The Holy See
back up
Search
riga

PAOLO VI

ANGELUS DOMINI

Domenica, 21 luglio 1968

 

Non possiamo godere di questo estivo soggiorno ristoratore, né scambiarci gli auguri sinceri delle vacanze senza pensare alle condizioni inquiete e minacciose del mondo e specialmente ad alcuni punti della terra, dove ancora infierisce la guerra e dove le sofferenze di intere popolazioni sono diventate molto gravi, e in alcune regioni si sono fatte così spaventose, che l’opinione pubblica mondiale si è destata, piena di deplorazione e di orrore.

Alludiamo al Biafra specialmente, la bella regione orientale della Nigeria, che anni or sono Noi avemmo la fortuna di visitare, incontrando gente svegliata alla civiltà, in pieno sviluppo civile, culturale e religioso. Non possiamo pensare a quella gente buona e laboriosa ora sconvolta dalla guerra civile e morente di fame e di stenti, senza profondo dolore.

Abbiamo anche Noi, mediante le Nostre opere caritative, accanto alla Croce Rossa e ad altre iniziative benefiche, mandato aiuti in alimenti e medicine, quanto potevamo, con difficoltà e rischi e spese non poche. Ma è sempre poca cosa al confronto dei bisogni. Abbiamo anche Noi per di più interposto fra le parti in contesa la Nostra voce invocante di pace; e speriamo non invano!

Così la situazione del Viet-Nam Ci pesa sempre sul cuore. Così quella del Medio Oriente, mentre ancora altri motivi di inquietudine rendono grave l’ora presente.

Ma non spegniamo il lume della speranza, unendo i Nostri voti a quelli di coloro che lavorano per ristabilire la giustizia, la concordia, la libertà fra i popoli. Per questa causa, che deve suscitare la solidarietà degli uomini buoni e saggi, Noi alziamo fraternamente la nostra voce, e qui la rendiamo. preghiera a Dio per ottenerle efficacia salutare.

                                            

top