Segreteria di Stato - Index

Index

SANTO PADRE

CURIA ROMANA

SERVIZI INFORMAZIONE

CITTA' DEL VATICANO

ANNO LITURGICO

CELEBRAZIONI
LITURGICHE

Back Top Print

   


La Sacra Congregazione degli Affari Ecclesiastici Straordinari fu istituita da Pio VII con Biglietto del cardinale Bartolomeo Pacca, Pro-Segretario di Stato, a padre Francesco Fontana, B., il 19 luglio 1814, ampliando così la facoltà della Congregazione super Negotiis Extraordinariis Regni Galliarum, istituita da Pio VI nel 1793.

La Congregazione degli AA.EE.SS. doveva assicurare alla Santa Sede un organo consultivo a cui sottoporre questioni di particolare interesse, che affondavano le radici nella grave situazione ecclesiastica derivata dagli sconvolgimenti della Rivoluzione Francese e da Napoleone Bonaparte.

Pio VII, rientrato a Roma dall’esilio (1814), affidò alla Congregazione il compito di restaurare le relazioni tra gli Stati e la Chiesa, risolvere questioni di carattere legislativo civile, circa l’insegnamento, la giurisdizione e la libertà ecclesiastica, l’erezione e il governo delle diocesi, le trattative per la nomina dei vescovi, le relazioni tra il clero e i governi, senza trascurare tematiche spirituali, dogmatiche, morali e disciplinari nei singoli Paesi europei.

Il Fondo AA.EE.SS. trova la sua conclusione nella Costituzione Apostolica Regimini Ecclesiae Universae del 15 agosto 1967, con la quale il Papa Paolo VI mutò la «Sacra Congregazione degli Affari Ecclesiastici Straordinari» in «Consiglio per gli Affari Pubblici della Chiesa». La parte del Fondo consultabile attualmente, è composta da 3780 scatole corrispondenti a ca. 420 metri lineari.