The Holy See
back up
Search
riga

LETTERA DEL SANTO PADRE
 GIOVANNI PAOLO II
ALL’EM.MO CARDINALE ANGELO SODANO,
LEGATO PONTIFICIO ALLA CELEBRAZIONE
DEL 750° ANNIVERSARIO DEL DUOMO DI COLONIA (GERMANIA)

 

 

Al Venerabile Fratello
ANGELO Cardinale di S.R.C. SODANO
Segretario di Stato

La Chiesa cattedrale di Colonia è insigne per fama, decoro, arte, bellezza, dignità e preminenza tra i templi della terra e, oltre ai numerosi tesori di storia, cultura ed arte, annovera preziose reliquie di santi. Sono stato di recente informato della fausta ricorrenza che, nella prossima solennità dell'Assunzione della Beata Vergine Maria, la comunità ecclesiale di Colonia celebrerà il 750° anniversario del fausto giorno da quando Corrado von Hochstaden, l'allora Arcivescovo di Colonia, di fronte ad una moltitudine di fedeli consacrò con solenne rito la prima pietra di quella chiesa cattedrale. Opportunamente va dato rilievo a quell'evento. Infatti la Chiesa di Cristo è detta "tempio santo che i Santi Padri esaltano rappresentato in santuari di pietra" (Lumen gentium, 6) .

Poiché, dunque, il Venerabile Fratello Joachim Meisner, Presule di quella arcidiocesi, mi ha pregato di inviare un Legato, quale mio rappresentante, all'evento che sarà commemorato, volentieri ho deciso di assecondare la richiesta. Pertanto, ho pensato che tu, da tanti anni impegnato con grande fedeltà e solerzia nei compiti connessi con il ministero del Romano Pontefice e della Chiesa Cattolica, con facilità e la necessaria dignità potessi sostenere questa incombenza.

Pertanto, con la presente Lettera ti affido l'incarico di mio Legato alla fausta celebrazione in programma a Colonia nei giorni 14-16 del prossimo mese di Agosto, in occasione del 750° anniversario dell'edificazione della chiesa cattedrale. Farai le mie veci presso i Vescovi ed il popolo cattolico: presiederai agli atti solenni, trasmetterai il mio saluto, la mia benevolenza nei confronti di quella veneranda Chiesa e significherai la mia spirituale presenza.

Prego inoltre il Signore che voglia arricchire questa celebrazione con il significativo splendore della solennità e con grande concorso di fedeli, come si conviene a quel bello e antico tempio, che io stesso con gioia ho più volte visitato ed ammirato.

Affido di cuore il tuo incarico alla Regina assunta in cielo. E, come segno della mia benevolenza, molto volentieri imparto a te la Benedizione Apostolica, che abbondantemente parteciperai a tutti coloro che prenderanno parte alle fauste celebrazioni.

Dal Vaticano, 22 giugno 1998, ventesimo di Pontificato.

 

IOANNES PAULUS PP. II

 

   © Copyright 1998 - Libreria Editrice Vaticana

top