The Holy See
back up
Search
riga

DISCORSO DI SUA SANTITÀ BENEDETTO XVI
AI MEMBRI DELLA "PAPAL FOUNDATION"

Sala Clementina
Venerdì, 5 maggio 2006

 

Cari amici in Cristo,

in questo gioioso tempo in cui rendiamo grazie e lode a Dio per la vittoria di Cristo sul peccato e sulla morte, sono lieto di salutarvi, membri della Papal Foundation, in occasione del vostro pellegrinaggio annuale a Roma. "Grazia a voi e pace da Dio, Padre nostro, e dal Signore Gesù Cristo" (Fil 1, 2).

La nostra fede pasquale ci dona la speranza che il Signore risorto trasformerà veramente il mondo. Nella sua risurrezione riconosciamo il compimento della promessa di Dio al popolo esiliato di Israele:  "io apro i vostri sepolcri, vi risuscito dalle vostre tombe, o popolo mio, e vi riconduco nel Paese d'Israele" (Ez 37, 12). In realtà, il Cristo risorto dona rinnovata speranza e forza a molte persone nel nostro mondo di oggi che soffrono per l'ingiustizia e per la privazione e che desiderano poter vivere nella libertà e nella dignità dei figli di Dio.

Cristo ha promesso di inviare lo Spirito Santo a riaccendere il cuore dei fedeli, esortandoli all'amore dei propri fratelli e delle proprie sorelle come Cristo li ha amati, e a testimoniare attraverso la loro attività caritativa l'amore del Padre per tutta l'umanità (cfr Deus caritas est, n. 19). Il frutto di quel dono dello Spirito si può vedere chiaramente nell'ausilio che la Papal Foundation offre in nome di Cristo ai Paesi in via di sviluppo, sotto forma di progetti di aiuto e borse di studio. Sono grato per il vostro aiuto e per quello che mi offrite nello svolgimento della mia missione di prendermi cura del gregge di Cristo in ogni angolo del mondo.

Vi assicuro del fatto che il vostro amore per la Chiesa e il vostro impegno nella pratica della carità cristiana sono profondamente apprezzati. Preparandoci a celebrare la grande effusione dello Spirito di Pentecoste, vi incoraggio a continuare nel vostro generoso impegno cosicché la fiamma dell'amor divino possa continuare a risplendere luminosa nei cuori dei credenti ovunque. Affidandovi all'intercessione della Beata Vergine Maria della Chiesa, imparto la mia Benedizione Apostolica a voi e alle vostre famiglie quale pegno di gioia e di pace nel Salvatore Risorto.

 

© Copyright 2006 - Libreria Editrice Vaticana

       

top