The Holy See
back up
Search
riga

SINODO DEI VESCOVI

XI ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA

L'EUCARISTIA:
FONTE E CULMINE
DELLA VITA E DELLA MISSIONE
DELLA CHIESA

INSTRUMENTUM LABORIS

Città del Vaticano
2005

 


INDICE

Prefazione

INTRODUZIONE

Assemblea sinodale nell'Anno dell'Eucaristia
Instrumentum laboris
e suo uso

Parte I:

EUCARISTIA E MONDO ATTUALE

Capitolo I: FAME DEL PANE DI DIO

Pane per l'uomo nel mondo
Alcuni dati statistici essenziali
Eucaristia in differenti contesti della Chiesa
Eucaristia e senso cristiano della vita

Capitolo II: EUCARISTIA E COMUNIONE ECCLESIALE

Mistero eucaristico, espressione di unità ecclesiale
Rapporto Eucaristia e Chiesa, 'Sposa e Corpo di Cristo'
Rapporto tra l'Eucaristia e gli altri sacramenti
Stretto legame tra Eucaristia e Penitenza
Rapporto tra Eucaristia e fedeli
Ombre nella celebrazione dell'Eucaristia

Parte II:

FEDE DELLA CHIESA NEL MISTERO DELL'EUCARISTIA

Capitolo I: EUCARISTIA, DONO DI DIO AL SUO POPOLO

Eucaristia, mistero della fede
Eucaristia, nuova ed eterna alleanza
Fede e celebrazione dell'Eucaristia
Fede personale ed ecclesiale
Percezione del mistero eucaristico tra i fedeli
Senso del sacro nell'Eucaristia

Capitolo II: MISTERO PASQUALE ED EUCARISTIA

Centralità del mistero pasquale
Nomi dell'Eucaristia
Sacrificio, memoriale e convito
Consacrazione
Presenza reale

Parte III:

EUCARISTIA NELLA VITA DELLA CHIESA

Capitolo I: CELEBRARE L'EUCARISTIA DEL SIGNORE

"Ti rendiamo grazie per averci ammessi alla tua presenza"
Riti d'introduzione
Liturgia della Parola
Liturgia eucaristica
Comunione
Riti di conclusione
Ars celebrandi
Parola e Pane di vita
Significato delle norme
Urgenze pastorali
Canto liturgico
Decoro del luogo sacro

Capitolo II: ADORARE IL MISTERO DEL SIGNORE

Dalla celebrazione all'adorazione
Atteggiamenti di adorazione
Attesa del Signore
Eucaristia domenicale

Parte IV:

EUCARISTIA NELLA MISSIONE DELLA CHIESA

Capitolo I: SPIRITUALITÀ EUCARISTICA

Eucaristia, fonte della morale cristiana
Persone e comunità eucaristiche
Maria, donna eucaristica

Capitolo II: EUCARISTIA E MISSIONE DI EVANGELIZZAZIONE

Atteggiamento eucaristico
Implicazioni sociali dell'Eucaristia
Eucaristia e inculturazione
Eucaristia e pace
Eucaristia e unità
Eucaristia ed ecumenismo
Eucaristia ed intercomunione
Ite missa est

CONCLUSIONE


PREFAZIONE

La Chiesa vive dell'Eucaristia fin dalle sue origini. In essa trova la ragione della sua esistenza, la fonte inesauribile della sua santità, la forza dell'unità e il vincolo della comunione, l'impulso della sua vitalità evangelica, il principio della sua azione di evangelizzazione, la sorgente della carità e lo slancio della promozione umana, l'anticipo della sua gloria nel banchetto eterno delle Nozze dell'Agnello (cf. Ap 19, 7-9).

Tra le presenze di diverso grado del Signore risorto nella sua Chiesa, un posto del tutto particolare occupa il sacramento dell'Eucaristia, nel quale, per la grazia dello Spirito Santo e le parole della consacrazione, il pane e il vino diventano il Corpo e il Sangue di Gesù Cristo a gloria e lode di Dio Padre. Tale inestimabile dono e grande mistero ebbe compimento nell'Ultima cena e, per l'esplicito comandamento del Signore Gesù: "Fate questo in memoria di me" (Lc 22,19), è stato tramandato a noi per mezzo degli apostoli e dei loro successori. Al riguardo, san Paolo nel racconto del pane e del calice della nuova Alleanza, scrisse: "Io, infatti, ho ricevuto dal Signore quello che a mia volta vi ho trasmesso" (1 Cor 11, 23). Si tratta di sacra Tradizione fedelmente pervenuta di generazione in generazione fino ai nostri giorni.

Il deposito della fede eucaristica, nonostante varie controversie dottrinali e disciplinari, è pervenuto a noi, per la grazia della divina Provvidenza, nella sua purezza originale, in virtù soprattutto, della dottrina dei due Concili ecumenici di Trento (1545-1563) e Vaticano II (1962-1965). Ad una migliore comprensione del mistero eucaristico notevole contributo hanno dato vari Sommi Pontefici, tra cui è doveroso ricordare Paolo VI e Giovanni Paolo II, di v. m., entrambi impegnati nell'applicazione, a livello di Chiesa universale, delle deliberazioni del Concilio Vaticano II. Durante il Pontificato di Giovanni Paolo II la Chiesa Cattolica si è arricchita di grandi documenti sul sacramento dell'Eucaristia. Basti ricordare il Catechismo della Chiesa Cattolica, l'enciclica Ecclesia de Eucharistia, la Lettera Apostolica Mane nobiscum Domine. In tale prospettiva di attuazione del Concilio Vaticano II e in fedele continuità con la bimillenaria tradizione della Chiesa auspica mantenere il suo Pontificato anche l'attuale Santo Padre, Benedetto XVI, che ha annunciato già nella sua prima allocuzione, indirizzata per mezzo del Collegio dei Cardinali all'intera Chiesa, che l'Eucaristia costituisce il centro permanente e la fonte del servizio petrino affidatogli.

I documenti menzionati contengono una densa riflessione sul sacramento dell'Eucaristia con significative implicazioni spirituali e pastorali. Verificare all'alba del Terzo millennio del cristianesimo in che modo tale ricco patrimonio della fede venga applicato nella realtà della Chiesa Cattolica, sparsa nei cinque continenti, rimane una questione di sensibilità pastorale, di responsabilità episcopale e di visione profetica.

Pertanto, non è stata motivo di sorpresa la proposta fatta dalle Conferenze Episcopali di tutto il mondo e da altri organismi ecclesiali consultati dalla Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi, con il consenso del Consiglio Ordinario, di sottoporre all'approvazione del Santo Padre il tema dell'Eucaristia per l'XI Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi. Considerando l'importanza dell'argomento, Sua Santità ha ben volentieri accolto tale suggerimento, deliberando il tema: L'Eucaristia: fonte e culmine della vita e della missione della Chiesa e il tempo dell'assemblea, dal 2 al 23 ottobre 2005. Nella scelta del tema a nessuno sfugge il richiamo esplicito all'insegnamento del Concilio Vaticano II sull'Eucaristia, soprattutto della Costituzione dogmatica Lumen Gentium (n. 11), ripreso anche da Ecclesia de Eucharistia (nn. 1 e 13). Non si tratta di un richiamo casuale, bensì programmatico in vista di una ripresa dell'entusiasmo del Concilio Ecumenico Vaticano II per verificare l'applicazione dell'insegnamento sul sacramento dell'Eucaristia alla luce del posteriore Magistero della Chiesa.

Aiutata dai Membri del Consiglio Ordinario, la Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi ha incominciato la preparazione all'XI Assemblea Generale Ordinaria, con la composizione dei Lineamenta. Tale documento è stato pubblicato all'inizio dell'anno 2004 con l'intenzione di suscitare una vasta riflessione ecclesiale sul mistero dell'Eucaristia, celebrato e adorato nelle diocesi e nelle comunità della Chiesa Cattolica e annunciato al mondo intero. Infatti, il documento è stato inviato alle Conferenze Episcopali, alle Chiese Orientali Cattoliche sui iuris, ai Dicasteri della Curia Romana e all'Unione dei Superiori Generali, con l'espressa richiesta di rispondere, dopo riflessioni e preghiere, a un Questionario su diversi argomenti pastorali riguardanti l'Eucaristia. Inoltre, il medesimo documento è stato largamente diffuso nella Chiesa e nel mondo attraverso i mezzi di comunicazione sociale. Il Popolo di Dio, guidato dai Pastori, ha risposto bene a tale consultazione, fornendo validi contributi sull'argomento, in vista della preparazione dell'assemblea sinodale. In vari Paesi sono state favorite discussioni a livello di diocesi, parrocchie ed altre comunità ecclesiali. Si è trattato, pertanto, di una indagine sulla fede e sulla prassi eucaristica a livello della Chiesa universale.

Le reazioni sono arrivate alla Segreteria Generale sotto forma di "risposte", da parte degli organismi sopra indicati con spiccata dimensione collegiale, e di "osservazioni" da parte di coloro che spontaneamente hanno voluto dare il loro contributo al processo sinodale. I frutti sono stati raccolti nel presente Instrumentum laboris che è una sintesi fedele dei contributi pervenuti. Riflettendo il tenore delle risposte, nel documento non si è voluta ripresentare una sintesi teologica sistematica e completa sul sacramento dell'Eucaristia, che del resto già esiste nella Chiesa, quanto, piuttosto, ricordare alcune verità dottrinali che hanno notevole influsso sulla celebrazione del sublime mistero della nostra fede, mettendone in risalto la grande ricchezza pastorale. Pertanto, il documento si è concentrato principalmente sugli aspetti positivi della celebrazione eucaristica, che raduna i fedeli e fa di loro una comunità, nonostante le differenze di razza, lingua, nazione, cultura. Nel documento sono, poi, menzionate anche alcune omissioni o negligenze nella celebrazione dell'Eucaristia che, grazie a Dio, sono assai marginali. Esse, però, permettono di prendere maggiore coscienza del rispetto e della pietà con cui i membri del clero e tutti i fedeli dovrebbero avvicinarsi all'Eucaristia per celebrarne il sacro mistero. Non manca, infine, una parte propositiva, proveniente da numerose risposte, frutto di approfondite riflessioni pastorali delle Chiese particolari e di altri organismi consultati.

Ovviamente, la celebrazione del sacramento dell'Eucaristia si manifesta nei singoli Paesi e continenti con notevole varietà, che diventa evidente se si considerano le varie Tradizioni spirituali o riti della Chiesa Cattolica. La diversità, lungi dall'indebolire la sua unità, rivela la ricchezza della Chiesa nella comunione cattolica caratterizzata dallo scambio dei doni e delle esperienze. I cattolici di Tradizione latina percepiscono tale ricchezza nella insigne spiritualità delle Chiese Orientali Cattoliche, come risulta sia dai Lineamenta che dall'Instrumentum laboris. Da parte loro, i cristiani delle Tradizioni orientali riscoprono il notevole patrimonio teologico e spirituale della Tradizione latina. Questo atteggiamento ha pure una finalità ecumenica. Infatti se la Chiesa Cattolica respira a due polmoni, e ne ringrazia la Divina Provvidenza, attende anche il giorno beato, quando tale ricchezza spirituale potrà essere ampliata e ravvivata da una completa e visibile unità con quelle Chiese Orientali che, pur in assenza di una piena comunione, in buona parte professano la stessa fede nel mistero di Gesù Cristo Eucaristia.

L'Instrumentum laboris è destinato ai Padri sinodali come documento di lavoro e di ulteriore riflessione sull'Eucaristia che, come cuore della Chiesa, la spinge nella comunione ad un rinnovato slancio missionario. Non c'è dubbio che la riflessione sarà fruttuosa perché lo spirito di collegialità, proprio delle riunioni sinodali, favorirà il consenso sulle proposte destinate al Santo Padre. Inoltre, si potranno raccogliere abbondanti frutti dalla riforma liturgica, dalle ricerche esegetiche e dall'approfondimento teologico che hanno caratterizzato il periodo successivo al Concilio Vaticano II.

Dalle risposte sintetizzate nell'Instrumentum laboris si percepisce l'auspicio del Popolo di Dio che i lavori dei Padri sinodali, radunati intorno al Vescovo di Roma, Capo del Collegio episcopale e Presidente del Sinodo, insieme ad altri rappresentanti della comunità della Chiesa, contribuiscano a riscoprire la bellezza dell'Eucaristia, sacrificio, memoriale e convito di Gesù Cristo, Salvatore e Redentore del mondo. I fedeli attendono orientamenti appropriati perché sia celebrato più degnamente il Sacramento dell'Eucaristia, pane disceso dal cielo (cf. Gv 6, 58) e offerto da Dio Padre nel suo Figlio Unigenito, sia adorato con più devozione il Signore sotto le specie del pane e del vino, siano rafforzati i vincoli di unità e di comunione tra coloro che si nutrono del Corpo e del Sangue del Signore. Tale attesa non sorprende, in quanto i cristiani che partecipano alla mensa del Signore, illuminati dalla grazia dello Spirito Santo, sono parte viva della Chiesa, Corpo mistico di Gesù Cristo, suoi testimoni nell'ambiente di vita e di lavoro, attenti ai bisogni spirituali e materiali dell'uomo contemporaneo, attivi nella costruzione di un mondo più giusto, in cui a nessuno manchi più il pane nostro quotidiano.

I Padri sinodali svolgeranno i loro compiti sinodali seguendo l'esempio della Beata Vergine Maria, Donna eucaristica, nella disponibilità a compiere la volontà di Dio Padre e con attitudine di apertura alle ispirazioni dello Spirito Santo. In tale importante lavoro saranno sostenuti dai vincoli della comunione con il clero e i fedeli che in quest'Anno dell'Eucaristia, con rinnovato zelo, non cessano di pregare, di celebrare, di adorare, di testimoniare con la vita cristiana e con la carità fraterna la fecondità del mistero eucaristico, annunciando con ravvivato vigore apostolico ai vicini ed ai lontani la bellezza del grande mistero della fede racchiuso nel sacramento dell'Eucaristia, fonte e culmine della vita e della missione della Chiesa per il Terzo millennio del cristianesimo.

Nikola Eterović
Arcivescovo tit. di Sisak
Segretario Generale



INTRODUZIONE

Assemblea sinodale nell'Anno dell'Eucaristia

1. La prossima XI Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi, che si terrà dal 2 al 23 ottobre 2005 sul tema L'Eucaristia: fonte e culmine della vita e della missione della Chiesa, è preceduta da una fase preparatoria che coinvolge tutta la Chiesa Cattolica sparsa nel mondo, grazie anche al magistero di Giovanni Paolo II, che ha promulgato l'Enciclica Ecclesia de Eucharistia e la Lettera apostolica Mane nobiscum Domine, e dei vescovi e teologi al 481 Congresso Eucaristico Internazionale di Guadalajara, Messico.[1] Attinenti in certo modo al tema sinodale vanno considerati anche l'Istruzione Redemptionis sacramentum e il sussidio Anno dell'Eucaristia. Suggerimenti e proposte della Congregazione per il Culto divino e la disciplina dei Sacramenti, diffuso quest'ultimo in occasione dell'apertura dell'Anno dell'Eucaristia che, iniziato il 17 ottobre 2004, si concluderà proprio col Sinodo.

Ad orientare la preparazione specifica sono stati approntati i Lineamenta, non per offrire un trattato completo sull'Eucaristia, né per riproporre semplicemente gli insegnamenti dottrinali contenuti nei suddetti documenti, ma per delineare le questioni emergenti nel quadro dei punti essenziali della dottrina eucaristica della Chiesa alla luce della Sacra Scrittura e della Tradizione.

Ai Lineamenta e al relativo Questionario sono pervenute risposte dalle Conferenze Episcopali, dalle Chiese Orientali Cattoliche sui iuris, dalla Curia Romana e dall'Unione dei Superiori Generali, e osservazioni da Vescovi, sacerdoti, religiosi, teologi e fedeli laici, che poi sono raccolte nell'Instrumentum laboris. Questo documento di lavoro della futura assemblea serve ad informare sulla realtà della fede, del culto e della vita eucaristica delle Chiese particolari sparse nel mondo e a confrontarla con quella della Chiesa universale.

Instrumentum laboris e suo uso

2. Per favorire la riflessione e la discussione preparatoria, nonché gli interventi e il dibattito in aula, l'Instrumentum laboris enuncia il dato dottrinale e quello pastorale. In questi due campi infatti sono impegnati continuamente i Vescovi nell'esercizio del loro triplice ufficio episcopale di insegnare, santificare e governare il popolo di Dio. Infatti, la prassi della Chiesa nel mondo deve confrontarsi continuamente con la dottrina perenne alimentata dalla Sacra Scrittura e dalla Tradizione.

Applicando il metodo al tema del Sinodo, è necessario verificare se la legge della preghiera corrisponda alla legge della fede, ovvero domandare che cosa creda e come viva il popolo di Dio perché l'Eucaristia possa essere sempre più la fonte e il culmine della vita e della missione della Chiesa e di ciascun fedele mediante la liturgia, la spiritualità, la catechesi negli ambiti culturali, sociali e politici.

Dalle risposte ai Lineamenta emerge il bisogno di comprendere l'Eucaristia alla luce della sua duplice qualità di fons et culmen nella Chiesa. Il Sacrificio sacramentale è fonte in quanto, per virtù delle parole del Signore e l'opera dello Spirito Santo, contiene l'efficacia della passione di Gesù Cristo e la potenza della sua risurrezione. L'Eucaristia è poi culmine della vita della Chiesa in quanto porta alla comunione col Signore per la santificazione e la divinizzazione dell'uomo, membro di una comunità radunata intorno alla mensa del Signore. Da questa verità, fons et culmen, nasce l'impegno per la trasformazione delle realtà temporali. Questo è il tema generale del Sinodo. Si può dire che nell'Eucaristia sia racchiuso il senso del sacrificio di Gesù: Dio totalmente e gratuitamente si dona e l'uomo si abbandona completamente al Padre che lo ama. Si tratta di una duplice espressione d'amore, che corrisponde, in qualche modo, all'Eucaristia come sacrificio e come banchetto.

E' stato generalmente apprezzato dalle risposte il fatto che i Lineamenta abbiano proposto non solo lo sguardo all'Eucaristia della liturgia di tradizione latina ma anche quello delle liturgie delle tradizioni orientali: l'osmosi è ritenuta arricchente e benefica anche al fine di esaltare le luci e diradare le ombre che si registrano in non pochi luoghi. Il testo dell'Instrumentum Laboris tenta di fare altrettanto nel comprendere l'intera tradizione della Chiesa, non solo dalla prospettiva del rito latino, sebbene non si possa nascondere che alcuni fenomeni siano propri di quest'ultimo.

Ora il presente Instrumentum laboris viene sottoposto alla riflessione dei Pastori delle Chiese particolari perché con il popolo di Dio si preparino al Sinodo, nel quale i Padri offriranno al Vescovo di Roma proposte utili al rinnovamento eucaristico della vita ecclesiale.

 

PARTE I

EUCARISTIA E MONDO ATTUALE

Capitolo I

FAME DEL PANE DI DIO

"Il pane di Dio è colui che discende dal cielo e dà la vita al mondo.
Allora gli dissero: Signore dacci sempre questo pane
" (Gv 6,33-34)

Pane per l'uomo nel mondo

3. Alla domanda di offrire un segno per poter credere, Gesù Cristo propose alla folla se stesso come il pane vero che sazia l'uomo (cf. Gv 6,35), il Pane che discende dal cielo per dare la vita al mondo. Anche il mondo attuale ha bisogno di tale pane per avere la vita. Nella conversazione con Gesù che presentava se stesso come il Pane per la vita del mondo, la folla spontaneamente lo pregò: "Signore dacci sempre questo pane". Si tratta di una supplica significativa, espressione del desiderio profondo insito nel cuore non solo dei fedeli bensì di ogni uomo che anela alla felicità simbolizzata dal pane della vita eterna. Anche il mondo in quest'anno del Signore 2005, nonostante le difficoltà e contraddizioni di varia indole, aspira alla felicità e desidera il pane della vita, dell'anima e del corpo. Per dare una risposta a questo anelito umano il Papa ha fatto un accorato appello a tutta la Chiesa perché l'Anno dell'Eucaristia sia anche occasione di un impegno serio e profondo a lottare contro il dramma della fame, il flagello delle malattie, la solitudine degli anziani, i disagi dei disoccupati e le traversie dei migranti. I frutti di tale impegno saranno la prova dell'autenticità delle celebrazioni eucaristiche.[2]

E non solo l'uomo ma anche l'intera creazione attende i nuovi cieli e la nuova terra ( cf. 2 Pt 3,13) e la ricapitolazione di tutte le cose, anche quelle della terra, in Cristo (cf. Ef 1,10). Perciò, l'Eucaristia, essendo il culmine al quale tende tutto il creato, è la risposta alla preoccupazione del mondo contemporaneo anche per l'equilibrio ecologico. Infatti, il pane e il vino, materia che Gesù Cristo ha scelto per ogni Santa Messa, collegano la celebrazione eucaristica con la realtà del mondo creato e affidato al dominio dell'uomo (cf. Gn 1,28), nel rispetto delle leggi che il Creatore ha posto nelle opere delle sue mani. Il pane che diventa Corpo di Cristo, sia prodotto da una terra fertile, pura e non contaminata. Il vino, che si trasforma nel Sangue del Signore Gesù, sia segno di un lavoro di trasformazione del creato secondo i bisogni degli uomini preoccupati pure di salvaguardare le risorse necessarie per le generazioni future. L'acqua, che unita al vino simboleggia l'unione della natura umana a quella divina nel Signore Gesù, conservi le sue salutari qualità per gli uomini assetati di Dio "sorgente di acqua che zampilla per la vita eterna" (Gv 4,14).

Alcuni dati statistici essenziali

4. Il tema del sinodo L'Eucaristia: fonte e culmine della vita e della missione della Chiesa, dunque, esige anche uno sguardo su alcuni dati significativi del mondo, in cui la Chiesa vive e opera. Nell'impossibilità di fornire un quadro completo ed esauriente si fanno dei rilievi e considerazioni d'indole generale.

Alcuni dati rendono palese il rapporto statistico tra la popolazione in genere e i fedeli che professano la fede cattolica. In questo senso è da notare che il numero dei cattolici nel 2003 era pari a 1.086.000.000, con un aumento di 15.000.000 di persone rispetto all'anno precedente, così ripartito per continenti: Africa + 4,5 %; America + 1,2 %; Asia + 2,2 %; Oceania + 1,3 %. Una situazione di pratica stabilità si registra in Europa . La lettura dei dati sulla distribuzione dei cattolici nelle varie aree geografiche evidenzia che l'America raccoglie il 49,8 % dei cattolici del mondo intero, mentre l'Europa ne ha il 25,8 %, l'Africa il 13,2 %, l'Asia il 10,4 % e l'Oceania lo 0,8 %.[3] Quanto poi al numero degli abitanti, la percentuale dei fedeli cattolici nei singoli continenti è la seguente: il 62,46 % in America, il 39,59 % in Europa, 26,39 % in Oceania, il 16,89 % in Africa, il 2,93 % in Asia.[4]

Dal punto di vista della distribuzione geografica della Chiesa è da notare che nel 2003 le circoscrizioni ecclesiastiche erano 2.893, 10 in più rispetto al 2002, con aumento in tutti i continenti.[5] È cresciuto di un 27,68 % il numero dei Vescovi in tutto il mondo, passando da 3.714 nel 1978 a 4.742 nel 2003, mentre il numero complessivo dei sacerdoti nel 2003 (405.450: 268.041 diocesani e 137.409 religiosi) rispetto a quello del 1978 (420.971: 262.485 diocesani e 158.486 religiosi) ha subito una flessione del 3,69 %, dovuta ad una diminuzione del 13,30 % dei sacerdoti religiosi e ad una crescita del 2,12 % dei sacerdoti diocesani. Inoltre, è in diminuzione del 27,94 % il numero di religiosi professi non sacerdoti (da 75.802 nel 1978 a 54.620 nel 2003). Si verifica anche una flessione del 21,65 % nel numero delle religiose professe (da 990.768 nel 1978 a 776.269 nel 2003).[6]

Poiché la celebrazione del sacramento dell'Eucaristia è essenzialmente legata al sacramento dell'Ordine, va tenuto conto, per il periodo 1978-2003, anche dell'aumento dei cattolici per sacerdote. Esso, infatti, è passato da 1.797 cattolici per sacerdote all'inizio del periodo a 2.677 alla fine. Tale proporzione appare non poco diversa da continente a continente. Ad esempio, a fronte dei circa 1.386 cattolici per sacerdote in Europa, in Africa se ne contano circa 4.723, in America 4.453, in Asia 2.407 ed in Oceania 1.746.[7] Inoltre va rilevato che in questo stesso periodo i diaconi permanenti costituiscono il gruppo in più forte crescita: complessivamente in tutti i continenti si sono più che quintuplicati, con un incremento relativo del 466,7 %. Non è privo d'interesse rammentare che questa figura religiosa è molto diffusa in America (specialmente nel Nord del continente) con il 65,7 % di tutti i diaconi nel mondo, ed anche in Europa con il 32%. È anche importante il ruolo svolto nell'evangelizzazione in tutto il mondo dai missionari laici (172.331) e dai catechisti (2.847.673).[8]

5. Il Sinodo si colloca in un periodo caratterizzato da forti contrasti nella famiglia umana. La globalizzazione permette la percezione dell'unità del genere umano, grazie pure ai mass-media che informano sulla realtà in ogni angolo terrestre. Si tratta di un importante aspetto del progresso tecnico, sviluppatosi in modo eccezionale negli ultimi decenni. Purtroppo, la globalizzazione e il progresso tecnico non hanno favorito la pace e una maggiore giustizia tra le nazioni ricche e quelle povere del 31 e 41 mondo. Tutto fa pensare che, purtroppo, mentre i padri sinodali saranno riuniti, in varie parti del mondo continueranno atti di violenza, terrorismo e guerre. Al contempo, molti fratelli e sorelle saranno vittime di varie malattie, come per esempio l'Aids, che producono desolazione in vasti strati della popolazione, soprattutto nei paesi poveri.

Permarrà, purtroppo, lo scandalo della fame, fenomeno che si è aggravato negli ultimi anni, dato che oltre un miliardo di uomini vive nella miseria. In questo senso, vanno notati alcuni fenomeni riguardanti la realtà sociale, in particolare la fame, che non possono essere trascurati quando si pensa al rapporto della Chiesa con il mondo in termini di evangelizzazione. Infatti, la Chiesa ha da sempre accompagnato l'annuncio del Vangelo e la trasmissione della salvezza attraverso i sacramenti con le opere della promozione umana, in tanti campi della vita sociale, quali la sanità, l'assistenza umanitaria e l'educazione. Perciò, non va dimenticato, tra l'altro, che nel periodo 1999-2001, ci sono stati 842 milioni di persone sottoalimentate in tutto il mondo e 798 milioni di esse nei paesi in via di sviluppo, specialmente nell'Africa Sub-Sahariana, in Asia e nel Pacifico.[9] Questa drammatica realtà non può essere assente dalla riflessione dei padri sinodali i quali, con ogni cristiano, varie volte al giorno pregano il Signore: "dacci oggi il nostro pane quotidiano".

Eucaristia in differenti contesti della Chiesa

6. Dalle risposte ai Lineamenta si rileva che la frequenza alla Santa Messa nella domenica è piuttosto alta in diverse Chiese particolari di nazioni africane e in alcune asiatiche. Si registra invece il fenomeno contrario nella maggior parte dei paesi europei ed americani e in alcuni dell'Oceania, giungendo a punte negative del 5% . I fedeli che trascurano il precetto domenicale, nella maggior parte dei casi, non danno particolare importanza alla partecipazione alla Messa. In fondo essi non sanno cosa sia veramente il Sacrificio e il banchetto eucaristico che unisce i fedeli intorno all'altare del Signore.

La Messa prefestiva permette a molti di soddisfare il precetto, anche se in certi casi se ne approfitta per svolgere attività lavorative durante la domenica. In molti luoghi la Messa nei giorni feriali è frequentata da poche persone, che partecipano ad essa, alcune in modo abituale, altre occasionalmente, altre ancora per il loro impegno nella vita ecclesiale.

Dovrebbe essere incoraggiata una più continua e intensa attività catechetica a riguardo dell'importanza e dell'obbligo di partecipare alla Santa Messa nella domenica e nei giorni di precetto. Talvolta si svaluta l'importanza del precetto sostenendo che è sufficiente osservarlo quando lo stato d'animo lo suggerisce.

7. Tra le Chiese particolari si possono rilevare alcuni principali fenomeni. Si assiste ad un declino della pratica della fede, della partecipazione alla Messa, prevalentemente tra i giovani. Ciò deve far riflettere su quanto tempo si dedichi da parte di pastori e catechisti all'educazione dei ragazzi e bambini alla fede e quanto invece ad altre attività, come quelle sociali.

Si percepisce un affievolimento del senso del mistero nelle società secolarizzate da attribuirsi anche ad interpretazioni e atti difformi dal senso della riforma liturgica del Concilio, che porta a riti banali e poveri di senso spirituale. In altre parti le comunità cristiane hanno conservato un profondo senso del mistero, così che la liturgia mantiene in esse un grande significato.

Si manifesta la soddisfazione per una liturgia inculturata che permette di raggiungere meglio la partecipazione attiva alla liturgia. Conseguentemente è cresciuta la partecipazione alla Messa. Molti giovani e adulti partecipano alla vita e alla missione della Chiesa. Se a causa della scarsezza di clero si celebra la Messa nelle aree rurali solo qualche volta al mese o addirittura all'anno, è inevitabile che il servizio domenicale sia affidato a laici.

8. Si deve chiarire che l'acceso al mistero dipende da una celebrazione della liturgia fatta con dignità, dalla preparazione accurata, ma soprattutto dalla fede nel mistero stesso. In merito è di grande aiuto l'enciclica Redemptoris missio che ha messo in evidenza i due aspetti della mancanza di fede che sta incidendo negativamente sullo slancio missionario: la secolarizzazione della salvezza e il relativismo religioso. La prima porta a battersi sì per l'uomo, ma per un uomo ridotto alla sola dimensione orizzontale.[10] C'è chi sembra vincolare la vocazione di ministro dei misteri di Dio a quella di organizzatore della giustizia sociale. Il secondo porta ad abolire la verità del cristianesimo, poiché si ritiene che una religione vale l'altra.[11] Lungi dal lasciarsi andare a rimpianti, Giovanni Paolo II nella Lettera Apostolica Novo Millennio ineunte ha esortato a rafforzare l'attività missionaria della Chiesa.[12]

Il tema del Sinodo si può svolgere correttamente tenendo conto di tale contesto, senza dimenticare che per gli Apostoli e per i Padri, si pensi solo a Giustino,[13] l'Eucaristia è l'azione più santa della Chiesa, la quale crede fermamente che in Essa è davvero presente il Signore Gesù Risorto. Questa presenza è l'esito fondamentale del sacramento.

Proprio questo avvenimento che scaturisce dalla trasformazione delle specie del pane e del vino fa avvicinare la Chiesa sempre con timore e tremore, e al contempo con fiducia, al mistero che costituisce l'essenza della liturgia. Oggi occorre riaffermare il rispetto verso il mistero della Eucaristia e la consapevolezza della sua intangibilità. Per questo è necessario osservare un programma articolato di formazione. Ma molto dipenderà dall'esistenza di luoghi esemplari, in cui l'Eucaristia sia creduta veramente, sia celebrata correttamente, in cui si possa vivere di persona ciò che questa è: l'unica vera risposta alla ricerca di senso della vita che contraddistingue l'uomo di tutte le latitudini.

Eucaristia e senso cristiano della vita

9. L'uomo si pone la domanda sul senso della vita: che ne è della mia vita? Cos'è la libertà? Perché esistono la sofferenza e la morte? Esiste qualcosa oltre la morte? In una parola: la vita dell'uomo ha un senso o no?[14] La domanda sussiste malgrado l'uomo s'illuda di aver raggiunto l'autosufficienza oppure sia in preda alla paura e all'incertezza. La religione è la risposta definitiva alla domanda di senso della vita, perché conduce l'uomo alla verità su se stesso nel rapporto col Dio vero.

L'Eucaristia, che "rivela il senso cristiano della vita",[15] risponde a tale domanda annunciando la risurrezione e la presenza vera, piena e duratura del Signore, come pegno della gloria futura. Ciò implica che l'uomo ponga il suo rapporto con Dio alla base di tutto, perché esso è fonte di libertà che lo abilita ad entrare nel più profondo di sé per donarsi gratuitamente. Questo avviene nel mistero pasquale, in cui la verità e l'amore si incontrano mostrando come essi siano i connotati della vera religione. Così l'Eucaristia manifesta la verità della Parola di Dio: nihil hoc verbo veritatis verius, come canta l'inno Adoro Te,devote.

Il senso dell'Eucaristia è spiegato integralmente dalle parole di Gesù: "Fate questo in memoria di me" (Lc 22,19). Esse annunciano in primo luogo, che Gesù Cristo ha portato nel tempo l'eternità dandogli l'orientamento definitivo ed eliminando il suo potere di annientamento. In secondo luogo, attraverso quelle parole si mette in evidenza che in Gesù si incontrano la libertà di Dio e quella dell'uomo dando origine alla comunione che permette di sconfiggere il maligno. Infine, tali parole significano che Gesù Cristo è la fonte inesauribile di rinnovamento dell'uomo e del mondo, nonostante i limiti e il peccato degli uomini.

10. Le risposte ai Lineamenta denunciano un certo allontanamento della vita pastorale dalla Eucaristia, pertanto dal Sinodo si attende un incoraggiamento a rafforzare il collegamento tra la vita e la missione. L'Eucaristia è la risposta ai segni dei tempi della cultura contemporanea. Alla cultura della morte, l'Eucaristia risponde con la cultura della vita. Contro l'egoismo individuale e sociale l'Eucaristia afferma la donazione totale. All'odio e al terrorismo l'Eucaristia contrappone l'amore. Davanti al positivismo scientifico l'Eucaristia proclama il mistero. Opponendosi alla disperazione l'Eucaristia insegna la speranza certa della eternità beata.

L'Eucaristia sta ad indicare che la Chiesa e l'avvenire del genere umano sono legati a Cristo, unica roccia veramente duratura, e non ad alcuna altra realtà. Perciò la vittoria di Cristo è il popolo cristiano che crede, celebra e vive il mistero eucaristico.

Capitolo II

EUCARISTIA E COMUNIONE ECCLESIALE

"Poiché c'è un solo pane, noi, pur essendo molti, siamo un corpo solo:
tutti infatti partecipiamo dell'unico pane
" (1 Cor 10,17)

Mistero eucaristico, espressione di unità ecclesiale

11. Nell'esortare i fedeli a fuggire l'idolatria, evitando di mangiare la carne immolata agli idoli, san Paolo mette in risalto lo stretto legame di comunione dei cristiani con il sangue di Cristo e con il suo Corpo, in grado di formare, dalla moltitudine dei fedeli una sola comunità, una sola Chiesa (cf. 1 Cor 8,1-10).

Il tema della comunione ecclesiale ha meritato un'attenzione particolare da parte del Concilio Ecumenico Vaticano II.[16] Tanto è vero che l'argomento è stato evidenziato specialmente nella relazione finale della II Assemblea Generale Straordinaria del Sinodo dei Vescovi, celebrata in commemorazione del XXV anniversario del suddetto Concilio,[17] così come in un documento della Congregazione per la Dottrina della Fede ai Vescovi della Chiesa Cattolica.[18] Inoltre, il tema è stato ampiamente trattato nel capitolo VI dell'Esortazione Apostolica post-sinodale Pastores gregis, promulgata dal Papa Giovanni Paolo II in seguito alla X Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi. In questo documento pontificio, che raccoglie la riflessione sinodale sull'argomento, viene messo in evidenza come la comunione dei Vescovi con il Successore di Pietro, segno dell'unità tra la Chiesa universale e le Chiese particolari, ha un punto culminante nella celebrazione eucaristica dei Vescovi con il Papa durante le visite ad limina. L'Eucaristia presieduta dal Santo Padre e concelebrata dai Pastori delle Chiese particolari esprime egregiamente l'unità della Chiesa. Tale concelebrazione permette di percepire più chiaramente che "ogni Eucaristia ... è celebrata in comunione col Vescovo proprio, col Romano Pontefice e col Collegio Episcopale e, mediante questi, con i fedeli della Chiesa particolare e di tutta la Chiesa, così che la Chiesa universale è presente in quella particolare e questa è inserita, insieme con le altre Chiese particolari, nella comunione della Chiesa universale".[19]

In relazione alla tematica dell'Eucaristia come espressione della comunione ecclesiale, emergono dalle risposte ai Lineamenta i seguenti temi, che meritano un trattamento particolare: rapporto tra Eucaristia e Chiesa; rapporto tra Eucaristia e gli altri sacramenti, in specie la Penitenza; rapporto tra Eucaristia e fedeli; ombre nella celebrazione dell'Eucaristia.

Rapporto tra Eucaristia e Chiesa 'Sposa e Corpo di Cristo'

12. L'Eucaristia è il cuore della comunione ecclesiale. Il Concilio ha preferito tra le tante immagini della Chiesa una che esprime tutta la sua realtà: mistero. Prima di ogni altra cosa, la Chiesa è mistero dell'incontro tra Dio e l'umanità; per questo essa è Sposa e Corpo di Cristo, Popolo di Dio e Madre. La mutua relazione tra l'Eucaristia e la Chiesa consente di applicare ad ambedue le note del Credo: una, santa, cattolica ed apostolica, che l'enciclica Ecclesia de Eucharistia ha ulteriormente illustrato.[20]

L'Eucaristia edifica la Chiesa e la Chiesa è il luogo dove si realizza la comunione con Dio e tra gli uomini. La Chiesa ha coscienza che l'Eucaristia è il sacramento dell'unità e della santità, dell'apostolicità e della cattolicità, sacramento essenziale alla Chiesa Sposa di Cristo e suo Corpo. Le note della Chiesa sono allo stesso tempo i vincoli della comunione cattolica che permettono la legittima celebrazione dell'Eucaristia.

Il Papa Giovanni Paolo II ricordava che "La Chiesa è il Corpo di Cristo: si cammina 'con Cristo' nella misura in cui si è in rapporto 'con il suo Corpo'".[21] E' qui che trova il suo vero senso l'osservanza delle norme e il decoro della celebrazione: si tratta dell'obbedienza a Cristo da parte della Chiesa sua sposa.

13. La Chiesa fa l'Eucaristia e l'Eucaristia fa la Chiesa. Sebbene siano state entrambe istituite da Cristo l'una in vista dell'altra, i due termini del noto aforisma non sono equivalenti. Se l'Eucaristia fa crescere la Chiesa perché nel sacramento c'è Gesù Cristo vivente, ancora prima egli ha voluto la Chiesa perché celebri l'Eucaristia. I cristiani dell'Oriente sottolineano particolarmente che fin dalla creazione la Chiesa preesiste alla sua realizzazione terrena. L'appartenenza alla Chiesa è prioritaria per poter accedere ai sacramenti: non si può accedere all'Eucaristia senza aver prima ricevuto il Battesimo o non si può ritornare all'Eucaristia senza aver ricevuto la Penitenza che è il 'battesimo laborioso' per i peccati gravi. Dalle origini la Chiesa, per esprimere tale urgenza propedeutica, istituì rispettivamente il catecumenato per l'iniziazione e l'itinerario penitenziale per la riconciliazione. Inoltre, non c'è Eucaristia valida e legittima senza il sacramento dell'Ordine.

Per queste ragioni l'enciclica Ecclesia de Eucharistia parla di "influsso causale dell'Eucaristia alle origini stesse della Chiesa",[22] e di stretta connessione tra l'una e l'altra.[23] Con queste premesse si comprende meglio l'affermazione che "La celebrazione dell'Eucaristia, però, non può essere il punto di avvio della comunione, che presuppone come esistente, per consolidarla e portarla a perfezione. Il sacramento esprime tale vincolo di comunione sia nella dimensione invisibile... sia nella dimensione visibile.... L'intimo rapporto esistente tra gli elementi invisibili e gli elementi visibili della comunione ecclesiale è costitutivo della Chiesa come sacramento di salvezza. Solo in questo contesto si ha la legittima celebrazione dell'Eucaristia e la vera partecipazione ad essa...".[24] Parlare di ecclesiologia eucaristica non significa che nella Chiesa tutto possa essere dedotto dall'Eucaristia, che però rimane fonte e culmine della vita ecclesiale. In effetti, come afferma il Concilio Vaticano II: "La sacra liturgia non esaurisce tutta l'azione della chiesa. Infatti, prima che gli uomini possano accostarsi alla liturgia, è necessario che siano chiamati alla fede e alla conversione".[25]

Ora, lo spazio dove naturalmente si svolge la vita ecclesiale è la parrocchia. Essa, debitamente rinnovata ed animata, dovrebbe essere il luogo idoneo alla formazione e al culto eucaristico, dato che, come insegnava il Papa Giovanni Paolo II, la parrocchia è ""comunità di battezzati che esprimono la loro identità soprattutto attraverso la celebrazione del Sacrificio eucaristico".[26] Essa dovrebbe valersi pure dell'esperienza e del contributo di movimenti e nuove comunità che sotto l'impulso dello Spirito Santo hanno saputo valorizzare, secondo i propri carismi, gli elementi dell'iniziazione cristiana. Così aiutano molti fedeli a riscoprire la bellezza della vocazione cristiana, il cui centro è il sacramento dell'Eucaristia per tutti nella comunità parrocchiale.

14. L'espressione liturgica dell'ecclesiologia cattolica si trova nell'anafora mediante i cosiddetti dittici, che stanno a ricordare la dimensione eucaristica del primato del Papa, Vescovo di Roma, come elemento interiore alla Chiesa universale, analogamente a quello del Vescovo nella Chiesa particolare.[27] È l'unica Eucaristia che convoca nell'unità la Chiesa contro ogni frammentazione. L'unica Chiesa voluta da Cristo rimanda sempre ad una Eucaristia che si realizza in comunione con il collegio apostolico, di cui Capo è il Successore di Pietro. E' questo il vincolo che rende legittima l'Eucaristia. Non è conforme all'unità eucaristica voluta da Cristo solo una comunione trasversale tra le chiese cosiddette sorelle. È elemento interiore al sacramento la comunione con il Successore di Pietro, principio di unità nella Chiesa, depositario del carisma di unità e universalità, che è il carisma petrino. Dunque l'unità ecclesiale si manifesta nell'unità sacramentale ed eucaristica dei cristiani.

Rapporto tra l'Eucaristia e gli altri sacramenti

15. Esiste un rapporto specifico dell'Eucaristia con tutti gli altri sacramenti. Al riguardo, occorre tener presente, da una parte, che secondo il Concilio di Trento i sacramenti "contengono la grazia che significano" e la conferiscono in forza della loro stessa celebrazione.[28] D'altra parte, tutti i sacramenti come pure tutti i ministeri ecclesiastici e le opere di apostolato, sono strettamente uniti alla sacra Eucaristia e ad essa sono ordinati.[29] Pertanto, il sacramento dell'Eucaristia è "la perfezione delle perfezioni".[30]

La relazione con l'Eucaristia non riguarda solo la celebrazione liturgica, ma innanzitutto l'essenza di ciascun sacramento. Il sacramento del battesimo è indispensabile per entrare nella comunione ecclesiale che viene rafforzata da altri sacramenti, offrendo al credente "grazia su grazia" (Gv 1,16). E' nota la fondamentale relazione tra il Battesimo e l'Eucaristia in quanto fonte della vita cristiana. Nelle Chiese di Tradizione orientale con il Battesimo si riceve anche la Santa Comunione, mentre nelle Chiese di Tradizione latina all'Eucaristia si accede in età di ragione e solo dopo aver ricevuto il Battesimo.

Le risposte ai Lineamenta raccomandano di esplicitare la connessione teologica tra Battesimo ed Eucaristia come culmine dell'iniziazione, anche se questo non deve portare necessariamente a celebrare il Battesimo sempre nella Messa. In proposito si esprimono preoccupazioni circa la qualità di una catechesi appropriata.

16. Esiste un nesso teologico tra la Confermazione e l'Eucaristia, perché lo Spirito Santo conduce l'uomo a credere in Gesù Cristo Signore. Al fine di rendere più evidente questo nesso in alcune chiese particolari è stata ripristinata la prassi di amministrare la Confermazione prima della Comunione.

L'Eucaristia è il culmine di un autentico itinerario dell'iniziazione cristiana. Vivere da cristiano significa rendere attuale il dono del Battesimo, ravvivato dalla Cresima, alimentandolo con la partecipazione regolare di domenica e giorni di precetto alla Santa Messa.

Si osserva che il conferimento della Confermazione spesso è delegato ai sacerdoti, con il conseguente rischio di porre in secondo piano il fatto che il Vescovo ne è il ministro originario. In questo modo, si toglie un'occasione ai nuovi cresimati di incontrare il padre e capo visibile della Chiesa particolare.

17. Alcune risposte sollevano la questione circa l'età più opportuna per l'ammissione al sacramento nella Chiesa di Tradizione latina, visti i buoni risultati spirituali e pastorali ottenuti con il conferimento della Santa Comunione nella prima fanciullezza. Giova qui ricordare la constatazione del Papa Giovanni Paolo II nel suo libro "Alzatevi, andiamo!"[31], il quale più recentemente ricordava che "i bambini sono il presente e il futuro della Chiesa. Hanno un ruolo attivo nell'evangelizzazione del mondo e con le loro preghiere contribuiscono a salvarlo e a migliorarlo".[32]

In passato, al riguardo dello stesso argomento, il Decreto Quam singulari ammetteva i bambini all'Eucaristia fin dai sette anni, età considerata dell'uso di ragione, quando essi possono distinguere il pane eucaristico dal pane comune, premessa la prima confessione sacramentale.[33] Tale orientamento oggi sembra ancora più necessario per il fatto che l'uso di ragione, come anche i pericoli e le tentazioni, arrivino più precocemente. Si professa con questa prassi il primato della grazia che ha apportato alla Chiesa grandi benefici, favorendo anche le vocazioni sacerdotali.

18. Il rapporto tra l'Ordine sacro e l'Eucaristia è visibile proprio nella Messa presieduta dal vescovo o dal sacerdote in persona di Cristo capo. La dottrina della Chiesa fa dell'Ordine la condizione imprescindibile per la celebrazione valida dell'Eucaristia.

Per questo motivo è stato vivamente raccomandato che sia messa in evidenza "la funzione sacerdotale del sacerdozio ministeriale nella celebrazione dell'Eucaristia, il quale differisce dal sacerdozio comune dei fedeli nell'essenza e non solo nel grado".[34] Anche per questo è giusto raccomandare che i presbiteri intervengano all'Eucaristia come celebranti, adempiendo la funzione del loro ordine.[35]

19. E' noto che il Matrimonio viene celebrato solitamente durante la celebrazione dell'Eucaristia nelle Chiese di tradizione latina, a differenza di quanto avviene nelle Chiese orientali.

Quando il Matrimonio viene celebrato nella Messa, serva ad additare, come paradigma dell'amore cristiano, l'amore di Gesù Cristo che nell'Eucaristia ama la Chiesa come sua sposa sino a dare la vita per essa. Tale amore sponsale va accennato anche nei casi in cui il sacramento del matrimonio si celebra fuori della Messa.[36] L'Eucaristia pertanto rimane la fonte inesauribile dell'unità e dell'amore indissolubile del matrimonio e diventa il cibo di tutta la famiglia nell'edificazione di un focolare cristiano.

20. Il rapporto tra l'Eucaristia e l'Unzione degli infermi ha la sua origine istitutiva, come tutti i sacramenti, nella persona di Cristo: egli mostrava nella sollecitudine per gli infermi di ogni tipo il senso della sua missione di guarire e di salvare l'uomo.

Inoltre, nelle risposte ai Lineamenta si raccomanda di presentare il rapporto tra Unzione ed Eucaristia come consolazione e speranza nella malattia, prima che come ultimo Viatico. Si invitano i ministri straordinari della Comunione ad essere solleciti verso i malati gravi e le persone anziane impedite di partecipare fisicamente alla celebrazione eucaristica in chiesa. A loro beneficio, sarebbe assai opportuno, come alcune risposte suggeriscono, potenziare l'uso dei mezzi di comunicazione sociale nella trasmissione di Sante Messe e di altre celebrazioni liturgiche. Nell'adoperare questa moderna tecnologia, conviene che coloro che vi sono impegnati possiedano un'adeguata formazione teologica, pedagogica e culturale.

21. Quanto all'inserimento dei sacramenti nella Messa, le norme liturgiche delle Chiese orientali non lo prevedono, sebbene vi siano qua e là delle eccezioni per il Battesimo e il Matrimonio. Al riguardo di questa prassi spetta alle singole chiese emanare norme opportune. Per le Chiese particolari di rito latino, le risposte mostrano che l'inserimento avviene in modo diversificato secondo consuetudini che variano da paese a paese. Vi sono diocesi che hanno norme per regolare la celebrazione dei sacramenti e dei sacramentali durante la Messa, specialmente per matrimoni misti e funerali di persone non praticanti.

I rituali distinguono normalmente, come nel Battesimo e nella Penitenza, il rito individuale da quello comunitario. Sebbene pastoralmente si preferisca quest'ultimo, non bisogna cadere in una sorta di comunitarismo, sia perché il sacramento resta sempre un dono alla singola persona, sia perché il fedele ha diritto, a determinate condizioni, all'amministrazione individuale del sacramento.

Stretto legame tra Eucaristia e Penitenza

22. Il sacramento della Riconciliazione ristabilisce i vincoli di comunione interrotti dal peccato mortale.[37] Pertanto, una particolare attenzione merita la relazione tra l'Eucaristia e il sacramento della Riconciliazione. Le risposte individuano la necessità di riproporla nel contesto del rapporto tra Eucaristia e Chiesa e come condizione per incontrare e adorare il Signore, che è il Santissimo, in spirito di santità e con cuore puro. Egli ha lavato i piedi agli Apostoli, ad indicare la santità del mistero. Il peccato, come afferma San Paolo, provoca una profanazione simile alla prostituzione, perché i nostri corpi sono membra di Cristo (cf. 1 Cor 6, 15-17). Dice ad esempio san Cesario di Arles: "Tutte le volte che veniamo in chiesa, riordiniamo le nostre anime così come vorremmo trovare il tempio di Dio. Vuoi trovare una basilica tutta splendente? Non macchiare la tua anima con le sozzure del peccato."[38]

Il rapporto tra Eucaristia e Penitenza nella società odierna dipende molto dal senso del peccato e dal senso di Dio. La distinzione tra bene e male spesso diventa soggettiva. L'uomo moderno, insistendo unilateralmente sul giudizio della propria coscienza, rischia di sconvolgere il senso del peccato.

23. Sono molte le risposte ai Lineamenta che hanno riferito sul rapporto tra Eucaristia e Riconciliazione. In molti paesi si è persa o si sta perdendo la consapevolezza del bisogno di conversione prima di ricevere l'Eucaristia. Il legame con la Penitenza non sempre è percepito come la necessità d'essere in stato di grazia prima di ricevere la Comunione, quindi si trascura l'obbligo di confessare i peccati mortali.[39]

Anche l'idea di comunione come "cibo per il viaggio", ha portato a sottovalutare la necessità dello stato di grazia. Invece, come il nutrimento presuppone un organismo vivente e sano, così l'Eucaristia esige lo stato di grazia per rafforzare l'impegno battesimale: non si può essere in stato di peccato mortale per ricevere Colui che è il 'farmaco' d'immortalità e l''antidoto' per non morire.[40]

Molti fedeli sanno che non si può ricevere la comunione in peccato mortale, ma non hanno un'idea chiara di che cosa costituisca il peccato mortale. Altri non interrogano più se stessi su questo punto. Si crea spesso un circolo vizioso: "non mi comunico perché non mi sono confessato, non mi sono confessato perché non ho commesso peccati." Le cause possono essere diverse, ma una delle principali è la carenza catechetica su questo argomento.

Un altro fenomeno assai diffuso consiste nel non agevolare, con opportuni orari, l'accesso al sacramento della riconciliazione. In certi paesi la Penitenza individuale non è amministrata; al massimo si celebra due volte l'anno una liturgia comunitaria, creando una formula a metà strada tra il II e il III rito previsto dal Rituale.

Bisogna certamente constatare la grande sproporzione fra i tanti che fanno la Comunione e i pochi che si confessano. È assai frequente che i fedeli ricevano la Comunione, senza badare allo stato di peccato grave in cui possono trovarsi. Per questo, l'ammissione alla Comunione di divorziati risposati civilmente è un fenomeno non raro in diversi paesi. Alle Messe esequiali o di nozze o ad altre celebrazioni molti si accostano alla Comunione solo per una diffusa convinzione che la Messa non sia valida senza la Comunione.

24. Di fronte a queste realtà pastorali, invece, molte risposte hanno un tono più incoraggiante. Esse auspicano di aiutare le persone ad essere consapevoli delle condizioni per ricevere la Comunione e della necessità della Penitenza, che preceduta dall'esame di coscienza, prepara il cuore purificandolo dal peccato. A questo scopo si ritiene opportuno che il celebrante parli non di rado anche nell'omelia del nesso tra i due sacramenti.

È stato espresso il desiderio di restituire dovunque al digiuno eucaristico quella rigorosa attenzione che è rimasta in uso presso le chiese orientali.[41] In effetti, il digiuno come dominio di sé richiede il concorso della volontà e porta a purificare la mente e il cuore. Sant'Atanasio dice: "Vuoi sapere cosa fa il digiuno? Scaccia i demoni e libera dai pensieri cattivi, rallegra la mente e purifica il cuore".[42] Nella liturgia quaresimale si richiama spesso la purificazione del cuore mediante il digiuno e il silenzio, come raccomanda San Basilio.[43] In qualche risposta ai Lineamenta, si pone la domanda circa l'opportunità di ripristinare l'obbligo delle tre ore di digiuno eucaristico.

Si invita a fare sforzi per incrementare l'opportunità della riconciliazione individuale ricorrendo alla collaborazione interparrocchiale durante il sabato e la domenica e poi più intensamente in Avvento e Quaresima. Molto si potrebbe fare ancora nella predicazione e nella catechesi per ripristinare il senso del peccato e la pratica penitenziale, superando le difficoltà dovute alla mentalità secolarizzata.

Si ritiene necessario offrire la possibilità di confessarsi prima della Messa, adeguando gli orari alla situazione reale dei penitenti, e anche durante la celebrazione eucaristica, come raccomanda la Lettera Apostolica Misericordia Dei.[44]

Occorre stimolare i sacerdoti all'amministrazione del sacramento della Penitenza, come un'occasione privilegiata per essere segni e strumenti della misericordia di Dio. Comunque la Chiesa è profondamente grata ai sacerdoti che con zelo ascoltano le confessioni per preparare i fedeli ad incontrare e ricevere Cristo nell'Eucaristia. I fedeli sono attratti a confessarsi soprattutto se vedono il sacerdote nell'esercizio del suo ministero nel confessionale, come hanno testimoniato ai nostri giorni San Leopoldo Mandi?, San Pio da Pietrelcina e tanti altri santi pastori.

Rapporto tra Eucaristia e fedeli

25. I fedeli laici, parte essenziale della Chiesa comunione, gerarchicamente strutturata, come insegnano il Concilio Vaticano II e altri documenti del Magistero,[45] sono convocati nella santa assemblea per partecipare alla celebrazione eucaristica.

L'incarnazione del Verbo, nel quale Dio Padre si è reso visibile, ha inaugurato il culto spirituale, conforme alla ragione, che si compie nello Spirito Santo; il culto non può più essere "un imparaticcio di usi umani"(Is 29,13). Il culto cristiano ha una implicazione cristologica e antropologica: perciò la partecipazione dei fedeli alla liturgia, soprattutto alla celebrazione eucaristica consiste essenzialmente nell'entrare in questo culto, nel quale Dio discende verso l'uomo e l'uomo ascende verso Dio. L'Eucaristia stessa, memoriale del Figlio, è il culto di adorazione che nello Spirito sale al Padre: questo è il fondamento del rinnovamento liturgico voluto dal Concilio Vaticano II.

Si osserva da molti che la partecipazione è stata spesso ridotta ai suoi aspetti esteriori. Non tutti ne comprendono il vero senso, che nasce dalla fede in Gesù Figlio di Dio. La partecipazione all'Eucaristia viene giustamente vista come atto primario della vita della Chiesa, comunione con la vita trinitaria, con il Padre che è fonte di ogni dono, con il Figlio incarnato e risorto, con lo Spirito Santo che opera la trasformazione e divinizzazione della vita umana.

Le risposte ai Lineamenta convergono nel constatare la necessità di aiutare i fedeli a comprendere la natura dell'Eucaristia e il nesso con l'incarnazione del Verbo, onde partecipare al mistero eucaristico con il cuore e la mente, prima che con atti esteriori, soprattutto offrendo se stessi. In proposito viene suggerito di esplicitare la relazione sponsale dell' Eucaristia e della Nuova Alleanza, come modello delle vocazioni del cristiano: matrimonio, verginità, sacerdozio. Tutto questo tende all'obbiettivo di formare persone e comunità eucaristiche, che amano e servono come Gesù nell'Eucaristia.

26. Inoltre, sarebbe bene potenziare i mezzi di comunicazione già esistenti, specialmente per facilitare la partecipazione dei fedeli che, per diversi motivi, sono impediti di assistere personalmente in chiesa alle celebrazioni eucaristiche, come raccomanda il Concilio Vaticano II.[46] Vi sono proposte riguardanti i mass-media della Santa Sede, che con la migliore sinergia possibile sono in grado di fornire con tempestività e professionalità appropriati servizi alla Chiesa universale, anche per reagire tempestivamente alla diffusione di principi anticristiani. In tale opera grande ruolo dovrebbero avere tutti i mezzi di comunicazione d'ispirazione cattolica. Il loro potenziamento diventa urgente per proporre in modo equilibrato e positivo il messaggio cristiano, per illuminare le coscienze degli uomini di buona volontà su temi etici e morali di grande importanza per la vita della Chiesa e della società.

Ombre nella celebrazione dell'Eucaristia

27. La comunione ecclesiale viene gravemente turbata e ferita dalle ombre nella celebrazione eucaristica, che sono segnalate anche dalle risposte ai Lineamenta. Il tema, già toccato dal Papa Giovanni Paolo II nell'Enciclica Ecclesia de Eucharistia,[47] e più particolarmente trattato nell'istruzione della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti Redemptionis Sacramentum,[48] è un invito a rivolgere uno sguardo attento e sereno, ma non meno critico, al modo in cui la Chiesa celebra questo Sacramento, che è la fonte e il culmine della sua vita e della sua missione. Proprio il fatto che un tale invito sia stato indirizzato in questo momento storico, mentre la Chiesa è sempre più impegnata nel dialogo con le religioni e con il mondo, altro non è che una provvidenziale ispirazione del Successore di Pietro, che fa capire come la Chiesa abbia sempre necessità di guardare se stessa per meglio rapportarsi con gli interlocutori, senza perdere la propria identità di sacramento universale di salvezza.

Nel presente testo verranno segnalate diverse ombre che emergono dall'analisi delle risposte ai Lineamenta. Tali osservazioni non dovrebbero essere considerate soltanto come mere trasgressioni alle rubriche e alla prassi liturgiche, ma piuttosto come espressioni di attitudini più profonde.

Si nota una diminuzione della partecipazione alla celebrazione del Dies Domini, nella domenica e nei giorni di precetto per una deficiente conoscenza del contenuto e del significato del mistero eucaristico, per l'indifferentismo in particolare nei paesi con rilevante processo di secolarizzazione, dove non di rado la domenica si trasforma pure in giorno di lavoro.

È diffusa l'idea che sia la comunità a produrre la presenza di Cristo invece che essere Cristo la fonte e il centro della nostra comunione e il capo del suo Corpo che è la Chiesa.

Si va alterando il senso del sacro in relazione a questo grande Sacramento, come effetto di un indebolimento della preghiera, della contemplazione e dell'adorazione del Mistero eucaristico.

Si rischia di compromettere la verità del dogma cattolico della trasformazione del pane e del vino nel Corpo e Sangue di Gesù Cristo, tradizionalmente denominata transustanziazione e, di conseguenza, della presenza reale di Cristo nell'Eucaristia, in un contesto di idee che intendono spiegare il mistero eucaristico non tanto in se stesso, ma piuttosto nella prospettiva del soggetto col quale esso entra in relazione; ad esempio, con termini come transfinalizzazione e transignificazione. Si rileva una incoerenza tra la fede professata nel Sacramento e la dimensione morale, sia nella sfera personale che in quella più ampia della cultura e della vita sociale.

Sono scarsamente conosciuti i documenti della Chiesa e, in particolare, del Concilio Vaticano II, le grandi encicliche sull'Eucaristia, inclusa l'Ecclesia de Eucharistia, la Lettera Apostolica Mane nobiscum Domine e altri. Viene a mancare un giusto equilibrio nella celebrazione: si va da un ritualismo passivo a una creatività eccessiva, che talvolta raggiunge espressioni di protagonismo del celebrante dell'Eucaristia, caratterizzato non di rado da loquacità, da troppi e lunghi commenti, non lasciando parlare il mistero tramite il rito e le formule della liturgia.

 

PARTE II

FEDE DELLA CHIESA NEL MISTERO DELL'EUCARISTIA

Capitolo I

EUCARISTIA DONO DI DIO AL SUO POPOLO

"Mistero della fede"

Eucaristia mistero della fede

28. Con tale espressione il sacerdote che presiede l'Eucaristia proclama con stupore la fede della Chiesa nel Signore risorto, realmente presente sotto le specie del pane e del vino, trasformati per la grazia dello Spirito Santo nel Corpo e nel Sangue del Signore Gesù.

È nota l'insistenza del magistero conciliare sull'Eucaristia come centro e cuore della vita della Chiesa e anzitutto come mistero della fede, disegno di Dio rivelato in Gesù Cristo. Dio che dà se stesso a noi, che è con noi, è dono e mistero d'ineffabile ricchezza, dono e mistero da riscoprire continuamente. Il Mysterium fidei è Dio che si dona a noi, il Primo, l'Ultimo e il Vivente entrato nel tempo. Il Signore Gesù è veramente uomo e veramente Dio in mezzo a noi. Egli è il Figlio di Dio e il Figlio dell'Uomo.

Un noto testo del Concilio Vaticano II risponde alla domanda sulla fede e sul mistero: "In realtà solamente nel mistero del Verbo incarnato trova vera luce il mistero dell'uomo.[Y] Cristo proprio rivelando il mistero del Padre e del suo Amore svela anche pienamente l'uomo all'uomo e gli fa nota la sua altissima vocazione".[49]

Il termine mistero ricorre tre volte, condensando la verità su Cristo e quella sull'uomo. Il mistero del Verbo, il mistero del Padre e il mistero dell'uomo non rimangono come un enigma insolubile, ma trovano risposta in Gesù Cristo che è vero Dio e vero uomo. Egli facendosi "veramente uno di noi" ed essendo "unito in certo modo ad ogni uomo"2,[50] ha permesso a chiunque lo desideri di trovare la via che conduce al senso pieno dell'esistenza. Egli non si è estraniato dall'umano, ma ha portato a compimento la verità della creazione perché: "Ha lavorato con mani d'uomo, ha pensato con mente d'uomo, ha agito con volontà d'uomo, ha amato con cuore di uomo."[51] Giovanni Paolo II aveva ripreso questo testo nella sua prima enciclica Redemptor hominis,[52] quasi a farne il programma della Chiesa, chiamata a dedurre dalla verità su Cristo la verità sull'uomo, che si trova nello stesso Vangelo.

29. Il fatto e mistero dell'incarnazione e della morte e risurrezione di Gesù Cristo Signore, che consente all'uomo di partecipare alla vita divina, è presente nell'Eucaristia, pane di vita eterna, perché porta con sé la forza di vincere la morte. "Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell'ultimo giorno"(Gv 6,54). È la risurrezione, pertanto, la fonte permanente di senso che viene offerta all'umanità.

L'Eucaristia, dunque, è al centro dell'annuncio portato dai cristiani nel mondo da duemila anni, che Gesù, il crocifisso, da morto che era è ritornato in vita e noi ne siamo testimoni (cf. 1 Cor 15,3-5).

L'Eucaristia annuncia la morte di Cristo che, nella sua drammaticità, tutti possono capire. Ma proclama pure la sua risurrezione che richiede la fede e l'apertura ad accogliere Dio nella nostra esistenza. La fede è il nuovo stile di vita che nasce dall'Eucaristia, e porta in se stessa il senso ultimo e definitivo dell'attesa della venuta del Signore.

Senza la fede l'Eucaristia non si può celebrare né vivere, come ricorda il trinomio fede, liturgia, vita così diffuso nei piani pastorali. Senza la fede non si può nemmeno porre il tema della partecipazione attiva alla liturgia.

Eucaristia nuova ed eterna alleanza

30. Come ricorda il Catechismo della Chiesa Cattolica, riprendendo sant'Ireneo: "L'Eucaristia è il compendio e la somma della nostra fede: 'Il nostro modo di pensare è conforme all'Eucaristia e l'Eucaristia, a sua volta, si accorda con il nostro modo di pensare'".[53] Come non vedere qui in atto quell'alleanza con Dio di cui l'uomo ha bisogno per vivere, l'alleanza della fede? "Se non crederete non avrete stabilità"(Is 7,9b), dice il Signore. L'Eucaristia è l'Alleanza nuova ed eterna, patto e testamento che Gesù ha lasciato nel sacramento del suo Corpo e del suo Sangue.

Infatti in essa la Chiesa intera esprime la sua fede: dopo aver ascoltato la Parola si professa la fede nel mistero eucaristico, rivelazione e dono di Dio stesso in Gesù, che spinge i cristiani alla donazione piena e perfetta di se stessi. Soprattutto nell'Eucaristia la fede significa riconoscere e accogliere Gesù Cristo come in un incontro in cui la persona del fedele è totalmente coinvolta, sull'esempio di Maria, modello di fede pienamente realizzata.

Fede e celebrazione dell'Eucaristia

31. Le risposte ai Lineamenta non mancano di mettere in risalto le caratteristiche della fede come condizioni necessarie per celebrare l'Eucaristia. In essa si manifesta il primato della grazia di Dio che è sempre all'origine di tutto e col dono dello Spirito Santo ci fa accogliere la sua azione misteriosa nel sacramento per la trasformazione del pane e vino in Corpo e Sangue di Gesù e per la nostra santificazione. Se alla liturgia eucaristica si va senza credere alla grazia e senza almeno il desiderio di essere in stato di grazia non c'è partecipazione adorante in spirito e verità.

Nell'Eucaristia si proclama la verità della Parola di Dio che si è rivelata in Gesù, Verbo fatto carne che porta già in sé il compimento ultimo della storia umana. Se alla liturgia dell'Eucaristia si va col dubbio invece che con l'assenso alla verità, non c'è partecipazione vera. Il dono della libertà che il Creatore ha fatto alla creatura fa sì che la fede sia un atto libero di adesione alla persona di Gesù via, verità e vita (cf. Gv 14,6). Nella liturgia dell'Eucaristia egli si fa conoscere, ma nello stesso tempo rimane nascosto per stimolare la ragione e l'intelligenza del credente a cercarlo costantemente, onde trovarlo presente nella vita. Questa è l'azione del mistero a cui la liturgia conduce sempre più in profondità. I Padri la chiamavano mistagogia.

L'amore attua e completa la fede, come dicono gli apostoli Giacomo e Paolo (cf. Gc 2,14 ss; Rm 13,10; Gal 5,6). La fede cambia il cuore del credente, lo converte e lo apre all'amore. Fede e amore insieme alla speranza fondano l'essere cristiano. L'Eucaristia è il sacramento dell'amore che apre l'uomo all'amore e gli fa trovare la sua origine e la sua ragion d'essere. Senza agape non c'è vita nello Spirito.

Tutte queste caratteristiche portano la partecipazione a esprimersi sommamente nel fare la volontà di Dio, come si chiede nella preghiera del Padre nostro, in vista della pienezza della Comunione. Certo, alla Messa si può partecipare anche se non si è nelle condizioni di accostarsi alla Comunione, ma bisogna sempre alimentare il desiderio e la volontà di soddisfarle al più presto.

Fede personale ed ecclesiale

32. La comunione con Cristo e con la Chiesa manifesta che la dimensione personale della fede tende di continuo alla dimensione ecclesiale, proprio come fa la liturgia sin dalla professione di fede battesimale. Per questo senza Battesimo non c'è accesso all'Eucaristia, che presuppone la fede. Così, se col peccato si perde la grazia battesimale ci vuole il "battesimo laborioso", la Penitenza, per tornare all'Eucaristia.

Prima dell'Eucaristia si rinnova la professione di fede, vincolo imprescindibile che attesta la comunione di ogni chiesa particolare con tutte le altre chiese locali sparse nel mondo e prima di tutto con la Chiesa di Roma e il suo Vescovo, principio necessario dell'unità. Altrettanto si fa nell'anafora quando si proclamano i dittici. Noi manifestiamo nell'Eucaristia la fede personale ed ecclesiale.

La partecipazione all'Eucaristia acuisce l'intelligenza del mistero che investe l'uomo e la sua vita e permette al cristiano di difendere la propria fede di fronte ad interpretazioni parziali o erronee. Non a caso la liturgia è parte integrante del cammino di fede che dura tutta la vita.

Il senso globale della fede si coglie soprattutto nella testimonianza dei martiri, che hanno accettato liberamente la morte loro inflitta in odio alla fede, spesso durante o subito dopo la celebrazione eucaristica. Essi erano certi di essere nella verità e di avere la vita, seguendo Cristo, che si è offerto liberamente lasciando nell'Eucaristia il memoriale del suo sacrificio. Davvero nel martirio essa si manifesta in modo sommo come fons et culmen della vita e della missione della Chiesa, come avviene in tante Chiese che subiscono aperte o malcelate persecuzioni.

Percezione del mistero eucaristico tra i fedeli

33. Dalle risposte ai Lineamenta si rileva, in genere, una certa diminuzione della percezione del mistero celebrato. Non sempre si percepisce pienamente il dono e il mistero dell'Eucaristia. Comunque, si verificano delle sfumature, secondo i diversi contesti culturali. Ad esempio, nei paesi dove regna un clima generale di pace e prosperità, per la maggior parte occidentali, il mistero eucaristico è considerato da molti un adempimento del precetto festivo ed è visto come un pasto fraterno. Invece, nei paesi martoriati dalla guerra e da diverse difficoltà esistenziali, si nota una più profonda comprensione del mistero eucaristico nella sua integralità, cioè, anche nella dimensione sacrificale. Il mistero pasquale celebrato incruentamente sull'altare dà un senso spirituale molto profondo alle sofferenze dei cristiani cattolici in quelle terre, aiutandoli ad accettarle nella partecipazione al mistero della morte e della risurrezione del Signore Gesù Cristo.

In alcune risposte provenienti dalla Chiesa che vive in Africa si accenna al fatto che l'idea di sacrificio fa parte delle culture di quel continente e perciò, tale concezione, adeguatamente elevata dopo essere stata purificata da elementi estranei al Vangelo, viene spesso utilizzata pastoralmente nella catechesi per far comprendere meglio la dimensione sacrificale dell'Eucaristia.

Nella catechesi si evidenzia una difficoltà a mantenere insieme il carattere sacrificale e conviviale, ricadendo molto spesso l'accento su quest'ultimo aspetto.

Per affrontare queste situazioni pastorali molte risposte ai Lineamenta auspicano un'efficace e fedele applicazione della riforma liturgica che ristabilisca l'equilibrio tra le diverse dimensioni dell'Eucaristia. Qualora fosse necessario si potrebbe pensare a qualche ritocco delle norme liturgiche. Parallelamente si suggerisce di promuovere un'adeguata catechesi a tutti i livelli, per far meglio comprendere che nell'Eucaristia si rinnova il mistero pasquale ed essa è sacrificio di lode e di comunione che fa crescere la comunità.

Senso del sacro nell'Eucaristia

34. Non si nutrono dubbi circa i grandi effetti della riforma liturgica eseguita secondo lo spirito del Concilio Vaticano II. Infatti, la liturgia post-conciliare ha favorito molto la partecipazione attiva, cosciente e fruttuosa dei fedeli al Santo Sacrificio dell'altare.[54]

Tuttavia, secondo le risposte pervenute da non poche nazioni si notano, sia da parte del clero sia da parte dei fedeli, mancanze e ombre nella prassi della celebrazione eucaristica, che sembrano avere la loro origine in un indebolito senso del sacro in relazione al Sacramento. La salvaguardia di tale senso dipende fondamentalmente dalla consapevolezza che l'Eucaristia è un mistero e un dono, il cui memoriale richiede segni e parole che corrispondano alla natura sacramentale.

Molto spesso vengono segnalati nelle risposte ai Lineamenta certi atti che attentano al senso del sacro. Ad esempio: la trascuratezza nell'uso degli ornamenti liturgici propri da parte del celebrante e dei ministri, nonché la mancanza di decenza nel modo di vestire dei partecipanti alla Messa; la somiglianza di certi canti usati in chiesa a quelli profani; il tacito consenso ad eliminare alcuni gesti liturgici perché ritenuti troppo tradizionali, come la genuflessione davanti al Santissimo Sacramento; una distribuzione impropria della Comunione nella mano, priva da un'adeguata catechesi; atteggiamenti poco riverenti prima, durante e dopo la celebrazione della Santa Messa, non solo da parte dei laici, ma anche dallo stesso celebrante; la scadente qualità architettonica e artistica degli edifici sacri e delle suppellettili sacre; casi di sincretismo dovuti ad una inculturazione avventata delle forme liturgiche, mescolate ad elementi di altre religioni.

Tutte queste realtà negative, più frequenti nella liturgia latina che in quelle orientali, non devono causare falsi allarmismi, poiché sono circoscritte. Tuttavia, devono provocare una sincera e profonda riflessione allo scopo di eliminarle e di far sì che le liturgie eucaristiche diventino luoghi di lode, di preghiera, di comunione, di ascolto, di silenzio e di adorazione, nel rispetto del mistero di Dio che si rivela in Cristo, sotto il pane e il vino, e nella rispettosa gioia di sentirsi membri di una comunità di fedeli riconciliati con Dio Padre nella grazia dello Spirito Santo. L'Eucaristia è il punto più sacro e alto della preghiera. É la grande preghiera.

Capitolo II

MISTERO PASQUALE ED EUCARISTIA

"Ogni volta infatti che mangiate di questo pane e bevete di questo calice,
voi annunziate la morte del Signore finché egli venga
" (1 Cor 11,26)

Centralità del mistero pasquale

35. In ogni celebrazione eucaristica si rinnova il mistero pasquale della morte e della risurrezione del Signore Gesù Cristo, pane spezzato per la vita del mondo e sangue versato per la redenzione degli uomini e la liberazione del cosmo (cf. Rm 8, 19-23).

Il tema sinodale deve far riscoprire il mistero pasquale di Gesù quale mistero della salvezza, da cui sgorga la vita e la missione della Chiesa. L'Eucaristia si rivela come il Dono: il Signore dà se stesso, è il Dio con noi. L'Eucaristia è la sua Persona e la sua vita per noi. Con l'Eucaristia il Signore esercita la missione sacerdotale, profetica e regale.

"Davvero il Signore è risorto ed è apparso a Simone" (Lc 24, 34) dicevano gli apostoli e i discepoli. San Paolo esorta Timoteo: "Ricordati che Gesù Cristo è risorto dai morti"(2 Tm 2,8). Proprio riguardo alla testimonianza apostolica, san Giovanni Crisostomo osserva: "E' evidente perciò che se non lo avessero visto risuscitato e non avessero avuto una prova inconfutabile della sua potenza, non si sarebbero esposti a tanto rischio".[55]

In un certo senso l'uomo è in grado di volere tutto, ma in suo potere ha solo ciò che riesce in concreto ad attuare. La morte e i suoi anticipi, come la malattia e la sofferenza, indicano il limite intrinseco alla libertà di scelta dell'uomo. Con la risurrezione Gesù pone nella storia dell'umanità il germe della speranza definitiva: la vittoria sulla morte. Questo, alla fine, è il culmine della rivelazione che lui compie. La morte è vinta sia perché il peccato è stato distrutto e l'uomo è stato riconciliato con Dio, sia perché la vita è stata restituita e viene data in eterno a chi crede in Cristo. Il segno concreto di questa speranza lo offre il Signore Gesù nel volere la Chiesa come suo Corpo mistico. I credenti, infatti, sono morti e risuscitati con Cristo (cf. Rm 6, 1-11).

Nomi dell'Eucaristia

36. Occorre spiegare il nome dell'Eucaristia e approfondirne il contenuto, per comprendere il culto cristiano.

Il Catechismo della Chiesa Cattolica elenca i nomi con cui è stato chiamato questo sacramento: innanzitutto, Eucaristia,[56] poi Cena del Signore sia come commemorazione della Cena pasquale da lui celebrata sia come anticipazione della cena delle nozze dell'Agnello nella Gerusalemme celeste; frazione del pane, rito che sottolinea la condivisione comunionale in un solo Corpo e che fonda la sinassi o assemblea eucaristica, espressione visibile della Chiesa; memoriale della passione e risurrezione; santo sacrificio, perché attualizza l'unico sacrificio di Cristo Redentore; santa e divina liturgia, santi misteri, Santissimo Sacramento, comunione, cose sante, farmaco d'immortalità, viatico, Santa Messa che sottolinea la dimensione missionaria.

Far comprendere il significato di questi termini, senza escluderne nessuno, è importante per una catechesi completa, condizione di una partecipazione alla liturgia davvero consapevole.

Sacrificio, memoriale e convito

37. Si riscontra nelle risposte e nelle osservazioni ai Lineamenta una diffusa esigenza di approfondire la natura sacrificale dell'Eucaristia e si chiede di esporre tale verità della nostra fede con sempre maggiore chiarezza, seguendo il recente Magistero della Chiesa.

Già il Concilio Vaticano II promuoveva la riflessione teologica sul senso del sacrificio di Gesù, quale offerta piena, libera e gratuita a Dio Padre per la salvezza del mondo. Tra i numerosi testi che accennano a questo aspetto merita particolare attenzione quello che riguarda l'esercizio del sacerdozio ministeriale nella Costituzione dogmatica Lumen gentium: "I presbiteri, ...esercitano la loro funzione sacra nel culto o assemblea eucaristica, dove agendo in persona di Cristo, e proclamando il suo mistero, uniscono i voti dei fedeli al sacrificio del loro capo e nel sacrificio della messa rendono presente e applicano, fino alla venuta del Signore (cf 1 Cor 11,26), l'unico sacrificio del Nuovo Testamento, il sacrificio cioè di Cristo, che una volta per tutte si offre al Padre quale vittima immacolata (cf. Eb 9,11-28)".[57]

Al riguardo il Catechismo della Chiesa Cattolica[58] presenta un titolo: Il sacrificio sacramentale: azione di grazie, memoriale, presenza, dal quale si evince che il nome prevalente, che include gli altri, è sacrificio sacramentale: cioè il fatto della morte di Cristo per salvarci dai peccati con il suo sacrificio, la cui efficacia è a disposizione di ogni uomo nel sacramento. Dunque l'azione di grazie è resa per il suo sacrificio, il memoriale del suo sacrificio, la presenza del suo sacrificio nel Corpo dato e nel Sangue versato. L'azione di grazie è rivolta a Dio per la creazione e la salvezza del mondo.

Considerare in tal modo l'Eucaristia fa superare la dialettica tra sacrificio e convito. Infatti, se si intende questo secondo termine come sinonimo di cena, esso include il sacrificio, in quanto si tratta della cena dell'Agnello immolato; se lo si intende come sinonimo di comunione, esso manifesta il fine o il culmine dell'Eucaristia.

L'enciclica Ecclesia de Eucharistia, trattando del sacrificio eucaristico,[59] insegna che la Chiesa ripresenta il sacrificio di Cristo anche in forma di intercessione, in quanto il Figlio stesso si è offerto nella sua carne e in tal modo è mediatore tra l'uomo e il Padre. La Chiesa di Cristo è unita a tale offerta nell'anafora o preghiera eucaristica. Questa offerta, sebbene in forma incruenta, non è nuova, ma è la medesima compiuta sulla Croce. In tal senso va letto il richiamo dell'enciclica: "La Messa rende presente il sacrificio della Croce, non vi si aggiunge e non lo moltiplica".[60] Il fatto di asserire che ciò avviene a causa dell'amore sacrificale del Signore serve a ripetere quanto detto dall'enciclica.

Consacrazione

38. L'incarnazione, la morte e risurrezione, l'Ascensione, la Pentecoste sono eventi realmente accaduti e portano a comprendere che la presenza permanente e sostanziale del Signore nel sacramento non è tipologica o metaforica. Invece, se il sacramento viene presentato solo come un simbolo della presenza di Cristo, è perché si dubita che Dio possa intervenire su realtà materiali. Ora, ponendosi nel contesto degli altri modi di presenza, il mistero pasquale fa cogliere la natura di quella eucaristica che è data dalla trasformazione delle specie, ovvero dalla transustanziazione. Il pane diventa Corpo dato, spezzato per la nostra salvezza: Corpus Christi, salva me; il vino diventa Sangue versato, sovrabbondante della prelibatezza divina: Sanguis Christi, inebria me.[61] Il superamento della distanza tra la povertà delle specie sacramentali e Gesù Cristo che si dona realmente e sostanzialmente, consente all'Eucaristia di porre nel mondo il germe della nuova storia.[62] Il mistero pasquale conferma la condiscendenza di Dio e la kenosi del Figlio, permanendo la trascendenza assoluta della Trinità.

Perciò le parole di Gesù "Prendete e mangiate" innanzitutto indicano il dono di sé a noi. In secondo luogo portano con sé la fraternità della mensa, l'unità della comunità della Chiesa, l'impegno a condividere il pane con chi non ne ha. Da tutto questo sgorga l'adorazione, cioè il riconoscimento permanente del Signore che accompagna il cammino del popolo di Dio.

La transustanziazione avviene nella consacrazione del pane e del vino. A questo proposito, nelle risposte si raccomanda la spiegazione della teologia della consacrazione alla luce delle tradizioni ecclesiali d'oriente e d'occidente, riguardanti, in particolare, la consacrazione, come imitazione del Signore in ciò che ha fatto e ordinato nella Cena, e l'invocazione dello Spirito Santo nell'epiclesi. Una più chiara teologia della consacrazione potrebbe esser di grande utilità non solo per il dialogo ecumenico con le Chiese Orientali con le quali non c'è ancora piena comunione, ma anche per l'eliminazione di alcune ombre segnalate dalle stesse risposte ai Lineamenta, quali ad esempio: uso di ostie confezionate con lievito e altri ingredienti; celebrazione con pane comune; improvvisazione della preghiera eucaristica; recitazione di questa o di parte di essa da parte del popolo dietro insistenza del celebrante; fractio panis al momento della consacrazione.

Presenza reale

39. La presenza del Signore nel sacramento è stata voluta da lui stesso per essere vicino all'uomo e nutrirlo di Sé, per restare dentro la comunità ecclesiale. La risposta dell'uomo è la fede nella presenza reale e sostanziale, come viene richiamato in alcune risposte in base alle encicliche Ecclesia de Eucharistia e Mysterium fidei. Con la fede nella presenza di Cristo nel sacramento vanno raccordati gli altri aspetti: il senso del mistero e gli atteggiamenti che lo esprimono, il posto del tabernacolo, il decoro della celebrazione, la valenza escatologica ovvero il sacramento come pegno della gloria: esso, infatti, è anche anticipazione della realtà ultima ed eterna durante il pellegrinaggio verso la casa del Padre Celeste, come è manifestato, per esempio dall'attesa sponsale delle persone consacrate.

Giovanni Paolo II nella Lettera Apostolica Mane nobiscum Domine per l'Anno dell'Eucaristia proponeva questa sintesi della dottrina della presenza di Cristo vivente nella sua Chiesa: "Tutte queste dimensioni dell'Eucaristia si rannodano in un aspetto che più di tutti mette alla prova la nostra fede: è il mistero della presenza "reale". Con tutta la tradizione della Chiesa, noi crediamo che, sotto le specie eucaristiche, è realmente presente Gesù. Una presenza - come spiegò efficacemente il Papa Paolo VI - che è detta "reale" non per esclusione, quasi che le altre forme di presenza non siano reali, ma per antonomasia, perché in forza di essa Cristo tutto intero si fa sostanzialmente presente nella realtà del suo Corpo e del suo Sangue. Per questo la fede ci chiede di stare davanti all'Eucaristia con la consapevolezza che siamo davanti a Cristo stesso. Proprio la sua presenza dà alle altre dimensioni di convito, di memoriale della Pasqua, di anticipazione escatologica un significato che va al di là di un puro simbolismo. L'Eucaristia è mistero di presenza, per mezzo del quale si realizza in modo sommo la promessa di Gesù di restare con noi fino alla fine del mondo".[63]

Questa citazione afferma il dato dottrinale richiamato da diverse risposte ai Lineamenta: Colui che è celato nel Sacramento è il Mediatore pieno di maestà tra Dio e l'uomo, l'eterno e sommo Sacerdote, il Maestro divino, il Giudice dei vivi e dei morti, il Dio-Uomo, la Parola che si è fatta carne, Colui che stringe in modo misterioso tutti i fedeli nella grande comunità della Chiesa. Così egli si presenta nella Messa.

40. Da alcune risposte ai Lineamenta, però, si ricava che talvolta si diffondono dichiarazioni contrarie alla transustanziazione e alla presenza reale intesa invece in un senso soltanto simbolico, e si osservano comportamenti che manifestano implicitamente tale convinzione. Come notano molti nelle loro risposte, a volte sembra che nella liturgia alcuni agiscano come animatori che devono attirare l'attenzione del pubblico sulla loro persona, anziché come servitori di Cristo chiamati a condurre i fedeli all'unione con lui.[64] Tutto questo, ovviamente, si ripercuote negativamente sul popolo che così rischia di restare confuso quanto alla comprensione e alla fede nella presenza reale di Cristo nel sacramento.

Nella tradizione della Chiesa si è creato un vero e proprio linguaggio dei gesti liturgici orientato ad esprimere la retta fede nella presenza reale di Cristo nell'Eucaristia, come, ad esempio, l'accurata purificazione dei vasi sacri dopo la comunione e anche quando cadono le specie eucaristiche sul pavimento, la genuflessione davanti al tabernacolo, l'uso del piattino nel dare la comunione, il rinnovo regolare delle Ostie conservate nel tabernacolo, la custodia della chiave del tabernacolo in luogo sicuro, la compostezza e il raccoglimento del celebrante in consonanza con il carattere trascendente e divino del Sacramento. Omettere o trascurare questi sacri segni, che racchiudono un significato più profondo e ampio del loro aspetto esteriore, certamente non contribuisce a mantenere salda la fede nella presenza reale di Cristo nel Sacramento. Perciò, nelle risposte viene raccomandato che i segni e i simboli espressivi della fede nella presenza reale siano oggetto di un'adeguata mistagogia e catechesi liturgica.

41. Inoltre, non è da dimenticare che l'espressione della fede nella presenza reale del Signore morto e risorto nel Santissimo Sacramento ha un punto culminante nell'adorazione eucaristica, tradizione che nella Chiesa latina è fortemente radicata. Tale pratica, come giustamente sottolineano molte risposte ai Lineamenta, non dovrebbe essere presentata in discontinuità con la celebrazione Eucaristica, ma il suo naturale prolungamento. Le stesse risposte indicano che in alcune chiese particolari si verifica un risveglio dell'adorazione eucaristica, da svolgere in ogni caso con dignità e solennità.

Anche, la posizione del tabernacolo in un luogo facilmente visibile è un altro modo di evidenziare la fede nella presenza di Cristo nel Santissimo Sacramento. A questo proposito, nelle risposte ai Lineamenta si chiede di riflettere maggiormente sulla giusta collocazione del tabernacolo nelle chiese, tenendo conto delle disposizioni canoniche.[65] Sarebbe da verificare se la rimozione del tabernacolo dal centro dell'area presbiterale ad un angolo non evidente e degno o in una cappella appartata, oppure l'aver messo la sede del celebrante in posizione centrale o dinanzi ad esso, come è avvenuto in molti adattamenti di chiese antiche o nelle nuove costruzioni, non possa in qualche modo contribuire alla diminuzione della fede nella presenza reale.

Dalle stesse risposte emerge che, dove si sono date istruzioni per la costruzione e la ristrutturazione delle chiese, insistendo specialmente sul posto del tabernacolo, perché esprima la consapevolezza della presenza reale, vi sono stati risultati positivi come la crescita della fede e dell'adorazione. Le chiese devono rimanere luoghi di preghiera e di adorazione e non trasformarsi in musei. Ciò vale pure per le cattedrali e basiliche di grande valore storico ed artistico.

 

PARTE III

EUCARISTIA NELLA VITA DELLA CHIESA

Capitolo I

CELEBRARE L'EUCARISTIA DEL SIGNORE

"Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo" (Mt 28, 20)

"Ti rendiamo grazie per averci ammessi alla tua presenza"[66]

42. La celebrazione della Santa Messa ha inizio dal riconoscimento che Dio è presente dove due o più sono riuniti nel suo nome e che noi siamo dinanzi a lui. Quando partecipiamo alla Messa dobbiamo saperci vicini alla fonte della grazia: "I nostri inni di benedizione non accrescono la tua grandezza, ma ci ottengono la grazia che ci salva".[67] Nella liturgia l'uomo non guarda a sé, ma a Dio.

Non è la nostra lode, ma la sua azione che fa l'Eucaristia. L'Eucaristia è centro della liturgia cosmica in cui è presente la Trinità, eternamente adorata da Maria e dagli angeli che servono Dio, offrendoci un modello del servizio. Il Dio uno e Trino viene adorato anche dai santi e dai giusti che godono la sua visione beata e intercedono per noi, come pure dalle anime dei fedeli che si purificano in attesa di vedere Dio. E' qui che la Chiesa si manifesta come famiglia di Dio, come insegna il Concilio Vaticano II e recentemente l'Esortazione Apostolica post-sinodale Ecclesia in Africa.[68]

Il culto reso al Signore e ai santi ha il centro nel mistero pasquale: "Nel giorno natalizio dei santi,... la chiesa predica il mistero pasquale nei santi che hanno sofferto con Cristo e con lui sono glorificati".[69] Questa liturgia di comunione, che unisce il cielo e la terra, è celebrata per la salvezza di tutti, anche di quelli che non credono. Richiamare la liturgia celeste non significa estraniarsi dalla liturgia terrena, ma voler cogliere di questa la dimensione pellegrinante ed escatologica.

43. La celebrazione dell'Eucaristia ha struttura propria e propri elementi esposti nell'Ordinamento generale del Messale romano e nell'Istruzione per l'applicazione delle prescrizioni liturgiche del Codice dei canoni delle Chiese orientali, in specie nella tradizione bizantina, la più diffusa nelle Chiese orientali cattoliche, ma anche nelle altre tradizioni. Va riaffermato che la celebrazione dell'Eucaristia richiede l'obbedienza umile del sacerdote e dei ministri a queste norme canoniche.

Per favorire il dovuto rispetto e venerazione per l'Eucaristia, è auspicabile che soprattutto i ministri sacri si preparino con la preghiera alla celebrazione del Sacrificio eucaristico, in cui il Signore si fa presente nelle loro mani, e che, dopo, rendano grazie a Dio.[70]

Purtroppo, come segnalano alcune risposte, non sempre si osservano questi tempi dedicati alla preparazione e al rendimento di grazie. Eppure, è doveroso riconoscere che molti, sia vescovi, sacerdoti e diaconi che laici, compiono tale azione di lode e di ringraziamento con notevole profitto spirituale. A questo riguardo, è da non trascurare il forte appello proveniente da molte risposte a prepararsi alla celebrazione con il silenzio e la preghiera, attingendo alle venerande tradizioni del culto.

44. A creare questo spirito di preghiera aiuterà non solo la consapevolezza nel celebrante del grande mistero che va a compiere, ma anche l'uso di certi segni, come l'incenso, che è simbolo della preghiera che si eleva a Dio, secondo le parole del salmo: "Come incenso salga a te la mia preghiera, le mie mani alzate come sacrificio della sera"(Sal 140,2).

Anche un minimo di assistenza e collaborazione da parte dei laici per celebrare degnamente i santi misteri contribuisce a creare un clima di serenità adatto alla liturgia eucaristica. Talvolta, i celebranti fanno pure la parte di cerimonieri, ammoniscono la gente, danno ordini, si preoccupano di tutto, pur preparando precedentemente la celebrazione eucaristica. Il sacerdote avrebbe invece bisogno dell'assistenza di lettori, accoliti, ministranti, laici, in modo che egli possa concentrarsi sui sacri misteri che sta celebrando, trasmettendo tale attitudine di pace e di raccoglimento a tutta l'assemblea radunata intorno alla mensa del Signore. Perciò, in molte risposte si propone di potenziare la collaborazione dei laici adeguatamente preparati e di ripristinare il servizio degli ostiari, laici ben disposti soprattutto ad accogliere le persone in chiesa, per mantenere l'ordine nella celebrazione liturgica e per vigilare affinché la comunione non sia distribuita a persone estranee.

Riti d'introduzione

45. Il canto d'ingresso, il segno di croce, il saluto, l'inno del Gloria quando è previsto, nel rito romano; le antifone, le litanie, l'inno Unigenito, in quello bizantino e in altri riti come l'ambrosiano, il mozarabico e gli antichi orientali, servono a disporre i fedeli alla consapevolezza di stare alla presenza di Dio, prima di ascoltare la sua Parola e rendergli grazie con l'Eucaristia. In particolare l'atto penitenziale richiama l'atteggiamento necessario per celebrare i santi misteri: quello del pubblicano che riconosce umilmente di essere peccatore. Pur non avendo il valore di sacramento, ricorda il collegamento indissolubile tra Penitenza ed Eucaristia; questo legame è particolarmente osservato nelle chiese orientali cattoliche. Quando poi è sostituito dall'aspersione dell'acqua benedetta rimanda al battesimo, principio di vita nuova, nel quale abbiamo rinunciato alle opere del maligno. Dunque, sin dall'inizio ci viene ricordato che per accostarsi all'Eucaristia bisogna essere purificati dalla penitenza, liberi da liti e separazioni, opposte al segno dell'unità che è l'Eucaristia. Nella catechesi è importante illustrare tali aspetti e, in particolare, chiarire che l'atto penitenziale non rimette i peccati gravi, per i quali è necessario accedere al sacramento della riconciliazione.

Liturgia della Parola

46. Le letture bibliche, il salmo responsoriale, l'acclamazione prima del Vangelo, l'omelia, la professione di fede costituiscono la Liturgia della Parola. Dio ha parlato a noi per mezzo del Figlio, la sua Parola fatta carne. La Parola divina è una sola e, poiché compie quello che dice, essa nello stesso tempo diventa Pane di vita, segno che Gesù Cristo ha compiuto. Il Papa Giovanni Paolo II richiamando il racconto di Emmaus (cf. Lc 24) mostrava la relazione inscindibile tra la mensa della Parola e quella dell'Eucaristia.[71] Per questo la liturgia della Parola, in unità con la liturgia Eucaristica, qualifica la celebrazione come un unico atto di culto, che non ammette fratture.

La liturgia della Parola ci collega con la rivelazione che Dio ha fatto nell'Antico Testamento. La grande ricchezza della potente presenza di Dio, che fu la gloria del Popolo eletto d'Israele, è diventata parte della liturgia cattolica, illuminata dalla luce del Verbo fatto carne, morto e risorto per tutti.

Inoltre, come ricorda il Concilio Vaticano II, la rivelazione di Gesù va oltre la codificazione del testo della Scrittura che non la esprime totalmente.[72] La sua parola rimane viva nella vita della Chiesa, che la trasmette nel corso dei secoli, rendendola accessibile nel segno sacramentale. L'annuncio che Gesù compie non è separato dalla sua presenza nel sacramento, creando una unità mai avvenuta in precedenza, mai più ripetibile successivamente.

La sua incarnazione, passione, morte e risurrezione sono parola e avvenimento da vedere e contemplare. La parola rinvia all'avvenimento. Il mistero eucaristico si accompagnerà per sempre alla vita della Chiesa come sintesi di parola ed evento, provocando la contemplazione. Nel rito romano e nel Piccolo ingresso bizantino tutto questo è richiamato dalla venerazione e dall'onore di cui è fatto oggetto l'evangeliario, come mistica entrata del Verbo incarnato e sua presenza in mezzo all'assemblea dei credenti.

47. Al riguardo, è stato rilevato che non sempre si cura in modo adeguato la proclamazione della Parola di Dio. Occorrerebbe migliorare il servizio dei lettori nel trasmettere ai fedeli la bellezza del contenuto e della forma della Parola che Dio rivolge al suo popolo. In alcuni luoghi, dove è prevalsa l'abitudine di leggere solamente due letture nelle domeniche e feste di precetto, si lamenta la mancanza di conoscenza delle Lettere e degli Atti degli Apostoli. Pertanto è opportuno ricordare di non escludere tali letture, che riferiscono sull'azione di Dio nella comunità primitiva.

Una parte importante della liturgia della Parola è l'omelia, tenuta dal ministro sacro con la finalità di aiutare i fedeli ad aderire con la mente e con il cuore alla Parola di Dio. Per raggiungere tale scopo, molti consigliano omelie mistagogiche, che permettono di introdurre i fedeli nei sacri misteri che si stanno celebrando, secondo le letture proclamate, per illuminare con la luce di Gesù Cristo la vita di ognuno, evitando comunque accenni e riferimenti impropri o profani.

Tenendo ben presente i brani delle Sacre Scritture, bisognerebbe pensare pure a omelie tematiche che nel corso di un anno liturgico possano ripresentare i grandi temi della fede cristiana: il Credo; il Padre nostro; la struttura della Santa Messa; i 10 comandamenti, e altri. Al riguardo, sarebbero utili materiali elaborati da competenti commissioni delle Conferenze Episcopali o dei Sinodi dei Vescovi delle Chiese Orientali Cattoliche sui iuris o da altri enti specializzati nella pastorale. Nelle Chiese Orientali Cattoliche si lamentano omelie non connesse con le letture della liturgia, dato che ogni anno si ripetono le medesime letture negli stessi giorni.

Liturgia eucaristica

48. Le risposte ai Lineamenta raccomandano che la Presentazione dei Doni serva soprattutto a richiamare l'attenzione sul pane e sul vino, che diverranno il Corpo e il Sangue del Signore. È ad essi che va dato risalto, prima che agli altri doni per il culto e la carità, in quanto è per essi che avviene la preparazione e la presentazione all'altare. Inoltre, tali Doni rimandano al grande Dono di amore, l'Eucaristia, che dà impulso alla carità verso i più poveri e bisognosi.

In relazione a questo argomento, è necessario spiegare attraverso un'adeguata catechesi l'importanza dell'elemosina durante le celebrazioni eucaristiche, destinata ai poveri e alle necessità della Chiesa. Così si verrebbe a creare e a sviluppare la coscienza della dimensione sociale dell'Eucaristia. Occorre potenziare tale coscienza soprattutto nei paesi dove la Chiesa non può svolgere liberamente l'attività caritatevole. I fedeli devono essere esortati ad aiutare coloro che sono in necessità.

49. Alla Presentazione dei Doni segue la Preghiera eucaristica, che nelle varie forme esistenti in oriente e in occidente vede la Chiesa nella luce del mistero della Trinità, con il suo inizio nella creazione, il suo culmine nel mistero pasquale, il suo fine nella ricapitolazione di tutto in Cristo alla consumazione dei tempi. Per questo ha inizio con l'invito del celebrante a innalzare i cuori al Signore. Lo stesso termine anafora vuol dire levare in alto i Doni e noi stessi al Padre, rivolgersi al Signore dal quale viene la salvezza.

La Chiesa con l'epiclesi supplica il Padre di mandare lo Spirito Santo, perché scenda sui Doni con la sua potenza. Nella liturgia orientale, nell'epiclesi postconsacratoria, si accentua il legame tra l'Eucaristia e il mistero della Pentecoste, effusione dello Spirito sulla comunità riunita: "Ti chiediamo Signore, come hai inviato il tuo Spirito Santo sui tuoi discepoli santi e sui tuoi santi apostoli puri, allo stesso modo manda su di noi il tuo Spirito Santo, perché santifichi la nostra anima, il nostro corpo e il nostro spirito".[73] L'invocazione allo Spirito riguarda coloro che si comunicano affinché possano avere la forza di donarsi gli uni agli altri e di vivere secondo il sacramento che celebrano.

All'interno della preghiera eucaristica ha il suo posto centrale il racconto dell'istituzione con le parole di Gesù sul pane e sul vino: è la consacrazione, momento solenne nel quale si compie la presenza reale del Signore risorto sotto le specie del pane e del vino. Essa garantisce la continuità perenne dell'Eucaristia, da Cristo agli apostoli e ai loro successori e collaboratori, i vescovi e i presbiteri, i quali con il ministero gerarchico agiscono in nome del Signore a favore della Chiesa.

Tale continuità si esprime particolarmente nell'intercessione: "Ricordati, Padre, della tua Chiesa diffusa su tutta la terra".[74] Qui la celebrazione dell'Eucaristia mostra di essere intimamente un atto della Chiesa nella sua universalità, anteriore a qualsiasi distinzione particolare e locale.

L'assemblea eucaristica, cosciente di essere pellegrina nel mondo, entra con le intercessioni nella comunione dei santi, si proietta verso il regno, ma sa di vivere qui in terra. Perciò nella preghiera non dimentica le difficoltà che incontra, le persecuzioni che sopporta, le calamità temporali, le guerre, invocando soprattutto i doni dell'unità e della pace.

È lo Spirito che imprime alla grande preghiera l'orientamento interiore verso il Signore Gesù perché l'offerta "sia portata sull'altare del cielo davanti alla tua maestà divina"[75] e la lode trinitaria avvenga "per Ipsum, cum Ipso et in Ipso" con l'assenso del popolo di Dio che proclama Amen.

Comunione

50. L'Ordinamento generale del Messale romano raccomanda che ricevano la Comunione "i fedeli ben disposti".[76] Le buone disposizioni scaturiscono dal discernimento secondo il quale il Corpo del Signore non è un pane comune, ma un Pane di vita, che attende quanti si sono riconciliati col Padre. Come la condivisione della mensa tra gli uomini suppone la concordia, così l'Eucaristia è il sacramento dei riconciliati, nel senso che è il culmine dell'itinerario di riconciliazione con Dio e con la Chiesa attraverso il sacramento della Penitenza. In questo modo si manifesta la compassione di Cristo per la salvezza delle anime, che è anche la suprema legge della Chiesa. Compiuta la riconciliazione con la penitenza, e ristabilito lo stato di grazia, i riti di comunione costituiscono la preparazione immediata. Sarebbe conveniente sottolineare di più l'importanza della grazia dei sacramenti come bene che non deve essere negato a nessuno non appena vi siano le condizioni richieste,[77]che sono ben determinate nelle norme canoniche e liturgiche, senza aggiungerne altre.

La preparazione alla comunione è esigita dalla purezza necessaria per avvicinarsi al Signore e per questo, incombe su ciascuno di noi esaminare se abbiamo queste disposizioni. A questo riguardo, può essere molto opportuna un'adeguata catechesi sul potere dell'Eucaristia di cancellare i peccati veniali. Infatti, riceverla con un cuore pentito ottiene la grazia dello Spirito Santo per non soccombere alle tentazioni, bensì per dare testimonianza di vita cristiana, nonostante l'ambiente spesso poco favorevole. Anche la preghiera del Pater noster ci aiuta perché con essa chiediamo la purificazione dai peccati e la liberazione dal Maligno, così come lo scambio della pace permette ai fedeli di esprimere la comunione ecclesiale e l'amore vicendevole,[78] mentre induce ad una verifica sull'attitudine al perdono, disposizione non secondaria per accostarsi alla Comunione. Nelle liturgie orientali e in quella ambrosiana, con il bacio di pace posto all'offertorio, è accentuato proprio questo aspetto, l'estinzione di ogni inimicizia (cf. Mt 5,23-24). Si osserva da più parti che il gesto di pace è facoltativo e non dovrebbe sovrapporsi a quello seguente e centrale della fractio panis, che indica il Corpo spezzato per noi.

Nel momento di distribuire la santa Comunione, secondo quanto si legge in alcune risposte, il sacerdote dà la benedizione ai bambini o ai catecumeni, opportunamente indicati, che si avvicinano e non hanno fatto la prima Comunione. In alcune chiese la benedizione viene impartita anche ai non cattolici che si avvicinano all'altare nel momento della comunione. Nella stessa linea, dall'Asia giungono suggerimenti di prendere in considerazione qualche segno in favore dei non cristiani al momento della comunione, perché non si sentano esclusi dalla comunità liturgica.

Riti di conclusione

51. Ricevuta la Comunione bisogna pregare per ottenere i frutti del mistero celebrato. Uno dei primi è l'antidoto alle cadute quotidiane e ai peccati mortali.[79] Occorre pregare, soprattutto, che la nostra fede e comunione con Cristo ottengano di portare il suo Vangelo in missione nel mondo, in tutti gli ambienti dove viviamo, con la testimonianza delle opere, perché gli uomini credano e rendano gloria al Padre.

Il congedo della Messa include un invito alla missione, che la Chiesa, sorretta dall'Eucaristia, preceduta e accompagnata dall'esempio e dall'intercessione di Maria, porta a compimento nell'evangelizzare il mondo odierno. L'Eucaristia ha lo scopo di farci crescere nell'amore di Cristo e nel suo desiderio di portare il Vangelo a tutti.

Ars celebrandi

52. E' necessario fare attenzione all'ars celebrandi, per condurre i fedeli al culto vero, alla riverenza e all'adorazione. Le mani levate in alto dal sacerdote stanno ad indicare la supplica del povero e dell'umile: "Ti preghiamo umilmente", si dice nella preghiera eucaristica.[80] L'umiltà dell'atteggiamento e della parola è consona a Cristo stesso mite e umile di cuore. Egli deve crescere e noi diminuire. Affinché la celebrazione dell'Eucaristia esprima la fede cattolica si raccomanda che sia presieduta dal sacerdote con umiltà; solo così potrà essere davvero mistagogica e contribuire all'evangelizzazione. Nelle preghiere liturgiche normalmente non si dice "io" ma "noi"; quando nelle formule sacramentali si usa la prima persona, il ministro parla in persona di Cristo, non a nome proprio.

Alcune risposte ai Lineamenta toccano il tema della mistagogia e la intendono come introduzione al mistero della presenza del Signore, mettendo in risalto che oggi bisogna condurre l'uomo ad avvicinarsi più profondamente a Dio, perché vive in ambienti dove sembra che sia negata l'esistenza del mistero. La linea maestra è data dal Signore stesso: "Vi ho chiamati amici, perché vi ho fatto conoscere tutto quello che ho udito dal Padre mio" (Gv 15,15). Il Signore vuole che ci avviciniamo a Lui per rivelarci il mistero della vita divina.

Balza in primo piano la responsabilità del Vescovo verso l'Eucaristia, quale primo mistagogo. L'impegno per una "piena, consapevole, attiva partecipazione"[81] dei fedeli alla celebrazione eucaristica è del tutto legato alla particolare responsabilità del Vescovo nei confronti del SS. Sacramento, che nasce dal fatto che il Signore l'ha affidato agli Apostoli e la Chiesa con la stessa fede lo trasmette. Ogni celebrazione eucaristica in una diocesi ha luogo in comunione col Vescovo e in dipendenza dalla sua autorità.[82] Egli vigila affinché i fedeli possano partecipare alla Messa e il sacramento sia celebrato degnamente e decorosamente, eliminando abusi eventuali. È il sensus ecclesiae nella celebrazione liturgica, che trascende le situazioni specifiche, i gruppi e le culture. In quanto primus mysteriorum Dei dispensator il Vescovo celebra spesso la S. Messa in cattedrale, chiesa madre e cuore della diocesi, la cui liturgia deve essere di esempio per tutta la diocesi.

53. Permane l'obbligo della Messa pro populo da parte del vescovo diocesano e del parroco con l'applicazione per i vivi e per i defunti.[83] Inoltre, si raccomanda, per motivi teologici e spirituali, che i sacerdoti celebrino ogni giorno la Santa Eucaristia. Particolarmente è importante celebrare per i defunti le cui anime si trovano nel Purgatorio, aspettando il beato giorno in cui potranno vedere Dio faccia a faccia. Pregare per i defunti, è un debito di carità nei loro riguardi.

In relazione alle intenzioni, diverse risposte accennano a degli abusi, tra i quali il più comune è l'accumulazione nelle cosiddette Messe plurintenzionali. Su questo tema viene anche suggerito di chiarire l'attitudine nei riguardi delle intenzioni di Sante Messe. Intanto si constata che in qualche Paese tale prassi è assai diminuita, quasi scomparsa, mentre in numerosi Paesi le intenzioni per le Sante Messe rappresentano il modo tradizionale, spesso unico, del sostentamento del clero. Vi sono poi nazioni, in cui si nota la mancanza di intenzioni, che da anni provenivano da altri paesi, come valido contributo alla comunione ecclesiale e alla partecipazione concreta all'attività missionaria.

Non meno importante, dal punto di vista pastorale, è la formazione dei fedeli sul significato dell'applicazione di Messe in suffragio dei defunti, i quali, per i meriti della redenzione di Cristo e per la preghiera di tutta la Chiesa, potranno essere ammessi presto al banchetto della vita eterna. Così, le intenzioni di Messe per i defunti diventano anche un'espressione della fede nella risurrezione dei morti, verità solennemente professata nel Credo.

Parola e Pane di vita

54. A proposito del rapporto tra la Santa Messa e le celebrazioni della Parola, in molte risposte ai Lineamenta si osserva che in certe situazioni i fedeli rischiano di perdere pian piano il senso della differenza tra celebrazione Eucaristica ed altre celebrazioni. Tale problema pastorale si verifica, ad esempio, dove sono frequenti le liturgie di Comunione presiedute da diaconi o da ministri straordinari. Lo stesso rischio corrono i fedeli invitati in alcuni luoghi a partecipare alla liturgia della Parola invece che andare a Messa in una parrocchia vicina.

Eppure ci sono delle risposte che trasmettono la testimonianza del prezioso servizio svolto dai laici, dovutamente preparati, nelle celebrazioni della Parola, con e senza distribuzione dell'Eucaristia, laddove ci sono delle comunità che, in attesa di avere un sacerdote stabile, non possono temporaneamente contare su di lui per le celebrazioni domenicali. In questi casi, sotto la guida del Vescovo diocesano e dei sacerdoti è possibile, attraverso la collaborazione dei laici venire incontro alle necessità pastorali di tante comunità assetate della Parola di vita e del Pane di vita. Quando quest'attività si svolge nell'adempimento degli orientamenti del Magistero in questa materia[84] i risultati sono confortanti e possono nascere perfino vocazioni sacerdotali tra le famiglie dei laici impegnati in questi servizi, come pure nelle rispettive comunità che sanno apprezzare il prezioso servizio del sacerdote, ministro ordinario dell'Eucaristia.

55. In questo contesto emerge la questione degli eccessi nelle celebrazioni della Parola sostitutive della Santa Messa, che rischiano di far retrocedere il culto cristiano ad un servizio assembleare. Avrebbe senso, invece, come nelle stazioni missionarie, la catechesi svolta in attesa che il sacerdote possa celebrare l'Eucaristia. Infatti, sarebbe meglio in merito parlare di liturgie in attesa più che in assenza del sacerdote. Per indicare questa realtà, in alcune regioni si mette una stola sull'altare o sulla sedia. La preghiera per le vocazioni mantiene vivo il desiderio di avere il celebrante permanente dell'Eucaristia. La mancanza di sacerdoti, che in alcune regioni assume dimensioni preoccupanti, dovrebbe essere un valido stimolo al risveglio dell'attività missionaria e dello scambio dei doni tra le chiese particolari.

Diverse risposte ai Lineamenta suggeriscono che i fedeli designati come ministri straordinari dell'Eucaristia partecipino a speciali sessioni di studio per approfondire la dottrina eucaristica e le norme liturgiche. Tale programma dovrebbe essere inserito anche nella formazione permanente dei catechisti.

Inoltre, dalle stesse risposte emerge la necessità di spiegare chiaramente la triplice dimensione: sacerdotale, profetica e regale, nella distinzione tra ministero ordinato e non ordinato. In tal modo risalterà l'identità del sacerdote ministro dei divini misteri, che ne è pure interprete, mistagogo e testimone. Infine, per superare una certa confusione del ministero ordinato nella Chiesa, si raccomanda tra l'altro di promuovere la conoscenza di appropriati documenti del Magistero, come l'Esortazione apostolica post-sinodale Pastores Dabo Vobis sul sacerdote, segno di Cristo capo, sposo e pastore.

56. Si deve essere grati ai fedeli laici, soprattutto ai catechisti, che sono responsabili della preparazione alla preghiera e alla comunione, specialmente nei casi in cui la scarsezza di clero rende impossibile ai fedeli partecipare all'Eucaristia. Tuttavia, in non poche risposte ai Lineamenta vengono segnalate certe pratiche che tendono ad oscurare nei fedeli la distinzione essenziale tra il sacerdozio ministeriale e quello comune. Ad esempio: l'atteggiamento di alcuni assistenti pastorali che prendono l'effettiva direzione di alcune parrocchie ed esercitano di fatto quasi una presidenza dell'Eucaristia, lasciando al sacerdote soltanto il minimo per garantirne la validità; l'omelia nella Santa Messa tenuta dai laici; l'abitudine di dare precedenza ai ministri straordinari dell'Eucaristia nella distribuzione del Sacramento, mentre i ministri ordinari, soprattutto il sacerdote celebrante e i concelebranti, rimangono seduti; la consuetudine di alcuni ministri straordinari di conservare il Santissimo Sacramento nelle loro case prima di portarlo ai malati, oppure l'autorizzazione data dal parroco a qualche congiunto del malato di portargli il Viatico. Le disposizioni dell'Istruzione Ecclesia de mysterio, insieme alle norme canoniche su questo argomento,[85] dovrebbero essere tenute in considerazione per istruire adeguatamente i responsabili e per assicurare una celebrazione ecclesiale dell'Eucaristia.

Significato delle norme

57. Alla questione della instauratio della liturgia si ricollegano le risposte ai Lineamenta riguardanti il nuovo Ordo Missae e l'Ordinamento generale del Messale romano, che presentano i tratti della liturgia della Chiesa universale.

Le norme liturgiche si possono comprendere come l'accompagnamento verso il mistero. I Padri subapostolici sono stati i primi a stabilire le norme e i canoni, con le celebri Constitutiones e Didascaliæ. Allora essi dovevano per un verso annunciare il mistero rivelato in Gesù e per l'altro contrastare le concezioni misteriche, allegoriche ed esoteriche dei pagani.

Se da un lato le norme riconducono all'apostolicità dell'Eucaristia, dall'altra è soprattutto la sua santità ad esigerle: il Santissimo chiede di essere avvicinato con la massima riverenza. Si può dire che per questo i presbiteri vengono consacrati, come ricorda l'allocuzione del Vescovo prima dell'ordinazione: "Mediante il vostro ministero il sacrificio spirituale dei fedeli viene reso perfetto, perché congiunto al sacrificio di Cristo, che per le vostre mani in nome di tutta la Chiesa viene offerto in modo incruento sull'altare nella celebrazione dei santi misteri. Riconoscete dunque ciò che fate, imitate ciò che celebrate, perché partecipando al mistero della morte e risurrezione del Signore, portiate la morte di Cristo nelle vostre membra e camminiate con lui in novità di vita".[86] Si fa notare in alcune risposte che la norma basilare da osservarsi per un Vescovo e un sacerdote è di aiutare i fedeli ad entrare nel mistero della presenza del Signore.

58. Più risposte ai Lineamenta accennano ad alcune delle motivazioni che portano a trascurare le norme: la scarsa conoscenza della storia e del significato teologico dei riti, il desiderio di novità e la sfiducia nella capacità del rito di parlare all'uomo col linguaggio dei segni. Alcune risposte ritengono che l'inosservanza delle norme sia causata da presunti difetti interni all'Ordinamento generale del Messale romano, e menzionano, ad esempio, le traduzioni inadeguate dei testi liturgici e la mancanza di precisione nelle rubriche, che lasciano al celebrante la libertà d'improvvisare certe parti. In particolare, si segnala la necessità di curare con grande attenzione la traduzione dei testi liturgici, affidando il delicato lavoro agli specialisti sotto la supervisione dei Vescovi e con l'approvazione della competente Congregazione della Santa Sede.

Quando si danno orientamenti dottrinali o norme occorre tener presente un principio basilare: come una supervalutazione della maturità dei fedeli può aver contribuito a creare difficoltà pratiche nell'introduzione della riforma, così bisogna non sottovalutare la psicologia popolare o la capacità dei fedeli di accettare il richiamo alle verità basilari.

Urgenze pastorali

59. Dall'insieme delle risposte ai Lineamenta si può ricavare il seguente quadro, in relazione alle ombre nella celebrazione dell'Eucaristia.

Mentre si nota un atteggiamento di sfiducia rispetto delle rubriche liturgiche, se ne inventano altre al fine di promuovere cambiamenti ispirati a ideologie o a deviazioni teologiche. Al riguardo, non poche iniziative di questo genere provengono da movimenti e gruppi che intendono rinnovare la liturgia.

È spesso ritenuto che l'affermazione delle norme universali, comunemente sostenuta dalla Chiesa come espressione della cattolicità, è in contrasto con le celebrazioni liturgiche particolari di alcuni movimenti ecclesiali. A questo proposito viene richiesta una maggiore chiarezza da parte delle competenti autorità della Chiesa onde evitare confusioni. Dopo l'introduzione delle lingue vernacole, occorre rispettare la struttura del rito, unico modo per sottolineare in modo visibile l'unità della Chiesa cattolica di tradizione occidentale. I fedeli sono assai sensibili ad eventuali cambiamenti arbitrari del rito.

Si osserva in certi casi che un eccesso d'interventi porta a manipolare la Messa, arrivando in alcuni casi a sostituire i testi liturgici con altri estranei. Questo atteggiamento crea non di rado conflitto tra il clero e i laici ed anche all'interno dello stesso presbiterio.

60. Allo scopo di dissipare queste ombre, nelle medesime risposte ai Lineamenta vengono suggeriti alcuni orientamenti. È necessario promuovere un rinnovato spirito di preghiera insieme ad un potenziamento della formazione permanente del clero, con la finalità di rinforzare l'atteggiamento di umile adesione allo spirito e alla lettera delle norme liturgiche, per poter rendere un vero servizio al Popolo di Dio, chiamato a rendere grazie e ad elevare suppliche al suo Signore nello Spirito Santo attraverso la divina liturgia.

Bisogna studiare a fondo i già noti principi sul modo di integrare nelle celebrazioni liturgiche elementi delle culture locali ed eventualmente emettere nuove istruzioni, più chiare e precise, alla luce della recente revisione dell'Ordinamento generale del Messale romano, delle Istruzioni Redemptionis Sacramentum, e Varietates legitimae della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti.

Occorre spiegare ai fedeli la portata della fede eucaristica. Nell'Eucaristia i fedeli si nutrono del Corpo di Cristo risorto. Il Signore risorto, vincitore sul peccato e sulla morte, oltrepassa le dimensioni dello spazio e del tempo ed è realmente presente sotto le specie del pane e del vino in ogni celebrazione eucaristica, nel mondo intero. Si tratta, pertanto, del corpo del Signore glorificato, trasformato, pane degli angeli e di tutti gli uomini chiamati a condividere la visione beatifica, nella comunione dei santi, nell'adorazione eterna di Dio Uno e Trino.

Con un'appropriata catechesi si devono eliminare possibili concezioni magiche, superstiziose o spiritistiche dell'Eucaristia. Tale catechesi è assai appropriata nelle Messe di guarigione, che si fanno in alcuni Paesi. Urge premunirsi contro i sacrilegi delle ostie consacrate, che si compiono nei riti satanici e nelle cosiddette messe nere.

Canto liturgico

61. Il Popolo di Dio, radunato nella casa del Signore esprime l'azione di grazie e di lode con le parole, con l'ascolto, con il silenzio e con il canto.

Diverse risposte ai Lineamenta auspicano che il canto nella Messa e nell'adorazione sia veramente dignitoso. Vi si vede la necessità di assicurare che l'essenziale del repertorio del canto gregoriano sia conosciuto dal popolo. Esso è stato composto a misura dell'uomo di tutti i tempi e di tutti i luoghi, grazie alla sua trasparenza, alla sua discrezione, all'agilità delle sue forme e dei suoi ritmi. Pertanto occorre riconsiderare i canti attualmente in uso.[87] La musica strumentale e vocale, se non possiede ad un tempo il senso della preghiera, della dignità e della bellezza, si preclude da sé l'ingresso nella sfera del sacro e del religioso. Questo esige bontà delle forme, come espressione di vera arte, rispondenza ai vari riti e capacità di adattamento alle legittime esigenze sia dell'inculturazione che dell'universalità. Il canto gregoriano risponde a queste esigenze, perciò è il modello a cui ispirarsi, come ha detto Giovanni Paolo II.[88] Bisogna perciò favorire tra musicisti e poeti la composizione di nuovi canti, con un vero contenuto catechetico sul mistero pasquale, sulla domenica e sull'Eucaristia, redatti secondo i criteri liturgici.

62. L'uso degli strumenti musicali è stato anch'esso oggetto di particolare attenzione in diverse risposte, con il richiamo agli orientamenti della Costituzione Sacrosanctum Concilium in materia.[89] A questo riguardo, è più volte rilevato nella tradizione latina il pregio dell'organo, il cui suono è in grado di aggiungere solennità al culto e aiutare la contemplazione. L'esperienza dell'ammissione di altri strumenti musicali è pure rilevata da varie risposte, con risultati positivi quando, con il consenso dell'autorità ecclesiastica competente, tali strumenti vengono giudicati adeguati all'uso sacro, in armonia con la dignità del tempio, ed efficaci per l'edificazione dei fedeli.

In altre risposte, invece, si lamenta la povertà delle traduzioni in lingua corrente dei testi liturgici e di molti testi musicali, che sono prive di bellezza e talvolta teologicamente ambigue, capaci di indebolire la dottrina e la comprensione del senso della preghiera. Una particolare attenzione viene dedicata, in qualche risposta, alla musica e al canto nelle Messe per i giovani. Al riguardo si nota l'importanza di evitare quelle forme musicali che non inducono alla preghiera, perché soggette a regole d'uso profano. Alcuni mostrano troppa ansia di comporre nuovi canti, quasi soccombendo ad una mentalità consumistica, senza assicurarsi della qualità della musica e del testo, tralasciando facilmente un insigne patrimonio artistico, che ha dimostrato validità teologica e musicale nella liturgia della Chiesa.

È ugualmente raccomandato che nei raduni internazionali almeno la preghiera eucaristica sia proclamata in latino per facilitare un'adeguata partecipazione dei concelebranti e di quanti non conoscessero la lingua del luogo, come opportunamente viene suggerito nella costituzione sulla sacra Liturgia, Sacrosanctum Concilium.[90]

È motivo di soddisfazione, comunque, costatare che in alcune nazioni esiste una solida tradizione di canti religiosi propri per ogni periodo dell'anno liturgico: Avvento, Natale, Quaresima, Pasqua. Tali canti, conosciuti e cantati dal popolo, favoriscono il raccoglimento e aiutano a vivere con notevole partecipazione spirituale le celebrazioni del mistero della fede nei singoli periodi liturgici. È da auspicare che tale positiva esperienza si diffonda pure in altre nazioni e dia tono ai periodi forti dell'anno liturgico aiutando i fedeli a percepire il messaggio tramite la musica e le parole.

Decoro del luogo sacro

63. Nei Lineamenta è richiamata pure la funzione dell'arte. Il decoro di quanto attiene alla celebrazione dell'Eucaristia manifesta la fede nel mistero e contribuisce efficacemente a mantenerla viva sia nei sacri ministri che nei fedeli. Questa attitudine può essere espressa nell'adeguata impostazione dello spazio sacro, come pure in un'appropriata collocazione del tabernacolo e della sede e anche nella cura di certi particolari come la pulizia, gli arredi e i fiori freschi. Infatti per la formazione dei fedeli nella dottrina eucaristica conta molto non solo ciò che essi ascoltano, ma anche ciò che vedono. Invece la trascuratezza dimostra che la fede è debole.

La tradizione della Chiesa ha attinto dalla Bibbia la distinzione dell'area riservata ai ministri sacri: essa è segno eloquente che è il Signore ad ammettere al suo servizio, a scegliere i suoi ministri. Le chiese orientali, con la delimitazione del santuario, e le occidentali, con l'area presbiterale, hanno conservato la distinzione. Essa sta ad attestare che nella liturgia si manifesta il popolo di Dio gerarchicamente ordinato, ben disposto alla partecipazione attiva. L'altare è la parte più santa del tempio ed è elevato per indicare l'opera di Dio che è superiore a tutte le opere dell'uomo. I lini che lo rivestono indicano la purezza necessaria per accogliere Dio. Esso è dedicato solo a Lui come lo stesso tempio e non può essere usato per altri scopi.

64. Nelle risposte si nota la preoccupazione che abbastanza spesso le chiese vengono adibite ad usi profani, come concerti e attività teatrali, non sempre d'indole religiosa. La liturgia della dedicazione della Chiesa ricorda che la comunità offre il tempio totalmente al Signore, quindi non può destinarlo ad un uso diverso da quello per cui è consacrato.

Sono state segnalati altri fenomeni opposti all'accennata tradizione della Chiesa, che oscurano il senso del sacro e la trascendenza del mistero. Ad esempio, molte chiese nuove e anche alcune antiche dopo gli interventi di ristrutturazione mostrano come criterio fondamentale del progetto architettonico la vicinanza dei fedeli all'altare, con lo scopo di assicurare una buona visuale e una maggiore comunicazione tra celebrante e assemblea. Anche la tendenza a spostare l'altare verso lo spazio destinato ai fedeli, eliminando in pratica l'area presbiterale, deriva dalla stessa concezione. In tale modo si guadagna in comunicazione, ma non sempre si salvaguarda in modo sufficiente il senso del sacro, anch'esso parte essenziale delle celebrazioni liturgiche.

Altre risposte mostrano alcuni segni incoraggianti. Seguendo le linee dell' Ordinamento generale del Messale romano sono state prese diverse iniziative perché lo spazio sacro delle chiese già esistenti o di quelle in via di costruzione sia un vero luogo di preghiera e adorazione, dove l'arte e l'iconografia diventano strumenti al servizio della liturgia. Così, ad esempio, sono stati rimessi in alcune chiese gli inginocchiatoi ed è stata ripristinata tra i fedeli la pratica di inginocchiarsi durante la preghiera eucaristica; dove non era chiaramente visibile, il tabernacolo appare di nuovo nel santuario o in un posto prominente; i nuovi progetti di chiese pongono più attenzione all'arte, alla decorazione, alle suppellettili e ai paramenti sacri. In questo modo si cerca di armonizzare la vicinanza del celebrante al popolo e la sacralità del mistero di Dio al contempo presente e trascendente.

Capitolo II

ADORARE IL MISTERO DEL SIGNORE

"Adorate il Signore, Cristo, nei vostri cuori, pronti sempre a rispondere
a chiunque vi domandi ragione della speranza che è in voi
" (1 Pt 3,15)

Dalla celebrazione all'adorazione

65. L'adorazione è l'attitudine adeguata del celebrante e dell'assemblea liturgica di fronte a Dio onnipotente che si fa realmente presente nel Sacramento dell'Eucaristia. Non di rado, tale atteggiamento continua pure dopo la Santa Messa in vari modi propri della Chiesa Cattolica.

Dio cerca l'uomo e questi lo vuole vedere. "Di te ha detto il mio cuore: cercate il suo volto. Il tuo volto Signore, io cerco. Non nascondermi il tuo volto." (Sal 26,8-9). Il cristianesimo non è solo la religione dell'ascoltare ma anche del vedere. Vedendo Gesù si vede Dio Padre (cf. Gv 14,9). Dio assume la natura umana per condividere la nostra vita. La lettera di san Paolo ai Filippesi apre uno scorcio su questo mistero che noi indichiamo col termine kenosis, cioè il Figlio si svuota della gloria che gli è dovuta, pur di partecipare alla natura umana: "Cristo Gesù pur essendo di natura divina non considerò un tesoro geloso la sua uguaglianza con Dio" (Fil 2,6). Questa kenosis in certo senso continua nell'Eucaristia, sebbene in essa sia presente il corpo risuscitato e glorioso del Signore. Ma il paradosso è che Gesù di Nazareth rivela Dio nella pienezza della sua umanità: "Chi vede me vede colui che mi ha mandato" (Gv 12,45), come ha detto ai giudei, sintetizzando in una frase la profonda verità della fede cristiana. Il Dio che si fa uomo suscita reazioni nella sfera del conoscere, quali il vedere, il toccare, l'udire, il contemplare (cf 1 Gv 1,1-2). In una parola la rivelazione di Gesù pone in essere una relazione che coinvolge i sensi come facoltà di mediazione della conoscenza. Il vedere e l'ascoltare diventano un binomio essenziale per la religione cristiana. Gesù di Nazareth non può essere solo ascoltato, deve essere anche visto.

Gesù è immagine del Dio invisibile (cf Col 1,15). Il termine eikon è carico del suo senso storico, perché non riduce a puro simbolo ciò che esso rappresenta. Per la cultura greca in genere eikon indicava il ritratto. Un ritratto è credibile, però, solo se rappresenta un volto reale, concreto e storico, senza lasciare spazio alla fantasia.

Si ritorna al tema del volto, cioè all'espressione personale, che meglio di ogni altra esprime l'identità. Il volto di Gesù, che lascia trasparire Dio, diventa nello stesso istante icona di tutta l'umanità redenta e salvata "essendo stato lui stesso provato in ogni cosa a somiglianza di noi" (Eb 4,15). Già questo fa comprendere perché il cristianesimo non possa essere annoverato solamente tra le religioni del libro.

L'Eucaristia genera un culto completo, essendo ad un tempo sacrificio, memoriale e convito, e sollecita la contemplazione. Va pertanto superata la difficoltà psicologica che porta a interpretare erroneamente l'adorazione e la riverenza come una forma anomala della liturgia e quindi a svalutare le azioni di culto dell'Eucaristia, come l'esposizione del Santissimo e la benedizione eucaristica.

Atteggiamenti di adorazione

66. Tra i problemi più gravi e diffusi nei paesi occidentali e negli altri continenti, dove talvolta sono stati importati da alcuni agenti pastorali, v'è soprattutto la crisi della preghiera e la riduzione della celebrazione dell'Eucaristia a un precetto o ad un semplice evento assembleare.

Le risposte ai Lineamenta chiedono di rilanciare la preghiera in senso pieno e completo, come dono, alleanza e comunione[91] con le sue forme di benedizione, adorazione, lode, ringraziamento, domanda, espiazione, intercessione. Senza l'opportuna catechesi al riguardo, i fedeli non potranno beneficiare della linfa che fluisce dalla liturgia, regula fidei attraverso i santi segni.

La richiesta di promuovere la dedicazione di un tempo e di uno spazio all'adorazione e alla meditazione è assai ricorrente nelle risposte. Infatti, gli uomini di oggi, sottoposti al ritmo frenetico della vita moderna, hanno bisogno di fermarsi, di pensare e di pregare. Varie religioni, soprattutto dell'Oriente, propongono la meditazione secondo le caratteristiche della propria tradizione religiosa particolare. Anche di fronte a tale sfida, i cristiani sono chiamati a riscoprire la bellezza dell'adorazione, della preghiera personale e comunitaria, del silenzio e della meditazione, che nel cristianesimo è incontro personale dell'uomo con Dio, Trinità Santissima, con Gesù Cristo risorto presente nell'Eucaristia, per la potenza dello Spirito Santo, a lode di Dio Padre.

Vi sono richieste di una ripresentazione dei motivi teologici e spirituali dell'adorazione intesa come preparazione alla Santa Messa, come l'attitudine celebrativa dei santi misteri e come ringraziamento per il dono dell'Eucaristia. Al riguardo è stato proposto di favorire la rinascita delle confraternite del Santissimo Sacramento, adattandole alle attese e alle necessità dell'uomo contemporaneo alla ricerca di Dio. Inoltre, si suggerisce di fomentare l'adorazione eucaristica tra i sacerdoti. Ogni parrocchia, poi, potrebbe organizzare un giorno di solenne esposizione del Santissimo Sacramento in modo che nelle diocesi, soprattutto di una certa grandezza, ogni settimana il Popolo di Dio adori il Signore Eucaristia in una delle parrocchie. Un ripristino della Benedizione con il Santissimo, laddove questa prassi fosse stata abbandonata, soprattutto la domenica pomeriggio, potrebbe aiutare a incrementare la devozione eucaristica. Si possono dire i vespri, o le lodi, davanti al Santissimo esposto. Ove si celebrano varie Sante Messe, per esempio nel pomeriggio in alcune parrocchie delle città, si potrebbe introdurre un'ora di adorazione tra l'una e l'altra.

Inoltre, occorre sostenere altre forme di devozione eucaristica come l'adorazione del Giovedì Santo, le processioni con il Santissimo, soprattutto nella solennità del Corpus Domini, la visita eucaristica, le Quarantore, la preghiera comunitaria con il Santissimo esposto. Tali azioni, secondo le indicazioni del Magistero, introducono i fedeli alla preghiera di riparazione per le offese soprattutto al Santissimo Sacramento.[92] E ancora sarebbe bene valorizzare nella giusta misura le espressioni della pietà popolare connesse con l'Eucaristia come i canti, le composizioni floreali, gli addobbi.

67. La preghiera comincia dal silenzio che fa prendere coscienza di essere alla presenza del Signore, che parla al cuore e provoca una risposta nella grande preghiera della liturgia o nell'adorazione eucaristica fuori di essa. In questo dialogo si compiono azioni esterne che sono gesti religiosi: il segno di croce, i movimenti delle mani, le genuflessioni, gli inchini, la posizione in piedi e quella seduta, la processione e altri.[93] Delle risposte ai Lineamenta non poche esortano ad una catechesi su questi atteggiamenti esterni, resi autentici da una maggiore consapevolezza.

I sacerdoti e i fedeli manifestano la fede e l'adorazione attraverso gli atteggiamenti del corpo secondo le indicazioni dei libri liturgici o secondo la tradizione. In base alla cultura sono previsti adattamenti di tali gesti, purché siano espressivi della venerazione e dell'amore verso il mistero dell'Eucaristia.

Attesa del Signore

68. Gesù risorto è "il primogenito di coloro che risuscitano dai morti" (Col 1,18). Queste parole dell'apostolo Paolo esprimono la verità rivelata, per la quale la morte non è per il cristiano la fine di tutto, ma al contrario la porta d'ingresso in una vita nuova e misteriosa, caratterizzata da un intimo e diretto rapporto con il Signore e quindi da una felicità che supera radicalmente ogni nostra attesa.

Non si può dimenticare però che certi fattori culturali tendono ad eliminare ogni prospettiva oltre la morte, mentre la rivendicazione della totale autonomia etica dell'uomo rende non più accettabile, o comunque irrilevante, ogni idea di premio o di pena per i nostri comportamenti morali, che ci attenderebbe dopo la morte.

In varie risposte si ritiene inadeguata la catechesi oggi svolta sulla verità escatologica dell'Eucaristia. Il Catechismo della Chiesa Cattolica vi dedica un titolo: "L'Eucaristia, pegno della gloria futura",[94] pregustazione del banchetto del regno di Dio e manifestazione della comunione dei santi. Naturalmente questa anticipazione non è avulsa dalla vita nel mondo, secondo quanto si esprime in questa orazione: "Signore, questo sacramento della nostra fede compia in noi ciò che esprime e ci ottenga il possesso delle realtà eterne, che ora celebriamo nel mistero".[95]

69. La tensione escatologica può essere spiegata come l'irruzione nell'oggi liturgico di Colui che è, che era e che viene. Egli, il Risorto e il Vivente, è sempre presente. Per questo l'Eucaristia è il sacramento della presenza di Colui che ha detto: "Io sono con voi, tutti i giorni fino alla fine del mondo" (Mt 28,20). Alcune risposte ai Lineamenta riconoscono che questo aspetto non viene abbastanza evidenziato, eccetto che nella liturgia latina nelle Messe esequiali e in quelle del primo e due novembre o in alcune preghiere per i defunti nei testi della Messa.

Molti sono consapevoli dell'Eucaristia come fonte di comunione con i defunti e i santi, ma non come pregustazione del convito celeste. Perciò sarebbe opportuno tener presente che sebbene la comunione dei santi sia celebrata lungo tutto l'anno liturgico, l'intero mese di novembre è un'ottima occasione per celebrarla con l'intercessione per i defunti.

Sul nome dei defunti da menzionare durante la Messa, malgrado vi siano norme apposite, da non poche risposte emergono degli abusi che vanno dal rifiuto di ogni menzione alla ripetizione spropositata.

Eppure, sono le stesse risposte a proporre anche qualche orientamento per dare più evidenza alla dimensione escatologica del mistero eucaristico: la preghiera rivolta a Oriente, quando sia possibile; un'adeguata presentazione del legame tra la presenza reale di Cristo nell'Eucaristia e l'adorazione eucaristica, attraverso la quale preghiamo di giungere alla pienezza della sua presenza quando Egli ci introdurrà al banchetto escatologico alla fine dei tempi, come si ricorda nelle anafore: "nell' attesa della sua venuta" e "in attesa della sua venuta nella gloria".[96] L'Eucaristia è farmaco d'immortalità perché, prevenendo come antidoto il peccato e liberando dai peccati veniali, immette nell'anima la forza della grazia che santifica e prepara alla vita eterna, con l'invocazione rivolta al Signore che viene: "Maranà tha" (1 Cor 16,22; cf. Ap 22,20).

Eucaristia domenicale

70. Le risposte invitano a trattare con più attenzione la celebrazione dell'Eucaristia nel Dies Domini, giorno sacro per la vita della Chiesa, per la comunità di fede e per ogni credente. E' in questo contesto che va enfatizzata l'importanza della comunità che si riunisce insieme per la celebrazione, perché il Signore è in mezzo ad essa. Ma senza la fede non potremmo né parlare del Giorno del Signore né viverlo. La domenica aiuta a guardare il mondo alla luce dell'Eucaristia. La Messa è il sacrificio di Cristo che cambia il mondo e chiede alla Chiesa di diventare essa pure offerta, aprendosi a tutti.

L'Eucaristia è anche fonte di una cultura del perdono oggi così difficile. Durante la celebrazione eucaristica ritorna più volte la richiesta di perdono per rinnovare la vita. Il Papa Giovanni Paolo II, inoltre, invitava a vedere come "conseguenza significativa della tensione escatologica insita nell'Eucaristia"[97] il fatto di porre un seme di vivace speranza nell'impegno quotidiano, di creare nuovi segni nel mondo, per poter dire di vivere dell'Eucaristia .

Il Giorno del Signore è anche il giorno della solidarietà e della condivisione con i poveri, in quanto l'Eucaristia è vincolo di fraternità e sorgente di comunione. Infatti, "dalla Messa domenicale parte un'onda di carità, destinata ad espandersi in tutta la vita dei fedeli, iniziando ad animare il modo stesso di vivere il resto della domenica".[98]

71. Senza la Messa domenicale non si alimenta la fede mediante l'incontro con il Signore e non si ascolta la Parola di Dio né si vive la realtà comunitaria della Chiesa. Per molti l'unico contatto con la Chiesa è quello della Messa domenicale, per cui la loro fede è legata a questo momento. Se il cristiano manca alla Messa domenicale, gradualmente viene a mancargli Cristo. Nel promuovere il rispetto del Giorno del Signore devono essere impegnati tutti i membri del Popolo di Dio, specialmente il clero, le persone consacrate, i catechisti, i membri dei movimenti ecclesiali. L'assemblea sinodale dovrebbe concorrere a riscoprire il profondo senso teologico e spirituale della domenica come giorno del Signore, favorendone la celebrazione che, a sua volta, avrà conseguenze assai positive per i fedeli, per le loro famiglie e per l'intera comunità.

Infatti, dedicando tempo al Signore ogni domenica e nei giorni di precetto, l'uomo, come persona e membro di una famiglia, riscopre la gerarchia dei valori a cui adattare la sua esistenza, usufruendo, in unione con Dio, suo Creatore e Redentore, del tempo libero da dedicare all'esercizio delle sue capacità umane e cristiane per il bene dell'intera società. Per questo è importante salvaguardare la domenica come giorno non lavorativo, soprattutto nei paesi con radici cristiane.

Diverse risposte ai Lineamenta auspicano orientamenti pastorali in grado di motivare i fedeli a partecipare all'Eucaristia soprattutto di domenica. Nella celebrazione del Giorno del Signore, i fedeli, spesso turbati da vari problemi personali, familiari e sociali, inseriti in un'assemblea accogliente, potranno attingere dall'Eucaristia, fonte di luce, di pace e di consolazione spirituale, la forza necessaria per trasformare la loro vita e il mondo secondo i disegni di Dio Padre in Cristo Gesù.

Contemporaneamente si vede la necessità di garantire la celebrazione della Messa al massimo numero possibile di fedeli, di ribadire le disposizioni essenziali per ricevere degnamente l'Eucaristia, ovvero lo stato di grazia e il digiuno, di seguire pastoralmente coloro che vivono in condizioni morali che non consentono di partecipare alla Comunione sacramentale.

In questo ultimo contesto si propone di presentare in linee sintetiche la dottrina sulla Comunione spirituale o di desiderio, che si fonda sui privilegi conferiti dal Battesimo ed è l'unica forma di Comunione alla quale molti possono accedere per mancanza oggettiva o soggettiva delle condizioni per la comunione sacramentale. La comunione spirituale, per esempio, è sempre accessibile alle persone anziane e malate che manifestano l'amore verso l'Eucaristia, partecipano alla comunione dei santi con grande beneficio spirituale per loro stessi e per la Chiesa arricchita dalle loro sofferenze offerte a Dio. Così si aggiunge ciò che manca alla passione di Gesù Cristo per il Suo Corpo, la Chiesa (cf. Col 1,24) e si proclama il "Vangelo della sofferenza"[99] che il Maestro ha consegnato ai discepoli con il suo sacrificio, del quale l'Eucaristia è memoriale.

Far riscoprire il senso gioioso della celebrazione eucaristica domenicale è una delle tante sfide pastorali per la Chiesa nel mondo di oggi, sempre più portato a concepire la festa solo come momento di divertimento superficiale e non come momento di comunione e di celebrazione. Un'altra sfida ugualmente esigente è quella di provocare l'interesse per la partecipazione delle famiglie alla Santa Messa. In tale modo, la famiglia, chiesa domestica, allarga i suoi orizzonti cristiani e nella comunione con altre famiglie, riscopre di esser parte viva della grande famiglia di Dio, la Chiesa cattolica.

Infine, la celebrazione domenicale dei cattolici diventa un segno distintivo per loro, in particolare nei Paesi in cui essi rappresentano la minoranza. Pregando insieme e trasfondendo poi tale attitudine in opere di carità, si fornisce un valido contributo al miglioramento della società, soprattutto nelle Nazioni in cui prevale tradizionalmente una concezione individualista del rapporto dell'uomo con la divinità.

PARTE IV

EUCARISTIA NELLA MISSIONE DELLA CHIESA

Capitolo I

SPIRITUALITÀ EUCARISTICA

"Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può far frutto
da se stesso se non rimane nella vite,
così anche voi se non rimanete in me
" ( Gv 15,4)

Eucaristia, fonte della morale cristiana

72. La metafora del Vangelo di San Giovanni, inserita nel discorso dell'ultima Cena, acquista un significato non solo ecclesiale, ma anche morale, poiché la vita della grazia ricevuta attraverso l'Eucaristia diventa garanzia della vera comunione ecclesiale e anche di una vita morale caratterizzata dalle buone opere e da una rettitudine nell'agire propria di chi è unito vitalmente a Cristo.

Non poche risposte ai Lineamenta insistono sul senso personale ed ecclesiale dell'Eucaristia in rapporto alla vita morale, alla santità e alla missione nel mondo. La permanente presenza e azione dello Spirito Santo, dono del Signore risorto, ricevuto mediante la Comunione, è la fonte del dinamismo della vita spirituale, della santità e della testimonianza dei fedeli.

Dunque, l'Eucaristia e la vita morale sono inseparabili, sia perché nutrendosi del santo sacramento si ottiene la trasformazione interiore, sia perché a Gesù Eucaristia tende l'uomo rinato nel battesimo alla vita secondo lo Spirito, nuova vita morale, che non è secondo la carne. L'Eucaristia rafforza davvero il senso cristiano della vita, in quanto la sua celebrazione è un servizio di Dio e ai fratelli e porta ad una testimonianza dei valori evangelici nel mondo. Così le tre dimensioni della vita cristiana, liturgia - martyria - diakonia, manifestano la continuità tra il Sacramento celebrato e adorato, l'impegno di testimoniare Cristo in mezzo alle realtà temporali e la comunione costruita attraverso il servizio della carità, soprattutto in favore dei poveri.

73. Diverse risposte hanno insistito sul rapporto tra Eucaristia e vita morale evidenziando una notevole consapevolezza dell'importanza dell'impegno morale derivato dalla comunione eucaristica. Non mancano accenni al fatto che troppi si accostano al Sacramento senza aver riflettuto sufficientemente sulla moralità della loro vita.[100] Alcuni ricevono la Comunione pur negando gli insegnamenti della Chiesa o dando pubblicamente supporto a scelte immorali, come l'aborto, senza pensare che stanno commettendo atti di grave disonestà personale e causando scandalo. Del resto, esistono cattolici che non comprendono perché sia peccato sostenere politicamente un candidato apertamente favorevole all'aborto o ad altri atti gravi contro la vita, la giustizia e la pace. Da tale attitudine risulta, tra l'altro, che è in crisi il senso di appartenenza alla Chiesa e che non è chiara la distinzione tra peccato veniale e mortale.

In molte risposte viene notato che anche certi cattolici non si distinguono molto da altre persone nel soccombere alla tentazione della corruzione, nelle varie espressioni e livelli.

Spesso si separano le esigenze specifiche della vita morale dal ruolo della Chiesa come maestra di vita così che i suoi insegnamenti sono visti come bisognosi d'essere filtrati dalla coscienza individuale. In altri ambiti i Pastori si sono impegnati nel chiarire perché sia contraddittorio invocare la libertà di coscienza o la libertà religiosa quale criterio per disattendere l'insegnamento della Chiesa. Si insiste sul dovere dei fedeli di cercare la verità e di avere la coscienza retta.

Molti però cercano di inserire l'Eucaristia nella loro vita e di considerarla come sorgente di forza per vincere il peccato. Questo avviene specialmente nelle parrocchie dove c'è una forte presenza di vari ministeri, di organizzazioni caritative, di gruppi di preghiera e di associazioni laicali.

74. Dalle risposte ai Lineamenta emergono alcuni suggerimenti per superare la dicotomia tra l'insegnamento della Chiesa e l'attitudine morale dei fedeli. In primo luogo viene segnalata la convenienza di dare sempre più rilievo alla necessità della santificazione e della conversione personali e di enfatizzare ancor di più l'unità tra l'insegnamento della Chiesa e la vita morale. Inoltre, i fedeli devono essere continuamente incoraggiati a prendere coscienza che l'Eucaristia è la fonte della forza morale, della santità e di ogni progresso spirituale. Infine, appare di fondamentale importanza dare risalto nella catechesi al legame tra Eucaristia e costruzione di una società giusta, attraverso la personale responsabilità di ognuno nella partecipazione attiva alla missione della Chiesa nel mondo. In questo senso, particolare responsabilità spetta ai cattolici che occupano posti rilevanti in politica e in varie attività sociali.

La Chiesa nutre grande speranza nei suoi giovani, sempre più attenti all'Eucaristia, prezioso tesoro, sorgente inesauribile per il rinnovamento della vita della Chiesa e per la speranza del mondo. Pertanto, non sorprende che il tema scelto per la Giornata Mondiale dei Giovani, a Colonia dal 16 al 21 agosto 2005, "Siamo venuti per adorarlo" (Mt 2,2), abbia un profondo significato eucaristico. Merita speciale attenzione il valido contributo che questo importante evento offre alla riflessione sinodale. Al riguardo il Papa Giovanni Paolo II aveva detto: "L'Eucaristia è il centro vitale intorno a cui desidero che i giovani si raccolgano per alimentare la loro fede ed il loro entusiasmo".[101] Perciò, è giustamente suggerito che pure nelle scuole cattoliche si dia più importanza all'educazione delle giovani generazioni alla fede e, in particolare, alla spiritualità eucaristica.

L'Eucaristia, che è Presenza del Corpo e Sangue di Gesù Cristo risorto, porta alla perfezione e alla santità nella vita cristiana. Per raggiungere tale ideale è necessaria la grazia di Dio, la buona disposizione dei credenti e una permanente catechesi per ogni categoria di persone.

Persone e comunità eucaristiche

75. L'Eucaristia dimostra la sua efficacia dai frutti di vita nuova sulla terra, frutti di santificazione e divinizzazione, cioè di vita eterna. In tal senso l'Eucaristia si rivela come Sacramento di alta spiritualità.

Molte risposte registrano un positivo sviluppo della spiritualità eucaristica. Infatti, in molti luoghi si è verificata in questi ultimi tempi una ripresa dell'adorazione del Santissimo Sacramento. Al riguardo, si accenna ad una crescita della devozione eucaristica nelle chiese parrocchiali e rettorali, come dimostrano il tempo dedicato all'adorazione eucaristica e l'istituzione di cappelle speciali per tale finalità. Continua ad essere sempre molto sentita la processione del Corpus Domini ed essere promossa la Liturgia delle Ore dinanzi al Sacramento esposto. Non meno importante è in questo aspetto la devozione inculcata dai nuovi movimenti. Laddove esiste una reale formazione catechistica e liturgica, i fedeli percepiscono chiaramente la differenza tra la Messa e altre celebrazioni liturgiche o pratiche devozionali; partecipando piamente a tutte le iniziative eucaristiche proposte dai loro pastori. In genere, si può dire che da tutte queste pratiche riceve alimento la devozione, che si può percepire come la propria donazione, in spirito, anima e corpo, al Signore.

Tuttavia, ci sono risposte, che indicano alcuni aspetti meno incoraggianti: l'abbandono della prassi della benedizione eucaristica; la chiusura delle chiese, magari per timore di furti, durante gran parte della giornata, impedendo l'adorazione eucaristica privata dei fedeli; la collocazione del tabernacolo in luoghi di poco rilievo o appartati, non facili da trovare, per cui la maggioranza dei fedeli entrando in chiesa non si accorge della presenza del Santissimo Sacramento e desiste dalla preghiera; l'indebolimento della consuetudine della visita al Santissimo per la preghiera personale e la meditazione; la mancanza di una catechesi che insegni la distinzione tra la Santa Messa e le altre celebrazioni liturgiche o pratiche devozionali; una visione troppo individualistica della Messa che impedisce di apprezzare nella giusta misura la dimensione comunitaria del sacrificio eucaristico.

76. Sono diverse le risposte ai Lineamenta che auspicano una maggiore consapevolezza della dimensione ecclesiale dell'Eucaristia che superi ogni individualismo; un rinnovamento della spiritualità eucaristica che presenti il Sacramento come inizio della redenzione del mondo, integrando anche la devozione al Cristo risorto.

Si esprime la necessità di promuovere adeguatamente la conoscenza della vita dei santi e beati che sono stati modelli di spiritualità e vita eucaristica, facendosi eco del suggerimento contenuto nell'enciclica Ecclesia de Eucharistia.[102] Essi ci insegnano a incentrare la vita cristiana nel mistero dell'Eucaristia, ad adorare la presenza del Signore nel Santissimo Sacramento, a nutrirci del Pane di Vita che ci sorregge nel nostro pellegrinare verso la Patria celeste. Per tutti i santi l'Eucaristia è il centro e il fulcro della vita spirituale, ma sono anche numerosi i santi che hanno sviluppato una spiritualità prettamente eucaristica: da Sant'Ignazio d'Antiochia a San Tarcisio, da San Giovanni Crisostomo a Sant'Agostino, da Sant'Antonio Abate a San Benedetto, da San Francesco d'Assisi a San Tommaso d'Aquino, da Santa Caterina da Siena a Santa Chiara d'Assisi, da San Pasquale Baylon a San Pier Giuliano Eymard, da Sant'Alfonso de Liguori al Venerabile Charles de Foucauld, da San Giovanni Maria Vianney al Beato Józef Bilczewski, dal Beato Ivan Mertz alla Beata Teresa di Calcutta, solo per citare alcuni esempi di un nutrito elenco.[103]

Maria, donna eucaristica

77. Tra tutti i santi splende la Santissima Vergine Maria come modello di santità e di spiritualità eucaristica. Secondo la viva tradizione ecclesiale il suo nome è ricordato con venerazione in tutti i canoni della Santa Messa e con particolare enfasi nelle Chiese orientali cattoliche. In varie risposte è suggerito di specificare meglio il ruolo della Beata Vergine Maria nella liturgia eucaristica.

Maria è talmente legata al mistero eucaristico che ha meritato di essere giustamente denominata "Donna eucaristica" nell'Enciclica Ecclesia de Eucharistia.[104] Nell'esistenza di Maria di Nazareth si esprime in modo sublime non solo l'esclusivo rapporto tra la Madre e il Figlio di Dio, che ha preso Corpo e Sangue dal suo corpo e dal suo sangue, ma anche l'intima relazione che unisce la Chiesa e l'Eucaristia, poiché la Santissima Vergine è modello e figura della Chiesa, la cui vita e missione hanno la fonte e il culmine nel Corpo e Sangue del Signore Gesù Cristo.

L'orientamento eucaristico di Maria deriva da un atteggiamento interno che segna tutta la sua vita, più che dalla partecipazione attiva al momento dell'istituzione del sacramento. La sua esistenza, che ha un profondo senso ecclesiale, assume anche questa nota eucaristica. Maria ha vissuto in spirito eucaristico ancor prima che questo sacramento fosse istituito, per il fatto di aver offerto il suo seno verginale per l'incarnazione del Verbo di Dio. Per nove mesi ella è stata il tabernacolo vivente di Dio. Poi ella compì un gesto eucaristico e nel contempo ecclesiale quando presentò Gesù Bambino ai pastori, ai Magi e al Sommo Sacerdote nel Tempio, in quanto offrì il Frutto benedetto del suo seno al Popolo di Dio e anche ai gentili perché lo adorassero e lo riconoscessero come il Messia. Analogo atto fu la sua presenza e la sua sollecita intercessione a Cana, nell'ora del primo segno che il Figlio operò offrendosi attraverso un miracolo. Simile gesto compì la Vergine Madre sotto la croce partecipando alle sofferenze del suo Figlio e accogliendo poi tra le sue braccia il corpo e deponendolo nella tomba come segreto seme di risurrezione e di vita nuova per la salvezza del mondo. Fu ancora un'offerta di natura eucaristica ed ecclesiale la sua presenza all'effusione dello Spirito Santo, primo dono del Signore risorto alla Chiesa nascente.

La Vergine Maria ebbe coscienza di aver concepito il Cristo per la salvezza di tutti gli uomini. Tale coscienza divenne più evidente nella sua partecipazione al mistero pasquale quando il suo Figlio con le parole "Donna, ecco il tuo Figlio" (Gv 19,26) le affidò tramite l'apostolo Giovanni tutti i fedeli. Come la Vergine Maria, anche la Chiesa rende presente il Signore Gesù attraverso la celebrazione dell'Eucaristia per donarlo a tutti perché abbiano la vita in abbondanza (cf Gv 10,10).

Capitolo II

EUCARISTIA E MISSIONE DI EVANGELIZZAZIONE

"Andate dunque e ammaestrate tutte le nazioni,
battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo,
insegnando loro ad osservare tutto ciò che vi ho comandato"
(Mt 28,19-20)

Atteggiamento eucaristico

78. L'invio missionario ad evangelizzare tutti i popoli, affidato da Gesù ai discepoli, fondato sul Battesimo, quale sacramento che apre la strada ad una nuova vita, segnata dal carattere indelebile di figli di Dio, comprende la formazione delle coscienze ad uno stile di vita evangelico incentrato nell'annuncio della Buona Notizia e nel comandamento nuovo dell'amore, di cui l'Eucaristia è il culmine e la fonte inesauribile.

Le risposte ai Lineamenta mettono in rilievo che dappertutto c'è un'attesa di rinnovato slancio di evangelizzazione perché il tempo lo richiede. Il numero di battesimi di adulti e di adesione alla Chiesa è in aumento. Ma ci sono ancora molti che devono conoscere Cristo e il suo Vangelo, così come ci sono anche tanti altri che, pur conoscendolo, hanno bisogno di crescere ancora nella fede che professano. A tutti loro è orientato oggi l'impegno della nuova evangelizzazione. Fu il Papa Giovanni Paolo II ad usare per la prima volta questa locuzione, spiegandone contemporaneamente il significato. Egli infatti, intendeva dire che l'evangelizzazione dovrebbe essere "nuova nel suo ardore, nuova nei suoi metodi, nuova nella sua espressione".[105] Così, mentre con questa definizione si alludeva ad una novità di gioiosa testimonianza nell'atteggiamento degli evangelizzatori, si affermava al contempo il perenne ed immutabile contenuto della Buona Novella che è Gesù Cristo, ripresentato in modo adeguato all'uomo contemporaneo. Questo nuovo impulso dell'evangelizzazione, che si può applicare pure al primo annuncio del Vangelo, si alimenta dell'Eucaristia, che nelle mutevoli vicende della storia resta perennemente fonte e culmine della vita e della missione della Chiesa.

L'Eucaristia ha sempre dato forza alle scelte e ai comportamenti etici e morali dei credenti trovando accoglienza nella filosofia, nell'arte, nella letteratura e perfino nelle istituzioni civili e nelle leggi, contribuendo a modellare il volto di un'intera civiltà nella vita personale, familiare, nella vita culturale, politica e sociale. L'Eucaristia muove i cristiani all'impegno in favore della giustizia nel mondo di oggi: "Per tale missione l'Eucaristia non fornisce solo la forza interiore, ma anche - in certo senso - il progetto. Essa infatti è un modo di essere, che da Gesù passa nel cristiano e, attraverso la sua testimonianza, mira ad irradiarsi nella società e nella cultura. Incarnare il progetto eucaristico nella vita quotidiana, là dove si lavora e si vive - in famiglia, a scuola, nella fabbrica, nelle più diverse condizioni di vita - significa, tra l'altro, testimoniare che la realtà umana non si giustifica senza il riferimento al Creatore: "La creatura senza il Creatore svanisce".[106] Tutto questo è definito "atteggiamento eucaristico" che deve spingere i cristiani a testimoniare con più forza la presenza di Dio nel mondo, a non avere paura di parlare di Dio e di portare a fronte alta i segni della fede, nella testimonianza e nel dialogo con tutti. E perciò, la "cultura dell'Eucaristia", da promuovere e diffondere, è la speciale consegna dell'Anno eucaristico.[107]

Implicazioni sociali dell'Eucaristia

79. Un effetto essenziale della Comunione eucaristica è la carità che deve penetrare la vita sociale. Il Concilio Vaticano II e il Papa Paolo VI hanno parlato della diversificata presenza di Cristo:[108] bisogna aiutare i cristiani a cogliere che cosa significhi per la fede la connessione tra Cristo nell'Eucaristia e Cristo presente nei loro fratelli e sorelle, specialmente nei poveri e negli emarginati della società.

L'amore per i poveri e gli emarginati non è stato solo oggetto di predicazione per Gesù, ma ha dato senso a tutta la sua vita. La soluzione dei problemi grandi e piccoli dell'umanità è l'amore non debole e retorico, ma quello che Cristo nell'Eucaristia ci insegna, amore che si dà, si diffonde, si sacrifica. Bisogna pregare che Cristo vinca le nostre resistenze umane e faccia di ciascuno di noi un testimone credibile del suo amore.

Il tema del 48° Congresso eucaristico internazionale L'Eucaristia, luce e vita del nuovo millennio, ha voluto affermare che Cristo, essendo la luce del mondo, deve illuminarlo nel nuovo Millennio con la forza di una vita rinnovata secondo la logica del Vangelo. Nel mondo odierno globalizzato, come si dice, poco solidale e condizionato dalla tecnologia sempre più sofisticata, marcato dal terrorismo internazionale ed altre forme di violenza e di sfruttamento, l'Eucaristia mantiene il suo messaggio attuale, necessario per costruire una società ove prevalgano la comunione, la solidarietà, la libertà, il rispetto per le persone, la speranza e la fiducia in Dio.

Eucaristia e inculturazione

80. La fede diventa cultura e fa cultura. Tutti conosciamo il ricco tesoro di cultura sedimentatosi nei secoli nella liturgia d'oriente e d'occidente: i testi delle orazioni, la ricchezza dei riti, le opere dell'architettura, delle arti plastiche e della musica sacra. Tutto questo mostra come la religione si colleghi alla cultura, complesso di ciò che di buono e di significativo l'umanità crea. La cultura fornisce alla fede gli strumenti idonei per esprimere la verità rivelata da Dio e proclamata nella liturgia

L'inculturazione è il processo che dall'inizio ha accompagnato la Chiesa. Vi sono numerosi ed eccellenti esempi d'inculturazione. Lo testimoniano, per esempio, le Chiese Orientali Cattoliche. Al riguardo, merita di essere menzionata l'opera dei Santi Cirillo e Metodio, Apostoli dei popoli slavi.[109] Il processo dell'inculturazione rimane vivo anche nelle attuali comunità ecclesiali. Per poterlo mettere in pratica in modo adeguato, occorre tener presenti la natura puramente gratuita dell'atto redentivo di Dio e la sua adeguata comprensione e accoglienza da parte dell'uomo, nella sua piena responsabilità e nella sua realtà ad un tempo personale e comunitaria, riflesse nella sua vita e cultura.

I principi generali dell'inculturazione sono chiaramente espressi nel decreto conciliare Ad gentes,[110] nell'Istruzione Varietates legitimæ sulla liturgia romana e l'inculturazione,[111] e in numerosi altri interventi del Magistero in merito.[112] Il tema dell'inculturazione è stato trattato anche nelle diverse Assemblee Speciali continentali e nelle relative Esortazioni Apostoliche post-sinodali.[113]

Tuttavia, le difficoltà non mancano quando si cerca di attuare tali principi. I rischi sono principalmente due, quello di cadere nell'arcaismo oppure quello di una ricerca della modernità a tutti i costi. Ciò che è necessario non dimenticare mai è il fine della missione della Chiesa: l'evangelizzazione di tutti gli uomini nel cuore delle loro culture. L'inculturazione, quindi, non è un semplice adattamento, ma il risultato vivo dell'incontro vissuto tra la cultura di un certo ambiente e la cultura generata dal Vangelo. Per questo motivo, prima di decidere l'incorporazione di certi elementi di una cultura locale nella liturgia, è opportuno che il Vangelo sia annunciato e che sia realizzato un grande sforzo di educazione nella fede, cioè di catechesi e formazione a tutti i livelli, per far nascere una nuova cultura evangelizzata. È allora che le Conferenze Episcopali ed altri organi competenti dovranno giudicare se l'introduzione nella liturgia di elementi improntati ai costumi dei popoli, pur essendo parte viva della loro cultura, possano arricchire l'azione liturgica senza provocare sfavorevoli ripercussioni per la fede e la pietà dei fedeli.

81. Dalle risposte ai Lineamenta si ricava che nelle diverse parti del mondo occidentale l'inculturazione ordinariamente riguarda i gruppi di immigrati e le parrocchie etniche e gli sforzi che si fanno in questo campo non sono pochi. In altre regioni geografiche la questione sta diventando pastoralmente prioritaria.

Ad ogni modo, sul tema dell'inculturazione liturgica occorre rispettare le norme dei documenti ufficiali della Chiesa che offrono opportuni criteri pastorali, tenendo sempre presente che è necessaria una grande fedeltà allo Spirito Santo per "conservare immutato il deposito della fede, per quanto varie siano le preghiere e i riti".[114] Proprio per questo bisogna mantenere un grande equilibrio tra la tradizione che esprime una fede immutata nell'Eucaristia e l'adattamento alle nuove condizioni.

Alcune risposte accennano a certi problemi derivati dai tentativi d'inculturazione liturgica, che pur essendo stati fatti in buona fede, possono proiettare delle ombre sull'Eucaristia. A tale riguardo, va segnalato che non sempre gli elementi locali, come canti, gesti, danze, abiti, vengono adeguatamente sottomessi ad una purificazione per poi incorporare alla celebrazione liturgica solo quello che conviene al culto eucaristico. Non sono mancati casi di adattamenti liturgici promossi in buona fede senza un'adeguata conoscenza della cultura locale, provocando scandalo per i fedeli. Essi restano perplessi nel veder attribuiti all'Eucaristia significati impropri, tipici di alcuni loro riti.

Da altre risposte ai Lineamenta, invece, emergono aspetti positivi in materia di inculturazione, soprattutto nel campo della musica sacra. Ad ogni modo, si raccomanda che l'inculturazione si compia sotto la responsabilità dell'ordinario diocesano, con la supervisione della Conferenza episcopale e la recognitio della Santa Sede. Allo stesso tempo si richiede l'applicazione fedele delle norme comuni nel campo dell'inculturazione e dell'innovazione, onde evitare che nel nome dell'inculturazione siano fatti cambiamenti sconvenienti.

Si auspica che venga conservato l'uso del latino, soprattutto nelle celebrazioni di natura internazionale, per esprimere l'unità e universalità della Chiesa in rapporto al rito della Chiesa madre di Roma. A questo riguardo, sarebbe auspicabile che i cristiani di tutti i paesi sapessero pregare e cantare in latino alcuni testi fondamentali della liturgia, come il Gloria, il Credo, il Padre Nostro.

Eucaristia e pace

82. Prima di distribuire la Santa Comunione, il vescovo o il presbitero prega il Signore Gesù Cristo risorto, il quale ha detto ai suoi discepoli "vi lascio la pace, vi do la mia pace" (Gv 14,27). Il celebrante supplica il Signore Gesù di concedere alla Chiesa unità e pace secondo la sua volontà.[115]

L'Eucaristia è il sacramento della pace, portata a compimento in seguito alla riconciliazione con Dio e con il prossimo nel sacramento della Penitenza. Essa rende attuale la grazia che il Signore risorto ha espresso con le parole "pace a voi" (Gv 20,19). Il sacramento dell'Eucaristia, inoltre, offre ai credenti la grazia per mettere in pratica lo spirito delle Beatitudini e, in particolare, la proclamazione di Gesù Cristo: "beati gli operatori di pace" (Mt 5,9). Con il sacrificio della croce Egli ha raggiunto la vittoria sul peccato, sulla morte, su ogni divisione e odio. Risorto, Egli elargisce la sua pace ai vicini e ai lontani (cf. Ef 2,17).

La pace dei cuori, delle famiglie, delle comunità, della Chiesa è il dono del Signore risorto, presente nel sacramento dell'Eucaristia. Chi si accosta a tale sacramento deve possedere già in sé la pace di Dio, che è impedita dal peccato. Mentre l'atto penitenziale all'inizio della Santa Messa purifica dai peccati veniali, per i peccati mortali è necessaria l'assoluzione sacramentale. L'Eucaristia rafforza di per sé tale dono della pace e offre a tutti quelli che la ricevono la grazia di diventare essi stessi operatori di pace nei loro luoghi di vita e di attività.

83. I fedeli devono riscoprire l'Eucaristia come forza di riconciliazione e di pace con Dio e tra i fratelli. Nel mondo attuale in cui non mancano motivi di divisione e di diversificazione, anche legittima, è opportuno che i cristiani radunati intorno alla mensa del Signore riscoprano le loro comuni radici, che si trovano in Lui. Nella preghiera, nella riflessione e nell' adorazione, aiutati dalla Parola di Dio e dall'omelia del celebrante, i fedeli saranno confortati nella loro fede, nella carità e nella speranza, affinché possano impegnarsi sempre di più e meglio nell'esigente dovere di edificare un mondo migliore, più giusto e pacifico. Essi rispetteranno le diverse opzioni politiche e sociali, purché non siano in contraddizione con le norme fondamentali del Vangelo, che hanno ispirato la Dottrina sociale della Chiesa.

Non sempre, però, viene percepita tale dimensione dell'Eucaristia, con la conseguenza che diventano motivo di contraddizione e di scandalo gli atteggiamenti prolungati di conflitto tra le persone e le comunità. Rappacificata nei suoi fedeli, la Chiesa celebra e adora l'Eucaristia come sacramento di pietà, segno di unità, vincolo di carità.[116]

84. Affidandosi all'inesauribile sorgente di grazia, che è l'Eucaristia, la Chiesa promuove la causa della pace nel mondo sconvolto da conflitti, violenze, terrorismo, guerre che feriscono la dignità degli uomini e dei popoli e ostacolano ogni loro sviluppo. La Chiesa Cattolica non si stanca nel proclamare il Vangelo della pace (cf. Ef 6, 15) e nel promuovere varie iniziative, allo scopo di far cessare ogni guerra e di incoraggiare tramite il dialogo e la collaborazione l'edificazione della pace nel mondo.

L'Eucaristia, memoriale del sacrificio di Gesù Cristo che è "la nostra pace, colui che ha fatto dei due un popolo solo, abbattendo il muro di separazione che era frammezzo, cioè l'inimicizia" (Ef 2, 14), orienta la Chiesa in tale urgente e difficile missione, aprendola alla collaborazione con gli uomini di buona volontà. L'Eucaristia, sacramento dei riconciliati con Dio e con i fratelli (cf. Col 1, 22), diventa pure incitamento all'esercizio del "ministero della riconciliazione" (2 Cor 5, 18). Sapendo dalla Parola di Dio che tutti hanno peccato (cfr. Rm 3,23) e che, pertanto, tutti hanno bisogno del perdono, la Chiesa propone agli uomini di uscire dal circolo vizioso della violenza e dell'odio trovando la forza di chiedere perdono e di perdonare.

A nome della Chiesa, il Santo Padre e la Santa Sede sono presenti attivamente nei fori internazionali, sostenendo ardentemente la causa della pace, promovendo il dialogo e la collaborazione nel rispetto del diritto internazionale e, tra l'altro, adoperandosi per la riduzione degli armamenti e per il bando delle armi di distruzione di massa. In tale opera di preghiera, di persuasione e di educazione, importante ruolo hanno i messaggi del Papa in occasione della Giornale mondiale della pace.

Cosciente che la vera pace può solamente venire dall'alto (cf. Gc 1,17; Lc 2,14), la Chiesa continua ad implorare tale grande dono, operando affinché esso possa diffondersi il più possibile su questa terra, prima di brillare pienamente nell'eternità, in cui il Dio della vita assicura la pace, la benedizione, la luce e la gioia agli operatori di pace (cfr. Mt 5,9).

Eucaristia e unità

85. Nella preghiera eucaristica, la Chiesa supplica Dio Onnipotente di concederle pure il dono dell'unità. Tale dono concerne la natura stessa della Chiesa voluta da Gesù Cristo che, appunto, si definisce nei suoi attributi essenziali come una, santa, cattolica ed apostolica.

Il Signore Gesù, prima di accettare il sacrificio della croce, ha pregato per l'unità dei suoi discepoli: "Padre santo, custodisci nel tuo nome coloro che mi hai dato, perché siano una cosa sola, come noi" (Gv 17, 11). In tale "preghiera sacerdotale" sono presenti i cristiani di tutti i tempi. Difatti, Gesù Cristo ha pregato sia per l'unità degli apostoli, sia di coloro che per la loro parola avrebbero creduto in Lui (cfr. Gv 17, 20). L'unità dei discepoli del Signore Gesù Cristo proviene dalla natura stessa della Chiesa. L'unità è, inoltre, uno dei motivi della sua credibilità: "Come tu, Padre, sei in me e io in te, siano anch'essi in noi una cosa sola, perché il mondo creda che tu mi hai mandato" (Gv 17, 21).

Purtroppo, i peccati contro l'unità hanno accompagnato la vita terrestre della Chiesa. Oltre il figlio della perdizione (cf. Gv 17, 12), la comunità primitiva ha dovuto confrontarsi con falsi profeti (cf. 1 Gv 4,4) e con coloro che sono usciti dalla comunità perché, in realtà, non le appartenevano sinceramente (cf. 1 Gv 2, 19). San Paolo ha dovuto mettere in guardia "da coloro che provocano divisioni e ostacoli contro la dottrina" (Rm 16, 17). Egli stesso ha dovuto intervenire chiaramente nella comunità di Corinto, per sanarne le divisioni (cf. 1 Cor 1, 12), provocate da gente materiale, priva dello Spirito (cf. Gd 19).

Purtroppo, anche nella Chiesa attuale non manca lo scandalo delle divisioni a vari livelli. L'Eucaristia dovrebbe rappresentare per tutti un forte richiamo a custodire l'unità all'interno delle famiglie, delle comunità parrocchiali, dei movimenti ecclesiali, degli Ordini religiosi, delle Diocesi. L'Eucaristia, inoltre, offre la grazia per ristabilire l'unità dei cristiani, membri del Corpo di Cristo: "Poiché c'è un solo pane, noi, pur essendo molti, siamo un corpo solo: tutti infatti partecipiamo dell'unico pane" (1 Cor 10, 17).

La "preghiera sacerdotale" di Gesù Cristo si allarga a tutti coloro che credono in Lui (cf. Gv 17, 20). Purtroppo, lungo la storia, il cristianesimo ha conosciuto dolorose divisioni in varie Chiese e comunità ecclesiali. Di fronte a tale peccato, che è sorgente di scandalo per il mondo, bisogna pregare ed operare affinché sia ricomposta l'unica tunica senza cuciture di Gesù (cf. Gv 19,23-24) e sia mantenuta integra la rete dei pescatori di uomini (cf. Mt 4,19; Gv 21,11). Si tratta dell'opera di Dio alla cui realizzazione tutti i cristiani sono chiamati, secondo la propria vocazione e responsabilità. Tutti, però, hanno il dovere di pregare perché si compia la parola di Gesù Cristo: "E ho altre pecore che non sono di quest'ovile; anche queste io devo condurre; ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge e un solo pastore" (Gv 10, 16). A questa Parola del Signore segue la preghiera di tutta la Chiesa, che per bocca del suo Pastore Universale innalza la supplica: "Signore, ricordati di quanto hai promesso. Fa che siamo un solo pastore ed un solo gregge! Non permettere che la tua rete si strappi ed aiutaci ad essere servitori dell'unità!".[117]

Eucaristia ed ecumenismo

86. L'ecumenismo è certamente un dono dello Spirito Santo ed una via inevitabile per la Chiesa. Dopo il Concilio ecumenico Vaticano II e il decreto sull'ecumenismo "Unitatis redintegratio", è stato fatto un lungo e fruttuoso cammino nei rapporti con le Chiese e comunità ecclesiali, fomentando i vincoli di unità che, a vari livelli, già esistono, nella ricerca della piena unione, in vista della comune celebrazione dell'Eucaristia. In tale urgente e irrinunciabile opera, particolari rapporti esistono con quelle Chiese Orientali alle quali, pur in assenza di una piena comunione, la Chiesa cattolica riconosce la validità del sacramento dell'Eucaristia. Dunque, a certe condizioni, è permessa la comunione dei cattolici nelle menzionate Chiese, così come si accolgono i membri di esse all'Altare del Signore nella Chiesa Cattolica, quando loro mancano di un sacerdote validamente ordinato.

Si sono sviluppate pure favorevolmente le relazioni con le comunità ecclesiali nate dalla Riforma. Al riguardo, l'esperienza di un delicato e promettente cammino è segnata in buona parte dal rapporto con il sacramento dell'Eucaristia, come opportunamente è indicato nella normativa canonica[118] e nel Direttorio sull'Ecumenismo.[119]

Nelle risposte ai Lineamenta viene sottolineato che la liturgia deve essere rispettata come manifestazione cultuale della Chiesa e non scambiata per una qualsiasi iniziativa sociale. Il Papa Giovanni Paolo II, sulla scia dell'insegnamento del Concilio Vaticano II, questo dichiarò nella prima enciclica: "Benché sia vero che l'Eucaristia fu sempre e deve essere tutt'ora la più profonda rivelazione e celebrazione della fratellanza umana dei discepoli e confessori di Cristo, non può essere trattata come un'occasione per manifestare questa fratellanza. Nel celebrare questo sacramento in cui Cristo è realmente presente, è ricevuto, l'anima è ricolma di grazia e a noi è dato il pegno della gloria futura, bisogna rispettare la piena dimensione del mistero divino".[120]Alla luce di questo insegnamento si comprende l'affermazione che l'Eucaristia presuppone la comunione ecclesiale.[121] Ora, dire che l'Eucaristia è segno dell'unità della Chiesa, suo Corpo, non va riferito alla natura del sacramento, ma al suo effetto proprio.[122]

Gli incontri ecumenici sono un'occasione privilegiata per far conoscere meglio la dottrina della Chiesa sull'Eucaristia e l'unità dei cristiani. Pur accettando con dolore le divisioni, che impediscono la comune partecipazione alla mensa del Signore, la Chiesa non smette di incoraggiare la preghiera perché ritornino i giorni della piena unità dei credenti in Cristo.[123] Tuttavia, in alcune risposte ai Lineamenta si accenna al fatto che in tali incontri qualche volta manca la chiarezza nell'esporre la dottrina sull'Eucaristia da parte dei cattolici. Inoltre, mentre in certi casi si esclude deliberatamente questo sacramento durante le rispettive celebrazioni, in altri lo si include e si invitano tutti, senza alcuna distinzione, a ricevere la Comunione. Ci si lamenta anche di certi problemi sorti nei luoghi dove alcune comunità ecclesiali nate dalla Riforma fanno proselitismo tra gli immigrati, specialmente di lingua spagnola, rivolgendo inviti nei quali il loro servizio religioso viene chiamato non di rado "Messa".

È comunque molto positivo lo spirito con il quale molti pastori, in adesione alla dottrina della Chiesa su questa materia, si sforzano con sollecitudine e carità per contribuire alla desiderata unità ecclesiale, senza dimenticare che l'Eucaristia rappresenta la meta ultima dell'impegno ecumenico, rivolto alla ricerca dell'unità della fede. In quanto meta dell'unità, è ben chiaro che la celebrazione non può essere lo strumento dell'unificazione. Finché non sia raggiunta l'unità della fede essa non può essere anticipata. Soltanto alla luce dell'unità, che l'Eucaristia presuppone e conferma, si può comprendere il senso della "intercomunione".

Eucaristia e intercomunione

87. La divisione tra i cristiani è motivo di grande sofferenza. Lavorare per ristabilire la comunione con i fratelli separati, che non hanno la medesima comprensione di fede nella presenza di Cristo nell'Eucaristia, è una urgenza imprescindibile. A questo riguardo esistono norme canoniche precise, nonché un chiaro insegnamento del Magistero della Chiesa, che stimola a continuare nella ricerca dell'unità, pur rendendo sempre espliciti i motivi che impediscono la piena comunione e regolano la comunicazione in sacris.[124] Molti cattolici conoscono e apprezzano tale disciplina, perché vedono in essa un cammino sicuro che porta a pregare per i fratelli separati in attesa dell'unione.

Eppure, come accennano alcune risposte ai Lineamenta, vi sono casi di malinteso egualitarismo, che hanno portato a qualche errore. Infatti, molti pretendono di comunicare in sacris senza una comunione più alta a livello dottrinale ed ecclesiale. Tale attitudine sorprende in quanto sarebbe errato non appartenere alla comunità ecclesiale e voler ricevere la comunione eucaristica, che invece è segno dell'appartenenza; non accettare i Pastori e la dottrina e voler prendere parte ai sacramenti da essi celebrati. Questo modo di pensare deriva forse da una mancanza di chiarezza circa la differenza che c'è tra l'unità della Chiesa e l'unità del genere umano: la prima è segno e strumento della seconda, che deve essere ancora raggiunta.

Inoltre, nelle risposte si osserva che in alcuni casi chi presiede la celebrazione Eucaristica in una chiesa cattolica, quando vi partecipano persone non cattoliche, a volte le invita ad avvicinarsi all'altare per ricevere una benedizione e non la Comunione. È un modo simile alla distribuzione dell'antidoron nel rito bizantino. In queste occasioni la dottrina cattolica circa la Comunione viene presentata senza compromessi ed osservata. Inoltre, in varie Nazioni gli incontri ecumenici si svolgono nel contesto di celebrazioni della Parola, evitando ogni malinteso circa il sacramento dell'Eucaristia. Comunque, se i non cattolici o non cristiani dovessero partecipare alla Santa Messa, sarebbe assai utile fornirli di un libretto con spiegazioni essenziali della celebrazione, affinché possano seguirne lo svolgimento.

Infine, molte risposte ai Lineamenta esprimono la sicura consapevolezza che una fedele osservanza degli orientamenti della Chiesa in materia di intercomunione eucaristica è una vera espressione di amore a Gesù Cristo nel Santissimo Sacramento e ai fratelli di altre confessioni cristiane, nonché un'autentica testimonianza della verità.[125] Mentre sembra abbastanza ampio il consenso sul fatto che l'unità nella professione della fede precede la comunione della celebrazione eucaristica, rimane ancora da precisare il modo in cui debba essere presentato il mistero Eucaristico nel contesto del dialogo ecumenico, onde evitare due rischi opposti: le chiusure pregiudiziali e il relativismo. Trovare la giusta misura è condizione essenziale per mantenere una sana apertura e nello stesso tempo preservare la verità e la propria identità cattolica.

Ite missa est

88. Le parole con cui termina la celebrazione dell'Eucaristia, Ite missa est, richiamano il mandato missionario del Signore risorto ai discepoli prima della sua Ascensione al cielo: "Andate dunque e ammaestrate tutte le nazioni" (Mt 28, 19). Infatti, la conclusione di ogni Santa Messa si ricollega immediatamente con l'invio alla missione. In essa sono coinvolti tutti i battezzati, ognuno secondo la propria vocazione all'interno del Popolo di Dio: i Vescovi, i sacerdoti, i diaconi, i membri della vita consacrata e dei movimenti ecclesiali, i laici. Nel compimento di questa missione è essenziale la testimonianza, primo dovere di ogni cristiano inviato nel mondo. Infatti, "non c'è testimonianza senza testimoni, come non c'è missione senza missionari".[126] Tale caratteristica dell'attività missionaria scaturisce dalle stesse parole di Gesù: "da questo tutti sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri"(Gv 13,35). La missione è esigente e impegnativa per le capacità umane. Perciò, da dove prendere la forza se non dall'Eucaristia, inesauribile sorgente della missione, vera fonte di comunione e solidarietà, di riconciliazione e di pace?

L'opera dell'evangelizzazione ha come ultimo scopo l'incontro personale di ogni essere umano con Gesù Cristo, vivo e presente nel Sacramento del suo Corpo e del suo Sangue, che la Chiesa offre come Pane per la vita del mondo. Anche questa finalità eucaristica della missione ha il suo fondamento nell'insegnamento di Gesù Cristo, che rivolge l'invito alla sua mensa a tutti gli uomini di buona volontà, senza distinzioni e pregiudizi (cf. Mt 22,1-13; Lc 14,16-24) e offre il suo sacrificio per la salvezza di tutti (cf. Mt 26,26-29; Lc 22,15-20; Mc 14,22-25; 1 Cor 11,23-25). L'Eucaristia, quindi, è il culmine al quale tende naturalmente tutta l'attività missionaria della Chiesa, anche quella specificamente ad gentes. Difatti, quale senso potrebbe avere annunciare il Vangelo se non per portare ognuno alla comunione con Cristo e con i fratelli, della quale la Santa Messa, anticipo del Banchetto eterno, è l'espressione liturgico sacramentale più alta?

L'Eucaristia è, dunque, il cuore pulsante della missione, è la sua autentica fonte e il suo unico fine. La legittima richiesta, rilevata in molte risposte ai Lineamenta, di promuovere con rinnovato spirito lo slancio missionario insito nella natura della celebrazione eucaristica nasce da uno sguardo apostolico e zelante verso questo mondo all'inizio del terzo millennio, bisognoso più che mai di pace, di amore e di comunione fraterna, che solamente Gesù Cristo può offrire.

89. Pertanto, i cristiani devono affermare la dimensione missionaria dell'Eucaristia. Per essi diventa spontaneo annunciare agli uomini e al mondo le meraviglie di Dio incarnato e presente sotto le specie del pane e del vino, che per mezzo della comunione entra nella loro vita per trasformarla. Ciò vale per i cristiani che vivono in un mondo secolarizzato, dove i lontani in maggioranza sono in continuo travaglio spirituale alla ricerca di Dio, che pur sempre rimane a loro vicino. Tale zelo accompagna i missionari che, spinti dall'amore di Dio, propongono il primo annuncio della Buona Notizia alle persone che tuttora non conoscono il Vangelo di Gesù Cristo o non lo conoscono in modo adeguato e pieno.

Il dialogo e il rispetto dovuto ai valori presenti nelle realtà che incontrano non possono impedire ai cristiani di fare la proposta missionaria agli uomini di buona volontà in obbedienza al comandamento del Signore: "Andate in tutto il mondo e predicate il Vangelo ad ogni creatura" (Mc 16,15).

Si tratta di un compito, al contempo esaltante e difficile, che richiede dedicazione piena, anche fino al martirio. In tale opera essenziale per la Chiesa i discepoli del Signore sono sostenuti dall'Eucaristia, la cui celebrazione in ogni parte del mondo conferma la promessa: "Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo" (Mt, 28,20).

CONCLUSIONE

90. Con la celebrazione dell'XI Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi si conclude l'Anno dell'Eucaristia, durante il quale tutta la Chiesa è stata chiamata a volgere lo sguardo al grande Mistero, che nasconde la ragione più profonda del suo essere e del suo vivere. Infatti, "la Chiesa vive dell'Eucaristia",[127] in essa "si racchiude tutto il mistero della nostra salvezza".[128] "Grazie all'Eucaristia la Chiesa rinasce sempre di nuovo!".[129] Non poteva, quindi concludersi l'anno eucaristico senza un'incontro collegiale del Successore di Pietro con i Vescovi, del Capo con i membri dell'Ordine episcopale, per celebrare il grande dono dell'Eucaristia, per nutrirsi del Pane di Vita, per adorare la presenza del Signore nel Santissimo Sacramento e per riflettere sul prezioso tesoro che Cristo ha affidato alla sua Chiesa. Così sarà possibile portare avanti la missione dell'evangelizzazione con rinnovato ardore apostolico e con indicazioni pastorali concrete adatte alle attese della comunità cristiana e agli aneliti più profondi dell'uomo contemporaneo.

Nella Lettera Apostolica Mane nobiscum Domine il Papa esortava i Pastori ad impegnarsi perché l'Eucaristia sia celebrata con maggiore vitalità e fervore, ma soprattutto con "una maggiore interiorità".[130] L'amore al culto eucaristico passa attraverso una riscoperta della bellezza della celebrazione del sacrificio eucaristico nella preghiera di adorazione e di azione di grazie. Ma la devota accoglienza del Sacramento si apre alla speranza verso le realtà promesse, al di là degli orizzonti limitati della quotidianità, fortemente ridotti da una cultura sommersa dal materialismo e dal consumismo. L'Eucaristia diventa così forza di trasformazione delle culture perché essa è epifania di comunione, luogo di incontro del popolo di Dio con Gesù Cristo, morto e risorto, fonte di vita e di speranza. L'Eucaristia è germe di un mondo nuovo e vera scuola di dialogo, di riconciliazione, d'amore, di solidarietà e di pace.

91. Le ombre nella celebrazione dell'Eucaristia, alle quali si è voluto accennare per presentare realisticamente i dati pervenuti attraverso le risposte ai Lineamenta, svaniranno nella misura in cui la discussione sinodale, e dunque ecclesiale, riscoprirà ancora una volta la bellezza e la grandezza del dono del Mistero eucaristico, senza distogliere mai l'attenzione dalla finalità principale del Sinodo: indagare a fondo attraverso l'esperienza della collegialità episcopale quali siano le vie che lo Spirito Santo suscita nella Chiesa oggi perché l'Eucaristia sia davvero fonte e culmine della sua vita e della sua missione, cioè della nuova evangelizzazione di cui il mondo ha urgente bisogno.

Infatti, tutta la vita della Chiesa trova nel Mistero eucaristico, sacrificio, memoriale, convito, la sua sorgente inesauribile di grazia per celebrare la ripresentazione sacramentale della passione, morte e risurrezione di Cristo, per vivere l'esperienza dell'incontro personale con il Signore, per costruire la comunione ecclesiale sul solido fondamento dell'amore e per pregustare la gloria futura delle nozze dell'Agnello. Nella vita della Chiesa tutto culmina nel Mistero eucaristico, meta finale di tutte le attività: dalla catechesi alla recezione degli altri sacramenti, dalla devozione popolare alla celebrazione della divina liturgia, dalla meditazione della Parola di Dio alla preghiera personale e comunitaria. L'Eucaristia è il cuore della comunione ecclesiale.

Se la Chiesa è in Cristo come un sacramento, ovverosia un segno e uno strumento dell'intima unione con Dio e dell'unità di tutto il genere umano,[131] allora l'Eucaristia, presenza viva del Signore, diventa anche la fonte della missione universale della Chiesa. Da essa ricevono la grazia i Vescovi, i sacerdoti e i diaconi per annunciare con sollecitudine pastorale il Vangelo nel mondo di oggi; da essa prendono coraggio i missionari per portare il lieto annuncio del Regno fino ai confini della terra; da essa attingono forza i membri della vita consacrata per vivere l'ideale della vita cristiana in povertà, obbedienza e castità; da essa ricevono luce e vigore i laici per trasformare le realtà temporali secondo il comandamento nuovo dell'amore di Dio e del prossimo; da essa scaturisce l'audacia nei cristiani perseguitati per essere testimoni di Cristo nel mondo. La missione di evangelizzazione della Chiesa ha come ultimo scopo che tutti gli uomini si incontrino già qui su questa terra con Cristo, presente nel Mistero eucaristico, in vista dell'incontro definitivo nel convito eterno. Pertanto l'Eucaristia diventa anche il punto culminante di ogni progetto pastorale, di ogni attività missionaria e il nucleo dell'evangelizzazione e della promozione umana. Infatti, coloro che comunicano al Pane della vita e ne annunciano il mistero al mondo, devono pure difendere la vita in ogni sua manifestazione, adoperandosi anche per un rispetto dovuto alla creazione. I fedeli che mangiano il Pane disceso dal cielo sentono l'obbligo di contribuire a costruire un mondo più giusto in cui sia fatta la volontà di Dio e ad ogni persona sia assicurato il "pane nostro quotidiano".

Nelle riflessioni i Padri sinodali conteranno sulla preghiera di tutta la Chiesa ma anche sull'intercessione dei santi, qualificati interpreti della vera pietà e teologia eucaristiche, che ci incoraggiano e ci sostengono nel nostro pellegrinare tra le gioie e i dolori del mondo presente.

Tra questi risplende la Madre di Dio, che, da quando ha dato la sua carne immacolata al Figlio di Dio: Ave, verum corpus, natum de Maria Virgine, ha sigillato per sempre un rapporto esclusivo con il Mistero eucaristico. In Maria, la donna eucaristica per eccellenza, la Chiesa contempla non solo il suo modello più perfetto, ma anche la realizzazione anticipata del "cielo nuovo" e della "terra nuova", che tutta la creazione attende con fervente anelito. Invocando con fiducia e devozione la sua protezione, la Chiesa troverà nuovo slancio perché l'Eucaristia sia la fonte e il culmine di tutta la sua vita e della sua missione per la gloria di Dio e per la salvezza degli uomini e del mondo.[132]


[1] Cf. XLVIII Conventus Eucharisticus Internationalis, 10-17 Octobris 2004: Eucharistia, Lux et Vita Novi Millennii, Memoria, Guadalaiara, Mexicum, 2004.

[2] Cf. Ioannes Paulus ii, Litt. Ap. Mane nobiscum Domine (7 Octobris 2004), 28: L'Osservatore Romano (9 Octobris 2004), 6.

[3] Cf. L'Osservatore Romano (31 Ianuarii - 1 Februarii 2005), 6.

[4] Cf. Annuarium Statisticum Ecclesiae 2003, tab. 4.

[5] Cf. Annuarium Statisticum Ecclesiae 1978/2003, tab. 1.

[6] Cf. Ibid, tab. 5.

[7] Cf. Annuarium Statisticum Ecclesiae 2003, tab. 6.

[8] Cf. Ibid, tab. 5.

[9] Notitiæ a F.A.O. datæ mense Ianuario 2005.

[10] Cf. Ioannes Paulus ii, Litt. Enc. Redemptoris Missio (7 Decembris 1990), 11: AAS 83 (1991) 260.

[11] Ibidem, 36: AAS 83 (1991) 281.

[12] Cf. Ioannes Paulus ii, Litt. Ap. Novo millennio ineunte (6 Ianuarii 2001), 2: AAS 93 (2001) 267.

[13] Cf. S. Iustinus, Apologia I, 66, de Eucharistia: Corpus Apologetarum Christianorum I, pars I, Wiesbaden 1969, pp. 180-182.

[14] Cf. Ioannes Paulus ii, Litt. Enc. Fides et Ratio (14 Novembris 1998), 81: AAS 91 (1999) 68-69.

[15] Missale Romanum, Oratio Post Communionem, I Dominica Adventus.

[16] Cf. Conc. Œcum. Vat. ii , Const. Dogm. de Ecclesia Lumen gentium, 4, 8, 13-15, 18, 21, 24-25; Const. Dogm. de Divina Revelatione Dei Verbum, 10; Const. Past. De Ecclesia in Mundo Huius Temporis Gaudium et spes, 32; Decr. de Œcumenismo Unitatis Redintegratio, 2-4, 14-15, 17-19, 22.

[17] Cf. II Coetus Extraordinarius Synodi Episcoporum (1985), Relatio Finalis II, C, 1.

[18] Cf. Congregatio pro Doctrina Fidei, Litt. ad Catholicae Ecclesiae episcopos de aliquibus aspectibus Ecclesiae prout est communio Communionis Notio (28 Maii 1992): AAS 85 (1993) 838-850.

[19] Ioannes Paulus ii, Adhort. Ap. Post-syn. Pastores Gregis (16 Octobris 2003), 57: AAS 96 (2004) 900-901.

[20] Cf. Ioannes Paulus ii, Litt. Enc. Ecclesia de Eucharistia (17 Aprilis 2003), 26: AAS 95 (2003) 451.

[21] Ioannes Paulus ii, Litt. Ap. Mane nobiscum Domine (7 Octobris 2004), 20: L'Osservatore Romano (9 Octobris 2004), 6.

[22] Ioannes Paulus ii, Litt. Enc. Ecclesia de Eucharistia (17 Aprilis 2003), 21: AAS 95 (2003) 447.

[23] Cf. Ibid., 26: AAS 95 (2003) 451.

[24] Ibid., 35: AAS 95 (2003) 457.

[25] Conc. Œcum. Vat. ii, Const. de Sacra Liturgia Sacrosanctum Concilium, 9.

[26] Ioannes Paulus ii, Litt. Enc. Ecclesia de Eucharistia (17 Aprilis 2003), 32: AAS 95 (2003) 455.

[27] Cf. Congregatio pro Doctrina Fidei, Litt. ad Catholicae Ecclesiae episcopos de aliquibus aspectibus Ecclesiae prout est communio Communionis Notio (28 Maii 1992), 14: AAS 85 (1993) 846-847.

[28] Conc. Tridentin., Decr. de Sacramentis, Sessio VII (3 Martii 1547), can 6: DS (1973), 1606; cf. Can 8: DS (1973), 1608.

[29] Cf. Conc. Œcum. Vat. ii, Decr. de Presbyterorum ministerio et vita Presbyterorum Ordinis, 5.

[30] Pseudo-Dionysius Areopagita, De Ecclesiastica Hierarchia III,1: PG 3, 424 c.

[31] Cf. Ioannes Paulus ii, Alzatevi, andiamo!, Romæ 2004, 81.

[32] Ioannes Paulus ii, Angelus (6 Ianuarii 2005): L'Osservatore Romano, (7-8 Ianuarii 2005), 1.

[33] Cf. Sacra Congregatio de Disciplina Sacramentorum, Decr. Quam singulari (8 Augusti 1910), 3: AAS 2 (1910) 582.

[34] Congregatio de Cultu Divino et Disciplina Sacramentorum, Instr. Eucharisticum Mysterium (25 Maii 1967), 11: AAS 59 (1967) 548.

[35] Cf. Ibid., 43: AAS 59 (1967) 564.

[36] Cf. Ibid., 36: AAS 59 (1967) 561.

[37] Cf. Ioannes Paulus ii, Adhort. Ap. Post-syn., Reconciliatio et Pænitentia (2 Decembris 1984), 27: AAS 77 (1985) 249.

[38] S. Cæsarius Arelatensis, Sermo 229 De natale templi, 3: CCL 104, 907.

[39] Cf. Ioannes Paulus ii, Litt. Enc. Ecclesia de Eucharistia (17 Aprilis 2003), 36: AAS 95 (2003) 458.

[40] Cf. S. Ignatius Antiochenus, Ad Ephesios 20, 2: Patres Apostolici, F.X. Funk ed., Tübingen 1992, 88.

[41] Cf. Congregationis pro Ecclesiis Orientalibus, Instruction pour l'application des prescriptions liturgiques du Code des Canons des Églises Orientales (6 Ianuarii 1996), 62.

[42] Pseudo-Athanasius, De virginitate, 7: PG 28, 260 A.

[43] Cf. S. Basilius Cæsariensis, Epistola 2: PG 32, 228 A.

[44] Cf. Ioannes Paulus ii, Litt. Ap. Motu proprio datæ Misericordia Dei (7 Aprilis 2002), 2: AAS 94 (2002) 455.

[45] Cf. Conc. Œcum. Vat. ii, Const. Dogm. de Ecclesia Lumen gentium, 10-11; Const. de Sacra Liturgia Sacrosanctum Concilium, 10-11; Ioannes Paulus ii, Adhort. Ap. Post-syn. Christifideles laici (30 Dicembris 1988), 9 et 20: AAS 81 (1989) 405-406; 425-427.

[46] Cf. Conc. Œcum. Vat. ii, Const. de Sacra Liturgia Sacrosanctum Concilium, 20.

[47] Cf. Ioannes Paulus ii, Litt. Enc. Ecclesia de Eucharistia (17 Aprilis 2003), 10: AAS 95 (2003) 439.

[48] Cf. Congregatio de Cultu Divino et Disciplina Sacramentorum, Instr. Redemptionis Sacramentum (23 Aprilis 2004), 172-184: AAS 96 (2004) 597-600.

[49] Conc. Œcum. Vat. ii, Const. Past. de Ecclesia in Mundo Huius Temporis Gaudium et spes, 22.

[50] Ibid.

[51] Ibid.

[52] Cf. Ioannes Paulus ii, Litt. Enc. Redemptor hominis (4 Martii 1979), 8: AAS 71 (1979) 270-272.

[53] Catechismus Catholicæ Ecclesiæ, 1327.

[54] Cf. Ioannes Paulus ii, Litt. Enc. Ecclesia de Eucharistia (17 Aprilis 2003), 10: AAS 95 (2003) 439.

[55] S. Ioannes Chrysostomus, In Epistolam I ad Corinthios, Homilia IV, 4: PG 61, 36.

[56] Cf. Catechismus Catholicæ Ecclesiæ, 1328 et ss.

[57] Conc. Œcum. Vat. ii, Const. Dogm. de Ecclesia Lumen gentium, 28. Cf. Conc. Œcum. Vat. ii, Decr. de Presbyterorum Ministerio et Vita Presbyterorum ordinis, 5; Const. Dogm. de Ecclesia Lumen gentium, 3.

[58] Cf. Catechismus Catholicæ Ecclesiæ, 1356 et sq.

[59] Cf. Ioannes Paulus ii, Litt. Enc. Ecclesia de Eucharistia (17 Aprilis 2003), 12-13: AAS 95 (2003) 441-442.

[60] Ibid., 12: AAS 95 (2003) 441.

[61]Oratio Anima Christi.

[62] Cf. Ioannes Paulus ii, Litt. Enc. Ecclesia de Eucharistia (17 Aprilis 2003), 58: AAS 95 (2003) 472.

[63] Ioannes Paulus ii, Litt. Ap. Mane nobiscum Domine (7 Octobris 2004), 16: L'Osservatore Romano (9 Octobris 2004), 5.

[64] Cf. Conc. Œcum. Vat. ii, Const. de Sacra Liturgia Sacrosanctum Concilium, 26 et 47; Codex Iuris Canonici, can.899.

[65] Cf. Codex Iuris Canonici, can. 938.

[66]Missale Romanum, Prex Eucharistica II.

[67] Ibid., Præfatio communis IV.

[68] Cf. Conc. Œcum. Vat. ii, Const. Dogm. de Ecclesia Lumen gentium, 6; Ioannes Paulus ii, Adhort. Ap. Post-syn. Ecclesia in Africa, (14 Septembris 1995), 63: AAS 88 (1996), 39-40.

[69] Conc. Œcum. Vat. ii, Const. de Sacra Liturgia Sacrosanctum Concilium,104.

[70] Cf. Codex Iuris Canonici, can. 909; Congregatio de Cultu divino et Disciplina Sacramentorum, Instr. Inæstimabile donum, (3 Aprilis 1980), 17: AAS 72 (1980), 338.

[71] Cf. Ioannes Paulus ii, Epist. Apost. Mane nobiscum Domine, (7 Octobris 2004), 12: L'Osservatore Romano (9 Octobris 2004), 5.

[72] Cf. Conc. Œcum. Vat. ii, Const. Dogm. de Divina Revelatione Dei Verbum, 9.

[73] A.Hänggi-I.Pahl, Prex eucharistica. Textus e variis liturgiis antiquioribus selecti, Fribourg, 1968, p. 192.

[74] Missale Romanum, Prex Eucharistica II.

[75] Ibidem, Canon Romanus

[76] Institutio Generalis Missalis Romani, (20 Aprilis 2000), 80.

[77] Cf. Codex Iuris Canonici, can. 912.

[78] Cf. Institutio Generalis Missalis Romani, (20 Aprilis 2000), 82.

[79] Cf. Conc. Œcum. Tridentin., Sess.XIII, cap. 2: DS 1551.

[80] Missale Romanum, Prex Eucharistica II.

[81] Conc. Œcum. Vat. ii, Const. de Sacra Liturgia Sacrosanctum Concilium, 14.

[82] Cf. Codex Iuris Canonici, can. 899, ' 2; Codex Canonum Ecclesiarum Orientalium, can. 699, ' 1.

[83] Cf. Codex Iuris Canonici, can. 388, '1; 429; 534; 543, 'b2; 549; 901; Cf. Catechismus Catholicæ Ecclesiæ, 1369 et 1371.

[84] Cf. Congregatio pro Clericis et Aliae , Instr. Ecclesiæ de Mysterio, (15 Augusti 1997), 7: AAS 89 (1997), 869-870; Congregatio pro Cultu Divino et Disciplina Sacramentorum, Directorium de celebrationibus dominicalibus absente presbytero (2 Iunii 1988): L'Osservatore Romano, (30 Iunii - 1 Iulii 1988), 2-3.

[85] Cf. Congregatio pro Clericis et Aliæ, Instr. Ecclesiæ de Mysterio, (15 Augusti 1997), 8: AAS 89 (1997), 870-872; Codex Iuris Canonici, can. 767, ' 1; 910, ' 2 e 230, ' 2.

[86] Pontificale Romanum, De Ordinatione episcoporum, presbyterorum et diaconorum, Civitas Vaticana, 1992, 91.

[87] Cf. Congregatio de Cultu Divino et Disciplina Sacramentorum, Instr. Liturgiam authenticam, (28 Martii 2001), 108: AAS 93 (2001), 719.

[88] Cf. Ioannes Paulus ii, Chirografo per il centenario del Motu Proprio di Pio X Tra le sollecitudini (22 Novembris 2003), 12: AAS 96 (2004), 256-265.

[89] Cf. Conc. Œcum. Vat. ii, Const. de Sacra Liturgia Sacrosanctum Concilium, 120.

[90] Cf. Ibid., 54.

[91] Cf. Catechismus Catholicæ Ecclesiæ, 2559 - 2565.

[92] Cf. Pius xi, Litt. Enc. Miserentissimus Redemptor (8 Maii 1928): AAS 20 (1928), 169; Litt. Enc. Haurietis Aquas (15 Maii 1956): AAS 48 (1956), 350-352; Paulus vi, Litt. Enc. Mysterium Fidei (3 Septembris1965): AAS 57 (1965), 769-770; Sacra Congregatio Rituum, Instr. Eucharisticum Mysterium (25 Maii 1967), 58-67: AAS 59 (1967), 569-573.

[93] Cf. Romano Guardini,Lo spirito della liturgia. I santi segni, Morcelliana, Brescia, 1930, pp. 133 et ss.

[94] Cf. Catechismus Catholicæ Ecclesiæ, 1402-1405.

[95] Missale Romanum, Oratio post-communionem, XXX Dominica per annum.

[96] Ibid., Preces Eucharisticae III e IV.

[97] Ioannes Paulus II, Litt. Enc. Ecclesia de Eucharistia (17 Aprilis 2003), 20: AAS 95 (2003) 446.

[98] Ioannes Paulus II, Epist. Ap. Dies Domini (31 Maii 1998), 72: AAS 90 (1998) 757-758.

[99] Cf. Ioannes Paulus II, Epist. Ap. Salvifici Doloris (11 Februarii 1984), 25-27: AAS 76 (1984) 235-242.

[100] Cf. Ioannes Paulus II, Adhort. Ap. Familiaris consortio (22 Novembris 1981), 79-85: AAS 74 (1982) 180-187.

[101] Ioannes Paulus II, Litt. Ap. Mane nobiscum Domine (7 Octobris 2004) 4: L'Osservatore Romano (9 Octobris 2004), 5.

[102] Cf. Ioannes Paulus II, Litt. Enc. Ecclesia de Eucharistia (17 Aprilis 2003), 25 et 62 : AAS 95 (2003) 449-450; 474-475.

[103] Relatio inter Eucharistiam, sanctitatem et sanctificationem argumentum fuit Symposii cuiusdam, a Congregatione de Causis Sanctorum promoti, cuius inter labores in lucem perductæ sunt divitiæ illius thesauri eucharisticæ spiritualitatis, quæ in vita sanctorum præsens adest. Ad rem cf. Eucaristia: Santità e Santificazione, Atti del simposio celebrato dal 6 al 7 dicembre 1999, in Vaticano, Libreria Editrice Vaticana, 2000.

[104] Cf. Ioannes Paulus II, Litt. Enc. Ecclesia de Eucaristia (17 Aprilis 2003), 53: AAS 95 (2003) 469.

[105] Ioannes Paulus II, Alloc. In Portu Principis, ad episcopos Consilii episcopalis Latino-Americani sodales (9 Martii 1983), III: AAS 75 (1983) 777-779.

[106] Ioannes Paulus II, Litt. Ap. Mane nobiscum Domine (7 Octobris 2004) 25-26: L'Osservatore Romano (9 Octobris 2004), 6; cf. Conc.Œcum. Vat. ii, Const. Past. De Ecclesia in Mundo Huius Temporis Gaudium et spes, 36.

[107] Cf. Ibid., 26.

[108] Cf. Conc.Œcum. Vat. ii, Const. de Sacra Liturgia Sacrosanctum Concilium, 7; Paulus VI, Litt. Enc. Mysterium fidei (3 Septembris 1965), 35-39: AAS 57 (1965) 762-764; Institutio Generalis Missalis Romani (20 Aprilis 2000), 27.

[109] Cf. Ioannes Paulus II, Litt. Enc. Slavorum Apostoli (2 Iunii 1985), 21 et 26: AAS 77 (1985), 802-803; 806-807.

[110] Cf. Conc.Œcum. Vat. ii, Decr. de activitate missionali Ecclesiæ Ad Gentes, 22.

[111] Cf. Congregatio de Cultu Divino et Disciplina Sacramentorum, Instr. Varietates legitimæ (25 Ianuarii 1994): AAS 87 (1995) 288-314.

[112] Cf. Diligenter collecta Acta Magisterii circa argumentum hoc praebuit Pontificium Consilium de Cultura. Ad rem cf. Per una Pastorale della Cultura (23 Maii 1999): L'Osservatore Romano (2 Iunii 1999), Suppl.

[113] Cf. Ioannes Paulus II, Adhort. Ap. Post-syn. Ecclesia in Africa (14 Septembris 1995), III, nn. 55-71: AAS 88 (1996) 34-47; Adhort. Ap. Post-syn. Ecclesia in America (22 Ianuarii 1999), 70: AAS 91 (1999) 805-806; Adhort. Ap. Post-syn. Ecclesia in Asia (6 Novembris 1999), 21-22: AAS 92 (2000) 482-487; Adhort. Ap. Post-syn. Ecclesia in Oceania (22 Novembris 2001), 16: AAS 94 (2002) 382-384; Adhort. Ap. Post-syn. Ecclesia in Europa (28 Iunii 2003), 58-60: AAS 95 (2003) 685-686.

[114] Institutio Generalis Missalis Romani (20 Aprilis 2000), 9.

[115] Cf. Missale Romanum, Oratio "Domine Iesu Christe".

[116] Cf. S. Augustinus, In Ioannis Evangelium tractatus, XXVI, cap. VI, n. 13: PL 35, 1613.

[117] Benedictus XVI, Homilia (24 Aprilis 2005): L'Osservatore Romano (25 Aprilis 2005), 5.

[118] Cf. Codex Iuris Canonici, can. 844, ' 4; Codex Canonum Ecclesiarum Orientalium, can 671, ' 4.

[119] Cf. Pontificium Consilium ad Unitatem Christianorum fovendam, Directorium Œcumenicum noviter compositum, Directoire pour l'application des Principes et des Normes sur l'Œcumenisme (25 Martii 1993), 129-131: AAS 85 (1993) 1088-1089.

[120] Ioannes Paulus II, Litt. Enc. Redemptor hominis (4 Martii 1979), 20: AAS 71 (1979) 312.

[121] Cf. Ioannes Paulus II, Litt. Enc. Ecclesia de Eucharistia (17 Aprilis 2003), 35: AAS 95 (2003) 457.

[122] Cf. Paulus VI, Litt. Enc. Mysterium fidei (3 Septembris 1965), 2: AAS 57 (1965), 753.

[123] Cf. Catechismus Catholicæ Ecclesiæ, 1398-1401.

[124] Cf. Codex Iuris canonici, can. 844; Codex Canonum Ecclesiarum Orientalium, can. 671; Catechismus Catholicæ Ecclesiæ, 1399-1401; Ioannes Paulus II, Litt. Enc. Ecclesia de Eucharistia (17 Aprilis 2003), 45: AAS 95 (2003), 462-462.

[125] Cf. Ioannes Paulus II, Litt. Enc. Ecclesia de Eucharistia (17 Aprilis 2003), 46: AAS 95 (2003) 463.

[126] Ioannes Paulus II, Litt. Enc. Redemptoris missio (7 Decembris 1990), 61: AAS 83 (1991) 309-310.

[127] Ioannes Paulus II, Litt. Enc. Ecclesia de Eucharistia (17 Aprilis 2003), 1: AAS 95 (2003) 433.

[128] S. Thomas Aquinas, Summa Theologica, III, q. 83, a. 4 c.

[129] Benedictus XVI, Homilia in Romani Episcopi Cathedræ possessione capienda (7 Maii 2005), L'Osservatore Romano (9-10 Maii 2005), 7.

[130] Ioannes Paulus II, Litt. Ap. Mane nobiscum Domine (7 Octobris 2004) 29: L'Osservatore Romano (9 Octobris 2004), 6.

[131] Cf. Conc.Œcum. Vat. ii, Const. Dogmat. de Ecclesia Lumen gentium, 1.

[132] Cf. Ioannes Paulus II, Litt. Ap. Mane nobiscum Domine (7 Octobris 2004) 31: L'Osservatore Romano (9 Octobris 2004), 6.

 

© Copyright 2005 - Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi e Libreria Editrice Vaticana.

Questo testo può essere riprodotto dalle Conferenze Episcopali oppure con la loro autorizzazione, a condizione che il suo contenuto non sia alterato in nessun modo e che due copie del medesimo siano inviate alla Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi, 00120 Città del Vaticano.

 

     

top