The Holy See
back up
Search
riga

PAOLO VI

ANGELUS DOMINI

Domenica, 23 ottobre 1977

 

Oggi, Fratelli e figli carissimi, si celebra la Giornata Mondiale per le Missioni.

Si tratta innanzitutto di comprendere. Di comprendere il disegno universale, che presiede alla salvezza del mondo. Questo disegno è il Vangelo di Cristo. È un disegno necessario. È un disegno che interessa tutta l’umanità. È un disegno di bontà, di Amore infinito. Bisogna ricordare questa verità costituzionale per le sorti dell’umanità: «così Iddio ha amato il mondo da dare per esso il suo Figlio unigenito», Cristo (Io. 4, 16). Mistero stupendo, disegno meraviglioso, offerta inestimabile. Ma si tratta d’un piano condizionato. Condizionato ad una collaborazione umana. Il Vangelo non si annuncia da sé; e il suo annuncio ha bisogno di chi se ne faccia voce, cioè apostolo, cioè missionario. Come può il mondo apprendere questo annuncio se qualcuno non lo porta? e come qualcuno lo porterà, se non ne riceve l’incarico? occorre il portavoce di Cristo, affinché Cristo sia creduto ed accolto. Ecco dunque la necessità dell’apostolo, del missionario (Cfr. Rom. 10, 17). Senza una trasmissione intenzionale, e fatta da uomo a uomo, il Vangelo non si diffonde da sé, una volta per tutte, o affidato a testimonianza guidata da libera interpretazione. Occorre un messaggero qualificato. Occorre la Chiesa che annuncia la Chiesa; occorre un’azione missionaria! organizzata, fiorente per l’aiuto di tutti.

Con questa avvertenza infatti: che la responsabilità della diffusione del Vangelo che salva è di tutti! di tutti quanti lo hanno ricevuto. Il dovere missionario investe tutto il corpo della Chiesa. In maniere e in misure differenti, sì; ma tutti, tutti dobbiamo essere solidali nel compimento di questo dovere. Ora la coscienza di ciascun credente si chieda: ho io compiuto il mio dovere missionario? La preghiera per le Missioni è il primo modo di assolvere questo dovere (Matth. 9, 38). E poi il pane: bisogna dare un pane a chi spende la vita per diffondere il Vangelo (Cfr. Luc. 10, 7). Ma oggi soprattutto l’idea; l’idea missionaria abbia la nostra comprensione, la nostra adesione.

La nostra invocazione alla Madonna sia ora perciò per i Missionari del Vangelo.

                                         

top