The Holy See
back up
Search
riga

LETTERA DI GIOVANNI PAOLO II
AL CARDINALE BERNARDIN GANTIN, INVIATO SPECIALE
ALLE CELEBRAZIONI PREVISTE PER IL PRIMO CENTENARIO
DELLA CIRCOSCRIZIONE ECCLESIASTICA DI PORT-VILA
(REPUBBLICA DI VANUATU)

 

Al nostro venerabile fratello
S. Em.za Rev.ma card. Bernardin Gantin,
prefetto della Congregazione per i vescovi.

La lontananza stessa e anche la frequenza dei nostri viaggi apostolici nei paesi dell’Estremo Oriente e dell’Oceano Pacifico sono una valida testimonianza di quanto ci stia a cuore e ci interessi la situazione di tali popoli e il loro cammino di fede come anche il loro modo di vivere. Non è ancora svanito fortunatamente né svanirà facilmente il ricordo della recente visita in quei luoghi nel mese di novembre.

Grande è stata la nostra gioia e la nostra consolazione, quando il vescovo di Vanuatu, il nostro venerabile fratello Francesco Rolando Lambert, vescovo di Port-Vila, nonché primate della Repubblica di Vanuatu, con una lettera pubblica ha dato l’annuncio delle solenni celebrazioni nel prossimo mese di settembre, in occasione del primo centenario della fondazione della Chiesa cattolica, e ci ha invitato a partecipare a tale celebrazione.

A nessuno sfugge l’importanza della cosa e l’opportunità della celebrazione dell’anniversario, dato che è noto quanto abbia contribuito lì il nome cattolico e ancora contribuirà non solo alla propagazione del Vangelo di Cristo ma anche al miglioramento della qualità della vita, alla prosperità e al progresso di tutti gli uomini di quella amata nazione. Ci sta a cuore perciò che arrivino a tutti i partecipanti abbondanti frutti dalla considerazione della storia passata e si abbiano aiuti e lumi per gli anni a venire dalla stessa gratitudine e fervida celebrazione che merita tale evento memorabile.

Non possiamo essere presenti di persona tra gli amati figli e figlie della Chiesa e dello Stato di Vanuatu nell’occasione della solenne celebrazione, tuttavia ci interessa che qualcuno ci rappresenti nella nostra dignità e autorità, e così con questa nostra lettera ti nominiamo volentieri e con piena fiducia, Inviato speciale, alla celebrazione del centenario nel luogo suddetto per il 6 di settembre.

In base alle conoscenze di quella regione che sappiamo hai accumulato con l’esperienza, e alla sicura interpretazione della nostra intenzione pastorale, parteciperai come se rappresentassi la nostra persona e presiederai i riti solenni, e manifesterai i nostri sensi di riconoscenza al vescovo ordinario del luogo, al clero, ai religiosi e ai singoli fedeli. A tutti loro desideriamo rivolgere l’esortazione, mediante la tua persona, a conservare le memorie dell’età passata, a custodire sapientemente i tesori della fede, della religiosità, della vita cattolica, e a rinnovarli con coraggio, e infine a tramandarli ai posteri. Impartirai a tutti i presenti e partecipanti la nostra benedizione apostolica data di tutto cuore, in modo che possano ricevere validi aiuti dal cielo per un prossimo fruttuoso centenario e per un progresso della storia di Vanuatu per maggior gloria di Dio e del suo popolo.

Dal Vaticano, 25 agosto 1987.

GIOVANNI PAOLO II

 

© Copyright 1987 -  Libreria Editrice Vaticana 

 

top