte all’anno gli uomini si presenteranno al Signore, vostro Dio, nel luogo che egli avrà scelto: per la festa dei Pani non lievitati, per la festa delle Settimane e per la festa delle Capanne. Nessuno osi presentarsi al santuario del Signore a mani vuote, ma ciascuno farà un’offerta nella misura della benedizione che il Signore, vostro Dio, gli avrà dato.

In tutte le città che il Signore, vostro Dio, sta per darvi, nominerete giudici e magistrati per ogni tribù. Essi amministreranno la giustizia per il popolo in modo imparziale. Non deviate il corso della giustizia e non fate preferenze. Non accettate regali, perché il regalo rende ciechi i sapienti e corrompe le decisioni dei giusti. Cercate di essere veramente giusti e così resterete in vita e possederete la terra che il Signore, vostro Dio, sta per darvi”.

 

Testi biblici tratti da: Parola del Signore. La Bibbia. Nuova versione interconfessionale in lingua corrente, Elledici-Alleanza Biblica Universale, Torino-Roma 2014.

 

INTRODUZIONE TEOLOGICO-PASTORALE

“Cercate di essere veramente giusti”

(Deuteronomio 16, 18-20)

In tutto il mondo, come cristiani, ci riuniamo in preghiera per crescere nell’unità. Lo facciamo in un mondo in cui la corruzione, l’avidità, l’ingiustizia causano disuguaglianza e divisione. La nostra è una preghiera unita in un mondo frantumato, per questo è incisiva. Ciò nonostante, come singoli e come comunità siamo spesso complici di ingiustizie, laddove, invece, come cristiani siamo chiamati a rendere una testimonianza comune in favore della giustizia, e ad essere uno strumento della grazia guaritrice di Dio in un mondo lacerato.

La Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani 2019 è stata preparata dai cristiani dell’Indonesia. Con una popolazione di 265 milioni di persone, di cui l’86% si professa musulmano, l’Indonesia conta la più ampia maggioranza musulmana rispetto ad ogni altro paese. Vi è, però, un 10% di indonesiani costituito da cristiani di varie tradizioni. Sia per popolazione che per vastità del territorio, l’Indonesia è la nazione più estesa del Sud-Est asiatico. Conta più di 17.000 isole, 1.340 differenti gruppi etnici e oltre 740 idiomi locali, e tuttavia è unita da una lingua nazionale, l’indonesiano bahasa. La nazione è fondata su cinque pilastri basilari chiamati Pancasila, con il motto Bhineka Tunggal Ika (Unità nella diversità). In questa diversità di etnia, lingua, e religione, gli indonesiani hanno vissuto secondo il principio di gotong royong che significa “vivere nella solidarietà e nella collaborazione”. Ciò implica il condividere tutti gli aspetti della vita, del lavoro, i dolori e le feste, e considerare tutti gli indonesiani come fratelli e sorelle.

Questa armonia sempre fragile è oggi minacciata in modi nuovi. La crescita economica che l’Indonesia ha registrato nelle recenti decadi è stata costruita su un sistema competitivo nella sostanza, in netto contrasto con la collaborazione del gotong royong. La corruzione si manifesta in varie forme; colpisce la politica e il mondo degli affari, spesso con conseguenze devastanti per l’ambiente; mina la giustizia e l’applicazione della legge. Troppo spesso coloro che devono promuovere la giustizia e proteggere i deboli, agiscono in modo contrario; di conseguenza, si allarga il divario tra ricchi e poveri, e così un paese ricco di risorse soffre lo scandalo di avere molta popolazione che vive in povertà. Come recita un detto tradizionale indonesiano: “Un topo muore di fame in un fienile colmo di riso”. Allo stesso tempo, alcuni particolari gruppi etnici o religiosi sono spesso associati alla ricchezza in modi che hanno sovente alimentato tensioni. La radicalizzazione scava un solco che allontana le comunità ed è esasperata dal cattivo utilizzo dei social media che demonizza alcune comunità in particolare.

In tale contesto le comunità cristiane diventano consapevoli della loro unità quando convergono in una comune attenzione e una comune risposta ad una realtà di ingiustizia. Nel contempo, a fronte di queste ingiustizie siamo obbligati, come cristiani, ad esaminare i modi in cui possiamo essere stati coinvolti in queste forme di ingiustizia. Solo ascoltando la preghiera di Gesù “che tutti siano una cosa sola” (Gv 17, 21) possiamo testimoniare di vivere l’unità nella diversità. È attraverso la nostra unità in Cristo che saremo in grado di combattere l’ingiustizia e di offrire quanto necessario alle sue vittime.

Mossi da tale preoccupazione, i cristiani in Indonesia hanno trovato che le parole del Deuteronomio “Cercate di essere veramente giusti” (Dt 16, 18-20) parlassero in modo vigoroso della loro situazione e delle loro necessità.

Prima di entrare nella terra promessa, il popolo di Dio rinnova l’impegno all’Alleanza che Egli ha stabilito con loro. La pericope si trova in un capitolo il cui tema centrale sono le festività da celebrare. Dopo ogni festeggiamento, il popolo è istruito: “[…] farete festa voi, i vostri figli e le figlie, i vostri schiavi e le schiave, i leviti, i forestieri, gli orfani e le vedove che abiteranno nelle vostre città” (Dt 16, 14).

I cristiani indonesiani cercano di riscoprire quello stesso spirito di feste condivise tra le comunità, che c’era in passato. Al termine di questo capitolo può sembrare strana l’inclusione di due versetti sulla nomina dei giudici, ma nel contesto indonesiano il legame tra le festività di tutti e la giustizia appare vitale. Quale popolo dell’Alleanza stabilita in Gesù, sappiamo che le delizie del banchetto celeste saranno date a quelli che hanno fame e sete di giustizia e che sono perseguitati perché Dio “ha preparato in cielo una grande ricompensa” (Mt 5, 12).

La Chiesa di Cristo è chiamata ad essere primizia di questo regno. Tuttavia, se rimaniamo nella nostra disunione, presto falliremo e non riusciremo ad essere segno dell’amore di Dio per il suo popolo. Così come l’ingiustizia ha fomentato la divisione che ha deteriorato la società indonesiana, ha anche alimentato le divisioni nella Chiesa. Ci pentiamo dell’ingiustizia che causa divisioni, e come cristiani crediamo anche nella potenza di Cristo che perdona e guarisce. E così, ci troviamo uniti sotto la croce di Cristo, invocando sia la sua grazia per combattere l’ingiustizia, che la sua misericordia per i peccati che hanno causato la nostra divisione. 

La riflessione per gli otto giorni e la celebrazione ecumenica sono incentrate sul tema principe del versetto. Per approfondire la nostra riflessione sull’unità e sulla giustizia, il tema di ciascun giorno è stato scelto con attenzione per presentare lotte che sono il risultato di situazioni di ingiustizia. I temi sono:

Giorno 1: Il diritto scorra come acqua di sorgente (Amos 5, 24)
Giorno 2: Semplicemente, dite ‘sì’ quando è ‘sì’ e ‘no’ quando è ‘no’ (Matteo 5, 37)
Giorno 3: Il Signore è bontà e misericordia con tutti (Salmo 145[144], 8)
Giorno 4: Contentatevi di quel che avete (Ebrei 13, 5)
Giorno 5: Portate il lieto messaggio ai poveri (Luca 4,18)
Giorno 6: Il suo nome è: il Signore dell’universo (Geremia 10, 16)
Giorno 7: O donna, davvero la tua fede è grande! (Matteo 15, 28)
Giorno 8: Il Signore è mia luce e mia salvezza (Salmo 27[26], 1)

 

LA PREPARAZIONE DEL MATERIALE
PER LA SETTIMANA DI PREGHIERA
per l’unità dei cristiani 2019

 

Il lavoro preparatorio del sussidio della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani 2019 è stato svolto da un gruppo di rappresentanti di diverse Comunità cristiane in Indonesia. Questo Gruppo ecumenico è stato cooptato dalla Comunione delle chiese in Indonesia (Persekutuan Gereja-gereja Indonesia, PGI) sotto la leadership della Rev. Dr Henriette T. Hutabarat Lebang, e della Conferenza episcopale indonesiana (Konferensi Waligereja Indonesia, KWI) sotto la presidenza di Mons. Ignatius Suharyo. Esprimiamo la nostra gratitudine, in particolare ai responsabili della PGI e della KWI, così come a tutti coloro che hanno contribuito alla stesura di questo materiale:

§  Ms Rahel Daulay, M.L.M. (Church Musician e Lecturer, Jakarta Theological Seminary, Methodist Church in Indonesia)

§  Rev. Dr Junifrius Gultom (Director, Graduate Program, Bethel Theological Seminary in Indonesia, Indonesian Bethel Church)

§  Rev. Dr Justitia Vox Dei Hattu (Lecturer, Jakarta Theological Seminary, e Minister, Protestant Church in Moluccas)

§  Rev. Dr Henriette T. Hutabarat Lebang (General Chairperson, Communion of Churches in Indonesia, Toraja Church)

§  Rev. Irene Umbu Lolo, M. Th. (Minister, Christian Church of Sumba)

§  Mr Williams Bill Mailoa,  S.Si. (Teol.)  (Member, Liturgy and Church Music Division, Indonesian Christian Church)

§  Rev. Yolanda Pantou (Commissioner, Faith and Order, e  Minister, Indonesian Christian Church)

§  Rev. Fr Yohanes Rusae, Lic.Lit., (Secretary, Liturgical Commission, Catholic Bishops’ Conference of Indonesia)

§  Ms Susan Fr. Sahusilawane, S.Si. (Teol.) (Staff, World Vision Indonesia e Member, Liturgy and Church Music Resource Centre, Jakarta Theological Seminary, Protestant Christian Church in Western Indonesia)

§  Rev. Fr Agus Ulahay (Executive Secretary, Commission for Ecumenical and Interreligious Affairs, Catholic Bishops’ Conference of Indonesia)

§  Rev Sri Yuliana, M. Th. (Executive Secretary, Unity and Church Renewal, Communion of Churches in Indonesia, Christian Church of Southern Sumatra).

 

Il materiale per questa Settimana è stato presentato dal Gruppo ecumenico locale alla Commissione internazionale coordinata congiuntamente dalla Commissione Fede e costituzione (Consiglio ecumenico delle chiese) e dal Pontificio consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani (Chiesa cattolica). Il presente testo è stato revisionato e redatto nella sua stesura finale durante l’incontro tenutosi presso la Guests’ House della PGI a Giacarta dal 3 all’8 settembre 2017.

La Commissione internazionale ha avuto l’occasione di pregare con la congregazione Gereja Toraja Jemaat Kota e Gereja Katolik Santo Yakobus, entrambe a Kelapa Gading, Giacarta. Una visita presso il Beautiful Indonesia Miniature Park ha aiutato i membri della Commissione a comprendere la ricchezza e la diversità delle varie culture e religioni del popolo indonesiano ed anche i principi base che uniscono questa grande nazione. Una sessione di scambio con alcuni membri dell’Indonesian Christian Forum ha anche arricchito la comprensione della comunione ecumenica esistente tra le chiese in Indonesia e il suo ruolo nella costruzione di una società pacifica e giusta nel paese.

L’ultimo giorno dell’incontro la Commissione Internazionale ha avuto l’opportunità di presentare la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani e l’utilizzo del relativo sussidio nei diversi contesti ad un gruppo di studenti e docenti del Jakarta Theological Seminary (JTS) ed anche ad alcuni capi delle chiese e laici del campus universitario del JTS. I membri dell’organico della Commissione Fede e costituzione del Consiglio ecumenico delle chiese hanno anche presentato il testo, pubblicato dalla stessa Commissione, The Church. Towards a Common Vision (Una comprensione comune della Chiesa), che è stato tradotto in indonesiano bahasa.

La Commissione internazionale desidera ringraziare sia i responsabili della Communion of Churches in Indonesia per la generosa ospitalità presso la Guest House che l’intero staff per aver reso confortevole la loro permanenza, soprattutto la Rev. Sri Yuliana e Mr Abdiel Tanias. Desiderano anche esprimere la loro gratitudine per il sostegno ricevuto dallo staff della Conferenza episcopale indonesiana, in particolare il Rev. Fr Agus Ulahay. La Commissione desidera anche esprimere vivo apprezzamento ai responsabili e allo staff del Jakarta Theological Seminary per averli coadiuvati nell’organizzare una giornata di studio/seminario presso il loro campus.

 

CELEBRAZIONE ECUMENICA DELLA PAROLA DI DIO

“Cercate di essere veramente giusti”

(Deuteronomio 16, 18-20)

 

Introduzione 

La celebrazione ecumenica sottolinea l’importanza di passare dal piano teorico del discorso sull’unità, la giustizia e la misericordia, all’impegno pratico e concreto con azioni di unità, giustizia e misericordia nella nostra vita personale e nella vita delle nostre comunità cristiane.

Due particolari elementi vanno evidenziati nella preparazione della celebrazione.

Il primo riguarda la scelta dei lettori per la Preghiera di pentimento: è importante che il primo lettore (L1) sia un ministro ordinato o un leader della comunità, mentre gli altri due lettori devono essere membri della comunità.

Il secondo elemento riguarda l’azione simbolica della liturgia che ha luogo dopo l’Impegno per la giustizia, la misericordia e l’unità. È necessario che siano preparati due cartoncini per ogni persona. Durante la celebrazione, i partecipanti saranno invitati a riflettere sul modo in cui essi potranno impegnarsi concretamente ad un particolare atto di giustizia, di misericordia o di unità. Saranno poi invitati a scrivere su ciascuno dei due cartoncini questo loro particolare impegno. Ciascuna persona si appunta sul proprio vestito uno di questi due cartoncini. Il secondo cartoncino verrà raccolto durante l’offerta e posto ai piedi della croce. Al termine della celebrazione, questi cartoncini verranno distribuiti a ciascun partecipante affinché ciascuno possa pregare per l’impegno dell’altro.

 

Struttura della celebrazione

 

C.:    Celebrante  
T.:   
Tutti 
L.:    Lettore

I. Raduno

C:     Adoriamo Dio, Uno e Trino,
         O Dio nostro Padre, Tu governi il creato con giustizia e misericordia,

T:     Noi Ti adoriamo.

C:     Cristo Gesù, la tua croce porta nuova vita e nuova giustizia,

T:     Noi Ti adoriamo.

C:     Santo Spirito, Tu ispiri il nostro cuore ad agire con giustizia,

T:     Noi Ti adoriamo.

C:     La grazia del Signore Gesù Cristo, l’amore di Dio Padre
         e la comunione con lo Spirito Santo siano con tutti voi,

T:     E con il tuo spirito.

 

Canto di ingresso (a scelta delle comunità nei diversi contesti locali)

Saluto di benvenuto

C:     Come cristiani appartenenti a comunità ancora separate, siamo qui riuniti per pregare per l’unità. Quest’anno il tema della Settimana di preghiera per l’unità, scelto dalle chiese in Indonesia, è: “Cercate di essere veramente giusti” (Dt 16, 18-20), che costituisce un imperativo, a motivo delle ricorrenti situazioni che portano divisione e conflitti. Mentre preghiamo insieme, facciamo memoria della nostra comune chiamata, quali membra del corpo di Cristo, a perseguire e incarnare la giustizia. La nostra unità in Cristo ci abilita a prendere parte attiva alla lotta in favore della giustizia e per la promozione della dignità della vita.

Inno di lode 

II. Preghiera di pentimento

C:     Cari Fratelli e sorelle, confessiamo davanti a Dio i nostri peccati e chiediamo perdono affinché la nostra preghiera sia gradita a Dio.

L.1: (letta da un ministro ordinato o da un responsabile della comunità)

O Dio compassionevole, ci hai scelto per guidare il tuo gregge. Gesù, tuo Figlio, ci ha insegnato ad agire con giustizia. Siamo consapevoli che nel nostro ministero talvolta ci comportiamo ingiustamente verso le persone che Tu ci hai affidato, preferendo coloro che ci sono più vicini o che hanno una migliore posizione sociale, e ignorando gli stranieri, i poveri e gli ultimi della società; avendo paura di difendere gli oppressi, usando male le nostre risorse di chiese. Tali atteggiamenti hanno allontanato molte persone dalla tua Chiesa.

Signore, pietà!

T:     Signore, pietà! (Può essere cantato)

L.2:  (letta da un membro della comunità)

O Dio ricco di amore, Tu ci hai radunato quali parti del tuo gregge. Il tuo Figlio Gesù ci ha insegnato ad amarci reciprocamente come segno del nostro essere suoi discepoli. Confessiamo di aver mancato di vivere questo comandamento dell’amore, guardando ai membri delle altre chiese come a rivali, essendo ostili gli uni verso gli altri e ritrosi nel perdonare, pensando solo al nostro interesse personale, ignorando la necessità dei nostri fratelli e delle nostre sorelle, escludendo quanti non la pensavano come noi. In questo modo il nostro atteggiamento rafforza il muro di divisione tra di noi.

Signore, pietà!

T:     Signore, pietà! (Può essere cantato)

L.3: (letta da un’altra persona)

O Dio ricco di grazia, ci hai raccomandato di fare della nostra casa comune un luogo di giustizia per tutti. Nel tuo amore generoso, Tu fai piovere sui giusti e sugli ingiusti, e, in Gesù, ci insegni ad amare senza esclusione. Confessiamo di esser venuti meno a questo insegnamento, mancando di rispetto al nostro prossimo, diffondendo falsità attraverso i social media, prendendo parte alla distruzione dell’armonia sociale. La nostra condotta rischia di fare del mondo un terreno arido che non fa fiorire più la tua giustizia per tutto il creato.

Signore, pietà!

T:     Signore, pietà! (Può essere cantato)   

C:     Dio abbia misericordia di noi, perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna.

T:     Amen.

 

Inno/Canto/Musica meditativa

III. Proclamazione della Parola del Signore

Prima Lettura: Deuteronomio 16, 11-20

Salmo responsoriale Salmo: 82[81], 1-8 (Può essere letto o cantato)

 

Responso: Sorgi, o Dio, a giudicare il mondo.

Nell’assemblea divina Dio prende la parola,
in mezzo agli dèi egli giudica:
“Fino a quando emetterete sentenze ingiuste,
sostenendo i privilegi dei malvagi?

T: Sorgi, o Dio, a giudicare il mondo.

Fate giustizia al debole e all’orfano,
difendete il povero e lo sfruttato!
Liberate il debole e l'oppresso,
strappateli dalle mani dei prepotenti!”.

T: Sorgi, o Dio, a giudicare il mondo.

Ma quelli non ragionano,
non vogliono capire,
come ciechi camminano nel buio,
fanno vacillare le sorti del mondo.
T: Sorgi, o Dio, a giudicare il mondo.

E io dichiaro: “Voi siete dèi,
tutti figli del Dio altissimo
Eppure, morirete come ogni uomo,
cadrete come tutti i potenti”.

Sorgi, o Dio, a giudicare il mondo,
perché tue sono tutte le nazioni.

T: Sorgi, o Dio, a giudicare il mondo.

 

Seconda lettura: Romani 12, 1-13

Alleluia (cantato)

Vangelo: Luca 4, 14-21

Alleluia (cantato)

Omelia/Sermone

 

IV. Impegno per la giustizia, la misericordia e l’unità

C.:    Gesù Cristo ha pregato per l’unità dei suoi discepoli;
         il dono della sua vita è giustizia per il mondo.

L.1:  Come membra del Corpo di Cristo, siamo chiamati a camminare insieme nella sua via,

L.2:  Ascoltiamo la sua chiamata.

T:     O Santo Spirito, rendici uniti nell’impegno concreto.

L.1:  Come membra del Corpo di Cristo, siamo chiamati a mantenere la nostra vita libera dall’amore per il denaro, e ad accontentarci di quel che abbiamo,

L.2:  Spezziamo la catena dell’avidità e viviamo in semplicità.

T:     O Santo Spirito, rendici uniti nell’impegno concreto.

L.1:  Come membra del Corpo di Cristo, siamo chiamati a proclamare la liberazione ai prigionieri e alle vittime di ogni forma di violenza,

L.2:  Aiutiamoli a vivere con dignità.

T:     O Santo Spirito, rendici uniti nell’impegno concreto.

L.1:  Come membra del Corpo di Cristo, siamo chiamati ad estendere l’ospitalità allo straniero,

L.2:  Gareggiamo a vicenda nel rispetto verso il prossimo.

T:     O Santo Spirito, rendici uniti nell’impegno concreto.

L.1:  Come membra del Corpo di Cristo, siamo chiamati a proclamare l’evangelo all’intera creazione,

L.2:  Proteggiamo la vita e la bellezza del creato di Dio.

T:     O Santo Spirito, rendici uniti nell’impegno concreto.

C.:    Per rendere concreto il nostro impegno individuale ad operare insieme per la giustizia, siete invitati a scrivere il vostro impegno su entrambi i cartoncini che vi sono stati dati: tenete uno di questi due cartoncini stretto al vostro cuore, e deponete l’altro nel cestino delle offerte.

(Un canto sul tema dell’unità o della giustizia può accompagnare il rito, mentre i partecipanti scrivono il loro impegno).

Offerta

C.:    “Il Signore ha insegnato agli uomini quel che è bene, quel che esige da noi: praticare la giustizia, ricercare la bontà e vivere con umiltà davanti al nostro Dio” (Mic 6, 8). Ci impegniamo a compiere atti di giustizia. 

(A questo punto un ministro raccoglie il secondo biglietto e lo pone nel cestino delle offerte, che depone ai piedi della croce).

C.:    O Dio ricco di grazia,

Tu ci hai mostrato la tua compassione e la tua cura per il creato. Il tuo Amore ci ispira ad offrire questo impegno per agire secondo giustizia, amando gli altri con tutto il cuore, senza tener conto della loro condizione sociale, etnica o religiosa. Accetta ora le nostre offerte e trasformale in azione per l’unità della tua Chiesa.  Te lo chiediamo per Gesù Cristo, tuo Figlio, nella Potenza dello Spirito Santo che regna con te, un solo Dio nei secoli dei secoli.

T:     Amen.  

Scambio della pace

(Il celebrante invita a scambiare il segno della pace, per proclamare insieme la nostra fede)

V. Professione di fede

Si può usare il Credo Niceno-Costantinopolitano, il Credo degli Apostoli o un’altra affermazione di fede, ad esempio il rinnovo delle promesse battesimali.

VI. Intenzioni dei fedeli e Padre Nostro

Intenzioni dei fedeli

C.:    Eleviamo al Signore la nostra comune preghiera per la Chiesa e per le necessità di tutta l’umanità.

 

L.:    Dalle isole e dall’oceano

         ti adoriamo o Signore, Creatore della vita,

         dalle montagne e dalle valli,

         ti lodiamo, o Signore, Salvatore del mondo.

         Con ogni lingua e da ogni nazione

         ti rendiamo grazie, o Signore, Consolatore dell’anima e del corpo.

         Ci presentiamo a te, portando i nostri fardelli e le nostre speranze.

         Te lo chiediamo oggi:

T.:    O Signore, ascolta la nostra preghiera e donaci il tuo amore.

 

L.:    Preghiamo per quanti vivono nell’ingiustizia:

         dacci il coraggio di far sentire la loro voce e di rafforzare la loro speranza.

         Preghiamo per quanti continuano a perpetrare ingiustizie:

         fa’ che la tua bontà riempia i loro cuori e rendici operatori di libertà e di pace.

         Preghiamo per ogni persona o istituzione che opera per la giustizia:

         fa’ che operiamo giustamente secondo la tua parola.      

         Te lo chiediamo oggi:

T.:    O Signore, ascolta la nostra preghiera e donaci il tuo amore.

 

L.:    Preghiamo per l’unità visibile della Chiesa:

         guidaci nell’adempiere la preghiera di Gesù che tutti siano una sola cosa,

         e lavorino insieme per rendere visibile il tuo regno

         Te lo chiediamo oggi:

T.:    O Signore, ascolta la nostra preghiera e donaci il tuo amore.

 

L.:    Ti rendiamo grazie per la varietà di colori, culture

         e usanze che condividiamo in questo mondo.

         Nella nostra differenza, uniscici con il tuo amore,

         rendici capaci di agire insieme per difendere la vita

         e fa’ che questo mondo sia una dimora di giustizia e di pace per tutta l’umanità.

         Te lo chiediamo oggi:

T.:    O Signore, ascolta la nostra preghiera e donaci il tuo amore.

 

Padre Nostro

Inno/Canto

VII. Congedo

C.:    Mentre vi congedate da questa assemblea, vi sarà dato un cartoncino con l’indicazione di un impegno. Vi invitiamo a pregare per l’intenzione scritta sul biglietto.

 

Benedizione

C.:    Il Signore vi abbracci con il suo amore

e faccia scorrere fiumi di bontà attraverso di voi.

Il Signore accenda in voi il coraggio

e vi trasformi in operatori della sua giustizia e della sua pace.

         Il Signore vi doni l’umiltà

         e vi dia perseveranza nel far crescere l’unità.

T:     Amen!

 

(Vengono distribuiti i cartoncini con le intenzioni).

 

LETTURE BIBLICHE, COMMENTI E PREGHIERE
PER OGNI GIORNO DELLA SETTIMANA

 

Primo giorno

Il diritto scorra come acqua di sorgente 
(Amos 5, 24)

 

Amos 5, 22-25

Luca 11, 37-44

Commento

A volte noi cristiani siamo molto dediti alla preghiera e al culto, ma meno impegnati a favore dei poveri e degli emarginati. A volte preghiamo in chiesa, ma nello stesso tempo opprimiamo il nostro prossimo o sfruttiamo l’ambiente. I cristiani in Indonesia riconoscono che nella loro terra ci sono persone che cercano con impegno di mettere in pratica la loro fede, ma allo stesso tempo opprimono le persone di altre fedi, a volte ricorrendo perfino all’uso della violenza. Nel vangelo di Luca, però, Gesù ci ricorda che il segno esterno del vero culto a Dio consiste nel praticare la giustizia. Egli è molto duro nella sua condanna contro coloro che trascurano questo obbligo.

Nella profezia di Amos, Dio rigetta l’offerta di coloro che trasgrediscono la giustizia, fino a che “Il diritto scorra come acqua di sorgente, e la giustizia come un torrente sempre in piena”. Il profeta insiste sull’assoluto legame tra prestare culto e agire secondo giustizia. Quando i cristiani lavorano insieme per ascoltare il grido dei poveri e degli oppressi, crescono nella comunione tra loro e con Dio.

Preghiera

O Dio della vedova, dell’orfano e dello straniero,
Tu ci hai mostrato il sentiero della giustizia.
Aiutaci a seguire la tua via praticando la giustizia quale vero culto a te.
Fa’ che noi cristiani possiamo, uniti, adorarti
non solo con il nostro cuore e la nostra mente,
ma anche con le nostre opere.
Possa lo Spirito Santo sostenere e guidare il nostro lavoro
per la giustizia ovunque siamo,
e possano molti essere rincuorati dal nostro impegno.
Nel nome di Gesù. Amen.

 

Secondo giorno

Semplicemente, dite ‘sì’ quando è ‘sì’ e ‘no’ quando è ‘no’ 
(Matteo 5, 37)

 

Efesini 4, 22-25

Matteo 5, 33-37

Commento

La violenza contro gli esseri umani non consiste solo nell’attacco fisico o nel furto, ma anche nel pettegolezzo e nelle chiacchiere malevoli. Attraverso i social media è facile far circolare in tempo reale e presso un vasto pubblico ogni falsità. I cristiani in Indonesia sono consapevoli di come ciò abbia talvolta causato la propagazione di menzogne e pregiudizi ad opera di alcuni gruppi religiosi, anche cristiani, contro altri gruppi religiosi. La paura e la minaccia di rivendicazioni possono rendere le persone riluttanti a schierarsi per la verità e le fanno rimanere in silenzio di fronte ad affermazioni false e ingiuste, tese a diffondere la paura.

Gesù ha affermato con forza: “Semplicemente, dite ‘sì’ quando è ‘sì’ e ‘no’ quando è ‘no’: tutto il resto viene dal diavolo”.  La falsità distrugge le relazioni tra le persone e i gruppi, incluse le chiese. La disonestà spezza l’unità della Chiesa. La Lettera agli Efesini ci ricorda che siamo membri gli uni degli altri. Questa è una chiamata per i cristiani ad essere onesti e affidabili gli uni verso gli altri, per crescere nella comunione. Quando agiamo così, allora è con noi non lo spirito maligno, ma lo Spirito di Dio.

Preghiera

O Dio di giustizia,
donaci la sapienza per distinguere il bene dal male.
Lascia che i nostri cuori siano guidati dall’onestà
e che le nostre labbra pronuncino la verità;
donaci il coraggio di servire la verità anche quando gli altri ci denigrano.
Allontanaci dall’inganno,
rendici, invece, operatori di unità e di pace,
che diffondono l’evangelo a tutti i popoli.
Ti preghiamo nel nome di Gesù. Amen.

 

Terzo giorno

Il Signore è bontà e misericordia con tutti 
(Salmo 145[144], 8)

 

Salmo 145[144], 8-13

Matteo 1, 1-17

Commento

“Il Signore è buono con tutti, la sua misericordia è su ogni creatura” dice il salmista, proclamando che l’amore di Dio oltrepassa le barriere di etnia, di cultura, di razza e persino di religione. La narrazione della genealogia di Gesù, nel vangelo di Matteo, riflette questa visione inclusiva. Laddove le culture antiche consideravano le donne come inferiori, o come proprietà dei loro fratelli o dei loro mariti, Matteo include quattro donne tra gli antenati di Gesù, due delle quali, Rut e Racab, erano pagane; almeno altri tre, incluso l’adultero re David, erano noti per i loro peccati. Nominarli nella genealogia di Gesù e renderli parte della storia umana di Dio, è proclamare che Dio include tutti nel suo piano di salvezza, uomini e donne, giusti e peccatori, a prescindere dalle loro condizioni, dalla loro storia e dalle loro origini.

L’Indonesia è una nazione di oltre 17.000 isole e di 1.340 diversi gruppi etnici, e le chiese sono spesso separate secondo le etnie. Questa classificazione può condurre alcuni a considerarsi come i soli possessori della verità, infliggendo una ferita all’unità della Chiesa. Di fronte ad una crescita del fanatismo etnico e religioso e ad un crescente spirito di intolleranza, oggi, in tutto il mondo, i cristiani possono servire la famiglia umana unendosi insieme per testimoniare l’amore totale di Dio che abbraccia tutti e proclamando, con il salmista, che “Il Signore è bontà e misericordia” con tutti.

Preghiera

Padre, Figlio e Spirito Santo, unico Dio,
ti rendiamo grazie per la tua grande gloria, manifestata in tutta la creazione.
Donaci un cuore grande per poter abbracciare
tutti coloro che soffrono discriminazione.
Aiutaci a crescere nell’amore, al di là di ogni pregiudizio e ingiustizia.
Donaci la grazia di rispettare l’unicità di ogni persona,
per sperimentare la diversità nell’unità.
Ti preghiamo per il tuo santo nome. Amen.

 

Quarto giorno

Contentatevi di quel che avete
(Ebrei 13, 5)

 

Ebrei 13, 1-5

Matteo 6, 25-34

Commento

L’autore della Lettera agli Ebrei mette in guardia dall’eccessivo amore per il denaro e per i beni materiali. A fronte della nostra tendenza a pensare che non abbiamo mai abbastanza, il brano ci rammenta la provvidenza di Dio e ci assicura che Dio non abbandona mai il creato. Con la fecondità della terra, dei fiumi e dei mari, la bontà di Dio ha provveduto cibo in abbondanza e acqua salubre per far vivere tutti gli esseri viventi; eppure, molte persone sono ancora prive dei beni primari. La debolezza umana e l’avidità portano spesso alla corruzione, all’ingiustizia, alla povertà e alla fame. Può nascere la tentazione di accumulare denaro, cibo e risorse naturali per noi stessi, la nostra nazione o il nostro gruppo etnico, invece che prenderci cura degli altri e condividere con loro i nostri beni.

Eppure, Gesù ci insegna che i beni materiali non devono costituire il nostro maggiore polo di interesse. Dovremmo, invece, anzitutto cercare il regno di Dio e i suoi valori, avendo fiducia che il nostro Padre celeste si prenderà cura di noi. Recentemente in Indonesia alcune chiese hanno provveduto a sostenere in vario modo –finanziario, umano, educativo–  alcune piccole chiese in zone rurali. In questo semplice e piccolo esempio di amore vicendevole, esse dimostrano l’unità tra i cristiani, che è il dono di Dio alla sua Chiesa. Vivere in semplicità, non preoccupandoci di mettere da parte il denaro oltre la nostra necessità, o di accumulare risorse per il futuro, può renderci capaci di fare della terra, nostra casa comune, un luogo più giusto.

Preghiera

O Dio compassionevole,
Ti ringraziamo per l’abbondanza dei tuoi doni.
Concedici la grazia di accogliere tutte le benedizioni
in semplicità e con umile gratitudine.
Rendici capaci di accontentarci e rendici pronti
a condividere con coloro che sono nel bisogno,
così che ciascuno possa sperimentare
l’unità dell’amore che sgorga da te,
nostro Dio Uno e Trino
che vivi e regni nei secoli dei secoli. Amen.

 

Quinto giorno

Portate il lieto messaggio ai poveri
(Luca 4, 18) 

Amos 8, 4-8

Luca 4, 16-21

Commento

Il profeta Amos criticava i mercanti che ingannavano e sfruttavano i poveri per trarre il massimo profitto. Egli ammoniva, inoltre, che Dio osservava la loro cattiva condotta e non l’avrebbe dimenticata mai. Dio ascolta il grido delle vittime dell’ingiustizia e mai si dimentica di coloro che sono sfruttati e trattati ingiustamente.

Viviamo in un mondo globalizzato, dove la marginalizzazione, lo sfruttamento e l’ingiustizia sono dilaganti. Il divario tra i ricchi e i poveri si acuisce. Il benessere economico diviene un fattore decisivo nelle relazioni tra i popoli, le nazioni, le comunità. Le questioni economiche spesso scatenano tensioni e conflitti tra loro. È difficile vivere in pace se non c’è giustizia.

In virtù del comune battesimo, tutti i cristiani condividono la missione profetica di Gesù di proclamare l’evangelo ai poveri e ai deboli, con le parole e con le opere. Quando riconosceremo questa missione, lo Spirito del Signore sarà su di noi, e ci darà la forza di operare in favore della giustizia. La nostra dignità di cristiani ci chiama ad agire in modo tale che le parole del rotolo del libro del profeta Isaia, che Gesù proclama a Nazaret, si realizzino ogni giorno nell’ascolto di coloro che ci sono accanto. 

Preghiera

O Dio nostro Padre,
perdona la nostra brama di potere,
e liberaci dalla tentazione di opprimere il prossimo.
Per la potenza del tuo Spirito di comunione
aiutaci a vivere in modo solidale con il nostro prossimo
e a condividere insieme al tuo Figlio Gesù
l’adempimento della promessa di liberazione dalla povertà e dall’oppressione.
Ti preghiamo nel suo nome. Amen.

 

Sesto giorno

Il suo nome è: il Signore dell’universo 
(Geremia 10, 16)

 

Geremia 10, 12-16

Marco 16, 14-15

Commento

Il creato è una manifestazione della meravigliosa potenza di Dio. La grandezza di Dio si rende visibile nella creazione e attraverso di essa: “Il suo nome è: il Signore dell’universo”.

Oggi, tuttavia, stiamo affrontando una crisi ecologica globale seria, che minaccia la sopravvivenza del mondo naturale. Molte persone sono spinte dall’avidità a sfruttare il creato oltre la sua capacità. Nel nome dello sviluppo, intere foreste sono abbattute e l’inquinamento distrugge la terra, l’aria, i fiumi e i mari, rendendo l’agricoltura impraticabile, l’acqua fresca introvabile e causando la morte degli animali. In questo contesto è bene ricordare che dopo la sua resurrezione, Gesù ha comandato ai suoi discepoli di proclamare la buona novella all’intera creazione. Nessuna parte del creato è al di fuori del piano di Dio di fare nuove tutte le cose. E così è necessaria una conversione dalla tendenza a sfruttare verso un atteggiamento che riconosca il valore della creazione e ci riconcili con essa.

Movimenti tra persone di diverse fedi in Indonesia e in molti altri luoghi, sono di ispirazione per i cristiani nel promuovere chiese eco-solidali, e nel prendere posizione contro gli abusi ambientali. Ciò unisce i cristiani nel rendere testimonianza al Creatore perché “Egli ha fatto ogni cosa”. Quando ci uniamo agli altri cristiani nel difendere la terra, nostra comune casa, non è per mero attivismo, ma per rispondere al comandamento del Signore di portare a tutto il creato il lieto annunzio dell’amore di Dio che guarisce e rigenera.

Preghiera

O Dio di amore,

per la tua parola tutte le cose sono state create.

Ti ringraziamo per il creato che manifesta la tua gloria,
la tua bellezza, la tua bontà.

Donaci la saggezza di camminare su questa terra con rispetto e delicatezza,

e di essere, insieme, profeti della tua buona novella a tutta la creazione. Amen.

 

 

Settimo giorno

O donna, davvero la tua fede è grande!
(Matteo 15, 28)

 

1 Samuele 1, 13-17

Matteo 15, 21-28

Commento

Eli giudica male la preghiera profonda e ardente di Anna, prendendo le sue suppliche per versi sconnessi da ubriaca. Eppure, le parole di Anna, che gli chiede di non giudicarla male come “una donna da poco”, inteneriscono il suo cuore e lui la congeda con la sua benedizione. Analogamente, quando la donna cananea viene per implorarlo di guarire sua figlia, Gesù inizialmente la manda via, affermando di essere venuto solo per il suo popolo. Eppure, quando lei insiste nella sua richiesta implorante, nella sua audacia, Gesù riconosce la sua grande fede ed esaudisce la sua richiesta. In entrambi i casi una donna inizialmente emarginata e giudicata indegna di attenzione, si mostra profetica nel suo parlare, intenerisce il cuore e sollecita la guarigione e il ristabilimento dell’integrità della persona.

L’emarginazione e la noncuranza alla voce delle donne è presente anche ai nostri giorni.  In effetti, persino nelle nostre chiese a volte siamo complici di culture che sviliscono le donne. Mentre i cristiani prendono coscienza sempre di più delle loro mancanze in questo ambito, giungono ad una percezione più chiara dell’orrore della violenza contro le donne e i bambini, strappate forzosamente alle loro case e fatte oggetto di traffico in altre terre. Molti lavoratori migranti sono spesso trattati in condizioni sub-umane e privati dei loro diritti umani fondamentali. Recentemente le chiese in Indonesia hanno intrapreso azioni comuni sia contro il traffico di esseri umani che contro l’abuso sessuale dei bambini. I loro sforzi, insieme a quelli di persone di altre fedi, sono sempre più necessari e urgenti perché in alcune parti del paese, il numero delle vittime aumenta giorno per giorno.

I cristiani –uniti nella preghiera e nello studio delle Sacre Scritture, in autentico ascolto della voce di Dio– possono scoprire che Dio parla anche oggi attraverso il grido di coloro che maggiormente sono vittime di abusi. Ed è quando ascoltano la chiamata di Dio insieme che trovano l’ispirazione per unirsi in una comune azione contro la piaga del traffico di esseri umani e di altre malvagità.

Preghiera

O Dio ricco di grazia,

Tu sei la fonte di ogni umana dignità;

per la tua grazia e la tua potenza le parole di Anna

trasformarono il cuore del sacerdote Eli;

per la tua grazia e la tua potenza

le parole della donna Cananea mossero Gesù a guarirle la figlia.

Mente cerchiamo di raggiungere l’unità della Chiesa,

donaci il coraggio di rigettare ogni forma di violenza contro le donne

e di celebrare i doni dello Spirito che le donne portano al servizio della Chiesa.

Ti preghiamo per Gesù Cristo nostro Signore,

che vive e regna con te nello Spirito Santo

un solo Dio nei secoli dei secoli. Amen.

 

Ottavo giorno

Il Signore è mia luce e mia salvezza
(Salmo 27[26], 1)

 

Salmo 27[26], 1-4

Giovanni 8, 12-20

Commento

Nel susseguirsi degli otto giorni di questa Settimana di preghiera per l’unità, le riflessioni quotidiane hanno denunciato molte situazioni difficili che sfidano oggi il mondo: l’avidità, la violenza, l’esclusione, lo sfruttamento, la povertà, l’inquinamento, la fame e il traffico di esseri umani. Le chiese in Indonesia sono consapevoli che queste sono sfide che riguardano tutti i cristiani; esse riconoscono e confessano che alcuni di questi peccati hanno disonorato anche la vita delle loro chiese, ferendo l’unità e indebolendo la loro testimonianza davanti al mondo. Allo stesso tempo, esse riconoscono anche le molte e promettenti istanze delle chiese che si uniscono per testimoniare la loro unità in Cristo. I cristiani in altre parti del mondo possono menzionare molti altri esempi simili nei loro contesti.

Giorno dopo giorno, anno dopo anno, e soprattutto durante la Settimana di preghiera per l’unità, i cristiani si riuniscono per pregare insieme, per professare la loro comune fede battesimale, per ascoltare la voce di Dio nelle Scritture e per pregare insieme per l’unità del Corpo di Cristo. Nel far questo, essi riconoscono che la Santa Trinità è la sorgente di ogni unità e che Gesù è la Luce del mondo che ha promesso la luce della vita a coloro che lo seguono. Le molte ingiustizie nel mondo spesso li rattristano e li indignano, ma essi non perdono la speranza, anzi sono spinti ad agire. Dal momento che il Signore è la loro luce, la loro salvezza e la loro roccia nella vita, essi non temono alcun male.

Preghiera

O Dio nostra roccia,

ti rendiamo grazie perché con la tua bontà

ci sostieni nei momenti di prova,

e ci mostri la tua luce nei momenti di oscurità.

Trasforma la nostra vita affinché possiamo essere una benedizione
per il nostro prossimo.

Aiutaci a vivere l’unità nella diversità quale testimonianza della comunione con te

Padre, Figlio e Spirito Santo,

un solo Dio nei secoli dei secoli. Amen.

 

LA SITUAZIONE ECUMENICA IN INDONESIA*

 

Introduzione

L’Indonesia è una società pluralistica, la patria di persone di diverse tribù, lingue, culture e religioni. Circa il 12% dei 265 milioni di abitanti sono cattolici e protestanti. Il cristianesimo giunse in Indonesia agli albori del VII secolo, portato dai nestoriani nel nord di Sumatra, ma non durò a lungo: fu nuovamente predicato l’evangelo da missionari cattolici sulla scia dei mercanti portoghesi della prima metà del XVI secolo. Tra loro vi era anche il gesuita san Francesco Saverio, che operò nell’arcipelago delle Molucche dal 1546 al 1547.  Il primo battesimo fu celebrato a Mamuya, Halmahera, nel 1534. Nel 1605 gli olandesi, con la flotta mercantile Verenigde Oost-Indische Compagnie (VOC, la Compagnia olandese delle Indie orientali) espulsero i portoghesi dall’Indonesia. Con l’arrivo dei mercanti olandesi, venne introdotto in Indonesia il protestantesimo, e i cattolici furono forzosamente convertiti al protestantesimo.

La VOC era originariamente interessata alle spezie che venivano prodotte nella parte orientale dell’Indonesia, ma negli anni successivi rappresentò anche il governo coloniale della madrepatria e introdusse il protestantesimo calvinista delle chiese olandesi nel XVII secolo. La Chiesa riformata era la chiesa ufficiale del paese e come tale godeva di alcuni privilegi.

I missionari che giunsero successivamente in Indonesia, soprattutto dai Paesi Bassi e dalla Germania, si limitarono a lavorare con alcune particolari tribù. Di conseguenza, le divisioni tra cristiani tendono a seguire le distinzioni tra le tribù. La maggior parte delle comunità cristiane usava il linguaggio delle tribù nel culto, ma poi gradualmente adottò l’indonesiano bahasa, che è la lingua nazionale. Con l’arrivo del cristianesimo evangelicale dei Revival e del Movimento carismatico in Indonesia nel secolo scorso e, più recentemente, del cristianesimo ortodosso, le chiese in Indonesia presentano una vasta panoramica di tradizioni cristiane che include cattolici, luterani, riformati, pentecostali, evangelicali, carismatici, battisti, avventisti del settimo giorno, esercito della salvezza e ortodossi.

In vario modo queste chiese lavorano insieme in diverse piattaforme, per affrontare questioni riguardanti tanto l’unità della chiesa, quanto comuni istanze della società, a livello locale, regionale e nazionale. Le donne di comunità cristiane diverse nell’area di Kebayoran, nella zona sud di Giacarta, ad esempio, lavorano insieme per fornire economici cestini da pranzo ai conduttori di becak (risciò), esigui introiti alle famiglie e ai senzatetto. Inoltre si riuniscono regolarmente e, insieme ad altri gruppi di donne in luoghi diversi, osservano l’annuale giornata di preghiera mondiale per la pace e la giustizia nella comunità.

La Comunione delle chiese in Indonesia

La Persekutuan Gereja-gereja dell’Indonesia (PGI – Comunione delle chiese in Indonesia), è una comunità di chiese protestanti dell’Indonesia; fu fondata come Dewan Gereja-gereja di Indonesia (DGI Consiglio delle chiese di Indonesia) il 25 maggio 1950, con lo scopo di unire le chiese del Paese. Già prima della seconda guerra mondiale auspicava da tempo di istituire un Consiglio delle chiese, soprattutto con l’obiettivo di coordinare il lavoro di varie organizzazioni missionarie nel territorio. Dopo l’indipendenza del Paese, ottenuta nel 1945, le chiese locali sparse nel territorio sentirono fortemente il bisogno di esprimere la loro unità. Durante la X Assemblea generale ad Ambon nel 1980, il DGI cambiò il suo nome in Persekutuan Gereja-gereja di Indonesia (PGI). Le chiese membro del Consiglio si convinsero che, dopo aver lavorato insieme tanti anni, fosse necessario rendere più profonda e più forte la loro comunione e passare da una struttura  meramente organizzativa a una comunione di chiese impegnate per lavorare concretamente nel promuovere l’unità della chiesa e proclamare il vangelo nel contesto della società indonesiana pluralistica.

Fu durante l’Assemblea del 1980 che la PGI produsse i Five Documents of Church Unity (Cinque documenti sull’unità della Chiesa), articolati come segue: (1) Common Calling of the Churches in Indonesia (La comune chiamata delle chiese in Indonesia); (2) Common Understanding of Christian Faith (La comune comprensione della fede cristiana); (3) Common Recognition and Acceptance among the Churches in Indonesia (Il riconoscimento comune e l’accettazione delle chiese in Indonesia);  (4) By Laws (Regolamento); (5) Towards Self-Reliance in Theology, Resources and Finance of the Churches in Indonesia (Verso una autonomia nella teologia, nelle risorse e nelle finanze delle chiese in Indonesia). Questi documenti riflettono la comprensione teologica ed ecclesiologica delle chiese membro alla luce del loro comune impegno per raggiungere l’unità, che si concreta in programmi operativi per rinnovare, incrementare e unire le chiese. I documenti sono sempre revisionati dall’Assemblea generale della PGI che si tiene ogni cinque anni.

La XIII Assemblea generale della PGI, nel 2000, ha adottato la risoluzione di approvare questi cinque documenti, compattandoli in un unico testo dal titolo Dokumen Keesaan Gereja (DKG – Documento sull’unità della Chiesa). La speranza e l’aspettativa sono che questo documento possa costituire un punto di riferimento per le chiese membro della PGI nel loro impegno verso la ricostituzione dell’unità tra le chiese verso una comune testimonianza cristiana in Indonesia.  Attualmente la PGI conta 89 chiese membro, inclusi pentecostali, evangelicali e carismatici. Vi sono anche unità locali della PGI che includono piccole chiese regionali.

Di tanto in tanto la PGI rilascia dichiarazioni pubbliche di rilievo o invia lettere al Governo della Repubblica di Indonesia in risposta ad alcune istanze critiche della società, inclusa la richiesta di maggiore libertà religiosa, e l’appello per la giustizia e la pace, soprattutto per gli emarginati. Analogamente, la PGI invia lettere pastorali alle sue chiese membro indirizzando temi scottanti quali la libertà religiosa, la corruzione, la violazione dei diritti umani, la violenza, la protezione dei bambini, etc... La XVI Assemblea generale della PGI, convocata nel 2014 con il tema “Mi farai risalire dagli abissi della terra” (Salmo 71[70], 20) ha affermato: “in solidarietà con tutti i bambini della nazione, noi insieme intendiamo incrementare i valori della Pancasila per combattere la povertà, l’ingiustizia, il fondamentalismo e la distruzione ambientale” Questo tema è stato la linea guida dell’azione della PGI e delle chiese membro tra il 2014 e il 2019. Le chiese membro della PGI condividono la convinzione che l’avidità sia la causa primaria dei quattro problemi summenzionati, diversi ma interconnessi, e quindi si impegnano a promuove la cosiddetta “spiritualitas keugaharian”, cioè la “spiritualità della moderazione”.

Il cattolicesimo in Indonesia e la Conferenza episcopale indonesiana

Nonostante i successi missionari del XVI secolo, il cattolicesimo fu soppresso sotto la dominazione olandese fino al 1807, quando gli eventi politici in Europa concessero nuovamente la libertà di culto ai cattolici. Il cattolicesimo, quindi, si è insediato solo in aree ristrette fino alla seconda metà del XIX e del XX secolo quando, grazie all’opera dei missionari, furono costruite scuole, seminari, e nuove comunità di preghiera. I primi presbiteri indonesiani furono ordinati nel 1920 e uno di loro, p. Albertus Soegijapranata, SJ, divenne, nel 1940, il primo vescovo indigeno; egli è considerato quasi un eroe nazionale per il suo sostegno all’indipendenza indonesiana, ed è famoso anche per il suo motto: “100% cattolici, 100% indonesiani”.

La Conferenza episcopale indonesiana fu istituita inizialmente nel 1920, e poi ricostituita nel 1950, con la nomina di vescovi originari delle varie parti del paese, da poco divenuto indipendente. Dal 1987 ha preso il nome di Konferensi Waligereja Indonesia (KWI).

La lunga vita della Conferenza episcopale Indonesiana ha consentito ad alcuni suoi membri di prendere parte al Concilio Vaticano (1962-1965) con interventi-chiave, in modo particolare sul documento conciliare sulla Rivelazione. Degno di nota è che il primo di questi interventi, ad opera dell’arcivescovo Gabriel Manek of Endeh, Timor, che si oppose alla bozza del De fontibus, sostenendo che sarebbe stato di impedimento al dialogo della Chiesa cattolica con gli altri cristiani. Si può notare, dunque, che fin dal 1962 la Conferenza episcopale indonesiana era sensibile al progetto ecumenico.

Collaborazione tra la PGI e la KWI

Per molti anni la PGI e la KWI hanno collaborato strettamente, in modo particolare nell’affrontare argomenti di comune sollecitudine nel paese. Dal 1980, ogni anno la PGI e la KWI pubblicano un messaggio congiunto per Natale, per lo più riguardante problemi nazionali, che viene letto nelle parrocchie delle chiese sia cattoliche che protestanti. Con l’andare del tempo, il messaggio natalizio congiunto della PGI e della KWI è stato adottato a livello nazionale. Uno dei temi che viene regolarmente riproposto è quello dell’incremento della libertà religiosa per tutti i cittadini, come garantito dalla Costituzione della Repubblica di Indonesia. Quando occorre, la PGI e la KWI pubblicano dichiarazioni ufficiali riguardanti i problemi emergenti nella società, che minacciano la giustizia, la pace e il benessere dei cittadini.

Le chiese indonesiane sono consapevoli dell’importanza di costruire e rafforzare le relazioni con coloro che appartengono ad altre fedi. La PGI e la KWI sono molto coinvolte nella cooperazione e nel dialogo interreligioso. I due organismi hanno partecipato attivamente alla cooperazione congiunta delle diverse religioni in Indonesia, che riconosce sei religioni ufficiali: Islam, Cristianità protestante, Cristianità cattolica, Buddhismo, Induismo e Confucianesimo. I leaders di queste religioni si incontrano, di tanto in tanto, per discutere temi cruciali e l’elaborazione di dichiarazioni congiunte su temi particolari. A livello locale molte congregazioni e parrocchie, legate alla PGI e alla KWI, sono parimenti coinvolte nel dialogo interreligioso e nell’impegno sociale.    

Il Forum cristiano indonesiano (L’Indonesian Christian Forum)

Diversi indonesiani hanno partecipato al primo incontro del Global Christian Forum (GCF) tenutosi a Limuru, in Kenya, nel 2007 e ne hanno ricevuto l’ispirazione a rafforzare la collaborazione tra le diverse tradizioni cristiane presenti nel paese. Nel 2012, il secondo incontro del GCF si è tenuto proprio in Indonesia, a Manado. Durante l’evento, i leaders cristiani che rappresentavano le diverse tradizioni del paese hanno lanciato il Forum Umat Kristen Indonesia (FUKRI), un Forum cristiano indonesiano. I membri di tale Forum hanno partecipato attivamente all’evento della celebrazione dell’unità dei cristiani, tenutosi presso il Senayan Stadium, a Giacarta nel 2013; l’evento accoglieva la X Assemblea del Consiglio ecumenico delle chiese (CEC) a Busan, nella Corea del Sud ed era presieduto dal Segretario generale del CEC, il Rev. Olaf Fykse Tveit, e supportato dalla commissione locale del CEC per la X Assemblea a Busan. Da allora i membri del FUKRI, composto dalla Comunione delle chiese in Indonesia (PGI), la Conferenza episcopale indonesiana (KWI), la Fellowship delle Chiese e istituzioni evangelicali (PGLII), la Fellowship delle Chiese pentecostali (PGPI), la Fellowship delle Chiese battiste, l’Esercito della salvezza,  la Chiesa avventista del Settimo giorno e la Chiesa ortodossa si incontrano regolarmente ogni mese, inizialmente solo per condividere momenti di fraternità, ma successivamente per indirizzare la loro discussione sulla presenza dei cristiani in Indonesia, nel contesto di una società pluralistica in rapido sviluppo. Insieme al National Prayer Network, il FUKRI ha organizzato eventi riguardanti le sfide cruciali per la società e per la vita del paese. Il FUKRI ha, inoltre, commemorato il 500esimo anniversario della Riforma. Recentemente ha anche discusso il documento pubblicato dal CEC, dal Pontificio consiglio per l’unità dei cristiani e dall’Alleanza evangelica mondiale intitolato La testimonianza cristiana in un mondo multi-religioso: raccomandazioni per il comportamento. I membri del FUKRI hanno apprezzato il documento ecumenico quale guida preziosa per le chiese in Indonesia, che offrono la loro testimonianza in un contesto pluralistico e si sono impegnati a condividere il documento con i   membri delle loro comunità e ad approfondirne i contenuti. 

 

Temi della Settimana
di preghiera per l’unità dei cristiani

elaborati congiuntamente dalla commissione Fede e Costituzione del Consiglio Ecumenico delle Chiese
e dal Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani, dal 1968 al 2019

 

1968 A lode della Sua gloria (Efesini 1, 14)

1969 Chiamati alla libertà (Galati 5, 13)
(Commissione preparatoria riunitasi a Roma, Italia)

1970 Noi siamo i cooperatori di Dio (1 Corinzi 3, 9)
(Commissione preparatoria riunitasi presso il monastero di Niederaltaich, Repubblica Federale Tedesca)

1971 ...E la comunione dello Spirito Santo (2 Corinzi 13, 13)
(Commissione preparatoria riunitasi a Roma, Italia)

1972 Vi do un comandamento nuovo (Giovanni 13, 34)
(Commissione preparatoria riunitasi a Ginevra, Svizzera)

1973 Signore, insegnaci a pregare (Luca 11, 1)
(Commissione preparatoria riunitasi presso l’abbazia di Montserrat, Spagna)

1974 Tutti proclamino: Gesù è Cristo Signore (Filippesi 2, 1-13)
(Commissione preparatoria riunitasi a Ginevra, Svizzera)

Nell’aprile del 1974 viene inviata alle chiese membri e agli organi competenti, una lettera con l’invito ad istituire gruppi locali da coinvolgere nella preparazione del testo per la Settimana di preghiera. Un gruppo australiano è stato il primo ad inaugurare questo nuovo stile, preparando la bozza iniziale della Settimana di preghiera del 1975.

1975 La volontà del Padre: ricapitolare in Cristo tutte le cose
(Efesini 1, 3-10)
(Materiale raccolto da un gruppo dell’Australia — Commissione preparatoria riunitasi a Ginevra, Svizzera)

1976 Chiamati a divenire simili a Lui (1 Giovanni 3, 2)
(Materiale raccolto dalla Conferenza delle chiese dei Caraibi — Commissione preparatoria riunitasi a Roma, Italia)

1977 La speranza poi non delude (Romani 5, 1-5)
(Materiale raccolto da un gruppo del Libano durante la guerra — Commissione preparatoria riunitasi a Ginevra, Svizzera)

1978 Non siete più stranieri (Efesini 2, 13-22)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico di Manchester, Inghilterra)

1979 Al servizio gli uni degli altri, per la gloria di Dio (1 Pietro 4, 7-11)
(Materiale raccolto da un gruppo dell’Argentina — Commissione preparatoria riunitasi a Ginevra, Svizzera)

1979 Al servizio gli uni degli altri, per la gloria di Dio (1 Pietro 4, 7-11)
(Materiale raccolto da un gruppo dell’Argentina — Commissione preparatoria riunitasi a Ginevra, Svizzera)

1980 Venga il Tuo Regno (Matteo 6, 10)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico di Berlino, Repubblica Democratica Tedesca — Commissione preparatoria riunitasi a Milano, Italia)

1981 Un solo Spirito, diversità di doni, un solo Corpo
(1 Corinzi 12, 3b-13)
(Materiale raccolto da un gruppo di frati di Graymoor, U.S.A. — Commissione preparatoria riunitasi a Ginevra, Svizzera)

1982 Che tutti trovino in te la loro dimora, Signore (Salmo 84)
(Materiale raccolto da un gruppo del Kenya — Commissione preparatoria riunitasi a Milano, Italia)

1983 Gesù Cristo, vita del mondo (1 Giovanni 1, 1-4)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico dell’Irlanda — Commissione preparatoria riunitasi a Céligny (Bossey), Svizzera)

1984 Chiamati ad essere uno mediante la Croce di Nostro Signore
(1 Corinzi 2, 2; Colossesi 1, 20)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico — Commissione preparatoria riunitasi a Venezia, Italia)

1985 Dalla morte alla vita con Cristo (Efesini 2, 4-7)
(Materiale raccolto da un gruppo della Giamaica — Commissione preparatoria riunitasi a Grandchamp, Svizzera)

1986 Voi sarete miei testimoni (Atti 1, 6-8)
(Materiale raccolto da un gruppo della Slovenia — Commissione preparatoria riunitasi presso l’Abbazia cistercense di Stična, Slovenia)

1987 Uniti in Cristo, una nuova Creazione (2 Corinzi 5, 17 - 6, 4a)
(Materiale raccolto da un gruppo dell’Inghilterra — Commissione preparatoria riunitasi a Taizé, Francia)

1988 L’amore di Dio scaccia la paura (1 Giovanni 4, 18)
(Materiale raccolto da un gruppo dell’Italia — Commissione preparatoria riunitasi a Pinerolo, Italia)

1989 Costruire la Comunità: un solo corpo in Cristo”(Romani 12, 5-6a)
(Materiale raccolto da un gruppo del Canada — Commissione preparatoria riunitasi a Whaley Bridge, Inghilterra)

1990 Uniti nella preghiera di Cristo: ‘Che tutti siano uno....affinché il mondo creda’ (Giovanni 17)
(Materiale raccolto da un gruppo della Spagna — Commissione preparatoria riunitasi a Madrid, Spagna)

1991 Lodate il Signore, popoli tutti (Salmo 116(117); Romani 15, 5-13)
(Materiale raccolto da un gruppo della Germania — Commissione preparatoria riunitasi a Rotenburg an der Fulda, Repubblica Federale Tedesca)

1992 Io sono con voi...andate dunque (Matteo 28, 16-20)
(Materiale raccolto da un gruppo del Belgio — Commissione preparatoria riunitasi a Bruges, Belgio)

1993 Portare il frutto dello Spirito per l’Unità dei Cristiani (Galati 5, 22-23)
(Materiale raccolto da un gruppo dello Zaire — Commissione preparatoria riunitasi vicino a Zurigo, Svizzera)

1994 La Casa di Dio: chiamati ad avere un cuor solo ed un’anima sola
(Atti 4, 23-37)
(Materiale raccolto da un gruppo dell’Irlanda — Commissione preparatoria riunitasi a Dublino, Repubblica d’Irlanda)

1995 Koinonia: comunione in Dio e tra noi (Giovanni 15, 1-17)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico internazionale di Fede e Costituzione — Commissione preparatoria riunitasi a Bristol, Inghilterra)

1996 Ascoltate, io sto alla porta e busso (Apocalisse 3, 14-22)
(Materiale raccolto da un gruppo del Portogallo — Commissione preparatoria riunitasi a Lisbona, Portogallo)

1997 Vi supplichiamo da parte di Cristo: lasciatevi riconciliare con Dio
(2 Corinzi 5, 20)
(Materiale raccolto da un gruppo dei Paesi nordici — Commissione preparatoria riunitasi a Stoccolma, Svezia)

1998 Lo Spirito viene in aiuto della nostra debolezza (Romani 8, 14-27)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico della Francia — Commissione preparatoria riunitasi a Parigi, Francia)

1999 Essi saranno suo popolo ed egli sarà ‘Dio con loro (Apocalisse 21, 1-7)
(Materiale raccolto da un gruppo della Malesia — Commissione preparatoria riunitasi presso il monastero di Bose, Italia)

2000 Benedetto sia Dio che ci ha benedetti in Cristo (Efesini 1, 3-14)
(Materiale raccolto dal Consiglio di chiese del Medio Oriente — Commissione preparatoria riunitasi a La Verna, Italia)

2001 Io sono la Via, la Verità e la Vita (Giovanni 14, 1-6)
(Materiale raccolto da un gruppo della Romania — Commissione preparatoria riunitasi a Vulcan, Romania)

2002 In te è la sorgente della vita (Salmo 36, 6-10)
(Materiale raccolto dalla KEK e dal CCEE — Commissione preparatoria riunitasi ad Asburgo, Germania)

2003 Un tesoro come in vasi di terra (2 Corinzi 4, 5-18)
(Materiale raccolto da un gruppo dell’Argentina — Commissione preparatoria riunitasi a Los Rubios, Spagna)

2004 Io vi lascio la mia pace (Giovanni 14, 23-31)
(Materiale raccolto da un gruppo di Aleppo (Siria) — Commissione preparatoria riunitasi a Palermo, Italia)

2005 Cristo, unico fondamento della Chiesa (1 Corinzi 3, 1-23)
(Materiale raccolto dal Comitato teologico del Consiglio Ecumenico delle Chiese in Slovacchia (Repubblica Slovacca) — Commissione preparatoria riunitasi a Piestaňy, Slovacchia)

2006 Se due o tre si riuniscono per invocare il mio nome, io sono in mezzo a loro (Matteo 18, 18-20)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico dell’Irlanda — Commissione preparatoria riunitasi a Prosperous (County Kildare), Irlanda)

2007 Fa sentire i sordi e fa parlare i muti! (Marco 7, 31-37)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico del Sud Africa — Commissione preparatoria riunitasi a Château de Faverges (Haute-Savoie), Francia)

2008 Pregate continuamente! (1 Tessalonicesi 5, 17)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico degli Stati Uniti — Commissione preparatoria riunitasi a Graymoor, (Garrison)New York, USA)

2009 Essere riuniti nella tua mano (cfr. Ezechiele 37, 17)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico della Corea — Commissione preparatoria riunitasi a Marsiglia, Francia)

2010 Voi sarete testimoni di tutto ciò (Luca 24, 48)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico della Scozia — Commissione preparatoria riunitasi a Glasgow, Scozia)

2011 Uniti nell’insegnamento degli apostoli, nella comunione, nello spezzare il pane e nella preghiera (cfr. Atti 2, 42)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico di Gerusalemme — Commissione preparatoria riunitasi a Saydnaya, Siria)

2012 Tutti saremo trasformati dalla vittoria di Gesù Cristo,
nostro Signore
(cfr. 1 Corinzi 15, 51-58)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico della Polonia — Commissione preparatoria riunitasi a Varsavia, Polonia)

2013 Quel che il Signore esige da noi (cfr. Michea 6, 6-8)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico dell’India — Commissione preparatoria riunitasi a Bangalore, India)

2014 Cristo non può essere diviso! (1 Corinzi 1, 1-17)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico del Canada — Commissione preparatoria riunitasi a Montreal, Canada)

2015 Dammi un po’ d’acqua da bere (Giovanni 4, 7)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico del Brasile — Commissione preparatoria riunitasi a São Paulo, Brasile)

2016 Chiamati per annunziare a tutti le opere meravigliose di Dio
(cfr 1 Pietro 2, 9
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico della Lettonia — Commissione preparatoria riunitasi a Riga, Lettonia) 

2017 L’amore di Cristo ci spinge verso la riconciliazione
(cfr. 2 Corinzi 5, 14-20)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico della Germania — Commissione preparatoria riunitasi a Wittember, Germania) 

2018 Potente è la tua mano, Signore(Esodo 15, 6)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico dei Caraibi —  Commissione preparatoria riunitasi a Nassau, Bahamas) 

2019 “Cercate di essere veramente giusti”(Deuteronomio 16, 18-20)
(Materiale raccolto da un gruppo ecumenico dell’Indonesia — Commissione preparatoria riunitasi a Jakarta, Indonesia)   

 

Date importanti
nella storia della Preghiera per l’unità dei cristiani

Text Box: ca.
 

1740 In Scozia, nascita di un movimento pentecostale con legami in Nord America, il cui nuovo messaggio per il rinnovamento della fede chiamava a pregare per e con tutte le chiese. Il predicatore evangelico Jonathan Edwards invita ad un giorno di preghiera e di digiuno per l’unità, affinché le chiese ritrovino il comune slancio missionario.

1820 Il rev. James Haldane Stewart pubblica “Suggerimenti per l’unione generale dei cristiani per l’effusione dello Spirito” (Hints for the General Union of Christians for the Outpouring of the Spirit).

1840 Il rev. Ignatius Spencer, anglicano entrato poi in piena comunione con la Chiesa Cattolica, propone di istituire “L’Unione di preghiera per l’unità”.

1867 Nel Preambolo alle sue risoluzioni, la prima assemblea dei vescovi anglicani a Lambeth sottolinea l’importanza della preghiera per l’unità, ribadita anche nelle successive assemblee.

1894 Papa Leone XIII, in vari documenti, incoraggia la pratica dell’“Ottavario di preghiere per l’unità” nel contesto della Pentecoste.

1902 Il Patriarca ecumenico di Costantinopoli Joachim III scrive l’Enciclica patriarcale e sinodale Lettera irenica, in cui invita a pregare per l’unione dei credenti in Cristo.

1908 Il rev. Paul Wattson istituisce, e celebra per la prima volta a Graymoor (New York), un “Ottavario di preghiera per l’unità” (Chair of Unity Octave), dal 18 al 25 gennaio, auspicando che divenga pratica comune.

1926 Il movimento Fede e Costituzione inizia la pub­blica­zione dei “Suggeri­menti per l’Ottavario di preghiera per l’unità dei cristiani” (Suggestions for an Octave of Prayer for Christian Unity).

1935 L’abate Paul Couturier, in Francia, promuove la “Settimana universale di preghiera per l’unità dei cristiani” basata sulla preghiera per “l’uni­tà voluta da Cristo, con i mezzi voluti da lui”.

1958 Il Centre Œcuménique Unité Chrétienne di Lione (Francia) inizia la preparazione del materiale per la Settimana di preghiera in colla­borazione con la commis­sione Fede e Costituzio­ne del Consiglio Ecumenico delle Chiese.

1964 A Gerusalemme, il papa Paolo VI e il patriarca Athenagoras I pregano insieme la preghiera di Gesù “che siano tutti una cosa sola” (Gv 17, 21).

1964 Il Decreto sull’ecumenismo del Concilio Vati­cano II, sottolinea che la preghiera è l’anima del Movimen­to ecumenico, ed incoraggia l’osser­van­za della Setti­mana di preghiera.

1966 La commissione Fede e Costituzione del Consiglio Ecumenico delle Chiese ed il Segretariato per la Promozione dell’Unità dei Cristiani (attuale Ponti­ficio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani) decidono di preparare congiunta­mente ogni anno il testo ufficiale della Settimana di preghiera.

1968 Per la prima volta la Preghiera per l’unità viene celebrata in base al testo elaborato in collabo­razione tra la commissione Fede e Costituzione e il Segretariato per la Promozione dell’Unità dei Cristiani (attuale Ponti­ficio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani).

1975 La Preghiera per l’unità si basa, per la prima volta, su un testo preparato da un gruppo ecumenico locale, australiano; il testo verrà in seguito sottoposto alla commissione Fede e Costituzione e al ­Segretariato per la Promozione dell’Unità dei Cristiani (attuale Ponti­ficio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani).

1988 Il materiale per la Settimana di preghiera per l’unità viene utilizzato in occasione della celebrazione inaugurale della fondazione della Federazione Cristiana in Malesia (The Christian Federation of Malaysia), organismo di collegamento fra le maggiori confessioni cristiane del paese.

1996 Il testo del 1996 viene redatto con la partecipazione di due organizzazioni ecumeniche laiche: l’Associazione cristiana della gioventù maschile (Young Men Christian Association, YMCA) e l’Associazione cristiana della gioventù femminile (Young Women Christian Association, YWCA).

2004 Viene stipulato un accordo che giova molto al rafforzamento della collaborazione: il materiale per la Settimana di preghiera per l’unità viene prodotto e pubblicato congiuntamente, con formato unico per le versioni inglese e francese, dalla commissione Fede e Costituzione (Consiglio Ecumenico delle Chiese) e dal Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani (Chiesa Cattolica).

2008 Viene celebrato solennemente, in tutto il mondo, con vari eventi, il primo centenario della Settimana di preghiera per l’unità, il cui tema “Pregate continuamente!” (1Ts 5, 17) manifesta la gioia per i cento anni di comune preghiera e per i risultati raggiunti.

2010 Viene celebrato solennemente, ad Edimburgo e in tutto il mondo, con vari eventi, il primo centenario della Conferenza missionaria di Edimburgo, data che segna anche l’inizio del Movimento ecumenico moderno.


 
* Il testo è pubblicato sotto la sola autorità e responsabilità del Gruppo ecumenico dell’Indonesia che si è riunito per stilare il testo della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani 2018.

 

top