The Holy See
back up
Search
riga

 Pontifical Council for the Pastoral Care of Migrants and Itinerant People

People on the Move

N° 97, April 2005

 

Integrazione interculturale:

una sfida per l’Europa cristiana*

 

S.E. Mons. Agostino Marchetto

Segretario del Pontificio Consiglio della Pastorale

per i Migranti e gli Itineranti

 

1. Nel 2001, dichiarato dalle Nazioni Unite “Anno internazionale del dialogo fra le civiltà”, Giovanni Paolo II invitava tutti i credenti in Cristo e tutti gli uomini di buona volontà “a riflettere sul dialogo tra le differenti culture e tradizioni dei popoli”. Tale infatti era il tema del Suo Messaggio per la Giornata Mondiale della Pace di quell’anno, e lo indicava come “la via necessaria per l'edificazione di un mondo riconciliato, capace di guardare con serenità al proprio futuro.”

2. In effetti, la presenza di persone di differenti culture e civiltà che vivono e interagiscono nello stesso territorio diventa sempre più frequente. Tale realtà, di cui la causa più d’immediato evidente è l’accelerazione del fenomeno migratorio, pone problemi che vanno affrontati con saggezza. Qualunque sia infatti il motivo che induce una persona a lasciare la terra natìa per vivere, almeno per un certo tempo, in altro luogo, essa troverà inevitabilmente la nuova “patria” diversa dalla società in cui aveva sempre vissuto e operato: vale a dire si incontrerà-scontrerà con un modo differente di vedere e trattare le cose, una maniera diversa di reagire alle situazioni, con valori non sempre uguali e un’altra lingua. E se i nuovi arrivati sono centinaia di migliaia, provenienti dai luoghi più disparati, nessuno rimarrà indifferente di fronte alle culture altrui, diverse dalla propria, sia egli immigrato che autoctono.

3. A questo punto ci sia permesso richiamare, in breve, la situazione migratoria in Europa – continente oggetto della nostra riflessione di oggi – , a conferma della vastità di tale fenomeno e per renderci conto del caleidoscopio di culture qui presenti attualmente. Ho scelto solo pochi Paesi, “ad illustrandum”, ma potrete conoscere il tutto consultando l’ultimo rapporto (del 2003) della Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico. 

Così osserviamo che la Germania, con popolazione totale di circa 82 milioni, ospita – sono cifre arrotondate – 1,9 milioni di turchi, 609 mila italiani, 592 mila Serbi e Montenegrini, 359 mila greci, 318 mila polacchi, 231 mila croati, 189 mila austriaci, 164 mila bosniaci, 156 mila russi, 131 mila portoghesi e 128 mila spagnoli. Vi abitano inoltre, in minor numero, olandesi, statunitensi, francesi, britannici ed altri.

La Danimarca, invece, per fare un altro esempio, con popolazione totale di 5,3 milioni di abitanti, è Paese di destino di 35 mila persone provenienti dall’ex-Iugoslavia, 33 mila turchi, 16,5 mila iracheni, 14,6 mila somali, 13 mila norvegesi, appena 13 mila tedeschi e quasi altrettanti britannici, 11 mila svedesi e, ancora, pakistani, afgani, islandesi, polacchi, statunitensi, thailandesi, srilankesi, ecc., ecc.    

Venendo ora all’Italia, per finire, con popolazione totale di circa 57 milioni e mezzo di cittadini, costatiamo che vi sono accolti 158 mila marocchini, 144 mila albanesi, 75 mila romeni, 64 mila filippini, 57 mila cinesi, 47 mila tunisini – sempre arrotondando le cifre – , 44 mila statunitensi, 37 mila cittadini dell’ex-Yugoslavia, 36 mila tedeschi, 35 mila senegalesi e altri 35 mila srilankesi. Siamo inoltre un approdo anche per polacchi, indiani, peruviani ed egiziani.

4. Certo, in genere, ogni nazionalità rappresenta una cultura, giacché essa si riflette, “in modo più o meno rilevante, nelle persone che ne sono portatrici, in un dinamismo continuo di influssi subìti dai singoli soggetti umani e di contributi che questi, secondo le loro capacità e il loro genio, danno alla loro cultura” (così leggiamo sempre nel Messaggio della Pace 2001, al n. 5). Ogni persona, infatti, è “segnata dalla cultura che respira attraverso la famiglia e i gruppi umani con i quali entra in relazione, attraverso i percorsi educativi e le più diverse influenze ambientali, attraverso la stessa relazione fondamentale che ha con il territorio in cui vive” (ibid.). Tale processo, però, è dinamico, dove “non c’è alcun determinismo, ma una costante dialettica tra la forza dei condizionamenti e il dinamismo della libertà”. La cultura dunque, espressione “dell’uomo e della sua vicenda storica, sia a livello individuale che collettivo” (ibid.), non è qualcosa di fisso ma è aperta a modifiche, grazie alle esperienze vissute.

5. I contatti tra le varie culture, perciò, necessariamente portano a una certa interculturalità, anche se l’incontro tra persone di cultura diversa spesso può innescare un conflitto d’identità. Il nuovo ambiente rende, cioè, l’immigrato più consapevole di chi egli è, dei valori propri, di ciò che dava senso alla sua vita nella società d’origine. Gli autoctoni, da parte loro, sono messi a confronto con l’identità altrui. Occorre dunque trovare “il giusto equilibrio tra il rispetto dell’identità propria e il riconoscimento di quella altrui” (Messaggio di Giovanni Paolo II per la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato 2005, n. 2). Così, da un lato, occorre saper apprezzare i valori della propria cultura, dall’altro è necessario riconoscere che ogni cultura, “essendo un prodotto tipicamente umano e storicamente condizionato, implica necessariamente anche dei limiti” (Messaggio di Giovanni Paolo II per la Giornata Mondiale della Pace 2001, n. 7).

6. Da qui dunque la necessità di “riconoscere la legittima pluralità delle culture presenti in un Paese, compatibilmente con la tutela dell’ordine da cui dipendono la pace sociale e la libertà dei cittadini” (GMMR 2005, n. 2). Conoscere infatti le altre culture, serenamente e senza pregiudizi, è un sicuro antidoto contro la chiusura che può portare, da una parte, alla formazione di ghetti o all’emarginazione delle minoranze, o, dall’altra parte, alla loro assimilazione, spingendole a sopprimere o dimenticare la propria identità culturale, diventando quasi “copie” della popolazione locale. Su questo punto mi permetto di rimandare al mio intervento in occasione della presentazione del Messaggio Pontificio della Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato di quest’anno (v. L’Osservatore Romano del 9-10 dicembre 2004), in cui mettevo in evidenza l’aspetto interculturale nella Istruzione nostra Erga migrantes caritas Christi, del maggio scorso.

7. Ma quale deve essere allora il rapporto tra la cultura della maggioranza e le culture delle minoranze? “La via da percorrere – afferma Giovanni Paolo II ancora per tale Giornata (n. 2) – è quella della genuina integrazione, in una prospettiva aperta, che rifiuti di considerare solo le differenze tra immigrati ed autoctoni”. Si mira, infatti, a formare, con il contributo di tutti, “società e culture, rendendole sempre più riflesso dei multiformi doni di Dio agli uomini” (GMMR 2005, n. 1). Le culture, del resto, appaiono “espressioni storiche varie e geniali dell’originaria unità della famiglia umana” ed occorre salvaguardare sia le loro peculiarità che la loro reciproca comprensione e comunione, secondo il modello di Dio Uno e Trino (cf. GP 2001, n. 10). Avviene così un arricchimento reciproco e la società si trasforma in un mosaico, dove ogni cultura ha il suo posto nel comporre una figura sempre più bella, nella molteplicità delle culture, secondo il primordiale disegno d’unità della famiglia umana (cfr. ibid.).

8. Quando si parla di integrazione – ed essa dovrebbe essere progressiva – molti pensano che l’immigrato s’“integra” adattandosi al modello di vita locale, fino a diventare come tutti gli altri, a volte quasi trascurando le proprie radici culturali. In fondo verrebbe dunque assimilato e non integrato. I giovani immigrati sono – del resto – generalmente più attratti da questo tipo di “inserimento”, ma non sempre. Il problema è che tale assimilazione rappresenta in fondo un impoverimento anche della società d’accoglienza, perché il contributo culturale e umano dell’immigrato al tutto nazionale viene così minimizzato se non distrutto. Senz’altro i migranti devono fare i passi necessari per essere inclusi socialmente nella società di destino, con “l’apprendimento della lingua nazionale e l’adeguamento alle leggi e alle esigenze del lavoro, così da evitare il crearsi di una differenziazione esasperata” (GMMR 2005, n. 1), ma ciò va fatto rispettando l’eredità culturale che ognuno porta con sé, non scartandola, annientandola.

9. Può accadere invece che il contatto con il nuovo ambiente renda l’immigrato più che mai consapevole della propria identità, e di ciò che essa comporta, e perciò si senta spinto a cercare compagnia e sicurezza tra coloro che provengono dalla medesima Nazione e cultura. Se così facendo, peraltro, egli non si apre pian piano alla realtà più vasta della società d’approdo, corre il pericolo di formare, insieme agli altri, un ghetto ed essere di conseguenza emarginato, in situazione quasi di “apartheid” spirituale.

10. L’integrazione, infatti, – progressiva, ripeto – non è una strada a senso unico, non responsabilità solo dell’immigrato, ma anche della società di arrivo, che, a contatto con lui, – come afferma il Santo Padre (cf. GMMR 2005, n. 1) – scopre il suo “segreto”, cogliendone i valori della cultura.

La vera integrazione quindi si realizza là dove l’interazione tra gli immigrati e la popolazione autoctona non si verifica soltanto in campo economico-sociale, ma anche culturale. Ambedue le parti, comunque, devono essere disposte a farlo, giacché motore dell’integrazione è il dialogo (v. il filo rosso di tutti i documenti del nostro Dicastero, come appaiono in People on the Move, la nostra Rivista, del dicembre 2004, n. 96, pp. 37-51). 

11. Qui entra in gioco la missione della comunità cristiana, chiamata a dare il proprio contributo, specifico, affinché i rapporti tra autoctoni e non siano caratterizzati da quel “dialogo fra uomini di culture diverse, in un contesto di pluralismo, che vada oltre la semplice tolleranza e giunga alla simpatia” (GMMR 2005, n. 3; cf. EMCC, n. 36). Ecco dunque il contesto in cui nasce l’atteggiamento cristiano verso l’integrazione, nel vero senso della parola. Esso implica mutua stima e simpatia, reciproco apprezzamento, con conseguente fecondazione delle culture, in un ambiente di “autentica comprensione e benevolenza” (ibid.).

12. Ai migranti e ai rifugiati, il V Congresso Mondiale della pastorale specifica ad essi relativa, tenutosi a Roma nel mese di novembre 2003, fa così un appello affinché “aiutino i propri figli e nipoti nei loro sforzi verso una piena integrazione nel Paese di accoglienza, preservando nel contempo la loro identità culturale” e perché “apprezzino il Paese d'accoglienza e ne rispettino le leggi e l’identità culturale”, fino ad amarlo. Al tempo stesso, il Congresso chiama la società civile e i singoli suoi membri ad “apprezzare le origini culturali di ogni persona, e a rispettare le diverse abitudini culturali, nella misura in cui non contraddicano i valori etici universali inerenti al diritto naturale o ai diritti umani” (Gli Atti sono pubblicati in People on the Move, N. 93 del dicembre 2003, e nel nostro sito internet: www.vatican.va – Curia Romana Pontifici Consigli – Pastorale per i Migranti e gli Itineranti – Migranti – Documenti del Dicastero –…).

13. L’integrazione è dunque un progetto a lungo termine, - è “progressiva”, come dicevamo - e coinvolge tanto i migranti quanto gli autoctoni in un “clima di ‘ragionevolezza civica’, che consente una convivenza amichevole e serena” (GMMR 2005, n. 3). E’ la prima volta – notiamolo – che il Magistero usa questa espressione: “ragionevolezza civica”. Quando si riconosce il benefico contributo che la presenza dell’immigrato – con la sua cultura e i suoi talenti – può donare alla società ospitante, egli stesso del resto è più motivato a cercare un alto grado di interazione con tale società di accoglienza. È allora che si verifica una sana integrazione interculturale.

14. L’identità Europea e l’interculturalità

Entrando ora più profondamente nel nucleo del nostro tema si può anzitutto chiedere se l’Europa sia pronta ad affrontare la sfida di una tale integrazione interculturale, vale a dire se essa sia consapevole della sua identità e perciò atta a dialogare con le altre culture, senza perdere la propria. Cerchiamo quindi ora di “definire”, se possiamo, la “cultura europea”.

15. Nel suo saggio intitolato “Europa. I suoi fondamenti spirituali ieri, oggi e domani”, il Cardinale Joseph Ratzinger afferma che essa non è un continente afferrabile in termini geografici, ma piuttosto un concetto culturale e storico. A questo riguardo, egli segnala tre fondamentali svolte storiche – che pure noi, come storici, accettiamo – , e cioè, la prima, la dissoluzione del vecchio continente mediterraneo ad opera del Sacrum Imperium, collocato più verso nord, in cui si forma, a partire dall’epoca carolingia, l’Europa come mondo occidentale-latino. Accanto a questo v’è la continuazione della vecchia Roma, a Bisanzio, con il suo protendersi verso il mondo slavo. Il secondo passo è la caduta di Bisanzio e il conseguente spostamento, da una parte, dell’Europa verso nord e verso est, e perciò dell’idea cristiana di Impero, e, dall’altra parte, l’interna divisione dell’Europa in mondo germanico-protestante e latino-cattolico. Oltre a ciò, ci fu fuoruscita europea verso l’America. Il segnale, ben visibile, della terza svolta è la Rivoluzione francese: la storia non si misura più in base ad un’idea di Dio ad essa precedente e che le dà forma. Lo Stato viene ormai considerato in termini puramente secolari, fondato sulla “razionalità” e sul volere dei cittadini. Per la prima volta in assoluto, nella storia, sorge lo Stato puramente secolare e si dichiara Dio stesso affare privato, che non fa parte della vita pubblica e della civile formazione del volere. E’ un nuovo tipo di “scisma”, nasce la divisione tra cristiani e “laici”.

16. Dal canto suo, lo storico Prof. Cesare Alzati, tenta di dare una definizione ad un altro concetto-chiave, per noi, per il nostro tema di oggi, quello della specificità europea nel contesto della civiltà, intesa, questa, come “una categoria ... che attinge alla sfera culturale, e nella quale i vari aspetti dell’attività dell’uomo, dalla elaborazione intellettuale alla creazione artistica, alle forme di vita istituzionalizzata, convergono in un insieme unitario e coerente, dotato di una sua irriducibile specificità” (v. La Scuola Cattolica, 1994, p. 146). In questa luce, dunque, Alzati vede “l’Europa apparirci come il comune spazio umano, in cui realtà originariamente assai diverse sono venute confluendo e, pur senza perdere la propria individualità, si sono inserite a pieno titolo in una più vasta Koiné, facendone propri gli ideali, gli orizzonti mentali, in una parola la ‘Weltanschauung’”. Un processo più profondo, dunque, della “casa comune” europea a cui si è soliti riferirci.

17. Ma qual è la forza che ha reso popoli differenti, spesso antagonisti, cioè i latini e i germani, gli elleni e gli slavi, compartecipi di una medesima identità di fondo, di una specificità europea, nonostante le diversità di ceppo etnico-linguistico? Non ci sono dubbi per noi. Risulta evidente infatti che il Cristianesimo costituisce il comune humus in cui tutti questi popoli affondano le loro radici (ed ecco il terzo concetto chiave, le radici) e dal quale hanno tratto la linfa vitale che ha animato le rispettive culture. Per citare ancora il Prof. Alzati: “E’ la fede cristiana, in effetti, che ha comunicato loro un medesimo patrimonio ideale, che ha loro donato un unico linguaggio, al di là delle diverse lingue, che ha insegnato loro le forme, anche istituzionali, per un’articolata e pur sinfonica convivenza; in altri termini, che ha suscitato in loro la comune civiltà”.

18. L’unità culturale europea, prima ancora che quella economica e politica, va cercata dunque nelle sue radici, nei valori comuni, in quello stile di vita che ha un “supplemento d’umanità”, identificante appunto la civiltà europea, radicata nell’humus cristiano. Giovanni Paolo II, all’Angelus del 21 luglio 2003, definisce perciò il Cristianesimo “elemento centrale e qualificante” dell’Europa, un patrimonio che non va disperso.

19. E’ significativo qui ricordare che i “Padri” dell’Unione Europea – e mi si perdoni, se ho bisogno di scusarmi – erano soprattutto tre “grandi” cattolici: il francese Robert Schuman, il tedesco Konrad Adenauer e l’italiano Alcide De Gasperi. Per essi, dopo gli orripilanti orrori della II guerra mondiale, era chiaro che esiste una identità europea di cui fondamento e futuro è l’eredità cristiana. Risultava evidente, per essi, che le devastazioni naziste e leniniste-staliniste avevano origine nella demolizione della base popolare cristiana: era la superbia che non si sottometteva più al Creatore, bensì pretendeva creare da sé l’uomo, che si pensava migliore e invece giunse ad abissi di disumanità e scelleratezza infernale.

20. Accanto ai cattolici sopra indicati, vi sono comunque pure “laici”. Per Goethe “la lingua materna dell'Europa è il Cristianesimo” e anche per Kant “il vangelo è la fonte da cui è scaturita la nostra civiltà. Marc Chagall era convinto che per secoli i pittori hanno intinto il loro pennello in quell’“alfabeto colorato della speranza” che sono le sacre Scritture. Per lo stesso Francesco De Sanctis, spirito “laico” dell'Ottocento, la radice del nostro “sentimento religioso, che è lo stesso sentimento morale nel senso più elevato”, si trova altresì nel Cristianesimo. Concludiamo questa carrellata pur veloce di pensieri di grandi europei, sulle radici dell’Europa, con quello di T. S. Eliot per il quale “senza Cristianesimo non ci sarebbe stato neppure un Voltaire o un Nietszche. Se il cristianesimo se ne va, se ne va tutta lanostra cultura, sene va il nostro stesso volto”. 

21. Perdere le radici cristiane dell’Europa equivarrebbe dunque a perdita della identità. Ebbene ciò che per Eliot era una ipotesi, per Giovanni Paolo II e il Primate della Chiesa ortodossa di Grecia, Sua Beatitudine Christodoulos, costituisce comune preoccupazione, come attesta la loro Dichiarazione congiunta, pronunciata proprio dall’Areopago di Atene il 4 maggio 2001. “Ci rallegriamo – affermarono i due esponenti religiosi – del successo e del progresso dell’Unione Europea. L’unità del Continente europeo in un’unica entità civile, senza tuttavia che i popoli componenti perdano la propria autocoscienza nazionale, le loro tradizioni e la loro identità, è stata un’intuizione dei suoi pionieri” (n. 6). La Dichiarazione, però, così continua: “La tendenza emergente a trasformare alcuni Paesi europei in Stati secolarizzati senza alcun riferimento alla religione costituisce una regresso e una negazione della loro eredità spirituale. Siamo chiamati – essi attestarono – ad intensificare i nostri sforzi affinché l’unificazione dell’Europa giunga a compimento. Sarà nostro compito fare il possibile perché siano conservate inviolate le radici e l’anima cristiana dell’Europa” (ibid.).

22. Preoccupa infatti “la supina omologazione delle culture a modelli culturali del mondo occidentale che, ormai disancorati dal retroterra cristiano, sono ispirati ad una concezione secolarizzata o praticamente atea della vita e a forme di radicale individualismo” (GP 2001, n. 9). Gli alti livelli raggiunti dalla moderna scienza e tecnologia tendono a generare infatti una cultura che vuol realizzare il bene dell’uomo facendo a meno di Dio. “Ma ‘la creatura – afferma Giovanni Paolo II, citando il Concilio Vaticano II, – senza il Creatore svanisce!’ Una cultura che rifiuta di riferirsi a Dio perde la propria anima e si disorienta, divenendo cultura di morte, come testimoniano i tragici eventi del secolo XX, e come stanno a dimostrare gli esiti nichilistici attualmente presenti in rilevanti ambiti del mondo occidentale” (GP 2001, n. 9).

23. Perciò se l’Europa vuol essere se stessa deve riconoscere le sue radici cristiane. In effetti, il contributo della nostra fede alla vita e all’autocoscienza dei popoli deve necessariamente procedere in senso autenticamente cristiano. Non li si orienta, quindi, a una rivendicazione chiusa e conflittuale della propria identità, ma piuttosto a conservarla e valorizzarla, promuovendo la comprensione reciproca e la pace, la riconciliazione e la collaborazione anche con popoli di matrici religiose e culturali diverse.

Del resto, ogni cultura porta con sé valori radicati nella natura stessa della persona umana. Sono dunque valori in comune ad esse e si può puntare su tali valori universali per intavolare il dialogo tra le culture, strumento privilegiato per costruire la “civiltà dell’amore”.

24. Certo ci sono differenze, anche importanti, nei valori che ogni gruppo culturale considera propri, ma sembra che sia in corso un processo di sviluppo, o evoluzione, – afferma il noto Prof. Fukuyama – che porta all’accoglienza dei valori sorti dall’illuminismo occidentale, – egli dice – per esempio l’uguaglianza universale, i diritti umani, la democrazia politica, ecc., come parte del cammino verso la modernizzazione. Tali valori, ereditati per noi dalla cultura cristiana dell’Occidente, sono caratterizzati da un certo “universalismo” per ora almeno potenziale – egli attesta –.

Cristianesimo infatti, oggi specialmente, vuol dire universalismo, apertura, umanesimo, speranza nel futuro, ecumenismo, dialogo interreligioso, attenzione all’ambiente, riconoscimento della diversità nell’uguaglianza, capacità critica, accettazione del pluralismo, tolleranza e solidarietà, messaggio di civiltà e “potenza morale”.

25. Certo, un’identità culturale non si può imporre. Anche le leggi, in tal senso, non sarebbero efficaci se non fondate nell’ethos della popolazione. Anzi sono “naturalmente destinate a cambiare, se una cultura perdesse di fatto la capacità di animare un popolo e un territorio, diventando una semplice eredità custodita in musei o monumenti artistici e letterari” (GP 2001, n. 15). E’ dunque necessario che l’Europa mantenga la sua anima, se vuole mantenere la sua identità, perché “una cultura, nella misura in cui è veramente vitale, non ha motivo di temere di essere sopraffatta, mentre nessuna legge potrebbe tenerla in vita quando fosse morta negli animi” (ibid.).

26. Ne abbiamo conferma dall’agire dei discepoli di Cristo dei primi tempi. Essi, lungi dal dibattere su cosa fosse il cristianesimo, lo tradussero nella vita. Ne troviamo conferma nella lettura di J. Holzner, nel suo “Le défi culturel chrétien selon Saint Paul”, riedito or non è molto da Téqui (Parigi, 2002) dall’originale “Rings um Paulus”. Holzner – ricordiamo – è l’autore del famosissimo “Paolo di Tarso”, un vero bestseller scientifico. Ecco dunque la vera sfida della cultura cristiana oggi, quella posta ai credenti, i quali debbono essere capaci e disposti a tradurre nella vita il loro cristianesimo.

27. Tale concetto-sfida è stato ripreso anche recentemente dal Cardinale Camillo Ruini, nel suo discorso al VI Forum del progetto culturale sul tema: “A quarant’anni dal Concilio”. Ascoltiamolo anche noi: “All’interno della Chiesa e della ‘cultura cattolica’, di fronte [alla] … riscoperta dell’identità cristiana si registrano sensibilità e valutazioni differenziate: è frequente la denuncia dei rischi, certamente reali, che essa venga strumentalizzata e porti a uno snaturamento della fede autentica, a una sua riduzione a ideologia. Non sempre, pertanto, vengono percepite le opportunità che essa offre e le sfide che issa implica, sia culturali sia propriamente pastorali, e in ultima analisi a livello di fede vissuta” (Il Regno, N. 960 del 1 gennaio 2005, p.28).

28. “Se però teniamo presente – continuava il Card. Ruini – che la fede cristiana stessa, fin dalle sue origini, si rivolge certamente anzitutto al cuore e alla coscienza dell’uomo, ma ha anche un’ineliminabile dimensione pubblica, l’atteggiamento più congeniale all’indole e alla missione del cristianesimo, oltre che meglio conforme alle necessità attuali dell’Italia, come dell’Europa e dell’intero Occidente, sembra piuttosto quello di rispondere positivamente alle richieste, implicite nel risveglio identitario, che la fede cristiana possa alimentare, in un’ottica non confessionale, ossia pienamente rispettosa della libertà religiosa e della distinzione tra Chiesa e Stato, una visione della vita e alcuni fondamentali valori etici che forniscano la base dell’identità delle nostre nazioni: si ha così, tendenzialmente, il superamento della fase storica del laicismo e del secolarismo. In questo contesto anche per la cultura cattolica l’idea della “laicità” appare da sola del tutto inadeguata alla nuova congiuntura storica… E’ essenziale [comunque] rendersi conto che la fede cristiana può svolgere in maniera efficace e duratura un simile ruolo pubblico solo se non si riduce a un’eredità culturale del passato, ma è attualmente creduta e vissuta dalle persone concrete, nella sua verità e autenticità… Vanno pertanto prese sul serio le preoccupazioni di strumentalizzazione e snaturamento della fede” (ibid.).

29. Ma non v’è Cristianesimo senza Chiesa – e concludiamo –. A questo riguardo, per fugare nuovi timori e antichi ricordi negativi nelle relazioni Chiesa e Stato, basterà ricordare che – e lo ha ripetuto il Santo Padre nella sua recente allocuzione al Corpo Diplomatico presso la Santa Sede – “la Chiesa sa ben distinguere, come suo dovere, ciò che è di Cesare e ciò che è di Dio (cf. Mt 22,21); essa coopera attivamente al bene comune della società, perché ripudia la menzogna ed educa alla verità, condanna l’odio e il disprezzo ed invita alla fratellanza; essa promuove ovunque sempre –– come è facile riconoscere dalla storia –– le opere di carità, le scienze e le arti. Essa chiede soltanto libertà, per poter offrire un valido servizio di collaborazione con ogni istanza pubblica e privata preoccupata del bene dell’uomo” (n. 8).

Integración intercultural: un reto para la Europa cristiana 

Resumen

Mirando al “Año internacional [proclamado por las Naciones Unidas] del diálogo entre civilizaciones” y al correspondiente discurso del Santo Padre a los Diplomáticos acreditados ante la Santa Sede, en el que se invitaba a “reflexionar sobre el diálogo entre las diferentes culturas y tradiciones de los pueblos”, el Arzobispo Secretario afronta aquí el tema intercultural, fruto de los contactos entre las varias culturas que caracterizan la identidad de los emigrantes. De aquí la necesidad de encontrar “el justo equilibrio entre respeto a la identidad propia (del autóctono) y el reconocimiento de la del otro”.

En el fondo, es la cuestión de la genuina y progresiva integración – que no asimilación – de los emigrantes en la sociedad de acogida. Las culturas del resto aparecen como “expresiones históricas varias y geniales de la originaria unidad de la familia humana” que deben entrar en diálogo (este es justamente el hilo conductor – afirma Mons. Marchetto – de todos los últimos documentos de nuestro Dicasterio).

Aquí entra también en juego la comunidad cristiana y la "racionalidad cívica", que consiente una convivencia amigable y serena. Es un término nuevo pero importante la tal "racionalidad cívica", para poder llegar a una sana integración intercultural. El Arzobispo afronta, después, el tema de la identidad europea y el de la interculturalidad, inclinándose a considerar a Europa más como un concepto cultural, histórico, de civilización, que como continente. Europa se abre pues–siguiendo el pensamiento del historiador Prof. Alzati – "como un común espacio humano en el que realidades bastantes diversas han ido confluyendo y que, sin perder la propia individualidad, se han ido insertando, a título pleno, en una más vasta Koiné, haciendo propios los ideales, los horizontes mentales, en una palabra, la Weltanschauung". Ahora bien, esta misma identidad de fondo, tal especificidad europea, su humus profundo, no son otra cosa que el Cristianismo. Como dice Kant, es en fin "el Evangelio la fuente de la que mana nuestra civilización", o como atesta T. S. Eliot: "Si el Cristianismo desaparece, también toda nuestra cultura desaparece, y con ella nuestro propio rostro". Es cierto, con todo, que la identidad cultural no se puede imponer y no debe ser una herencia custodiada en museos o monumentos artísticos y literarios, sino realidad viva, con una inalienable dimensión pública. Mons. Marchetto concluye recordando que no existe Cristianismo sin Iglesia, pero "una Iglesia que sabe distinguir bien – como es su deber – lo que es de César y lo que es de Dios". Es cuanto Juan Pablo II recuerda (n. 8) en su alocución de comienzo de este año al Cuerpo Diplomático acreditado ante la Santa Sede.

Intercultural Integration: A Challenge for Christian Europe

Summary   

Referring to the “International Year of the Dialogue between Civilizations” (proclaimed by the United Nations) and to the relative discourse of the Holy Father to the diplomats accredited to the Holy See (which urges “reflect[ion] on the dialogue between the different cultures and traditions of the nations), the Archbishop-Secretary confronts the intercultural theme, which results precisely from contacts between the various cultures characterising migrants’ identity. In this context it is necessary to find “the right equilibrium between the respect for one’s own identity and the recognition of the identity of other people”.

It is, after all, a question of the genuine and progressive integration – and not assimilation – of migrants in the welcome society. Cultures, moreover appear to be “various and ingenious historical expressions of the original unity of the human family”, which must converse together  (and that dialogue is really the recurring theme, claims Archbishop Marchetto, of all our latest documents).

Here Christian communities and “civic reasonableness” also come into play, permitting a serene, friendly relationship. It is a new term, but an important one, this “civic reasonableness”, needed to attain a healthy intercultural integration. The author then confronts the theme of European identity and particularly that of interculturism, considering Europe more as a cultural and historical concept, that of civilization, than a continent. Europe appears, therefore – now following the thoughts of the historian Prof. Alzati – as “a common, human space where originally very different realities have combined and, without losing their own individualities, have fully inserted themselves into a vaster “Koiné”, making it their own with common ideals and mental horizons, in short a “Weltanschauung”. So Christianity, in the end, is basically the same deep-rooted identity that specifies Europe in its profound “humus”. As Kant says: “The Gospel is the source from which our civilization springs”. Or as T. S. Eliot certifies: “If Christianity goes, all our culture will also go and with it our very countenance”. It is certain however, that a cultural identity cannot be imposed and must not be an inheritance bequeathed to museums or artistic and literary monuments, but must be a living reality with a public dimension that cannot be eliminated. Archbishop Marchetto concludes remembering that there cannot be Christianity without the Church, but a Church that knows how to distinguish – as is its duty – what is Caesar’s and what is God’s.

It is this that John Paul II recalls in this year’s Address to the Diplomatic Corps Accredited to the Holy See (n. 8).

 
* Conferenza pronunciata nella Biblioteca del Senato, Roma, il 16 febbraio 2005. Indissero l’incontro Europa Cristiana e l’Associazione Amici del Benin, con il Patrocinio del Senato della Repubblica.

 

top