The Holy See
back up
Search
riga

LETTERA DI GIOVANNI PAOLO II
AL CARDINALE ROGER MICHAEL MAHONY

 

Al venerabile fratello nostro,
S. Em.za Rev.ma card. Roger Michael Mahony,
Arcivescovo di Los Angeles, California.

Abbiamo consapevolezza chiara e fondata dell’enorme importanza che nella società e nella Chiesa stessa riveste la famiglia, cui la dottrina cattolica e l’attività pastorale sono solite dedicare grandissima attenzione. Certamente la preghiera comune e specialmente il culto mariano hanno grande efficacia nel rendere saldo il vincolo familiare.

Sono peraltro trascorsi cinquant’anni da quando mosse i suoi primi passi una iniziativa che prende il nome di “Family Rosary Crusade”. Fu il padre Patrick Peyton, membro della Congregazione della Santa Croce, a dare allora l’avvio a questo progetto, per un’ottima causa, che la Madre celeste fosse venerata, con l’ausilio della corona del rosario, e dispensasse così i suoi aiuti celesti.

Noi desideriamo che questa testimonianza cristiana sia rafforzata e consolidata anche nel nostro tempo. Pertanto apprendiamo con gioia che sarà celebrato convenientemente il cinquantesimo anniversario di quest’opera, così che la famiglia cristiana fiorisca sempre di più, seguendo e imitando l’esempio di Maria, e raggiunga la perfezione delle virtù domestiche.

Così, perché questa commemorazione si svolga in modo più solenne e fecondo, abbiamo stabilito di inviare una persona eminente a rappresentare la persona nostra e parimenti manifestare la nostra benigna esortazione e il nostro pensiero devoto a Maria. Abbiamo rivolto dunque a lei, venerabile fratello nostro, il pensiero e l’animo nostro, poiché lei ci è sembrato adatto per assumersi questo incarico e compierlo adeguatamente. La nominiamo perciò inviato speciale alla commemorazione del cinquantesimo anniversario di quella istituzione che è la “Family Rosary Crusade”. Come sarà richiesto dall’occasione stessa, parlerà della preghiera del rosario e porterà la nostra voce, perché i fedeli acquistino un animo rinnovato e, per il futuro, una devozione mariana più fervente.

Manifesterà infine a tutti la nostra benevolenza, che abbracci tutti, consoli le pene di tutti e allieti tutte le famiglie. Vogliamo infine recare generosamente a tutti i partecipanti alla commemorazione la nostra benedizione apostolica, preannuncio e sicuro documento di grazie divine.

Città del Vaticano, 21 novembre 1992, anno quindicesimo del nostro pontificato.

IOANNES PAULUS PP. II

 

© Copyright 1992 - Libreria Editrice Vaticana

 

top