The Holy See
back up
Search
riga

DISCORSO DEL SANTO PADRE PAOLO VI
AD UN GRUPPO DI MONACHE BENEDETTINE

Mercoledì, 11 marzo 1970

 

Sua santità, dopo essersi informato sullo svolgimento del corso, rivolge alle Religiose, in maggior parte di clausura, una serie di considerazioni, ponendo in risalto la bellezza della consacrazione al Signore nella luce della tradizione mistica e, insieme, degli insegnamenti espressi dal Concilio Ecumenico Vaticano II, che ha dedicato all’argomento alcuni suoi importanti Documenti, e formulato norme direttive tra le più importanti per la vita contemplativa.
Tra l’altro, il Santo Padre dichiara che la funzione dei monasteri di clausura è ancor oggi quella di dare alla Chiesa un esercito di anime consacrate in tutto e per tutto al Signore e che nell’esercizio della preghiera, della abnegazione interiore, della rinuncia a quanto il mondo offre, raggiungono la perfezione religiosa e compiono, nel medesimo tempo, un servizio a sostegno della Chiesa stessa e dell’umanità.
Paolo VI spiega, quindi, quanto sia necessario, in questi tempi specialmente, difendere questa perfezione religiosa, che il Signore stesso desidera e aiuta coi suoi divini carismi. Ora più che mai c’è assoluta necessità di preghiera nel mondo e per il mondo, che sembra ancor più profano e dove troppo spesso la preghiera è ignorata o addirittura respinta. Il Papa ricorda alle Monache presenti che esse e tutte le consorelle che hanno prescelto il chiostro, sono le voci appassionate e silenziose della Chiesa, in grado di presentare al Signore i bisogni della umanità ed ottenere la misericordia di Dio. Esse non soltanto parlano al Signore, ma sono le delegate stesse dell’umanità nei rapporti con Dio.
Infine il Santo Padre ricorda brevemente le caratteristiche della diuturna oblazione, il senso della preghiera in un amore altissimo che prega e che canta. Accenna pure alla opportunità di alcuni aggiornamenti nelle regole e nelle costumanze monastiche richiesti da una maggiore validità della loro offerta. Conclude benedicendo, sicuro della speciale preghiera delle anime consacrate al Signore per il Papa.

                     

top