Home   Basilica   San Paolo   Sito web Basilica   Orari   Calendario   Contatti
 Basilica
  Un pò di storia
  La Tomba dell'Apostolo
  L'edificio di Costantino
  Dal V al VIII Secolo
Dal IX all'XI Secolo
  L'età d'oro della Basilica
  I Giubilei
  L'incendio del luglio 1823
  L'esterno della Basilica
  Il complesso attuale 
  Il Cardinale-Arciprete
  L'Abbazia benedettina
  Le esposizioni
 
  Photogallery

 




  BASILICA

 L'INCENDIO DEL LUGLIO 1823
 

In una sola notte, la Basilica viene distrutta dalle fiamme.

Un vasto appello è lanciato da Papa Leone XII a tutti i fedeli[1]: la Basilica verrà ricostruita in modo identico, riutilizzando i pezzi risparmiati dal fuoco, in modo tale che venga preservata la tradizione cristiana delle sue origini.

Si sposta, si restaura, si demolisce, si ricostruisce[2]. Non solo rispondono in massa i Cattolici, ma giungono doni dal mondo intero, come i blocchi di malachite e di lapislazzuli donati dallo Zar Nicola I, che serviranno ai due sontuosi altari laterali del transetto, o come le colonne e le finestre di finissimo alabastro, dono del re Fouad I di Egitto, o ancora come le colonne di alabastro offerte in dono dal vice re di Egitto, Mohamed Ali. E’ il più imponente cantiere della Chiesa di Roma del XIX secolo.

Il 10 dicembre 1854, Papa Pio IX (1846-1876) consacra la “nuova” Basilica, alla presenza di un gran numero di Cardinali e di Vescovi, giunti a Roma da tutto il mondo per la proclamazione del Dogma dell’Immacolata Concezione[3].

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


1) Lettera Ad plurimas del 25 gennaio 1825
2) Gli architetti Valadier, poi Belli ed in seguito Luigi Poletti dirigono i lavori fino al 1869.
3) La lunga lista dei loro nomi è incisa lungo i muri dell’abside.

 
 

© 2007 Basilica Papale San Paolo fuori le mura