The Holy See
back up
Search
riga

GIOVANNI PAOLO II

ANGELUS

Domenica, 9 giugno 1985

 

1. Nell’ora della comune preghiera dell’Angelus ci rivolgiamo, insieme con Maria - mediante il suo cuore immacolato - verso il cuore divino del suo Figlio: cuore di Gesù, tempio santo di Dio; cuore di Gesù, tabernacolo dell’Altissimo.

Cuore di un uomo simile a tanti, tanti altri cuori umani e, al tempo stesso, cuore di Dio-Figlio. Se quindi è vero che ogni uomo “abita”, in qualche modo, nel suo cuore, allora nel cuore dell’uomo di Nazaret, di Gesù Cristo, abita Dio. Esso è “tempio di Dio”, essendo cuore di quest’uomo.

2. Dio-Figlio è unito con il Padre, come Verbo eterno, “Dio da Dio, luce da luce . . . generato non creato”.

Il Figlio è unito con il Padre nello Spirito Santo, che è il “soffio” del Padre e del Figlio ed è, nella divina Trinità, la Persona-Amore.

Il cuore dell’uomo Gesù Cristo è quindi, nel senso trinitario, “tempio di Dio”: è il tempio interiore del Figlio che è unito con il Padre nello Spirito Santo mediante l’unità della divinità. Quanto inscrutabile rimane il mistero di questo cuore, che è “tempio di Dio” e “tabernacolo dell’Altissimo”!

3. Al tempo stesso, esso è la vera “dimora di Dio con gli uomini” (Ap 21, 3), poiché il cuore di Gesù, nel suo tempio interiore, abbraccia tutti gli uomini. Tutti vi abitano, abbracciati dall’eterno amore. A tutti possono essere rivolte - nel cuore di Gesù - le parole del profeta: “Ti ho amato di amore eterno, / per questo ti conservo ancora pietà” (Ger 31, 3).

4. Che questa forza dell’eterno amore, che è nel cuore divino di Gesù, si comunichi oggi in modo particolare ai giovani che devono ricevere la Cresima!

In essi deve abitare in modo particolare lo Spirito Santo.

Diventino quindi anche i loro cuori - a somiglianza di Cristo - “tempio santo di Dio” e “tabernacolo dell’Altissimo”.

Ho sentito spesso i giovani cantare: “Voi sapete che siete un tempio?”. Sì. Noi siamo tempio di Dio e lo Spirito di Dio abita in noi, secondo le parole di San Paolo (cf. 1 Cor 3, 16).

5. Mediante il cuore immacolato di Maria rimaniamo nell’alleanza con il cuore di Gesù, che è “tempio di Dio”, il più splendido “tabernacolo dell’Altissimo” e il più perfetto.

 

© Copyright 1985 - Libreria Editrice Vaticana 

 

top