The Holy See
back up
Search
riga

PAOLO VI

ANGELUS DOMINI

Domenica, 25 febbraio 1968

 

Oggi noi vi dobbiamo ricordare che in questa settimana comincia la Quaresima, cioè il periodo di preghiera, di penitenza e di riflessione, che ci deve preparare alla celebrazione dei Misteri pasquali, che sono quelli della Passione, della Morte e della Risurrezione di nostro Signore Gesù Cristo, e sono quelli della vocazione cristiana e della nostra salvezza.

È un periodo propizio per la nostra formazione religiosa e morale. È un «tempus acceptabile». E non dobbiamo credere che quella della Quaresima sia una disciplina sorpassata, anacronistica. Le forme cambiano, ma i criteri che ispirano questa ricchissima pedagogia spirituale sono più che mai d’attualità.

Si tratta di riaffermare per ciascuno di noi «il primato dello spirituale» in un tempo di materialismo e di smarrimento religioso. Si tratta di ricuperare, con la temperanza volontaria, il dominio di sé, tanto compromesso in un tempo di esaltazione del benessere, del divertimento e del piacere. Si tratta di dare alla nostra vita un’impronta più cristiana, con la pratica voluta di opere buone, verso i fratelli bisognosi specialmente. Si tratta di ricercare Cristo stesso, la sua parola, la sua grazia, il suo incontro vitale.

Non passi indarno per noi questa stagione di salvezza; è la primavera delle anime; e, invocando la Madonna, Noi la auguriamo per voi tutti fiorente e fervente.

                                    

top