The Holy See
back up
Search
riga

PAOLO VI

ANGELUS DOMINI

Domenica, 24 gennaio 1971

 

Abbiamo pregato in questi giorni, voi lo sapete, per la pace nel mondo, problema sempre aperto e sempre dolente; abbiamo pregato per la ricomposizione dell’unità dei Cristiani separati secondo la volontà di Cristo, fondatore d’una unica Chiesa; e continueremo a pregare.

Ma oggi quale intenzione particolare proporremo Noi alla vostra carità? Proponiamo la Chiesa sofferente. Vi è sempre la «Chiesa del silenzio», cioè quella che in diverse e vaste regioni del mondo è priva della legittima libertà di vita e di espressione, che pur dovrebbe esserle riconosciuta, secondo i proclamati diritti dell’uomo, e che non è certo una minaccia all’ordine pubblico: intere comunità cattoliche, un tempo pacifiche e fiorenti, sono soffocate o sono soppresse, consumate da un tacito e spesso eroico martirio. Devono un giorno sapere questi fratelli umiliati che Noi non li abbiamo dimenticati e che abbiamo alimentato nello spirito e nella passione una comunione fedele.

Poi vi sono Chiese che soffrono per episodi e situazioni speciali. Alcune di esse sono in Africa, quell’Africa da Noi tanto amata come una «nuova patria di Cristo». Avete di certo anche voi notizia d’un singolare e clamoroso processo intentato contro persone accusate d’essere fautrici di complotti e di ribellioni: vi è implicato un carissimo Arcivescovo, per quanto sappiamo, innocente e minacciato di terribile supplizio. Abbiamo Noi stessi invocato dalla suprema Autorità dello Stato giustizia serena e magnanima clemenza per lui, ed anche per gli altri accusati. Speriamo.

E dove poi non soffre oggi la Chiesa? non sono forse spesso i suoi figli che le fanno sorgere in seno acerbi dolori per infedeltà, defezioni, contestazioni e velleità d’ogni genere? dov’è l’armonia gaudiosa della fede e della carità, che dovrebbe essere propria della nostra Chiesa cattolica?

Anche per questa passione, fratelli e figli, preghiamo.

                                                                                       

top