The Holy See
back up
Search
riga

PAROLE DI SUA SANTITÀ PIO XII
AL POPOLO ROMANO*

Martedì, 6 giugno 1944

 

Roma, ieri ancora trepidante per la vita dei suoi figli e delle sue figlie, per la sorte d'incomparabili tesori di religione e di cultura, con dinanzi agli occhi lo spettro terrificante della guerra e di inimmaginabili distruzioni, guarda oggi con nuova speranza e con rafforzata fiducia alla sua salvezza.

Perciò con animo profondamente grato, Noi eleviamo, in lode e in adorazione, la mente e il cuore al Dio uno e trino, al Padre, al Figliuolo e allo Spirito Santo, nel cui solenne giorno festivo, per misericordia divina ispirante ad ambedue le Parti belligeranti intenti di pace e non di afflizione (cfr. Ier. 29, 11), l'Eterna Città è stata preservata da incommensurabile pericolo.

Con indicibile riconoscenza noi veneriamo la Ssma Madre di Dio e Madre nostra, Maria, che al titolo e alle glorie di Salus populi romani ha raggiunto una nuova prova della sua benignità materna, che rimarrà in perenne memoria negli annali dell'Urbe.

Noi ci chiniamo riverenti dinanzi agli Apostoli Pietro e Paolo, la cui potente mano ha protetto la terra, che fu già impregnata del sudore delle loro fatiche apostoliche e del sangue del loro glorioso martirio.

Voi però, figli di Santi ed eredi di un passato unico nella storia, mostratevi degni della grazia ricevuta e conformate la vostra vita e i vostri costumi alla gravità e alla serietà dell'ora presente e ai formidabili doveri che vi attendono nell'avvenire.

Superate gl'impulsi alle interne e alle esterne discordie con lo spirito di magnanimo amore fraterno.

Frenate gl'istinti del rancore, della vendetta e dell'egoismo coi sentimenti di nobile e saggia moderazione e di accresciuta soccorrevole sollecitudine verso i poveri e i sofferenti.

Sursum corda! In alto i cuori : Noi vi gridiamo. E siamo certi che i vostri cuori unanimi e senza eccezione risponderanno: Habemus ad Dominum: Li abbiamo innalzati al Signore !

Con tale speranza impartiamo a tutti voi, diletti figli e figlie, alle vostre famiglie, ai vostri cari, vicini e lontani, sani e malati, come pegno dei più abbondanti favori celesti, la Nostra paterna Apostolica Benedizione.


*Discorsi e Radiomessaggi di Sua Santità Pio XII, VI,
  Quinto anno di Pontificato, 2 marzo 1944 - 1° marzo 1945, pp. 29-30
  Tipografia Poliglotta Vaticana

 

top