The Holy See
back up
Search
riga

LETTERA DI GIOVANNI PAOLO II
AL CARDINALE FRANTISĔK TOMÁSĔK, ARCIVESCOVO DI PRAGA

 

Al nostro venerabile fratello
il Cardinale Frantisěk Tomásěk
Arcivescovo di Praga.

Noi oggi ti siamo vicini, venerabile nostro fratello. Ti abbracciamo come se fossimo presenti. Presso l’altare del Signore nella tua cattedrale di san Vito siamo uniti a te e con affetto ci associamo agli altri fratelli nell’Episcopato per celebrare la grande ricorrenza del tuo novantesimo compleanno e nello stesso tempo per elogiare te, colonna della Chiesa di Dio, testimone del Vangelo e difensore della fede davanti al Popolo di Dio e al tuo dilettissimo gregge.

Infatti tutte le opere che hai compiuto come sacerdote e Vescovo, tutto ciň che hai sopportato sempre con fermezza, oggi tutte queste cose in particolare sono davanti ai nostri occhi e mettendo in luce il tuo ricco mistero sacerdotale ti conferiscono ammirazione da parte di tutti e fervida lode. Sono famosi i tuoi scritti catechetici e la tua attivitŕ pastorale nelle parrocchie; il tuo episcopato si segnala per il dolore e l’esilio, l’umiltŕ e il trionfo; tutti coloro che sono presenti lě e noi che partecipiamo in questo modo lodiamo la tua intrepida difesa dei diritti della Chiesa e degli uomini.

Vorremmo che questa nostra unione con te, questa commemorazione della tua vita attiva e piena di frutti, questo elogio per il tuo lungo ministero e questa esaltazione delle tue virtů sacerdotali e umane ti ottenessero dallo stesso divino Remuneratore dei buoni pastori la meritatissima consolazione, la letizia per il tuo compleanno e nello stesso tempo la salute per il futuro.

Come dunque tante volte ti abbiamo ammirato e salutato di persona, cosě certamente oggi con non minore affetto, anzi ancora maggiore, ti salutiamo e impartiamo la benedizione apostolica come se fossimo presenti.

Dal Vaticano, 15 giugno 1989.

GIOVANNI PAOLO II

 

© Copyright 1989 - Libreria Editrice Vaticana

 

top