The Holy See
back up
Search
riga

ACCORDI TRA LA SANTA SEDE
ED IL LAND NIEDERSACHSEN

 

ACCORDO 

tra la Santa Sede ed il Land Niedersachsen a modifica del Concordato del 26 febbraio 1965.

FRA LA SANTA SEDE, 

rappresentata dal Suo Plenipotenziario, Monsignor Joseph Uhač, Arcivescovo titolare di Tharros, Nunzio Apostolico nella Repubblica Federale di Germania,

E

IL LAND NIEDERSACHSEN, 

rappresentato dal Signor Ernst Albrecht, Presidente dei Ministri del Niedersachsen, 

viene concluso il seguente Accordo: 

Le Alte Parti contraenti hanno convenuto di apportare le seguenti modifiche al Concordato, da Esse sottoscritto il 26 febbraio 1965 e modificato con l'Accordo del 21 maggio 1973: 

Il paragrafo 6 commi 1 e 2 dell' Allegato al Concordato riceve la formulazione seguente:

(1) Il Gymnasium Josephinum di Hildesheim, gestito dalla Sede Vescovile di Hildesheim e condotto come scuola pubblica, a partire dal 1░ agosto 1989 riceverÓ lo stato giuridico di scuola riconosciuta come avente funzione di scuola pubblica (propriamente anerkannte Ersatzschule), a norma delle disposizioni del diritto statale. 

(2) Per il collocamento fuori ruolo (propriamente Beurlaubung) degli insegnanti e per il rimborso delle spese per il personale addetto all'insegnamento valgono le stesse disposizioni statali vigenti per le scuole menzionate nell'articolo 6 comma 3. 

Il presente Accordo, i cui testi italiano e tedesco fanno ugualmente fede, dovrÓ essere ratificato e gli Strumenti di ratifica dovranno essere scambiati al pi¨ presto in Bonn-Bad Godesberg. Esso entrerÓ in vigore il giorno dello scambio di detti Strumenti.

In fede di che Ŕ stato sottoscritto il presente Accordo in doppio originale.

Hannover, 8 maggio 1989

JOSEPH UHAČ
Nunzio Apostolico

Conventione inter Apostolicam Sedem et Saxoniam Inferiorem rata habita, die XXX mensis Iunii anno MCMLXXXIX Ratihabitationis Instrumenta accepta et reddita mutuo fuerunt. Exinde, i.e. a die XXX mensis Iunii anno MCMLXXXIX, huiusmodi Conventio inter Apostolicam Sedem et Saxoniam Inferiorem icta vigere coepit ad normam eiusdem Pactionis.

 

top