The Holy See
back up
Search
riga

MESSAGGIO URBI ET ORBI
DI SUA SANTIT
À GIOVANNI PAOLO II

NATALE 1991

 

1. “Mio figlio sei tu, oggi ti ho generato” (Eb 1, 5).

È ormai passata la notte di Betlemme,
è avvenuta la nascita del Bambino dalla Vergine di Nazaret!
È nato in una stalla, trovata sulla strada,
“perché non c’era posto per loro nell’albergo” (Lc 2, 7).
Ed ora, in pieno giorno, parla l’Eterno Padre:
“Mio figlio sei tu, oggi ti ho generato”.
Risuonano ancora le parole del Vangelo di Giovanni,
le parole sul Verbo:
“In principio era il Verbo,
e il Verbo era presso Dio . . .
tutto è stato fatto per mezzo di lui
e senza di lui niente è stato fatto” (Gv 1, 1.3).
“Il Verbo era Dio” (Gv 1,1):
è nato questa notte a Betlemme:
il Figlio della stessa sostanza del Padre si è fatto Uomo.
“E il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi” (Gv 1, 14).

2. Nel Verbo è la potenza della grazia e della verità,
che Egli comunica a quanti l’accolgono

e diventano figli di Dio (cf. Gv 1, 12): figli nel Figlio.
Che dono indicibile! Dono che supera tutto il creato.
Supera l’uomo che nasce da sangue e da carne (cf. Gv 1, 13).
Questo è anche il tempo che perfeziona l’uomo,
lo rende come doveva essere sin dall’inizio,
lo riporta ad essere pienamente
ad immagine e somiglianza di Dio.

3. “Tutti quelli, infatti, che sono guidati dallo Spirito di Dio,
costoro sono figli di Dio
” (Rm 8, 14).
Ricevono uno spirito da figli adottivi,
grazie al quale possono gridare, come il Figlio:
Abbà, Padre!” (Rm 8, 15).
Ecco la verità che i giovani pellegrini dell’Europa
e di ogni parte della terra hanno accolto
durante il loro incontro nel santuario di Jasna Gora.
Di lì l’hanno recata nel mondo: “Abbà, Padre!”.
Ecco la figliolanza che libera! “Abbà, Padre!”.
Lo Spirito stesso attesta al nostro spirito
che siamo figli di Dio
” (Rm 8, 16). Siamo figli nel Figlio.
In Colui che è nato questa notte come uno di noi.
Non abbiamo ricevuto uno spirito da schiavi,
abbiamo ricevuto uno spirito da figli adottivi (cf. Rm 8, 15);
in Lui, nato da Maria, Vergine di Nazaret,
gridiamo: “Abbà, Padre!”.

4. Questo mondo è pieno di sofferenza,
sofferenza dai molti volti e dalle molte dimensioni.
Impossibile sanare del tutto ciò per cui soffrono gli uomini
nelle strutture della loro esistenza.
Sono strutture segnate dal peccato,
sempre peccato dell’uomo,
peccato che cresce e compenetra
sfere multiformi della vita umana.
Così il peccato ritorna all’uomo come sofferenza;
e, benché si faccia tanto per annullare questa verità,
essa resta tale: è la realtà.
Per questo - dice l’Apostolo - “tutta la creazione geme
e soffre fino ad oggi nelle doglie del parto” (Rm 8, 22).
Significa forse che l’esistenza stessa sia un male?
Che l’esistenza sia per se stessa una sofferenza?

5. O notte di Betlemme! Tu così ci rispondi:
“La creazione stessa attende con impazienza
la rivelazione dei figli di Dio” (Rm 8, 19).
L’intera creazione attende . . .
Il mondo non è disperazione.
“Lo Spirito viene in aiuto alla nostra debolezza” (Rm 8, 26):
il mondo è compenetrato da questa Nascita,
che ha il suo eterno Principio nel Padre
e il suo culmine sulla terra
in questa notte di Betlemme,
alla quale la Chiesa del Verbo Incarnato
ritorna ogni anno per vivere costantemente di essa.
Le sofferenze del momento presente
sono forse paragonabili alla gloria futura
che dovrà essere rivelata in noi?
(cf. Rm 8, 18).

6. Al nostro mondo, segnato da sfide epocali,
rivela, o Verbo Incarnato,
la gloria e la felicità futura.
Sostieni il coraggio, tieni desto l’impegno
dei giovani d’ogni razza e nazione:
essi hanno bisogno di luce,
alla soglia del terzo Millennio,
per accogliere l’esigente Vangelo che libera e salva.
La consegna di Czestochowa: “Io sono, mi ricordo, veglio”,
non venga mai meno per il futuro della Chiesa,
anzi renda fruttuosa la speranza che è in ciascuno.
Si apre un’inedita stagione missionaria:
il recente Sinodo per l’Europa
ha ricordato ai credenti
che tutti siamo inviati
a proclamare Cristo vivo fra noi,
solidale con ogni nostra autentica attesa e speranza.

7. Egli è solidale con i popoli della terra,
che, sempre più vicini tra loro,
vogliono incontrarsi nella verità.
In Europa, dopo il crollo dei muri
della divisione e dell’incomprensione,
cresce il desiderio di conoscersi meglio
e l’anelito alla mutua intesa e collaborazione.
Nazioni diverse cercano nuove forme di convivenza
e si adoperano con grandi speranze
a conciliare le proprie storie
e ad armonizzare le rispettive culture,
anche se a volte con incertezze ed arresti
per antiche tensioni e non ancora sopiti rancori.
I popoli della Terra Santa,
che ha visto nascere il Redentore,
hanno finalmente intrapreso
il cammino del dialogo e della pace.
In Africa si va affermando in parecchie Nazioni,
come obiettivo condiviso e auspicato,
un crescente rispetto per i diritti dell’uomo
e per le sue libertà fondamentali.
In Asia, nonostante persistano tensioni,
s’affacciano timidi segni di risveglio
del senso di giustizia e di pace.
E l’America Centrale si sforza di abbandonare
la logica suicida della violenza,
per una intesa comune sempre più piena.

8. Cristiani d’ogni Continente,
impegnati nel faticoso, ma necessario
cammino dell’unità e della pace,
e voi, uomini di buona volontà che mi ascoltate,
accorriamo tutti pellegrini al presepe di Betlemme.
Nella grotta, in cui Gesù parla d’innocenza e di pace,
entriamo per ascoltare una così fondamentale lezione.
Accorri, o umanità dispersa e timorosa,
ad implorare la pace, dono e compito
per ogni uomo di nobile e generoso sentire.
Basta con l’odio e i soprusi!
Non più guerra in Jugoslavia,
non più guerra nella cara terra di Croazia
e nelle regioni vicine,
dove passioni e violenza
sfidano la ragione e il buon senso.
Non più indifferenza e silenzio
per chi chiede comprensione e solidarietà,
per il lamento di chi continua a morire di fame,
tra sprechi e abbondanza di beni.
Come dimenticare chi soffre,
chi è solo o abbandonato, triste e sfiduciato,
chi non ha casa né lavoro,
chi è vittima di angherie e sopraffazioni,
e delle molteplici forme del totalitarismo contemporaneo?
Come permettere che gli interessi economici
riducano la persona a strumento di guadagno,
che creature non ancor nate siano soppresse,
che bambini innocenti siano umiliati e sfruttati,
che anziani e malati restino emarginati e abbandonati?

9. Solo tu, Verbo Incarnato, nato da Maria,
puoi renderci fratelli,
figli nel Figlio,
figli a somiglianza del Figlio.
Ci è stata rivelata la gloria futura
per mezzo di Te,
Figlio di Maria, Figlio dell’Uomo,
nel quale possiamo gridare:
“Abbà, Padre!”.
Per mezzo di Te . . .
Amen!

Ai fedeli raccolti in Piazza San Pietro e a quanti lo ascoltano attraverso la radio e la televisione il Santo Padre invia l’augurio natalizio in 54 lingue.

A quanti mi ascoltano

- Di espressione italiana:

Buon Natale, carissimi Italiani e carissimi romani!
Cristo Salvatore porti nei cuori di tutti la pace annunziata dagli Angeli!

- Di espressione francese:

Bonne et heureuse Fête de Noël! Que le Christ Sauveur vous donne la joie et la paix.

- Di espressione inglese:

May the joy of Christmas and the peace which the Birth of the Saviour brings into the world be in your hearts forever.

- Di espressione spagnola:

Feliz Navidad! Que la Paz de Cristo reine en vuestros corazones, en las familias y en todos los pueblos.

- Di espressione portoghese:

Feliz Natal para todos, e que a Luz de Cristo o salvador ilumine vossos corações de paz e de esperança!

- Di espressione tedesca:

Ihnen allen ein gnadenreiches und friedvolles Weihnachtsfest.

- Di espressione polacca:

Pójdźmy do Betlejem i zobaczmy, co się tam zdarzyło i o czym nam Pan oznajmił”.

Wszystkim ludziom Bożego upodobania, ludziom dobrej woli, moim Rodakom życzę, by nową Ojczyznę, a w niej nowy kształt wolnosći budowali w pokoju i w świetle betlejemskiej prawdy, która znów tej nocy dla nas rozbłysła.

Wesołych Świąt i szczęśliwego Nowego Roku.

- Di espressione latina:

Christus natus est nobis, venite adoremus!

 

© Copyright 1991 - Libreria Editrice Vaticana

 
top