The Holy See
back up
Search
riga

LETTERA DI GIOVANNI PAOLO II
AL PATRIARCA DI ANTIOCHIA DEI MARONITI,
SUA BEATITUDINE NASRALLAH PIERRE SFEIR

 

Nell’imminenza della celebrazione della nascita del Salvatore, il mio pensiero e la mia preghiera raggiungono vostra beatitudine e, per suo tramite, tutti i Libanesi a qualunque comunità appartengano. A colui che è venuto ad insegnare agli uomini ad amarsi come fratelli, affido il destino di questo caro Paese, oggetto della mia costante sollecitudine. Gli sia possibile conoscere, nella libertà e nella dignità alle quali ha diritto, pace e prosperità! Dio voglia rendere fruttuoso l’impegno di tutti coloro che, in Libano e altrove, lavorano per favorire una giusta soluzione ai gravi problemi che ostacolano il ritorno alla normalità tanto atteso da tutti i Libanesi! Tali sono i voti che presento nella preghiera al bambino Gesù, con un pensiero particolare per i figli della Chiesa che desiderano testimoniare la loro fede in un Libano unito, riconciliato e splendido. Con la mia affettuosa benedizione apostolica.

Dal Vaticano, 23 dicembre 1989.

IOANNES PAULUS PP. II

 

© Copyright 1989 - Libreria Editrice Vaticana

 

top