The Holy See
back up
Search
riga

INCONTRO DI PAOLO VI
CON UNA COMUNITÀ BUDDISTA

Venerdì, 17 gennaio 1975

 

Santità,

Siamo lieti di accogliere oggi Vostra Santità nel nostro Palazzo Apostolico e di esprimerle viva gratitudine per il desiderio da Lei manifestato di renderci visita.

Noi siamo amici di tutti gli uomini di buona volontà, soprattutto di quelli che, come Lei, hanno conservato e promosso i valori spirituali e morali dell’uomo.

Desideriamo estendere questo caldo saluto e sincero apprezzamento anche alle distinte persone del suo seguito ed a tutta la Comunità Religiosa, che Ella rappresenta.

Il Concilio Vaticano II ha espresso ammirazione per il Buddismo nelle sue varie forme e per il contributo che esso offre alla elevazione spirituale dell’uomo.

Noi abbiamo istituito un Segretariato al fine di promuovere le relazioni e il dialogo con le Religioni non Cristiane; e siamo felici che in ogni parte del mondo i nostri figli e figlie della Chiesa Cattolica siano sempre più aperti ad una amichevole collaborazione con i seguaci di esse per la promozione della Pace e dei valori spirituali e morali tra tutti gli uomini. Ogni progresso morale e religioso è un contributo alla Pace.

Ci sia consentito di augurarle che abbia un felice soggiorno in Roma e che Le sia di profonda soddisfazione la visita a San Pietro, meta di numerosi pellegrini da ogni parte del mondo in questo Anno Santo.

Noi tutti, del resto, siamo pellegrini verso l’Assoluto e l’Eterno, che solo può appagare completamente il cuore dell’uomo.

Possa il nostro incontro di oggi essere un auspicio di Pace per il suo Paese.

Auguriamo a Vostra Santità e a tutti i suoi fedeli l’abbondanza della prosperità e della pace.

                                                                                      

top