The Holy See
back up
Search
riga

 MESSAGGIO DEL CARDINALE SEGRETARIO DI STATO,
A NOME DEL SANTO PADRE,
IN OCCASIONE DEL 30° ANNIVERSARIO DELLA MEDIAZIONE
DI PAPA GIOVANNI PAOLO II FRA ARGENTINA E CILE

 

 

A Sua Eminenza
Il Signor Cardinale Jorge Mario Bergoglio, SJ
Arcivescovo di Buenos Aires
Gran Cancelliere della Pontificia Università Cattolica Argentina

Signor Cardinale,

In occasione della Giornata A 30 años de la Mediación de Su Santidad Juan Pablo II en el diferendo Austral entre Argentina y Chile. Los Frutos de la Paz (1978-2008), organizzata dalla Pontificia Università Cattolica Argentina di Buenos Aires per il 16 ottobre prossimo, il Santo Padre Benedetto XVI desidera far giungere il Suo beneaugurante pensiero ai partecipanti al solenne incontro.

Le celebrazioni in programma intendono fare memoria della mediazione pontificia che contribuì a comporre una controversia spintasi sull’orlo del conflitto e riflettere sui frutti della pace che ne sono derivati sino ai nostri giorni.

Il ricordo degli eventi di trent’anni addietro è indissolubilmente legato all’amata figura di Papa Giovanni Paolo II e alla benemerita opera del Cardinale Antonio Samorè, Suo Delegato speciale, che tanto a cuore ebbero la pace e la concordia dei popoli argentino e cileno, uniti per secoli dai saldi vincoli della fede e della solidarietà. Una doverosa menzione va riservata, anche, al Card. Agostino Casaroli ed ai suoi collaboratori, che all’indomani della morte del compianto card. Samorè, portarono a termine l’opera di mediazione, fino a giungere alla firma di una dichiarazione congiunta di pace e di amicizia, che ebbe luogo in Vaticano il 23 gennaio 1984. Il loro fu un ammirabile esempio di costruzione della pace attraverso la via maestra e sempre attuale del dialogo, che ha come fine non la supremazia della forza e dell’interesse, bensì l’affermazione di una giustizia equa e solidale, fondamento sicuro e stabile della convivenza tra i popoli.

A trent’anni dall’avvenimento, la mediazione di Beagle continua ad essere un paradigma da proporre all’attenzione della Comunità internazionale. Essa ha dimostrato, insieme alla pazienza e alla responsabilità delle Parti, come in ogni controversia il dialogo non pregiudica i diritti ed amplia invece il campo delle possibilità ragionevoli di composizione delle divergenze. Pertanto, occorre continuare a ricorrere alla diplomazia e ai suoi metodi negoziali, che attingono forza dalle risorse morali dei popoli e ad esse accordano fiducia, per garantire loro pace, sicurezza e benessere. Le nuove generazioni, memori dalle lezioni della storia passata e recente, guardino il futuro con occhi di speranza e si impegnino a realizzare la civiltà dell’amore, di cui Giovanni Paolo II fu profeta talvolta inascoltato.

Mentre auspica che l’iniziativa contribuisca a rafforzare i vincoli di pace e di amicizia tra i popoli fratelli della regione, il Santo Padre invoca, su tutti i presenti, abbondanti benedizioni divine ed imparte di cuore alle care popolazioni argentina e cilena la Benedizione Apostolica pegno della Sua benevolenza.

Nell’unire ben volentieri i miei fervidi voti augurali per un proficuo successo della Giornata, mi valgo della circostanza, Signor Cardinale, per rinnovarle i miei sentimenti di considerazione e affetto in Cristo.

Tarcisio Card. Bertone
Segretario di Stato di Sua Santità

 

  

top