The Holy See
back up
Search
riga

PAOLO VI

ANGELUS DOMINI

Domenica, 7 novembre 1976

 

Noi siamo ancora col pensiero dei nostri Defunti nel cuore. Quella commemorazione così triste e pia dei Morti, che furono nostri, dai quali noi stessi abbiamo ricevuto la vita, per un mandato divino infuso nella natura, e dei quali molti abbiamo goduto la conversazione nel tempo che li ha portati via, ci ha riempito l’animo di pensieri gravi, difficili e incancellabili, e, volere o no, determinanti nel nostro modo di concepire questa nostra esistenza presente, e di presagire quella futura.

 Abbiamo ancora una volta pensato alla precarietà della nostra vita presente; siamo noi stessi morituri: «viene la notte in cui più nessuno può operare» (Io. 9, 4). Che cosa rimane del nostro essere attuale? Solo una memoria nei sopravvissuti che poi svanisce con loro? e che cosa è la morte? un vuoto, un nulla? una fine senza fine? E la nostra coscienza d’immortalità è sicura, o è un’illusione?

Qui la parola del Maestro della vita, che è Cristo, ci rassicura, e sola ci garantisce della nostra permanenza nell’esistenza vittoriosa sulla morte: «chi crede in me non morrà in eterno» (Ibid. 11, 26). Così, una lampada divina si accende sull’abisso dell’al di là. Sì, di là la nostra vita continua, anzi si afferma e si sviluppa: una visione beatifica assorbe ed esalta chi è passato nel mistero dell’oltre tomba, dell’eternità: «Noi lo vedremo », Lui, il Dio ora invisibile e sempre onnipotente, « lo vedremo com’egli è» (1 Io. 3, 2).

«Noi non vogliamo poi lasciarvi nell’ignoranza, fratelli, circa quelli che sono morti, perché non continuiate ad affliggervi, come gli altri che non hanno speranza. Noi crediamo infatti che Gesù è morto e risuscitato; così anche quelli che sono morti, Dio li radunerà per mezzo di Gesù insieme con Lui». È S. Paolo che ce lo insegna (1 Thess. 4, 13-15).

Tutto quindi dipende dal nostro essere con Cristo, qui, ora, nel tempo. La vita presente non solo non è svalutata dalla morte, che sopra le incombe, ma essa diventa estremamente preziosa, se buona, se cristiana. Preziosa ed intensa: «camminate, finché è giorno» ci ammonisce il Signore (Io. 12, 35): il tempo è un dono prezioso! Questa grande meditazione sui destini umani ci fa umili, buoni, laboriosi, vigilanti.

Che Maria ci sia propizia «in hora mortis nostrae. Amen».

                      

top