The Holy See
back up
Search
riga

GIOVANNI PAOLO II

ANGELUS

SolennitÓ di Tutti i Santi
Venerdý, 1░ novembre 2002

 

Carissimi Fratelli e Sorelle!

1. Oggi la Chiesa, come dice la Liturgia, ha "la gioia di celebrare in un'unica festa i meriti e la gloria di tutti i Santi" (Orazione Colletta): non solo di quelli che essa ha proclamato nel corso dei secoli, ma anche degli innumerevoli uomini e donne la cui santitÓ, nascosta in questo mondo, Ŕ ben nota a Dio e risplende nel suo Regno eterno.

Nel clima spirituale della comunione dei Santi, mi Ŕ caro ricordare i nove Fratelli e Sorelle che sono stati canonizzati nel corso dell'ultimo anno: Alonso de Orozco; Ignazio da SanthiÓ; Umile da Bisignano; Paulina do CorašŃo Agonizante de Jesus; Benedetta Cambiagio Frassinello; Pio da Pietrelcina; Pedro de San JosÚ Betancur; Juan Diego di Guadalupe; JosemarÝa Escrivß de Balaguer.

Pensando a questi luminosi testimoni del Vangelo, rendiamo grazie a Dio, "fonte di ogni santitÓ", per averli donati alla Chiesa ed al mondo. Con il loro esempio, essi dimostrano che "tutti i fedeli - come insegna il Concilio - sono chiamati alla pienezza della vita cristiana e alla perfezione della caritÓ" (Lumen gentium, 40), tendendo alla "misura alta" della vita cristiana ordinaria (cfr Lett. ap. Novo millennio ineunte, 31).

2. La festa odierna ci invita a volgere lo sguardo al Cielo, meta del nostro pellegrinaggio terreno. LÓ ci attende la festosa comunitÓ dei Santi. LÓ ci ritroveremo con i nostri cari defunti, per i quali s’eleverÓ la preghiera nella grande commemorazione liturgica di domani.

I fedeli cristiani e le famiglie si recano in questi giorni nei cimiteri, dove riposano i resti mortali dei loro congiunti, in attesa della risurrezione finale. Anch'io ritorno spiritualmente alle tombe dei miei cari, dove ho avuto occasione di sostare recentemente, durante il viaggio apostolico a Cracovia.

Il 2 novembre, per˛, ci chiede di non dimenticare, anzi, in un certo senso di privilegiare nella preghiera le anime di tanti defunti che nessuno ricorda, per affidarli all'abbraccio della divina Misericordia. Penso in particolare a tutti coloro che, nell'anno trascorso, hanno lasciato questo mondo. Prego soprattutto per le vittime dei fatti di sangue, che nei mesi scorsi ed anche in questi giorni hanno continuato ad affliggere l'umanitÓ. La commemorazione di tutti i defunti non pu˛ non essere anche una corale invocazione di pace: pace per chi ha vissuto, pace per chi vive, pace per chi vivrÓ.

3. Nella gloria del Paradiso risplende la Vergine Maria, che Cristo ha incoronato Regina degli Angeli e dei Santi. A Lei, "segno di sicura speranza e di consolazione" (Lumen gentium, 68), guarda la Chiesa pellegrinante, desiderosa di congiungersi a quella trionfante nella patria celeste. A Maria Santissima affidiamo tutti i defunti, perchÚ sia loro concessa la beatitudine eterna.


Negli ultimi giorni si sono verificati violenti fenomeni sismici in Sicilia e in altre zone dell’Italia centro-meridionale, che hanno provocato gravi sofferenze e disagi a quelle care popolazioni. In particolare, nella giornata di ieri, un terremoto di forte intensitÓ ha interessato il Molise, con danni in Puglia e in Abruzzo.

Desidero esprimere la mia profonda vicinanza spirituale alle persone colpite da questi tragici eventi, pensando specialmente ai bambini coinvolti nel crollo di un edificio scolastico a San Giuliano di Puglia. Mentre elevo al Signore la mia accorata preghiera per le vittime e per i loro familiari, rivolgo una affettuosa parola di incoraggiamento ai sopravvissuti e a quanti sono impegnati nei soccorsi, auspicando che siano sostenuti dalla solidarietÓ dell’intera Nazione.

Traduzione italiana delle parole rivolte ai pellegrini giunti dalla Polonia:

Saluto i pellegrini giunti dalla Polonia: dall'arcidiocesi di Danzica e tutti gli altri qui presenti.

Oggi e domani visitiamo le tombe dei nostri cari defunti raccomandandoli alla misericordia divina. Ci rechiamo soprattutto nella Cattedrale di Wawel dove si trovano le tombe dei re, dei poeti e degli eroi nazionali, e tutti i cimiteri sulla terra polacca e su tutta la terra dove si trovano le tombe dei soldati polacchi morti per la Patria. Visitiamo le tombe in tutte le parrocchie in Polonia e fuori dalla Polonia, le tombe dei soldati polacchi dell'ultima guerra, di Monte Cassino e di altri campi di battaglia che si trovano qui in Italia.

Per tutti e dappertutto: "L'eterno riposo dona loro, Signore. Risplenda ad essi la luce perpetua. Riposino in pace" con Te, Signore, fino alla fine dei secoli. Amen.

 

 

ę Copyright 2002 - Libreria Editrice Vaticana

 

top