The Holy See
back up
Search
riga

PAOLO VI

ANGELUS DOMINI

Domenica, 2 marzo 1975

Apriamo gli occhi, Fratelli, apriamo il cuore alle scene del regno di Dio; vogliamo dire alle testimonianze che l'Anno Santo ci offre. Pellegrini solitari, gruppi di amici, comunità popolari, schiere di viaggiatori, folle cosmopolite affluiscono a Roma, con gli animi quieti e pensosi, con umili preghiere sulle labbra, con qualche canto dolce e pio, che le affratella; tutti vengono a implorare perdono al Signore e a promettere pace a tutti; vengono mesti e compunti, e se ne vanno lieti e festanti. Non li stanca il viaggio, la Porta Santa, volere o no, li impressiona, e sembra, aperta com'è, dischiudere visioni nuove, vie montanti e faticose, ma verso un cielo sereno; qui tutto si spiega, tutto è speranza, tutto amore. Non è coreografia, non è turismo puramente ricreativo, non è mimetismo pietistico e archeologico. È uno spirito nuovo, che inonda questa pacifica e inerme gente, la quale ricupera voce nel canto, pace nel cuore, vigore nei propositi, bontà nella vita.

Mentre siamo, proprio in questi tempi, demoralizzati per la delinquenza a stento frenata e per i dissensi sociali, che intristiscono la convivenza civile e inceppano lo sforzo generoso delle riforme, ecco che una consolazione, a chi la sa accogliere, è offerta: convive nel nostro mondo un Popolo di Dio, ancora pieno di fede, umile e verace, pronto a trasformare le difficoltà e gli ostacoli del vivere in gradini da sormontare per nuove salite, e felice d'aver ritrovato nell'amore insegnato da Cristo la forza, la gioia, l'arte del rinnovamento e della riconciliazione. Procuriamo di capire e di riprendere fiato e fiducia. Noi, ad esempio, abbiamo avuto questa mattina d'intorno all'altare, con altri pellegrini, ventimila fedeli, giovani la più parte, che si intitolano GEN «Generazione nuova», provenienti da tutto il mondo. Una commovente bellezza. Ringraziamo Iddio e riprendiamo coraggio. Nasce un mondo nuovo, il mondo cristiano della fede e della carità. Invochiamo per tutti la Madonna.

top