La Santa Sede Menu Ricerca
La Curia Romana  
 

 

 
 
 
 
 

PONTIFICIO CONSIGLIO "COR UNUM"  
per la promozione umana e cristiana

 

INTRODUZIONE

La carità sa scorgere nei poveri il volto del Cristo che continua a dirci: «Avevo fame, avevo sete, ero straniero e voi mi avete accolto» (cfr. Mt 25, 36).

Dalla fede in Cristo, che «ha dato la vita per noi» (1 Gv 3, 16) sono sorte nella storia della Chiesa innumerevoli iniziative di carità. Ancora oggi, dalla testimonianza spicciola di tanti credenti fino all'attività delle grandi organizzazioni cattoliche, i cristiani si prendono cura in tutto il mondo dei poveri e dei bisognosi. La meravigliosa varietà delle iniziative e delle opere della carità rechi il «segno di un impegno della Chiesa intera e di una fedeltà piena al messaggio evangelico» (Paolo VI, 1972).

  

IDENTITÀ

«Così Noi abbiamo potuto dare al vostro essere insieme ecclesiale nelle azioni di aiuto... il nome "COR UNUM" “un solo cuore”, ma un cuore che batte all'unisono con quello del Cristo, la cui pietà per le folle affamate le raggiunge fin nella loro fame spirituale» (Paolo VI, Discorso all’Assemblea Plenaria di Cor Unum, 1972)

 

«Voi siete in certo modo, l'occhio che scorge le molteplici “povertà”. Voi siete il cuore che compatisce e che vuol fare per l'altro che è nel bisogno quanto desidererebbe fare per se stesso. Voi siete la mano che si protende fraternamente per aiutare con efficacia» (Giovanni Paolo II, Discorso all’Assemblea Plenaria di Cor Unum, 1984)

 

«Il vero soggetto delle varie Organizzazioni cattoliche che svolgono un servizio di carità è la Chiesa stessa — e ciò a tutti i livelli, iniziando dalle parrocchie, attraverso le Chiese particolari, fino alla Chiesa universale. Per questo è stato quanto mai opportuno che il mio venerato Predecessore Paolo VI abbia istituito il Pontificio Consiglio "Cor Unum" quale istanza della Santa Sede responsabile per l'orientamento e il coordinamento tra le organizzazioni e le attività caritative promosse dalla Chiesa cattolica. […]La Chiesa in quanto famiglia di Dio deve essere, oggi come ieri, un luogo di aiuto vicendevole e al contempo un luogo di disponibilità a servire anche coloro che, fuori di essa, hanno bisogno di aiuto»
(
Benedetto XVI, Lettera Enciclica Deus caritas est, 2005, N. 32)

 

ISTITUZIONE

Il Pontificio Consiglio "COR UNUM" per la promozione umana e cristiana è stato istituito dal Papa Paolo VI con la Lettera autografa Amoris officio, il 15 luglio 1971.

 

MISSIONE

«"COR UNUM" esprime la sollecitudine della Chiesa cattolica verso i bisognosi perché sia favorita la fratellanza umana e si manifesti la Carità di Cristo» (Costituzione apostolica Pastor bonus, art. 145).

 

OBIETTIVI :

  • essere strumento esecutivo del Santo Padre quando Egli creda opportuno di intraprendere speciali iniziative umanitarie in caso di calamità e nel campo della promozione umana integrale;

  • promuovere la catechesi della Carità e stimolare i fedeli a dare testimonianza concreta della carità evangelica;

  • favorire e coordinare le iniziative delle istituzioni cattoliche tramite lo scambio di informazioni in spirito di fraterna collaborazione per promuovere lo sviluppo integrale.

 

ATTIVITÀ

Promozione ed animazione della catechesi della Carità:

  • Il Dicastero diffonde l'annuale Messaggio del Santo Padre per la Quaresima;

  • promuove e stimola la riflessione teologica con i Pastori per rafforzare le radici cristiane della Carità; in questo ambito, particolare rilevanza ha la Lettera Enciclica Deus caritas est.  

  • favorisce e sostiene il volontariato.

Orientamento e coordinamento degli Organismi cattolici di aiuto ed assistenza, con particolare attenzione ai loro legami con le Chiese particolari:  

  • il Dicastero ha il compito speciale «di seguire ed accompagnare l’attività di Caritas Internationalis» (cf. Chirografo di Giovanni Paolo II Durante l’Ultima Cena, N. 4),  Confederazione che riunisce oltre 160 organismi caritativi, solitamente le organizzazioni  nazionali responsabili dell’attività caritativa riconosciute dalle rispettive Conferenze Episcopali.

Esecuzione delle disposizioni del Santo Padre riguardo agli aiuti – frutto della spontanea generosità dei fedeli – distribuiti in caso di calamità ed a sostegno della promozione umana integrale nei paesi in via di sviluppo:

-           doni nel 1995:  US$    760.000

-           doni nel 1996:  US$    700.000

-          doni nel 1997:  US$  1.720.000

-          doni nel 1998:  US$  1.237.000

-          doni nel 1999:  US$  1.766.700

-          doni nel 2000:  US$  1.916.605

-          doni nel 2001:  US$  2.031.900

-          doni nel 2002:  US$  3.930.076

-          doni nel 2003:  US$  1.680.688       

-          doni nel 2004:  US$  2.531.365   

-          doni nel 2005: US$  3.102.813

-          doni nel 2006: US$  7.992.777 

-          doni nel 2007: US$  3.495.523 

-          doni nel 2008: US$  4.136.258 

-          doni nel 2009: US$  4.173.000 

 

Il Santo Padre ha istituito nel 1984 la Fondazione Giovanni Paolo II per il Sahel per la lotta contro la siccità e la desertificazione e, nel 1992, la Fondazione "Populorum Progressio" al servizio delle popolazioni indigene, meticce, afroamericane e contadine povere d'America Latina e del Caribe, affidandole al Pontificio Consiglio "COR UNUM".

   

STRUTTURA

I responsabili del Pontificio Consiglio "COR UNUM" sono nominati dal Santo Padre “ad quinquennium”. Presentemente l'Em.mo Cardinale Robert Sarah ne è il Presidente, Mons. Giovanni Pietro Dal Toso il Segretario e Mons. Segundo Tejado Muñoz il Sotto-Segretario.

 

Il Consiglio si compone di 41 membri e 3 Consultori. Il Dicastero dispone presentemente di 8 collaboratori permanenti

__________________________________

 

PONTIFICIO CONSIGLIO

"COR UNUM"

Palazzo San Pio X  

V-00120 Città del Vaticano

 

Tel.: + 39.06.69.88.94.11

Fax: + 39.06.69.88.73.01

E-mail: corunum@corunum.va

Telegr.: CORUNUM VATICANO

 _________________________________________-

top