The Holy See
back up
Search
riga

GIOVANNI PAOLO II

ANGELUS

Domenica, 13 giugno 2004

 

1. Si celebra oggi in Italia e in altri Paesi il Corpus Domini, solennità del Corpo e del Sangue di Cristo. E’ la festa dell’Eucaristia, sacramento nel quale Gesù ci ha lasciato il vivo memoriale della sua Pasqua, evento centrale nella storia dell’umanità.

E’ bello che in questa ricorrenza i fedeli si stringano intorno al Santissimo Sacramento per adorarlo, lo accompagnino in processione per le strade, esprimano con tanti segni di devozione la fede in Cristo vivo e la gioia per la sua presenza.

2. Proprio celebrando il Corpus Domini con la Diocesi di Roma, giovedì scorso ho dato l’annuncio che, nel prossimo mese di ottobre, in coincidenza con il Congresso Eucaristico Internazionale di Guadalajara (Messico), avrà inizio uno speciale "Anno dell’Eucaristia", che terminerà nell’ottobre 2005 con l’Assemblea Ordinaria del Sinodo dei Vescovi, il cui tema sarà: "L’Eucaristia fonte e culmine della vita e della missione della Chiesa".

L’"Anno dell’Eucaristia" si pone nel quadro del progetto pastorale che ho additato nella Lettera apostolica Novo millennio ineunte, dove ho invitato i fedeli a "ripartire da Cristo" (nn. 29 ss.). Contemplando più assiduamente il volto del Verbo Incarnato, realmente presente nel Sacramento, essi potranno esercitarsi nell’arte della preghiera (cfr n. 32) ed impegnarsi in quella misura alta della vita cristiana (cfr n. 31) che è condizione indispensabile per sviluppare in modo efficace la nuova evangelizzazione.

L’Eucaristia sta al centro della vita della Chiesa. In essa Cristo si offre al Padre per noi, rendendoci partecipi del suo stesso sacrificio, e a noi si dona come pane di vita per il nostro cammino sulle strade del mondo.

3. Affido fin d’ora alla Vergine Maria, "donna eucaristica" (cfr Enc. Ecclesia de Eucaristia, 53-58), questa nuova iniziativa. Ella, che nell’Anno del Rosario ci ha aiutato a contemplare Cristo con il suo sguardo e il suo cuore (cfr Rosarium Virginis Mariae, 10-17), nell’Anno dell’Eucaristia faccia crescere ogni comunità nella fede e nell’amore verso il mistero del Corpo e del Sangue del Signore.


Dopo l'Angelus:

Si celebrerà domani la Giornata Mondiale dei Donatori di Sangue. Donare il proprio sangue in modo volontario e gratuito è un gesto di alto valore morale e civico. E’ "un dono per la vita", come dice il motto di questa Giornata. Possano i donatori, ai quali va la riconoscenza di tutti, moltiplicarsi in ogni parte del mondo.

Saludo cordialmente a los peregrinos de lengua española, de modo particular a los alumnos y profesores del Colegio San José de Reus. ¡Qué la Eucaristía sea el centro de vuestra vida! ¡Feliz domingo!

Prisrčno pozdravljam slovenske romarje, ki so prišli iz Jurišinec in Maribora. Vam, predragi, in vašim družinam podeljujem svoj apostolski blagoslov.

[Rivolgo un cordiale saluto ai pellegrini sloveni, provenienti da Juršinec e Maribor. A voi, carissimi, e alle vostre famiglie imparto la Benedizione Apostolica.]

Traduzione italiana del saluto pronunciato in lingua polacca:

Voglio salutare oggi il benemerito Movimento Luce-Vita, le "oasi" che festeggiano a Jasna Góra il loro giubileo. Dio vi benedica e io vi ringrazio cordialmente per la grande opera evangelizzatrice nella terra polacca.

Saluto anche i pellegrini venuti individualmente presenti in piazza San  Pietro e coloro che si uniscono a noi nella preghiera. Dio benedica tutti!

 

Saluto i pellegrini di lingua italiana, in particolare i gruppi di fedeli provenienti dalla Diocesi di Brescia e dalle parrocchie di Maria Immacolata e San Vincenzo de Paoli e di San Gerardo Maiella in Roma.

A tutti auguro una buona domenica.

 

© Copyright 2004 - Libreria Editrice Vaticana   

 

top