The Holy See
back up
Search
riga

VISITA ALLA FLORERIA APOSTOLICA

DISCORSO DI PAOLO VI

Giovedì, 26 settembre 1963

 

Da molti anni il Santo Padre conosce la Floreria Apostolica ed ha presente il lavoro assiduo, prezioso e meritorio svolto da quanti ne fanno parte. Ed ecco che un affettuoso pensiero va naturalmente all’indimenticabile Mario Seganti, poiché della sua attività molti sono i ricordi, come vivo è il rimpianto per la scomparsa. La sua opera viene ora proseguita da coloro che furono collaboratori e dipendenti di così alacre funzionario.

In questi ultimi tempi Sua Santità ha potuto ammirare quelle che Egli chiama amabilmente le speciali imprese, le «grandi manovre» della Floreria Apostolica: il Concilio, il Conclave ed anche l’appartamento del nuovo Papa. Tocca quindi a Lui, in modo precipuo, ringraziare per le devote premure e cortesie; e ben volentieri Egli elogia la perfetta esecuzione di quanto è stato disposto e compiuto.

A questo sentimento di gratitudine un altro si aggiunge in maniera semplice e conseguente: il desiderio di vedere i nuovi locali in cui è sistemata la Floreria Apostolica, dopo la lunga dimora in ambienti assai vetusti, decorati da pregevoli affreschi, e il cui originario uso fu di accogliere i primi reparti della Biblioteca Vaticana, durante il Pontificato di Niccolò V.

D’altronde c’è un motivo ancora più alto di compiacimento da parte del Sommo Pontefice È il lavoro stesso a cui gli addetti alla Floreria - sempre bravi, devoti, intelligenti - svolgono, talora con oscuro ma sempre meritorio sacrificio, che tutti apprezzano, anche se non tutti conoscono tanti particolari di una fatica spesso urgente e non lieve. Inoltre: la Floreria è così necessaria che deve stare bene. A ciò vogliono rispondere i nuovi ampi locali, appositamente preparati; e quanto è stato adottato per un funzionamento sempre più efficiente.

È ovvio quindi che l’affetto del Papa ponga in risalto l’attività dei dipendenti della Floreria. Essa si svolge nella Casa del Padre; e quanti vi partecipano erano chiamati, una volta, i familiari. Attendono infatti ad un lavoro che, se non ha vistose apparenze, è sempre in grado di presentare magnifici risultati, anche se gli autori non compaiono. Sanno però di esplicare un nobile dovere per la causa comune del Papa e di Nostro Signore Gesù Cristo. Di qui l’espressione della simpatia e benevolenza, e anche della fiducia che il futuro sempre corrisponda all’ottimo passato e presente.

                                                

top