The Holy See
back up
Search
riga

VIAGGIO APOSTOLICO
DI SUA SANTITÀ BENEDETTO XVI
A VALENCIA (SPAGNA) IN OCCASIONE
DEL V INCONTRO MONDIALE DELLE FAMIGLIE

ANGELUS

Plaza de la Virgen
Sabato, 8 luglio 2006

 

Cari fratelli e sorelle,

Arrivando a Valencia, ho voluto innanzitutto visitare il luogo che rappresenta il centro di questa antichissima e fiorente Chiesa particolare che mi riceve: la sua bella Cattedrale, dove ho pregato davanti al Santissimo Sacramento e ho sostato davanti alla rinomata reliquia del Santo Calice. Lì ho salutato i Vescovi, i sacerdoti, i religiosi e le religiose che si sforzano di mantenere viva, secondo i propri ministeri e carismi, la luce della fede.

In seguito, davanti alla Vergine degli "Desamparados" che i valenziani venerano con grande fervore e profonda devozione, l’ho implorata affinché sostenga la loro fede e ricolmi di speranza tutti i suoi figli. Lì, insieme alle famiglie delle vittime della Metropolitana, ho recitato con loro la preghiera del Padrenostro e l'eterno riposo per i loro cari.

Ora desidero salutarvi con affetto, cari seminaristi, accompagnati dai vostri familiari che vivono con gioia la gioiosa esperienza della vostra vocazione. L'amore, consegna e fedeltà dei genitori, così come la concordia nella famiglia, è l'ambiente propizio affinché si ascolti la chiamata divina e si accolga il dono della vocazione. Vivete intensamente gli anni di preparazione nel Seminario, con l'aiuto ed il discernimento dei formatori, e con la docilità e fiducia totale degli Apostoli che seguirono prontamente Gesù. Imparate dalla Vergine Maria come si accoglie senza riserve questa chiamata, con gioia e generosità. Questo lo ricordiamo e lo chiediamo precisamente nella bella preghiera dell'Angelus che ora reciteremo tutti insieme, chiedendo anche al Padrone della messe che mandi operai nella sua messe (Mt 9, 38).

Ed ora, con amore filiale ed in valenziano, mi rivolgo alla Vergine, vostra Patrona. «Davanti alla ‘Gobbina’ voglio dirle: ‘Proteggici notte e giorno in tutte le necessità, poiché siete, Vergine Maria, Madre degli Abbandonati’».

 

© Copyright 2006 - Libreria Editrice Vaticana

 

top