The Holy See
back up
Search
riga

 Pontifical Council for the Pastoral Care of Migrants and Itinerant People

People on the Move

N° 102 (Suppl.), December 2006

 

 

PER UNA PASTORALE DELLA REDENZIONE

E DELLA LIBERAZIONE

 

 

 

Don Oreste BENZI

Responsabile centrale dellÂ’Associazione

Comunità Papa Giovanni XXIII

 

1) Le vittime 

Oggi in Italia le donne sfruttate attraverso la prostituzione provengono dallÂ’Africa per il 50% circa. Dalla Nigeria per il 90% in particolare da Benin City.

Altre, in numero ridotto rispetto alle nigeriane, provengono dal Camerun, dal Ghana, Costa DÂ’Avorio, Togo e Marocco. Altre donne sfruttate arrivano dallÂ’Albania, Bielorussia, Brasile, Bulgaria, Cina, Colombia, Equador, El Salvador, Federazione Yugoslavia, Lituania, Polonia, Repubblica Ceca, Repubblica Domenicana, Romania, Moldavia, Ungheria, Uruguay, Ucraina e Russia.

Le italiane non ci sono più su strada e ben poche anche nei locali. Le prostitute italiane rimaste sono tutte di Alto Bordo.

Le ragazze vengono reclutate da procacciatori che si servono di lori conoscenti.

 Questi procacciatori procurano i documenti necessari allÂ’espatrio, servendosi spesso di impiegati corrotti presso le varie ambasciate.

Aumenta il numero delle donne che dallÂ’Africa viaggiano sulla terra ferma, con macchine o autobus.

Attraversano lo stretto di Gibilterra dalla Spagna e con il treno o altri mezzi raggiungono i paesi di destinazione.

Mentre nel momento della seduzione i procacciatori si comportano in modo splendido, appena le ragazze sono saldamente nelle loro mani , diventano spietati.

Vengono ingannate con promesse di lavoro (baby sitter, commesse). Quando arrivano a destinazione viene loro detto il “lavoro” che devono fare. Tutte reagiscono rifiutandosi, ma vengono costrette con minacce e violenze.

A tutte viene tolto il passaporto. Alle nigeriane, se recalcitrano a lungo, viene rinnovato il temutissimo rito woodo, oppure vengono percosse e sottoposte a torture.

Sono minacciate di ritorsioni su famigliari per trattenerle dalla fuga. Le donne nigeriane hanno profondo senso religioso. Mentre 10, 12 anni fa erano quasi tutte Cattoliche ora invece appartengono ai Pentecostali, o ad altre denominazioni religiose. Con loro è facile entrare in temi spirituali. Io chiedo loro “tu ami Gesù?”. Mi rispondono sempre “sì, è mio amico”, e aggiungo “e piace a Gesù il lavoro che fai?”. “No” mi rispondono, e dico ancora “allora perché continui?” “Sono costretta” mi rispondono. “Perché?” Chiedo. La risposta è sempre “per il denaro che devo pagare”, in genere oggi 50.000 euro.  

2) I clienti

I primi responsabili-colpevoli sono i clienti. Il 6% sono giovani dai 16 ai 24 anni. Il 20% dai 24 anni ai 40 anni. Il resto (il 41%) uomini dai 40 anni in su. La maggior parte sono sposati. Io penso che una delle cause che inducono gli uomini alla prostituzione è anche la mancanza di rapporti sessuali soddisfacenti con le loro mogli. Il 30/40% delle coppie non hanno più rapporti.

LÂ’uomo smette di chiedere il rapporto perché la donna si concede materialmente non come manifestazione di unÂ’unità spirituale piena, che si manifesta nellÂ’unione fisica. Le donne, mentre si uniscono al marito, tante volte pensano a un altro uomo che a loro piace di più. Per sopportare il supplizio del rapporto indesiderato ricorrono allÂ’inganno. Ci sono donne che ogni volta che si danno al marito vogliono una sorta di “risarcimento”, che può consistere in una pelliccia, in un vestito o in una cifra di denaro. I giovani vanno dai transessuali. Molti si “cuociono” con la droga prima di andare dai trans.

Sembra strano, ma oggi da parte del cliente prevale la richiesta di dominare la donna che si offre, più che di goderla sessualmente. Si potrebbe dire che viene cercata più unÂ’esperienza di dominio che non un orgasmo sessuale.

Dominare vuol dire aver la percezione che quella donna dipende, per quel periodo, da chi la paga.

 Il gesto dellÂ’acquisto, tirare fuori i soldi dal portafoglio, risponde certo allÂ’esigenza di chi si vende, ma è unÂ’esigenza di comprare, è come esprimere un diritto al dominio.

Nella contrattazione, il cliente chiede la possibilità di realizzare cose che abitualmente non gli sono consentite dalla moglie, che fanno parte di una fantasia perversa, che sono sempre però, segnale di dominio. In fondo, la prostituzione è assumere un volto per poter dominare una donna. Non sempre le prestazioni pattuite vengono davvero espletate. EÂ’ una caratteristica di questo periodo storico: si arriva a volere non il sesso, ma i 15 minuti di dominio assoluto.

 Sono particolarmente richieste le prostitute che provengono dai paesi più poveri, perché sono diverse, non rientrano nella nostra identità e sono pertanto disposte a fare cose che le altre non fanno.

Siamo di fronte, per lo più, a personalità deboli, fortemente frustrate anche socialmente. Ci sono oggi due estremi che non appartengono al mercato diffuso della prostituzione. 

Il cliente fa parte di una zona intermedia, di coloro che sono qualcuno, ma non quello che vorrebbero essere; di chi ha una posizione minima, ma comunque dignitosa, anche se non è quella cui aspirerebbe. EÂ’ certamente una persona che ha acquisito una nicchia sociale di una certa sicurezza, ma che dal punto di vista del vissuto del singolo, è in una condizione di frustrazione.

Ecco perché diventa importante la ricerca di un potere.

In questo periodo storico, come non mai, è stata descritta una forma di impotenza maschile, chiamata “da disinteresse” dellÂ’organo.

La prostituzione diventa sempre meno un fatto di sesso e sempre più un affare di relazione. LÂ’età media del cliente è intorno ai 40 anni, quella in cui uno percepisce che la sua posizione nel mondo, sul metro del potere, è ormai determinata e non ammette salti notevoli. Molto spesso esiste una moglie con la quale viene intrattenuta una visione sessuale anche attiva; ma ciò che non può essere ottenuto da lei è, appunto, quella prestazione particolare che è segno di dominio; anzi, sono persone che anche nella sfera familiare risultano piuttosto succubi.

Sono quelle persone che, durante un rapporto, vogliono raccontare la propria storia e spingono lÂ’altra a farlo, come se lÂ’acquisto comprendesse anche una tale possibilità psicologica di relazionarsi.

Siamo quindi giunti alla perversione ideologica di affermare che il tradimento serve alla famiglia.

CÂ’è il cliente che cerca la prostituta di colore. È un tipo di uomo che cerca propriamente una sessualità nuova, fuori della norma; per godere unÂ’esperienza mai fatta. La prostituta di colore non deve essere magra, deve essere grossa e avere grandi seni.

CÂ’è il cliente che desidera una prostituta giovane. “Le albanesi, le ucraine”. Ragazze molto giovani che vengono qui con prospettive che sono ben altre della prostituzione. Queste ragazze si sanno dare affettuosamente. Questi clienti cercano la relazione; raccontano la loro storia e la ragazza racconta loro la sua. Queste ragazze non volevano la prostituzione.

Il cliente che cerca il transessuale. È il bisogno di un uomo che va da una persona che ha tutte le caratteristiche della donna; ma esplorando questo corpo, scopre che cÂ’è un pene. EÂ’ una prostituzione che mette in discussione lÂ’identità.

Il rapporto pedofilico. Non è una relazione umana, ma un crimine. Nel cliente spesso cÂ’è il senso della vigliaccheria poiché lÂ’uomo si rende conto che approfitta della povertà, della miseria, della schiavitù di queste ragazze e che per tenerle schiave paga un criminale che le assoggetta. 

Le ragazze dellÂ’est e del centro Europa e le albanesi non sono molto sensibili al motivo religioso; oggi poi le difficoltà di dialogare con loro sulla strada sono accentuate dal ferreo controllo dei papponi. EÂ’ possibile un certo lavoro sui clienti pentiti anche sul piano religioso, è necessario iniziare a sviluppare una grande campagna per il ravvedimento dei clienti. Ciò che è stato portato avanti è ancora poco. 

3) Il racket

I criminali nigeriani 

Ci sono molte persone in Nigeria che hanno il compito di scegliere le ragazze da portare allÂ’estero per farle prostituire.

Queste persone operano soprattutto a Benin City e a Lagos. Individuano e accostano le ragazze adatte a conquistare i maschi. Si tratta di ragazze belle, che conoscono lÂ’inglese, e che hanno frequentato la scuola secondaria, e qualcuna anche lÂ’università. Alcune hanno già un impiego, sono però tutte povere, con famiglie numerose e che soffrono la fame.

Questi uomini, chiamati sponsor, promettono alle ragazze lavori onesti e ben retribuiti in Italia: baby-sitter, commessa, parrucchiera, eccÂ…, con la prospettiva di una vita agiata e la possibilità di inviare soldi alla famiglia in Nigeria.

Una volta accettata la proposta, la ragazza cade nella rete delle organizzazioni criminali e diventa una vera e propria schiava.

I criminali fanno firmare alla famiglia e alla ragazza un contratto, nel quale è previsto di poterlo rescindere una volta pagato i soldi per il viaggio e per le spese sostenute che, attualmente, si aggirano sugli ottanta milioni di lire.

Le ragazze, ormai preda dei criminali, sono inviate in Francia, Olanda, Germania, Italia. Quelle destinate allÂ’Italia vengono vendute nelle nostre città di mercato: Livorno, Torino, Brescia, Verona.

Le acquirenti sono donne Africane, chiamate madame, che vivono in Italia o anche in Nigeria, oppure anche uomini chiamati boss, che vivono in Nigeria, a Londra o anche in Italia. Una volta comprate, le ragazze diventano proprietà della madama o del boss.

I criminali albanesi, rumeni, macedoniÂ…. 

Oggi molte ragazze straniere vengono rapite quando escono da casa, dalla scuola, quando scendono dal pulman, mentre vanno al pozzo ad attingere acqua. Per noi sembra incredibile. Denunciare? EÂ’ una via giusta. Ma non è percorribile da tutte.

I criminali in genere

Quando le hanno legate a sé totalmente, propongono il viaggio in Italia. Arrivate nella città prestabilita, il finto fidanzato vende la preda e poi si dilegua. Le ragazze comprate diventano proprietà assoluta dei criminali che le costringono a prostituirsi. Tutto è calcolato e misurato, anche il tempo, il prezzo. I criminali stabiliscono anche la quantità di denaro che devono guadagnare ogni giorno, ogni notte!

Tante ragazze vengono, poi, rivendute ad altri proprietari, e questo finché è possibile, finché duraÂ…Â…  

I criminali che sfruttano le donne riescono ad agire impunemente e anche quelli che finiscono in prigione ci rimangono poco; le forze dellÂ’ordine non poche volte sono demotivate.

La schiavitù famigliare    

Si tratta di una delle forme più oppressive.  

Il cliente affitta dal Racket la ragazza che vuole, la tiene come colf. La sfrutta sessualmente e le fa fare tutti i lavori in casa.

Questa forma di schiavitù sessuale sta crescendo a Napoli, Roma, Milano. 

4) Che cosa fare?

In tutta la provincia di Rimini dal 1998 non cÂ’è più prostituzione su strada.

LÂ’allora questore di Rimini dott. Achille dello Russo e attuale direttore della D.I.A. ha deciso di cancellare la prostituzione schiavizzata.

Applicando le leggi ordinarie ha ottenuto la liberazione delle centinaia di donne costrette a prostituirsi.

LÂ’azione è stata rivolta contemporaneamente anche alle donne schiavizzate nei locali adibiti alla prostituzione.

Non era difficile appurare la condizione di schiavitù: sottrazione del passaporto, sottrazione di tutto il denaro ricevuto dai clienti, privazione della libertà; impossibilità di prendere la minima decisione su se stesse.

La scelta vincente operata dalla polizia: 

La ragazza portata in questura non deve più tornare in strada.

Pattuglie specializzate della polizia interrogavano la ragazza, le davano la sicurezza che lasciando la strada non correva nessun rischio da parte dei criminali, che avrebbe potuto riavere il suo passaporto, il permesso di soggiorno e di lavoro, e un luogo sicuro dove abitare.

Se la ragazza accettava, veniva inviata alle organizzazioni di accoglienza.

LÂ’Associazione "Comunità Papa Giovanni XXIII" dava e dà la disponibilità allÂ’accoglienza 24 ore su 24 favorendo il lavoro della polizia.

Se invece la ragazza non accettava si approfondivano i motivi del rifiuto e se si scopriva che era coinvolta nel racket veniva accompagnata alla frontiera.

Con questo metodo è stata debellata la prostituzione in tutta la provincia di Rimini sulla strada e resa difficile anche la prostituzione nei locali. 500 ragazze liberate e 150 magnaccia assicurati alla giustizia.

Lunedì 6 giugno 2005 il Prefetto di Verona, insieme al Questore, ai Comandanti dei Carabinieri, dei Vigili Urbani, della Finanza, a 6 Sindaci della zona ha adottato la stessa strategia di Rimini con lÂ’aiuto della "Comunità Papa Giovanni XXIII". 

5) Che cosa facciamo

Le nostre équipe ed io stesso continuiamo ad andare sulla strada, doniamo la corona del Rosario, la Bibbia, preghiamo insieme e diamo la nostra disponibilità.

I principi Spirituali che illuminano il nostro cammino.

Il Santo Padre Giovanni Paolo II nella lettera inviata il 15 Maggio 2002 allÂ’Arcivescovo Jean -Louis Tauran, Segretario per i Rapporti con gli Stati, afferma: “Lo sfruttamento sessuale delle donne e dei bambini è un aspetto particolarmente ripugnante di questo commercio (la tratta di esseri umani) e deve essere considerato come una violazione intrinseca della dignità e dei diritti umani.”

La grave tendenza a considerare la prostituzione come unÂ’attività o unÂ’industria, non solo promuove la tratta di esseri umani, ma è di per se la prova che ogni volta cÂ’è una maggiore tendenza a separare la libertà dalla legge morale e a ridurre il ricco mistero della sessualità umana ad un semplice prodotto di consumo.

La Conferenza Episcopale Nigeriana, in una lettera del 2002 intitolata “Ridare la dignità alla donna Nigeriana”, ha evidenziato come una delle più inquietanti manifestazioni dellÂ’edonismo sfrenato che regna è quella di aver fatto della sessualità un mercato in cui le persone, specie le donne, vengono sfruttate in cambio di denaro (Febbraio 2002).

La Conferenza Episcopale Spagnola ha pubblicato, il 27 Aprile 2001, una dichiarazione intitolata “Il dramma umano e morale del traffico delle donne”, in cui si fa una profonda analisi dell’argomento che in Spagna costituisce un grave problema, e chiede di aiutare i cristiani a prendere coscienza del dramma morale e umano che rappresenta il traffico di queste donne.

I Vescovi Francesi si oppongono energicamente a considerare la prostituzione come un mestiere: “è un attentato alla dignità della persona”.

La Convenzione delle Nazioni Unite, anno 1951, dichiara che la prostituzione è incompatibile con la dignità della donna.

LÂ’articolo 1 della carta dei diritti della persona afferma che la dignità della persona è inviolabile.

Gesù Cristo ci ha donato la partecipazione alla vita divina e sia la donna che lÂ’uomo sono uno solo in Cristo; il corpo umano, ci dice lÂ’apostolo Paolo, è sacro, infatti lÂ’uomo tutto intero fa parte del corpo mistico di Cristo.

La via fondamentale da seguire è il risveglio della coscienza cristiana, è lo sviluppo della coscienza di essere popolo di Dio che porta la missione di salvezza del Cristo.

Il grado di civiltà di un popolo si misura dalla dignità della donna. 

6) Le battaglie che ci aspettano

  1. La prostituzione è un male, nessun male può essere regolamentato, ma va tolto, eliminato.
  2. I quartieri a luci rosse sono un abominio.
  3. La proposta di legge Bossi-Fini-Prestigiacomo è una sciagura per lÂ’Italia.
  4. In Svezia la legge 408/98 entrata in vigore nel 2002 ha risolto il problema della prostituzione. Sono proibiti i rapporti sessuali a pagamento. La Svezia ha risolto il problema della prostituzione schiavizzata, ma soprattutto sta raggiungendo lo scopo di modificare il costume degli svedesi verso la prostituzione.

7) Le ragazze presso le nostre comunità

Noi dellÂ’associazione "Papa Giovanni XXIII", dal 1990 ad oggi, abbiamo accolto 5500 ragazze provenienti dalla schiavitù del sesso. La quasi totalità provenienti dalle strade di tuttÂ’Italia; molte le minorenni non solo dalla strada ma anche dai locali. Attualmente abbiamo nelle nostre strutture comunitarie 257 ragazze liberate e in programma di protezione delle quali:     

Nigeriane            150

Rumene               50

Albanesi              15

Moldave              11

Brasiliane              3

Bulgare                 4

Camerunesi          1

Colombiane          1

Ecuadoriane         1

Ganaensi              1

Jugoslave              3         

Lituane                 1

Russe                   4 

Salvadoregne       1

Uruguaiane           1

           

Come il Signore ha detto nel Levitico 19,19 “Non deve esserci prostituzione nel paese”, così tutti i Cristiani devono impegnarsi perché non ci sia prostituzione nei paesi dove vivono, con la vita e la Parola, soprattutto sviluppando la vita nel Signore e operando per la giustizia come popolo.

Nessuna donna nasce prostituta, cÂ’è sempre qualcuno che la fa diventare. Chi tace sullÂ’ingiustizia ne è complice.  

8) Lavoro pastorale

1.  In Italia, il numero delle donne schiavizzate ai fini della prostituzione, viene valutato sulle 100.000 unità. Che cosa può fare la comunità cristiana per liberarle? Anzitutto è necessario cambiare la mentalità della gente nei loro confronti. Le ragazze non vengono per prostituirsi, vengono perché ingannate sul motivo reale per cui vengono invitate a venire in Italia. Viene loro detto che troveranno lavoro in modo che potranno aiutare le loro famiglie. Ci può essere una piccola parte che sospetta la destinazione della prostituzione. Non immaginano mai ciò che succederà, lÂ’orrore della schiavizzazione.

2.  EÂ’ necessario richiamare i cristiani sulla responsabilità che ognuno e tutti insieme si ha nei confronti delle schiave. Chi tace sulla schiavitù la favorisce.

3.  Creare in ogni parrocchia, in ogni aggregazione ecclesiale e nelle congregazioni religiose gruppi di famiglie disponibili allÂ’accoglienza immediata delle ragazze che fuggono dai locali e dalle strade.

4.  Far conoscere in tutte le scuole medie superiori e università la orribile condizione di queste creature sfruttate vergognosamente dagli italiani, inviando ex ragazze liberate ad illustrare la situazione.

5.  Istituire da parte della Chiesa un numero verde al quale possono telefonare tutte le ragazze oppresse, non è doppione di quello dello Stato, ha una sua originalità perché può dare risposte nella fede.

6.  Ogni parrocchia adotti una ragazza liberata dandole lavoro e uno stipendio.

7.  Formare in ogni Diocesi un gruppo non nominativo ma reale di persone che scelgono come missione lÂ’evangelizzazione di queste creature, dei clienti e di ex magnaccia.

8.  Dare spazio nei mass-media alle storie dolorose di queste creature. Termino ricordandovi le parole di Anna, ex prostituta coatta, ammalata di AIDS contratta sulla strada, al nostro caro Papa Giovanni Paolo II, quando la portai da lui in Piazza S. Pietro, il 25 Maggio 2000, “Papà” disse piangendo, “ la vita sulla strada è schifosa. Papà libera le ragazze. Papà io mi sono ammalata sulla strada. Papà libera le ragazze. Papà sulla strada ci sono molte ragazze ma anche tante bambine. Papà libera le bambine.” Anna è morta il 19 Marzo del 2001.

9.  Sofia, sulla statale 100, allÂ’altezza del Comune di Cospurso, al mio invito di lasciare la strada, mi rispose no per timore di ritorsione sui suoi genitori da parte dei criminali. Io le chiesi “ sei tu Cristiana?”, mi rispose “lo ero”, le domandai “ma perché hai cambiato?”, mi rispose “perché i cristiani vengono da me mi sfruttano e mi tengono schiava.” 

 

top