The Holy See
back up
Search
riga

BENEDETTO XVI

ANGELUS

Piazza San Pietro
Domenica, 17 gennaio 2010

(Video)

  

Cari fratelli e sorelle!

Nell’odierna domenica si celebra la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato. La presenza della Chiesa a fianco di queste persone Ŕ stata costante nel tempo, raggiungendo traguardi singolari agli inizi del secolo scorso: basti pensare alle figure del beato vescovo Giovanni Battista Scalabrini e di santa Francesca Cabrini. Nel Messaggio inviato per l’occasione ho richiamato l’attenzione sui migranti e i rifugiati minorenni. Ges¨ Cristo, che da neonato visse la drammatica esperienza del rifugiato a causa delle minacce di Erode, ai suoi discepoli insegna ad accogliere i bambini con grande rispetto e amore. Anche il bambino, infatti, qualunque sia la nazionalitÓ e il colore della pelle, Ŕ da considerare prima di tutto e sempre come persona, immagine di Dio, da promuovere e tutelare contro ogni emarginazione e sfruttamento. In particolare, occorre porre ogni cura perchÚ i minori che si trovano a vivere in un Paese straniero siano garantiti sul piano legislativo e soprattutto accompagnati negli innumerevoli problemi che devono affrontare. Mentre incoraggio vivamente le comunitÓ cristiane e gli organismi che si impegnano a servizio dei minori migranti e rifugiati, esorto tutti a tenere viva la sensibilitÓ educativa e culturale nei loro confronti, secondo l’autentico spirito evangelico.

Oggi pomeriggio, a quasi 24 anni dalla storica Visita del Venerabile Giovanni Paolo II, mi recher˛ alla grande Sinagoga di Roma, detta Tempio Maggiore, per incontrare la ComunitÓ ebraica della CittÓ e porre un’ulteriore tappa nel cammino di concordia e di amicizia tra Cattolici e Ebrei. Infatti, malgrado i problemi e le difficoltÓ, tra i credenti delle due Religioni si respira un clima di grande rispetto e di dialogo, a testimonianza di quanto i rapporti siano maturati e dell’impegno comune di valorizzare ci˛ che ci unisce: la fede nell’unico Dio, prima di tutto, ma anche la tutela della vita e della famiglia, l’aspirazione alla giustizia sociale ed alla pace.

Ricordo, infine, che domani si aprirÓ la tradizionale Settimana di preghiera per l’unitÓ dei Cristiani. Ogni anno, essa costituisce, per quanti credono in Cristo, un tempo propizio per ravvivare lo spirito ecumenico, per incontrarsi, conoscersi, pregare e riflettere insieme. Il tema biblico, tratto dal Vangelo di san Luca, riecheggia le parole di Ges¨ risorto agli Apostoli: “Voi sarete testimoni di tutto ci˛” (Lc 24,48). Il nostro annuncio del Vangelo di Cristo sarÓ tanto pi¨ credibile ed efficace quanto pi¨ saremo uniti nel suo amore, come veri fratelli. Invito pertanto le parrocchie, le comunitÓ religiose, le associazioni e i movimenti ecclesiali a pregare incessantemente, in modo particolare durante le celebrazioni eucaristiche, per la piena unitÓ dei cristiani.

Affidiamo queste tre intenzioni – i nostri fratelli Migranti e Rifugiati, il dialogo religioso con gli Ebrei e l’unitÓ dei Cristiani – alla materna intercessione di Maria Santissima, Madre di Cristo e Madre della Chiesa.


Dopo l'Angelus:

Il nostro pensiero, in questi giorni, Ŕ rivolto alle care popolazioni di Haiti, e si fa accorata preghiera. Il Nunzio Apostolico, che grazie a Dio sta bene, mi tiene costantemente informato, e cosý ho appreso la dolorosa scomparsa dell’Arcivescovo, come pure di tanti sacerdoti, religiosi e seminaristi. Seguo e incoraggio lo sforzo delle numerose organizzazioni caritative, che si stanno facendo carico delle immense necessitÓ del Paese. Prego per i feriti, per i senza tetto, e per quanti tragicamente hanno perso la vita.

In questa Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, sono lieto di salutare le rappresentanze di diverse comunitÓ etniche qui convenute. Auguro a tutti di partecipare pienamente alla vita sociale ed ecclesiale, custodendo i valori delle proprie culture di origine. Saluto anche i brasiliani discendenti di emigrati del Trentino. Grazie di essere venuti!

Rivolgo infine uno speciale saluto ai partecipanti alla seconda edizione del Festival Internazionale degli Itinerari dello Spirito, collegati con noi dalla Nuova Fiera di Roma, dove Ŕ stata appena celebrata la Santa Messa dal Presidente del Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti.

J’accueille avec joie les pŔlerins francophones. └ la veille de l’ouverture de la Semaine de priŔre pour l’UnitÚ des chrÚtiens, n’ayons pas peur d’ŕtre ensemble des tÚmoins authentiques du Christ ressuscitÚ, prÚsent dans notre monde. Puisse l’Esprit-Saint envoyer Ó son ╔glise le don de l’unitÚ! L’╔vangile de ce jour nous offre le signe des noces de Cana. Il nous invite Ó ne pas nous laisser envahir par le doute et par les soucis, car le Christ est vraiment venu pour tous les hommes. A l’exemple de Marie laissons nous conduire par son divin Fils. ╔coutons-la nous dire źfaites tout ce qu’il vous dira╗. Que la Vierge Sainte intercŔde pour nous et pour tous les hommes! J’implore sa protection particuliŔrement pour la chŔre population ha´tienne, si durement ÚprouvÚe, afin qu’elle trouve assistance et rÚconfort. Que Notre-Dame du PerpÚtuel Secours, patronne d’Ha´ti, protŔge ses fils et ses filles! Bon dimanche et bonne semaine Ó tous!

To the English-speaking visitors and pilgrims here today, I extend heartfelt greetings. In particular I welcome the students from the “Catholic Studies Program” at Loras College, Dubuque in the United States. In today’s Gospel we hear how Jesus let his glory be seen by turning water into wine. May all of you discover the transforming power of his love in your lives, so that his glory may be manifested today to those around you. Upon all who are present, and upon your families and loved ones, I invoke God’s abundant blessings.

Von Herzen hei▀e ich alle Pilger und Besucher deutscher Sprache willkommen. Besonders grŘ▀e ich die Delegation aus Freising, zu deren EhrenbŘrgern ich mich nun zńhlen darf. Mit dem Propheten Jesaja, dessen Worte wir heute in der ersten Lesung h÷rten, sind auch wir darum bemŘht, da▀ alle Menschen in Recht und WŘrde leben k÷nnen. Doch sehen wir schon an den traurigen Ereignissen dieser Tage in Haiti und vielen anderen Lńndern der Erde, da▀ wir allein diese Welt nicht gut machen k÷nnen. Bitten wir den Herrn des Lebens um eine Erneuerung und Heilung dieser Erde; empfehlen wir ihm die Opfer der Erdbebenkatastrophe an und helfen wir selbst nach Krńften mit. – Euch allen wŘnsche ich einen guten Aufenthalt hier in Rom.

Saludo cordialmente a los peregrinos de lengua espa˝ola que participan en esta oraciˇn mariana del ┴ngelus, en particular al grupo de estudiantes del Instituto Maestro Domingo, de Badajoz, con sus profesores de religiˇn, asÝ como a los grupos de diversas parroquias de Murcia. En este domingo, invito a todos a seguir el consejo de la Virgen MarÝa, suprema maestra en la fe, que nos narra el Evangelio de hoy: haced lo que Jes˙s os diga en todo momento. Muchas gracias y feliz dÝa del Se˝or.

Serdeczne pozdrowienie kieruję do Polakˇw. W sposˇb szczegˇlny łączę się z tymi, ktˇrzy modlą się w Tarnowie, gdzie odbywają się głˇwne uroczystości Dnia Judaizmu w Kościele katolickim w Polsce. Niech życzliwe spotkanie odmiennych tradycji i kultur prowadzi do wzajemnego zrozumienia i szacunku. Wszystkim z serca błogosławię.

[Rivolgo un cordiale saluto ai polacchi. In modo particolare mi unisco a coloro che pregano a Tarnˇw, dove si svolgono le celebrazioni principali della Giornata del Giudaismo nella Chiesa cattolica in Polonia. Il benevolo incontro delle differenti tradizioni e culture porti alla reciproca comprensione e al mutuo rispetto. Vi benedico tutti di cuore.]

Saluto con affetto i pellegrini di lingua italiana, in particolare i numerosi soci dell’Associazione Italiana Allevatori, venuti in occasione della memoria liturgica del loro Patrono, sant’Antonio Abate. Cari amici, esprimo apprezzamento per il vostro impegno in favore di uno sviluppo giusto, solidale e rispettoso dell’ambiente, ed auspico ogni bene per la vostra attivitÓ.

 

ę Copyright 2010 - Libreria Editrice Vaticana

     

top