The Holy See
back up
Search
riga

LETTERA DI SUA SANTITÀ PIO XII
AL CARDINALE ARCIVESCOVO DI NAPOLI.*

 

AL DILETTO FIGLIO NOSTRO IL CARDINALE ALESSIO ASCALESI
ARCIVESCOVO DI NAPOLI

Chiamati dagli imperscrutabili consigli di Dio fin dagli esordi del Nostro Pontificato a bere largamente al calice del Divin Maestro con tutta la famiglia cristiana presa nel vortice della guerra, siamo oggi con te, diletto Figlio Nostro, presenti al tuo dolore e a quello del tuo gregge, oggi precipitato nel lutto.

Ma soffrendo con voi, Noi ben sentiamo, in così duro frangente, la forte e vivace fede di un popolo che non ha mai smentito la sua calda religiosità e nelle più ardue prove sente Iddio più vicino che mai per accettarne i voleri e riconoscerne la bontà; un Dio che nei mali sorregge, e umiliando richiama, purifica, solleva, conduce i Suoi figli al lume della Verità e della Giustizia del cuore.

Sorretti da questa coscienza, non dubitiamo che la comune ambascia troverà nel Padre della misericordia il suo conforto; e questo Padre pietoso, che pur atterrando consola, farà sentire anche oggi ai suoi figli afflitti la sua mano soccorritrice, perchè nessuno cada o vacilli, ma tutti trovino le vie superiori della fortezza cristiana.

Con questa speranza, che nel Nostro cuore è certezza — tanto stimiamo la fede e la pietà del popolo napolitano — Noi innalziamo oggi per voi, come ieri per altri fratelli vostri e Nostri figli diletti, la più fervida preghiera al Celeste Consolatore perchè agli oscuri giorni del pianto succeda presto l'alba della giusta e serena pace.

Così ascolti l'Onnipotente, per l'intercessione della Vergine Immacolata e del vostro glorioso Patrono, sempre a voi così vicino, le Nostre suppliche; e sia a te, diletto Figlio Nostro, e a tutto il tuo gregge — massime ai più colpiti dalla sventura — pegno della divina assistenza, la Nostra commossa Apostolica Benedizione.

Dal Vaticano, 8 Dicembre 1942.

PIUS PP. XII


*Discorsi e Radiomessaggi di Sua Santità Pio XII, IV,
  Quarto anno di Pontificato, 2 marzo 1942 - 1° marzo 1943, pp. 465-466
  Tipografia Poliglotta Vaticana

 

top