The Holy See
back up
Search
riga

DISCORSO DI SUA SANTITÀ BENEDETTO XVI
ALLA DELEGAZIONE ECUMENICA DALLA FINLANDIA

Venerd́, 19 gennaio 2007

 

Cari Vescovi Peura e Wróbel.
Distinti amici,

Con gioia vi porgo il benvenuto, membri della delegazione ecumenica della Finlandia, mentre visitate Roma in occasione della festa di sant'Enrico, Patrono della vostra Nazione.

La vostra presenza qui coincide con la Settimana di Preghiera per l'Unità dei Cristiani di quest'anno. Il tema della settimana è: "Fa udire i sordi e fa parlare i muti" (Mc 7,37), illustra come Gesù liberi tutti noi dalla sordità spirituale, permettendoci di ascoltare la sua Parola salvifica e di proclamarla agli altri. Questo incarico di testimonianza comune nelle parole e nelle azioni pervade il nostro cammino ecumenico. Nello spingerci più vicino a Gesù, convertendoci alla sua verità e al suo amore, ci spinge più vicini gli uni agli altri.

In tempi recenti, i rapporti fra i cristiani in Finlandia si sono sviluppati in un modo che offre molta speranza per il futuro dell'ecumenismo. Prontamente pregano e operano insieme, rendendo una testimonianza comune delle verità orientatrici e salvifiche del Vangelo che tutti gli uomini e che tutte le donne cercano o hanno bisogno di ascoltare. Da parte dei cristiani ciò richiede coraggio. Infatti, come ho suggerito in occasione dei Vespri Ecumenici, nel corso della mia visita in Baviera, dietro qualsiasi "risveglio del tema della giustificazione e del perdono dei peccati c'è definitivamente un risveglio del tema del nostro rapporto con Dio. In questo senso il nostro primo compito sarà forse quello di riscoprire in un nuovo modo il Dio vivo presente nella nostra vita e nella nostra società".

Nella Dichiarazione Congiunta sulla Giustificazione i Luterani e i Cattolici hanno coperto una considerevole distanza dal punto di vista teologico. Inoltre c'è ancora molto da fare e così è incoraggiante che il dialogo Nordico Luterano-Cattolico in Finlandia e in Svezia stia affrontando il tema: "Giustificazione nella Vita delle Chiesa". Spero e prego che questi colloqui contribuiscano efficacemente alla esigenza di una unità piena e visibile per la Chiesa, offrendo, al contempo, una risposta sempre più chiara alle questioni fondamentali che interessano la vita e la società.

Fiducioso nella conoscenza che lo Spirito Santo sia il vero protagonista dello sforzo ecumenico (cfr Unitatis redintegratio, 1; 4), continuiamo a pregare e ad operare per l'edificazione di vincoli più stretti di amore e di cooperazione fra Luterani e Cattolici in Finlandia. Su di voi e tutto l'amato popolo della Finlandia invoco le abbondanti benedizioni del Signore di pace e di gioia.

 

© Copyright 2007 - Libreria Editrice Vaticana

top